Spellbound 1945

Spellbound (Io ti salverò) – USA 1945

Directed by: Alfred Hitchcock.

Starring: Ingrid Bergman; Gregory Peck; Leo G. Carroll.

Even to a woman in love such a situation must seem a little unreasonable.

The Green Manor Mental Hospital has a new director: Dr Anthony Edwardes. The eminent psychologist specialized in guilt complex is so dark, so tall and, above all, so handsome that even the apparently cold-hearted Dr Constance Peterson, the only female psychologist there, can’t help falling in love at first sight. The trouble is that almost immediately she also understand that there’s something wrong with the newcomer who soon confesses her to be an impostor suffering from amnesia and almost certainly Dr Edwardes’ (the real Dr Edwardes) assassin. During the night he disappears leaving a note for Constance saying he’s going to New York. When in the morning the police arrives at Green Manors, Constance pretends to know nothing, but then she goes to New York determined to save him…

Spellbound – 1945 (Photo credit: Wikipedia)

SPOILER ALERT: If you’ve never watched this movies before, this is your last chance to go and fetch a copy, otherwise you’ll read this article at your own risk…

“Just another manhunt story wrapped up in pseudo-psychoanalysis” that’s how Hitchcock called his 1945 thriller Spellbound, the first of his three collaborations with Ingrid Bergman also starring a young Gregory Peck, a classic Hitchcockian movie, a love story disguised behind the “manhunt” story with an innocent man accused (though this time he thinks to be guilty) and ordinary people facing an unusually dangerous situation.

The idea for a psychoanalysis-related film first came to producer David O. Selznick, who had been “on the couch” in early 40’s after winning two Oscar in a row with Gone with the Wind and Rebecca. Hitchcock, who was under contract with Selznick since 1939 (but didn’t get on well with the producer who in fact had already happily loaned him to other Studios different times) proposed to make something out of a book he owned the screen rights titled The House of Dr. Edwardes, a 1927 psychological thriller written by Francis Beeding (joint pseudonym for two British autors, John Palmer and Hilary A. Saunders). Selznick’s psychiatrist became the technical advisor and Ben Hecht, always on the producer’s advise, was hired to write a very unfaithful adaptation whose various drafts had to deal with censorship requests (there was a list of forbidden words, for instance “sex menace”, “libido”, “frustrations” and “tomcat”). The already famous Swedish star Ingrid Bergman was chosen as the young doctor in love. To play the charming maniac the first choice was Joseph Cotten but the actor, who had already worked with Hitchcock playing the disturbing Uncle Charlie in Shadow of a Doubt, was unfortunately on another assignment so Selznick chose to cast instead one of his young contract actor, Gregory Peck.

Ingrid Bergman (Photo credit: Wikipedia)

To film the handsome amnesiac’s dream whose interpretation will help Constance to solve part of the mystery around the real Dr Edwardes’ death (but to find the assassin she’ll need both her feminine and professional intuition and a traditional nice confession) Hitchcock, who wanted to avoid the traditional fog cliché, proposed and obtained Salvador Dalì. Alas, many of Dalì’s ideas had to be put aside because to complicated and probably also too expensive (Selznick was putting lots of money on Since you went away, the home-front drama with Claudette Colbert and Jennifer Jones, so Hitchcock had to cut his budget), the scene, against Hitchcock’s wishes, had to shot in interiors and after the previews Selznick reduced its lenght from almost twenty minutes to only about two minutes. The documentary sequence that originally opened the film also ended on the cutting room floor. Then when it came the time to choose the title Selznick imposed Spellbound though Hitchcock would have preferred The House of Dr Edwardes or even Hidden Impulse.

Now it’s probably clear the reason why the Master of Suspense, who usually (and unusually for his times) succeeded in being in control with his films, was so little attached to this one to (almost) share Truffaut’s judgement when he called the film a deception and to admit that everything was too complicated and the ending quite confused. You can listen to Truffaut and Hitchcock discussing Spellbound clicking on the following link:

https://soundcloud.com/franceinter/hitchcock-truffaut-la-maison

David O. Selznick (Photo credit: Wikipedia)

Seeing that I have no intention to contradict the Master (why should I?), I only want to add that in my opinion despite suggestive and even quite original scenes (for instance the ending with the big hand and gun – if you’ve seen it you know what I’m talking about, if not you should watch the film yourself) on the silver screen the chemistry between Ingrid Bergman and Gregory Peck ain’t that evident as it should be (strange cause in real life it seems that they had an affair while filming) and that’s a problem because in the end instead of the delirious dreamlike film that cold be Spellbound is essentially the story of a love at first sight between a young woman psychiatrist and a probably mad impostor while all the fuss around the murder, the getaway and the investigation via psychoanalysis to find the real murderer are just a McGuffin and the real mystery remains unsolved: OK, the amnesiac is young and handsome… all right, women often suffer from the “nurse Syndrome” (I mean they need a man to “save”)… but why an intelligent, smart and beautiful woman within a few days time (in this case apparently a few hours) should be ready to leave her friends, work, everything, and risk her own life to follow a complete unknown, an amnesiac with no name showing clear signs of mental illness and convinced to be a murderer? Well this could have been the perfect subject for a serious psychoanalytic investigation.

