Miss Dove 1955

Good Morning, Miss Dove (Buongiorno, Miss Dove) – USA 1955

Directed by: Henry Koster.

Starring: Jennifer Jomes; Robert Stack; Chuck Connors; Peggy Knudsen.

Meet the terrible Miss Dove…

Surely the protagonist of Good Morning Miss Dove, the 1955 movie (in DeLux Color and CinemaScope!!) directed by Henry Koster and starring Jennifer Jones I’m going to tell you about this week, couldn’t be considered an eligible candidate for the Global Teacher Prize, that sort of Nobel Prize for teachers promoted by Varkey Foundation and recently assigned to the American educator Nancie Atwell form Edgecombe, Maine.

good_morning_miss_doveThe “terrible” Miss Dove, as everybody calls her, is in fact a stiff primary school geography teacher using a prehistoric teaching method based on rote learning, who started working not for passion but for necessity and apparently her only significant contribution to society is that on her invariable habits and movements the entire Liberty Hill, the small town where she lives, can synchronize its watches. Anyway looking more carefully it’s possible to discover that this inflexible creature has been able to influence the lives of generations of her fellow citizens, but to understand how this could be possible it will take you at least 107 minutes, the entire length of this movie that using a series of flashbacks shows us the life of the teacher who, suddenly fell ill and ended to the hospital where a tumour will be found (don’t worry she will be saved), remembers her apparently monotonous life.

Miss Dove, who is now just 55 as we will learn in the end (though she is depicted like a sort of old relic), was once a young pretty girl dreaming about her future marriage when the unexpected and sudden death of her father, a banker and a spendthrift, leaving her alone, penniless and in debt to the bank obliged her to find a position as a teacher at the local primary school. Since then teaching has become her life itself. Not that Miss Dove used a very intriguing and innovative method (remember rote learning…), but treating every pupil the same way, making no distinction between rich and poor in her classroom and encouraging everybody to do their best she really changed some way or another their lives (the boy living in a slum with his drunkard granny who’s become a policeman or the Jewish immigrate who didn’t speak a word of English and has become a playwright…). The entire community chose her as the epitome of gentility and wisdom and this way she influence many adults’ lives too (the girl who tried her luck in the big city and once back home tail between her legs marries the doctor, the other girl, the nurse, who also came back but with a child and pretending to be a widow who, ditched by the policeman who made her many promises – cause she confessed the truth – has him back after Miss Dove has a good word for her, not to mention when she practically saved the bank…).

jenjones

Jennifer Jones

Obviously we are talking about a fictitious character, living in a fictitious average and over-idyllic American small town. The rigid Miss Dove, created by the American novelist Frances Gray Patton, first appeared in 1947 in a short story titled The Terrible Miss Dove and published on the Ladies’ Home Journal (one of the most popular American women’s magazine through the whole twentieth century). A second and then a third story (Miss Dove and Judgement Day and Miss Dove and the Maternal Instinct) were also published on the same magazine in 1952 and 1954; in the same year was finally published the full-length novel titled Good Morning, Miss Dov, whose film rights were buy by Darryl Zanuck for Twentieth Century Fox even before the book could actually reach any bookshop shelf.

This character success was due to a combination of different causes. Miss Dove was the embodiment of her times ideal though she was not the typical housewife/mother promoted in the post war re-domestication era as the model to which every woman should aspire. Undoubtedly she was a working woman, but to be a teacher – like to be a nurse, the only other profession made by a woman in the entire picture – didn’t collide with what was considered the real “feminine vocation”, to take care of other people, and was also depicted as a sort of surrogate for maternity ( in the end in fact everybody appreciate more Miss Dove’s humanity than professional skills); what’s more it was absolutely clear that never, ever in her life Miss Dove was temped into committing the mortal sin (for a woman, of course) to pursue a career (and in fact year after year she didn’t progress but simply repeated the same lessons, in the same way…), she simply had no choice and this required a biiig personal sacrifice (poor thing, she was a spinster, but “in her defence” – seeing that to be unmarried was the worst of disgraces – is made clear that she had at least one occasion and a half to “fulfil her femininity”).

It’s also important not to forget that in mid 1950’s, while other movies were showing schools and reckless American teenagers in a very alarming (and quite realistic) light (just think about Rebel Without a Cause or Blackboard Jungle), the inflexible Miss Dove who was able in her clean small town to maintain an old-time rigid discipline (a child was so brilliantly tamed to spontaneously wash his mouth with soap) was a quite reassuring character and her story with the entire small town by her side in the most difficult moment of her life reminded to Frank Capra’s movies.

