The good fairy 1935

The Good Fairy (Le vie della fortuna) – USA 1935

Directed by: William Wyler.

Starring: Margaret Sullavan; Herbert Marshall; Frank Morgan; Reginald Owen.

Eenie meenie minie… mo!

If you believe in fairy tales and if you’ve always dreamt to have the power to change other people’s life with a wave of your magic wand, you will surely love the 1935 delightful screwball comedy directed by Wiliam Wyler and starring Margaret Sullavan, Herbert Marshall, Frank Morgan and Reginald Owen I’m going to tell you about this week. It’s titled The Good Fairy and talks about a young ingénue who, after leaving the orphanage where she has been brought up to become an usherette in the largest cinema theatre in Budapest, has finally and unexpectedly the occasion to fulfil her greatest aspiration: to help others and become a sort of Good Fairy a philosophy that, believe or not, is contagious. I know, this sounds a bit Capra-esque, but I grant you the tissues are not required and the way this very noble deed is turned into reality is really amusing.

The Good Fairy – 1935 (Photo credit: Wikipedia)

The Good Fairy is based on a 1930 play written by the famous Hungarian-born novelist and dramatist Ferenc Molnar (author among the others of The Paul Street Boys) and titled A jó tündér (The Good Fairy) that, translated by Jane Hinton, became a Broadway hit starring Helen Hays in 1931 and was later adapted into a script for the silver screenby playwright and future director Preston Sturges who tailor-made the protagonist role on Margaret Sullavan, then raising film star at Universal, the studio producing the movie.

In the movie version of The Good Fairy she is Luisa Ginglebusher, a very naive orphan who still wears plait and believes in fairy tales when is hired by the owner of the largest Budapest cinema theatre as an usherette (and a very stylish one) and whose experience about the “facts of life” consists in a few words, accompanied by the recommendation to always do good deeds for others, told her by Dr Schultz (Beulah Bondi), the woman who runs the orphan’s asylum, just before her “release”. The first time Luisa, going back home from

Margaret Sukkavan in 1940 (Photo credit: Wikipedia)

work, has to face the unwanted attentions of a street molester she invents a husband and “cast” on the spot for that role a man she met before in the cinema. Fortunately that man is Detlaff (Reginald Owen) a waiter in a Grand Hotel who understand the situation, decides to take her under his wing and thinking she deserves a better life invites her to an exclusive party that will take place in his Hotel the next evening.Magically dressed in a nice evening gown (I know, she’s just an usherette, how could she afford it? Don’t ask, this is a movie..) Luisa meets at the party Konrad (Frank Morgan), a middle aged aspiring Don Juan who made millions with a meat packing company, who seems very anxious to try the easy life and therefore suggests to continue the party in a private dining room. Despite Detlaff’s numerous attempts to warn her, Luisa seems unable to understand what the invitation implies and follows Konrad. When Luisa finally realizes that the “mountain lion and the little lamb” game Konrad wants to play ain’t perfectly innocent (she needs her time and once again the “discreet” intervention of Detlaff to do so) to resist the man advances once again she puts up an imaginary husband, a lawyer this time. But Konrad, hoping she will show for that her generous gratitude, offers to her husband a very well paid job, so Luisa, eager to do a good deed, picks up at random a name in the telephone book. She’s lucky enough to choose Max Sporum (Herbert Marshall), a lawyer down on his luck whose greatest aspiration is to possess a pencil sharpener of his own, who adores his goatee, ignores to have a “wife” and is ready to believe that Konrad is offering him a five-year contract to work for his company because a minister recommended him. And when Luisa decides to meet him they end up to fall in love…

William Wyler

William Wyler

As you can imagine, this story grabbed the censorship attention (they had objections about different scenes, but were also scared of the sinful power of sofas…) and the filming had to start in September 1934 before the script had received the formal approval from PCA, but this was not the major production problem. The real trouble was that William Wyler and Margaret Sullavan couldn’t stand each other and clashed over every single thing. At least that’s what happened for the first couple of months. Then Wyler decided, for the film’s sake, to try and make peace and invited Sullavan to dinner and… you know how usually ends the “you’re the last man in the world” thing happening in screwball comedies? Well, in November 1934 they suddenly eloped and got married in Yuma. But the mariage didn’t end the trouble; this time Wyler was accused to spend too much time in re-shooting his new wife’s close-ups (and this drove to the end of his contract with Universal, the studio producing the film). Unfortunately, differently from our film, there were no happy ending in real life and the marriage only last16 months.

Anyway The Good Fairy, released in January 1935, pleased audiences and critics ( Andre Sennwald on The New York Times called it “so admirable (…) to regret that it is not perfect”) and in 1951 a musical based on Sturges script and titled Make a Wish opened on Broadway (while a new version of Molnar’s play this time set in the USA was filmed in 1947 as I’ll be Yours).