A few psychoanalysis-related movies you could also like (click on the title to watcha clip or the trailer):

Private Worlds – USA 1935 Directed by: Gregory La Cava. Starring: Claudette Colbert; Charles Boyer; Joel McCrea; Joan Bennett.

The Dark Mirror – USA 1946 Directed by: Robert Siodmak. Starring: Olivia De Havilland; Olivia De Havilland; Lew Ayres; Thomas Mitchell.

Dressed to Kill – USA 1980 Directed by: Brian De Palma. Starring: Michael Caine; Angie Dickinson; Nancy Allen.

Zelig – USA 1983 Directed by: Woody Allen. Starring: Woody Allen; Mia Farrow.

Final Analysis – USA 1992 Directed by: Phil Joanou. Starring: Richard Gere; Kim Basinger; Uma Thurman; Eric Roberts.

A Dangerous Method – GER/CAN/UK 2011 Directed by: David Cronenberg. Starring: Keira Knightley; Michael Fassbender; Viggo Mortensen; Vincent Cassell.

Side Effects – USA 2013 Directed by: Steven Soberberg. Starring: Jude Law; Rooney Mara; Catherine Zeta-Jones; Channing Tatum.

pellicola2

Persino ad una donna innamorata una situazione del genere deve sembrare alquanto irragionevole.

Il Green Manor Hospital ha un nuovo direttore: il dottor Anthony Edwardes. L’eminente psicologo specializzato in complesso di colpa è così bruno, così alto e soprattutto così bello che persino l’apparentemente fredda Dottoressa Constace Peterson, la sola donna psicologa della struttura, non può fare a meno di innamorarsi di lui su due piedi. Il guaio è che lei capisce quasi subito che c’è qualcosa che non va nel nuovo arrivato che infatti finisce col confessarle di essere un impostore smemorato e di aver quasi certamente ucciso il vero Dottor Edwardes per prenderne il posto. Nottetempo il falso psichiatra se ne va lasciando però a Constance un biglietto per informarla di essere andato a New York. Quando la polizia arriva nella clinica per cercarlo la donna finge di non saperne nulla, ma subito dopo parte per New York decisa a salvarlo…

Gregory Peck e Ingrid Bergman in una scena del film (Photo Credit: Wikipedia)

ATTENZIONE SPOILER: Se non avete mai visto questo film, questa è la vostra ultima occasione per procurarvene una copia, altrimenti proseguite pure la lettura a vostro rischio e pericolo…

“Si tratta ancora una volta di una storia di caccia all’uomo, presentata qui in un involucro di pseudo-psicoanalisi”, così Alfred Hitchcock liquidava il suo film del 1945 intitolato Io ti Salverò (Spellbound), prima di tre collaborazioni con Ingrid Bergman che ha come interprete maschile un giovane Gregory Peck, un classico film Hitchockiano, una storia d’amore celata dietro alla caccia all’uomo con un innocente ingiustamente accusato (con la variante che qui lui stesso si crede colpevole) e gente comune coinvolta in situazioni inusualmente pericolose.

Ben Hecht (Photo credit: Wikipedia)

L’idea di un film ispirato alla psicoanalisi era venuta al produttore David O. Selznick che era finito sul lettino dell’analista nei primi anni ’40 dopo aver vinto due Oscar di fila con Via col vento e Rebecca. Hitchcock, sotto contratto con Selznick dal 1939 (anche se il produttore col quale non andava d’accordo l’aveva già felicemente “ceduto” diverse volte ad altri Studios), propose di trarre un film da un libro del quale già possedeva i diritti cinematografici e che si intitolava The House of Dr. Edwardes , un thriller psicologico del 1927 scritto da Francis Beeding (pseudonimo congiunto di due autori inglesi, John Palmer e Hilary A. Saunders). La psichiatra di Selznick diventò la consulente tecnica della produzione mentre a Ben Hecht, su suggerimento dello stesso produttore, fu affidato l’adattamento assai infedele del romanzo le cui varie stesure finirono sotto la lente d’ingrandimento della censura (c’era a quanto pare anche una lista di parole ed espressioni proibite come ad esempio “minaccia sessuale”, “libido”, “frustrazione” o “mandrillo”). Per il ruolo della dottoressa innamorata si scelse l’ormai lanciatissima stella Svedese Ingrid Bergman, per quello dello smemorato si pensò a Joseph Cotten ma visto che l’attore che era già stato per Hitchcock l’inquietante zio Charlie di L’ombra del dubbio era impegnato su un altro set, Selznick impose un giovane attore della sua scuderia, Gregory Peck.