When Good Morning, Miss Dove was first released, the critics called it “unashamedly sentimental”. They were right, if you want to watch it again be ready with a pack of tissues.

Next time … I promise … a comedy.

A few free-associated movies you coul also like (click on the title to watch a clip or the trailer):

Goodbye, Mr Chips – USA 1939 Directed by: Sam Wood. Starring: Robert Donat; Greer Garson; Paul Henreid.

Blackboard Jungle – USA 1955 Directed by: Richard Brooks. Starring: Glenn Ford; Sidney Poitier; Anne Francis.

The Prime of Miss Jean Brodie – UK 1969 Directed by: Ronald Neame. Starring: Maggie Smith; Gordon Jackson; Pamela Franklin.

Dead Poets Society – USA 1989 Directed by: Peter Weir. Starring: roin Williams; Ethan Hawk; Robert Sean Leonard.

Mona Lisa Smile – USA 2003 Directed by: Mike Newell. Starring: Julia Roberts; Kirsten Dunst; Julia Stiles; Maggie Gyllenhaal; Marcia Gay Harden.

pellicola2

Ecco a voi la terribile Miss Dove…

Sicuramente la protagonista di Buongiorno, Miss Dove, il film del 1955 (in DeLux Color e CinemaScope!!) diretto da Henry Koster e interpretato da Jennifer Jones di cui vi parlerò questa settimana, non potrebbe aspirare ad una candidatura al Global Teacher Prize, quella sorta di Nobel per insegnanti promosso dalla Varkey Foundation e recentemente assegnato all’educatrice Americana Nancie Atwell di Edgecombe nel Maine.

miss dove

Jennifer Jones è Miss Dove

La “terribile” Miss Dove, come la chiamano tutti, è infatti una rigida insegnante elementare di geografia il cui metodo d’insegnamento preistorico è basato sullo studio a pappagallo, è stata sospinta verso il mondo del lavoro più che dalla passione per l’insegnamento (che quella per la geografia invece è reale) dalla pura necessità, e a un primo esame superficiale sembra che il suo maggior contributo alla società sia il fatto di esser talmente abitudinaria che l’intero paesino di Liberty Hill può tranquillamente sincronizzare gli orologi seguendo il ritmo dei suoi invariabili movimenti. Questa inamidata creatura invece è stata capace di influenzare la vita di generazioni dei suoi concittadini, ma per capire come sia stato possibile vi ci vorranno almeno 107 minuti, l’intera durata del film che con una serie di flashback ci porta avanti e indietro nella vita dell’insegnante che, improvvisamente colpita da un malessere che la costringe al ricovero e che si rivelerà la spia di un tumore (niente paura la salveranno), si trova a ripercorrere gli eventi della sua apparentemente immutabile esistenza.

Miss Dove, che come apprenderete quasi alla fine del film ha solo 55 anni (ma che viene rappresentata come una vecchia a fine vita), era una bella ragazza che aspirava al matrimonio quando l’improvvisa morte del padre, un banchiere dalle mani bucate, l’aveva lasciata piena di debiti e costretta a trovar lavoro come insegnante di geografia. Da quel momento in poi la sua vita era stata interamente dedicata all’insegnamento. Miss Dove non brillava certo per un metodo d’insegnamento particolarmente frizzante e innovativo, ma trattando tutti i suoi alunni allo stesso modo, rifiutandosi di far distinzioni di ceto nella sua aula e incoraggiando tutti a dare il meglio di se era persino riuscita a cambiare il corso di alcune vite (il bambino che viveva nelle baracche con la nonna ubriacona diventato poliziotto, il figlio di immigrati ebrei che non parlava una parola d’inglese diventato drammaturgo..,) e l’intera comunità l’aveva eletta a simbolo di grande gentilezza (fredda gentilezza…) e di saggezza tanto che la sua opinione riusciva ad influenzare anche parecchi adulti (la ragazza che tentata dalla grande città torna al paesino e si sposa col dottore, o l’altra ugualmente tentata – l’infermiera – e tornata con un bambino e il finto titolo di vedova che mollata dal poliziotto che l’aveva corteggiata – causa incauta rivelazione della verità – lo riconquista grazie all’opinione favorevole della stimata Miss, senza contare quella volta che la cara signorina salvò la banca…).