The Good Fairy it’s perfect to introduce you to the Christmas spirit sparing you angels, children, dogs, Christmas trees, snow, carols, family gatherings, tears and above all Christmas itself. The only things you have to do is to believe in magic, this way you’ll find perfectly likely the idea that good deeds are so contagious to transform a grumpy waiter and an ageing wannabe Don Juan into a couple of Fairy Godmothers and you’ll believe that using the right spell and depending on chance it’s possible to find the love of your life. Let’s try it: close your eyes and say with me Eenie, meenie, minie, mo! Maybe it works…

A few free-associated movies you could also like (click on the title to watch a clip or the trailer):

Blonde Venus – USA 1932 Directed by: Josef von Sternberg. Starring: Marlene Dietrich; Herbert Marshall; Cary Grant.

Rebecca – USA 1940 Directed by: Alfred Hitchcock. Starring: Joan Fontaine; Laurence Olivier; Judith Anderson; George Sanders.

Teresa Venerdì – ITA 1941 Directed by: Vittorio De Sica. Starring: Vittorio De Sica; Adriana Benetti; Anna Magnani.

Jane Eyre – USA 1943 Directed by: Robert Stevenson. Starring: Joan Fontaine; Orson Welles; Maragaret O’ Brien; Agnes Moorhead; Elizabeth Taylor.

Cinderella – USA 1950 Directed by: Clyde Geronimi; Wilfred Jackson; Hamilton Luske.

New York, New York – USA 1977 Directed by: Martin Scorsese. Starring: Liza Minnelli; Robert De Niro; Lionel Stander.

Ini mini maini… mo!

Se credete nelle favole e da sempre sognate di poter cambiare la vita degli altri con un colpo di bacchetta magica sicuramente amerete la deliziosa commedia del 1935 diretta da William Wyler ed interpretata da Margaret Sullavan, Herbert Marshall, Frank Morgan e Reginald Owen di cui vi parlerò questa settimana. Si intitola Le vie della fortuna (in originale The Good Fairy, La fata buona) e parla di una giovane donna che, lasciato l’orfanotrofio in cui è cresciuta per fare la maschera nel più grande cinema di Budapest, ha finalmente ed inaspettatamente l’occasione di trasformare in realtà la sua più grande aspirazione: aiutare gli altri e diventare così una specie di fata buona riuscendo persino a trasformare in fatine buone chi le sta attorno. Lo so, questo suona un po’ come la trama di un film di Frank Capra, ma vi assicuro che non è proprio il caso di tenere a portata di mano i fazzolettini e che il modo in cui quel nobile proposito si tramuta in realtà è decisamente divertente.

Frank Morgan (Photo credit: Wikipedia)

Le vie della fortuna è tratto dalla commedia teatrale del 1930 scritta dal famoso drammaturgo e romanziere di origine ungherese Ferenc Molnar (autore tra gli altri di I ragazzi della via Pal) intitolata A jó tündér (La fata buona) che, tradotta in inglese da Jane Hinton, diventò nel 1931 un successo di Broadway con protagonista Helen Hays e fu successivamente adattata per il grande schermo dallo sceneggiatore (e in seguito anche regista) Preston Sturges che rimodellò il ruolo della protagonista per Margaret Sullavan, allora stella emergente della Universal, lo studio che produceva il film.

In Le vie della fortuna l’attrice è Luisa Ginglebusher, un’orfana ingenua che ancora porta le trecce e crede nelle favole quando viene assunta dal proprietario del più grande cinema di Budapest come maschera e la cui esperienza riguardo i “fatti della vita” si limita a quanto le ha detto poco prima di lasciare l’orfanotrofio la direttrice, Dottoressa Schultz (Beulah Bondi), raccomandandole anche di far sempre qualche buona azione per gli altri. La prima volta che tornando a casa dal lavoro si trova a dover respingere le attenzioni non richieste di un molestatore stradale Luisa si inventa su due piedi un marito e coinvolge nella sua messinscena uno degli spettatori del cinema. Per sua fortuna l’uomo, che si chiama Detlaff (Reginald Owen) ed è cameriere al Grand Hotel, capisce la situazione, decide di prenderla sotto la sua ala e pensando che meriti di più dalla vita la invita ad una grande festa che si terrà la sera successiva nell’albergo.