Salvador Dalì nel 1939 (Photo credit: Wikipedia)

Per le sequenze del sogno del bel smemorato la cui interpretazione psicanalitica aiuterà Constance a risolvere parte del mistero sulla morte del vero Dr Edwardes (per trovare il colpevole però ci vorrà tutto il suo intuito femminile e professionale e una bella, classica confessione) Hitchcock, volendo evitare il cliché della nebbia che confonde i contorni delle immagini, propose ed ottenne la collaborazione di Salvador Dalì. Molte delle idee dell’artista furono però scartate perché di difficile realizzazione ma anche, pare, per ragioni economiche (Selznick che stava spendendo molto nella realizzazione di Da quando te ne andasti con Claudette Colbert e Jennifer Jones, cercò di fare economia sul film di Hitchcock), Hitchcock dovette rinunciare alle riprese in esterni e dopo le anteprime la sequenza che inizialmente durava circa 20 minuti fu tagliata da Selznick e ridotta ad un paio di minuti soltanto. Sul pavimento della sala montaggio finì anche la sequenza documentaria che avrebbe dovuto aprire il film. Infine anche il titolo, quello originale Spellbound (“sotto incantesimo” si potrebbe tradurre), fu scelto da Selznick che lo preferì a The House of Dr Edwardes o Hidden Impulse suggeriti invece da Hitchcock.

Si può quindi capire perché il maestro del brivido, che di solito riusciva (inusualmente per l’epoca) ad esercitare un certo controllo sui suoi film non sembrasse particolarmente legato a questa pellicola, tanto da (quasi) condividere il giudizio di Truffaut che definì il film una delusione e da ammettere che il meccanismo del thriller è troppo complicato e che le spiegazioni finali sono troppo confuse. Potete sentire Hitchcock e Truffaut parlare di Io ti Salverò cliccando il seguente link (l’audio è in inglese e francese):  https://soundcloud.com/franceinter/hitchcock-truffaut-la-maison

Alfred Hitchcock (Photo credit: Wikipedia)

Visto che non mi permetterei mai di contraddire il maestro (del resto chi sono io per farlo), posso solo aggiungere che a mio giudizio il fatto è che nonostante alcune trovate comunque piuttosto originali (ad esempio il finale con manona e pistola in primo piano – se avete visto il film sapete di cosa sto parlando, se no dovete proprio vederlo con i vostri occhi) purtroppo sullo schermo la coppia Bergman-Peck non funziona bene come dovrebbe (nella vita reale le cose dovevano andare decisamente meglio visto che a quanto pare i due ebbero una relazione durante la lavorazione) e questo è un problema visto che del delirio onirico che il film avrebbe potuto essere alla fine in Io ti salverò resta sopratutto la storia di un amore a prima vista tra una psichiatra e un impostore forse pazzo. Tutte le storie intorno al delitto, la fuga dalla polizia e la ricerca del colpevole con tecnica di indagine psicoanalitica sono il McGuffin e il vero mistero rimane però irrisolto: OK, lo smemorato è di bell’aspetto (merce rara in quell’ospedale)… va bene, le donne tendono a soffrire della sindrome della crocerossina… ma perché una donna in gamba, intelligente e bella è disposta nel giro di pochi giorni (a dire il vero qui sembra nel giro di poche ore) a mollare tutto quello che ha, amici, lavoro, tutto, mettendo in pericolo la sua vita per seguire uno sconosciuto, smemorato e senza nome con evidenti problemi mentali e convinto di avere ucciso un uomo? Questo si che sarebbe stato pane per i denti di frotte di psico-investigatori.

Alcuni film correlati alla psicoanalisi che potrebbero piacervi (cliccate sul titolo per vedere una scena o il trailer):

Mondi Privati – USA 1935 Diretto da: Gregory La Cava. Con: Claudette Colbert; Charles Boyer; Joel McCrea; Joan Bennett.

Lo specchio scuro – USA 1946 Diretto da: Robert Siodmak. Con: Olivia De Havilland; Olivia De Havilland; Lew Ayres; Thomas Mitchell.

Vestito per uccidere – USA 1980 Diretto da: Brian De Palma. Con: Michael Caine; Angie Dickinson; Nancy Allen.

Zelig – USA 1983 Diretto da: Woody Allen. Con: Woody Allen; Mia Farrow.

Analisi finale – USA 1992 Diretto da: Phil Joanou. Con: Richard Gere; Kim Basinger; Uma Thurman; Eric Roberts.

A Dangerous Method – GER/CAN/UK 2011 Diretto da: David Cronenberg. Con: Keira Knightley; Michael Fassbender; Viggo Mortensen; Vincent Cassell.

Effetti Collaterali – USA 2013 Diretto da: Steven Soberberg. Con: Jude Law; Rooney Mara; Catherine Zeta-Jones; Channing Tatum.

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s