onorevoleAngelina1947

L’Onorevole Angelina – ITA 1947

Directed by: Luigi Zampa

Starring: Anna Magnani; Nando Bruno; Ave Ninchi.

Long live the Honourable Angelina!

It’s 1947, war is over and the Italian Cinema is more and more internationally appreciated thanks to the Neorealism film movement, but “L’Onorevole Angelina” (The Honourable Angelina, honourable is the title used in Italy to address the Members of Parliament) directed by Luigi Zampa and performed by Anna Magnani, one of the most iconic actresses of that period and cultural movement, ain’t exactly a neorealist film. This is a comedy made using the neorealism language even thought it criticizes the morbid and even annoying attentions that “intellectuals” paid to poor people’s conditions, showing at the beginning of the picture a group of  journalists and photographs visiting(for the umpteenth time), just like a group of tourists could visit a zoo,  Pietralata, the poor Rome district where the Aniene River regularly flooded covering the streets with water submerging poor people crumbly houses where the film is set.

Anna Magnani

Anna Magnani (Photo credit: Wikipedia)

Anyway, the story is all about humble people, especially women, and their poverty that is caused not only by the war (in fact war is not even mentioned) but above all by any sort of speculators. Angelina’s life is a continuous struggle. Her husband is a policeman, two out of her five children work, but Angelina has to divide herself between family and her sewing machine trying to raise some more money. She is always ready to fight and successfully leads riots against black market speculators and other speculators who refuse poor people entrance to a block of new apartments after the Aniene River flooded once again and water invaded their poor houses. Angelina becomes that way a sort of a local women’s hero, politics want her in their parties and even the owner of the apartments, now occupied, seems to “court” her. Unfortunately she will discover too soon that politics is complicated and she will be forced into choosing between political engagement and her family…

Just after the end of World War II Italy lived a period of great changes and rebirth. In 1946 from the rubble of the Italian Kingdom was born the Italian Republic thanks to the constitutional referendum and the election to choose the members of the Italian Constituent Assembly (its task was to write the new Italian Constitution) that finally allowed all the Italian citizens, for the first time in history women too, to freely express their opinions after two decades of fascist dictatorship that had destroyed Italian institutions and society.

The Constituent Assembly of Italy – 1946 1948 (Photo credit: Wikipedia)

One of the most interesting thing you could find in “L’Onorevole Angelina” is the fact that, while almost incredibly there is no trace of any priest or any other Catholic Church representative, here the women are those who live this new historic phase with the greatest enthusiasm. The women fight against misery and speculators, the women push Angelina into creating a new political movement, and again the women are those who want more rights (one of them repeatedly ask to legalize divorce, a thing in Italy will happen only in 1970). Women symbolize, in a sense, the future.

On the other hand men seems to be tied to the past. Angelina’s husband always complain that now he’s not a king in his house as he was in the past, because his woman had risen from the rank of servant to that of popular leader. He’s not happy about her wife’s political activities and he says he’s never been involved in politics, the same thing told by many other people trying to deny their involvement with the fascist party (who knows who were all those people enthusiastically gathering   to applaud Mussolini an other Fascist Party leaders?), but at some point Angelina rebels and talking about his political engagement shout “You made the demographic campaign at my expense”, reminding this way that during the fascist dictatorship period women were just considered machines to produce children while to be more productive also meant a better career for the head of the family (a man of course).

Even though in the end the women are those who accuse Angelina of taking advantage of her new position to improve her economic conditions, while in fact she discovers that the owner of the occupied apartments is “courting” her just to have back his properties, “L’Onorevole Angelina” seems almost a feminist movie. Almost. Because there’s non way out (after all it’s 1947), in the end Angelina has to realize that out of her control her family is going to pieces (her elder son mixes with bad companies and her  elder daughter is involved with the rich proprietor’s son, played by a very young Franco Zeffirelli) and her husband almost desert her because her success humiliate his alpha-man pride. There’s nothing to do, Angelina has to leave politics and her dream to become one day an “Honourable” (an MP) to remain a queen at home.

“L’Onorevole Angelina” was called by some critics a film that suffered of political apathy, but was in fact a huge success and Anna Magnani won the Volpi Cup as best leading actress at 1947 Venice International Film Festival for her performance.

If you want, and if you are not afraid to spend some time watching a film in Italian with no subtitles (Anna Magnani’s performances are always worth seeing even if you don’t understand a single word) you can try this link:

http://www.youtube.com/watch?v=VaHY-xJR1K8

Good luck!