Frances Gray Patton

Frances Gray Patton

Ovviamente stiamo parlando di un personaggio immaginario che vive in un fittizio e super-idilliaco paesino americano immaginario. L’inflessibile Miss Dove, frutto della fantasia della scrittrice americana Frances Gray Patton, comparve infatti per la prima volta nel 1947 in un racconto intitolato The terrible Miss Dove e pubblicato sul Ladies’ Home Journal (mensile “femminile” tra i più popolari negli Stati Uniti nel corso dell’intero ventesimo secolo). Sulla stessa rivista furono pubblicati un secondo episodio nel 1952 (Miss Dove and Judgement Day) e un terzo nel 1954 (Miss Dove and the Maternal Instinct), prima che nello stesso anno venisse finalmente pubblicato il romanzo completo Good Morning, Miss Dove i cui diritti cinematografici erano stati acquistati da Darryl Zanuck per la Twentieth Century Fox prima ancora che i volumi potessero raggiungere gli scaffali delle librerie.

Il successo di un simile personaggio era dovuto ad una combinazione di diversi fattori. Miss Dove era una perfetta espressione dello spirito dell’epoca pur non essendo la tipica casalinga/madre nella quale negli anni del ri-addomesticamento postbellico si cercava di far identificare ogni donna.

Certo lavorava, ma il suo lavoro di maestra – come del resto quello di infermiera, unico altro lavoro che nella pellicola sia svolto da una donna – non negava quella che era considerata la femminile “vocazione” alla cura degli altri ed era dipinto come una specie di surrogato della maternità tanto incoraggiata in quegli anni (infatti come già detto di Miss Dove alla fine risaltano più le qualità umane che quelle professionali); inoltre era ben chiaro che lei non aveva certo mai commesso il peccato mortale (per una donna ovviamente) di inseguire una carriera (a dire il vero non ne aveva proprio fatta visto che anno dopo anno nella stessa aula ripeteva le stesse lezioni, nello stesso identico modo…), non aveva avuto altra scelta e questo aveva comportato un immeeeensoooo sacrificio personale (ahilei rimaner zitella, anche se a sua “discolpa” – che non essere sposata era la peggiore delle disgrazie – ci vien fatto notare che di occasioni per “coronare la sua femminilità” ne aveva avute almeno una e mezza).

Non bisogna poi dimenticare che mentre in quegli stessi anni altri film dedicati alle scuole e agli irrequieti adolescenti americani che le frequentavano rappresentavano realtà decisamente più inquietanti (basti pensare a Gioventù bruciata o a Il seme della violenza), l’inflessibile Miss Dove che nella sua scuola elementare sepolta in un idilliaca provincia somministrava dosi di ferrea disciplina d’altri tempi (con bimbi così ben “addestrati” che da soli andavano persino a lavarsi la bocca col sapone se era il caso) era una figura rassicurante e la sua parabola umana con l’intero paese che le si stringeva intorno nel momento del bisogno ricordava terribilmente i film di Frank Capra.

Come fece notare la critica dell’epoca Buongiorno, Miss Dove è un film sfacciatamente sentimentale, quindi se avete intenzione di rivederlo vi avverto, fate scorta di fazzolettini.

La prossima volta… ve lo prometto… una bella commedia.

Alcuni film liberamente associati che potrebbero piacervi (cliccate sul titolo per vedere una scena o il trailer):

Addio, Mr Chips – USA 1939 Diretto da: Sam Wood. Con: Robert Donat; Greer Garson; Paul Henreid.

Il seme della violenza – USA 1955 Diretto da: Richard Brooks. Con: Glenn Ford; Sidney Poitier; Anne Francis.

La strana voglia di Jean – UK 1969 Diretto da: Ronald Neame. Con: Maggie Smith; Gordon Jackson; Pamela Franklin.

L’attimo fuggente – USA 1989 Diretto da: Peter Weir. Con: Robin Williams; Ethan Hawk; Robert Sean Leonard.

Mona Lisa Smile – USA 2003Diretto da : Mike Newell. Con: Julia Roberts; Kirsten Dunst; Julia Stiles; Maggie Gyllenhaal; Marcia Gay Harden.

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

One response »

  1. azmihoffmann says:

    Uhhh thanks for your post. I will totally add your movie list to mine 😍😍😍

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s