A few free-associated movies you could like (click the titles you’ll watch a trailer or a clip):

Meet John Doe – USA 1941 Directed by: Frank Capra. Starring: Gary Cooper, Barbara Stanwick; Edward Arnold; Walter Brennan.

Rome, Open City – ITA 1945 Directed by: Roberto Rossellini. Starring: Anna Magnani; Aldo Fabrizi; Marcello Pagliero.

It’s a wonderful life – USA 1946 Directed by: Frank Capra. Starring: James Stewart; Donna Reed; Thomas Mitchell; Lionel Barrymore; Henry Travers.

The Gold of Naples – ITA 1954 Directed by: Vittorrio De Sica. Starring: Silvana Mangano; Sophia Loren; Paolo Stoppa; Eduardo De Filippo; Totò; Vittorio De Sica.

The Traffic Poiliceman – ITA 1960 Directed by: Luigi Zampa. Starring: Alberto Sordi; Vittorio De Sica; Marisa Merlini.

We all loved each other so much – ITA 1974 Directed by: Ettore Scola. Starring: Nino Manfredi; Vittorio Gassman; Stefani aSandrelli; Stefano Satta Flores; Aldo Fabrizi; Giovanna Ralli.

pellicola2

W l’Onorevole Angelina!

Luigi Zampa

Luigi Zampa (Photo credit: Wikipedia)

Siamo nel 1947, la guerra è finita e il Cinema Italiano sta diventando sempre più popolare internazionalmente grazie al movimento Neorealista, ma “L’Onorevole Angelina”, diretto da Luigi Zampa ed interpretato da Anna Magnani, una delle attrici più iconiche di quel periodo e di quel movimento culturale, non è precisamente un film neorealista. Questa è piuttosto una commedia che usa il linguaggio del neorealismo pur criticando, in una delle prime scene, il morboso e talvolta molesto interesse degli intellettuali nei confronti della miseria in cui vivono le classi più povere mostrando un gruppo di giornalisti e fotografi che, comportandosi come turisti in visita allo zoo, visitano (per l’ennesima volta) Pietralata, il quartiere povero di Roma dove le strade sono spesso invase dalle acque dell’Aniene e la gente vive in case fatiscenti in cui il film è ambientato.

Comunque al centro della storia ci sono il “popolo”, soprattutto le donne del popolo, e la miseria in cui vive, che non è un prodotto della guerra (a cui non si fa praticamente accenno) ma che è frutto soprattutto della voracità di grandi e piccoli speculatori.

La vita di Angelina (Anna Magnani) è una continua battaglia. Il marito è poliziotto, due dei suoi cinque figli lavorano ma è costretta ugualmente a dividersi tra la famiglia e la macchina da cucire perché i soldi non bastano mai. Angelina, sempre pronta  a lottare, guida con successo una rivolta popolare contro gli speculatori della borsa nera prima e contro gli speculatori edilizi poi, favorendo l’occupazione di alcune case in costruzione dopo che l’intero quartiere è stato trasformato in un lago dall’ennesima esondazione dell’Aniene. Da quel momento diventa la paladina di tutte le donne della borgata, i partiti politici se la contendono e persino il ricco costruttore proprietario delle case occupate la “corteggia”. Purtroppo scoprirà troppo presto che la politica è una cosa complicata e sarà costretta a fare una scelta tra l’impegno e la sua famiglia…

Una ragazza festeggia la nascita della repubblica mostrando una copia del Corriere della Sera con la notizia dei risultati. (Phot credit: Wikipedia

Quello dell’immediato  dopoguerra è stato un periodo di grandi cambiamenti e di rinascita per l’Italia. Nel 1946 dalle macerie del Regno d’Italia era nata la Repubblica Italiana con il referendum istituzionale e con l’elezione dei membri dell’Assemblea Costituente che avevano finalmente permesso ai cittadini italiani, per la prima volta tutti comprese le donne, di tornare ad esprimere liberamente la loro volontà dopo il ventennio di dittatura fascista che aveva distrutto le istituzioni e la società.

Una delle cose più interessanti di “L’Onorevole Angelina”  è il fatto che, mentre singolarmente non c’è traccia alcuna di rappresentanti dell’onnipresente chiesa cattolica, qui sono soprattutto le donne a vivere con grande entusiasmo questa nuova fase della vita del paese.  Sono le donne a lottare contro la fame e gli speculatori, sono le donne a spingere la popolana Angelina a fondare un suo movimento politico, sono sempre le donne ad aver fame di maggiori diritti (una di loro chiede insistentemente una legge per legalizzare il divorzio, cosa che accadrà realmente solo nel 1970). Le donne rappresentano, in un certo senso, il futuro.

Gli uomini invece sembrano ancora legati al passato. Il marito di Angelina si lamenta di non sentirsi più un re nella sua casa perché la sua donna si è elevata dal ruolo di serva a quello di capopopolo. Il maschio di casa non vorrebbe che la moglie si impegnasse in politica perché lui dice di non averlo mai fatto come tanti altri che all’epoca fingevano di non aver mai avuto nulla a che fare con il partito fascista (chissà chi riempiva le piazze slanciando con entusiasmo il braccio verso il cielo?), ma a un certo punto Angelina si ribella e gli ricorda che la politica l’ha fatta eccome e gli grida in faccia “Facevi la campagna demografica a mie spese”, ricordando così con una sola frase di come le donne fossero considerate dalla dittatura fascista solo delle “fattrici” e di come più “figli alla patria” venissero premiati anche con gli scatti di carriera dei capifamiglia.

Anche se le stesse donne (purtroppo pare vada sempre a finire così) alla fine mettono in dubbio la buona fede di Angelina accusata di voler trarre profitto dalla sua popolarità proprio mentre lei invece si rende conto che il costruttore cerca di raggirala per rientrare in pieno possesso delle sue proprietà, fino a un certo punto “L’Onorevole Angelina” sembra quasi un film femminista. Fino a un certo punto però. Perché non si scappa (dopo tutto siamo solo nel 1947), alla fine Angelina deve fare i conti con la famiglia che sembra sfasciarsi senza il suo ferreo controllo (il figlio maggiore è implicato in affari loschi, la figlia intreccia una relazione con il figlio del costruttore, interpretato da un giovanissimo Franco Zeffirelli) e soprattutto con il marito che quasi la lascia umiliato dal suo successo. Non può far altro che lasciare ad altri la politica, quella vera, abbandonando per sempre il sogno di diventare onorevole per continuare ad essere la regina della sua casa.

“L’Onorevole Angelina”, se pur tacciato di qualunquismo da una parte della critica, ebbe grande successo di pubblico e fruttò ad Anna Magnani la Coppa Volpi come migliore attrice alla Mostra del Cinema di Venezia del 1947.

Oggi è sicuramente un film da rivedere. Se non l’avete mai fatto non disperate, questo è il link per vederlo direttamente in rete:

http://www.youtube.com/watch?v=VaHY-xJR1K8

Buona visione!

 Alcuni film liberamente associati che potrebbero piacervi (con un click sui titoli potrete vedere il trailer o una scena):

Arriva John Doe – USA 1941 Diretto da: Frank Capra. Con: Gary Cooper, Barbara Stanwick; Edward Arnold; Walter Brennan.

Roma, città aperta – ITA 1945 Diretto da:  Roberto Rossellini. Con: Anna Magnani; Aldo Fabrizi; Marcello Pagliero.

La vita è meravigliosa – USA 1946 Diretto da:  Frank Capra. Con: James Stewart; Donna Reed; Thomas Mitchell; Lionel Barrymore; Henry Travers.

L’Oro di Napoli – ITA 1954 Diretto da:  Vittorrio De Sica. Con: Silvana Mangano; Sophia Loren; Paolo Stoppa; Eduardo De Filippo; Totò; Vittorio De Sica.

Il vigile – ITA 1960 Diretto da:  Luigi Zampa. Con: Alberto Sordi; Vittorio De Sica; Marisa Merlini.

C’eravamo tanto amati – ITA 1974 Diretto da: Ettore Scola. Con: Nino Manfredi; Vittorio Gassman; Stefani aSandrelli; Stefano Satta Flores; Aldo Fabrizi; Giovanna Ralli.

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

5 responses »

  1. Reblogged this on Ice Mountain Pictures and commented:
    Weekend Movie! Love It! Thnx So Much For Sharing! XO LisaK

  2. I really enjoyed your post about L’Onorevolve Angelina. I found it fascinating about Italy’s government’s emergence from the after effects of World War II, and will try to watch from the clip you posted, even though I don’t speak Italian. I have seen Rome, Open City on America’s classic movie television channel, Turner Classic Movies, and found it quite moving.

    • Ella V says:

      I was so glad to read this! Hope you’ll enjoy it though it’s very different from Rome, Open city. This is (almost) a comedy.

  3. Bellissimo, uno dei miei preferiti!

  4. Wow first time visitor what a great looking blog… I must confess I have yet to see this film but I still wanted to stop by and say hi.

    When you get a chance swing by our humble film blog and let me know what you think.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s