Herbert Marshall e Frank Morgan in Le vie della fortuna (Photo credit: Wikipedia)

Magicamente avvolta in un abito da sera (lo so, è solo una maschera, come diavolo ha fatto? non chiedete, è solo un film…) Luisa arriva così alla festa e si imbatte in Konrad (Frank Morgan), un improbabile aspirante seduttore di mezz’età che ha fatto i mlioni grazie al commercio della carne, che sembra molto ansioso di darsi alla bella vita e che la invita a proseguire la festa in una saletta privata. Ignorando le implicazioni dell’invito ed i disperati tentativi di Detlaff di metterla in guardia, Luisa segue l’attempato dongiovanni ma quando poi finalmente realizza che il gioco “del leone di montagna e dell’agnello” che Konrad le propone non è proprio innocente (ma ha bisogno ancora una volta del “discreto” intervento di Detlaff per arrivarci), per togliersi dai guai si inventa un altro marito immaginario, un avvocato questa volta. Il problema è che Konrad  a quel punto rilancia offrendo al “marito” un ben remunerato posto di lavoro sperando di stimolare la futura gratitudine della ragazza. Luisa non sa resistere e ansiosa com’è di realizzare il suo sogno di fare finalmente una buona azione e cambiare la vita a qualcuno, pesca a caso il nome di un avvocato dall’elenco del telefono. Ancora una volta la fortuna la assiste. Il prescelto è Max Sporum (Herbert Marshall), un avvocato a corto di clienti innamorato del suo pizzetto che desidera più di ogni altra cosa al mondo di possedere un temperamatite a manovella, non ha idea di avere una “moglie” ed è disposto a credere che Konrad gli offra un contratto quinquennale come rappresentante della sua ditta grazie alla raccomandazione di un ministro. E quando Luisa cede alla curiosità e decide di conoscere suo “marito” i due finiscono pure con l’innamorarsi…

Preston Sturges (Photo credit: Wikipedia)

Come potete immaginare questa storia attirò l’attenzione della censura (non solo aveva da ridire su diverse scene ma era pure sconvolta dalla peccaminosa presenza di un sofà nella saletta privata dell’albergo…) e le riprese dovettero cominciare nel settembre del 1934 senza l’approvazione definitiva della sceneggiatura da parte della PCA (la commissione che  attestava il rispetto del cosiddetto codice Hays), ma questo non fu il principale problema che si presentò durante la lavorazione. Il fatto era che William Wyler e Margaret Sullavan non potevano proprio vedersi e litigavano continuamente, o almeno così fecero durante i primi due mesi di lavorazione. Poi Wyler decise di provare a far pace, invitò la Sullavan a cena e… avete presente come va a finire di solito quella cosa del “sei l’ultimo uomo al mondo” che la protagonista dice al protagonista nelle commedie sofisticate? Ecco, nel novembre del 1934 Wyler e la Sullavan fecero la classica fuga d’amore e corsero a sposarsi a Yuma. Il problema poi fu che Wyler fu accusato di perdere troppo tempo ri-girando i primi piani della sua neo-sposa (probabile ragione dello scioglimento del suo contratto con la Universal). Purtroppo, a differenza di quello che accade nel nostro film, nella vita reale non ci fu un lieto fine e i due piccioncini divorziarono dopo appena 16 mesi.

Comunque Le vie della fortuna alla sua uscita nei cinema americani nel gennaio 1935 fu un successo di pubblico e critica ( Andre Sennwald sul New York Times lo definì “così ammirevole (…) che è un peccato non sia perfetto”) e nel 1951 dalla sceneggiatura di Sturges fu tratto il musical Make a Wish messo in scena a Broadway con discreto successo (mentre già nel 1947 un altro film ambientato questa volta negli Stati Uniti e intitolato Brivido d’amore – I’ll be yours – fu tratto dalla commedia di Molnar).

Le vie della fortuna è un film perfetto per farvi entrare nello spirito natalizio dei buoni sentimenti risparmiandovi però gli angeli, i bambini, i cani, gli alberi di natale, la neve, le canzoncine, le riunioni di famiglia, le lacrime, e soprattutto il Natale. Tutto quello che dovete fare per godervelo è credere nel potere della magia. In questo modo vi sembrerà perfettamente plausibile l’idea che i buoni propositi siano tanto contagiosi da trasformare in pochi giorni uno scorbutico cameriere ed un attempato mandrillo in altrettante fate madrine e riuscirete a credere che recitando una formula magica e lasciando fare al caso si possa trovare l’amore della vita su un elenco telefonico. Potreste provarci anche voi: chiudete gli occhi e dite insieme a me Ini mini maini mo! Magari funziona sul serio…

Alcuni film liberamente associati che potrebebro piacervi (cliccate sul titolo per vedere una scena o il trailer):

Venere Bionda – USA 1932 Diretto da: Josef von Sternberg. Con: Marlene Dietrich; Herbert Marshall; Cary Grant.

Rebecca-La prima moglie – USA 1940 Diretto da: Alfred Hitchcock. Con: Joan Fontaine; Laurence Olivier; Judith Anderson; George Sanders.

Teresa Venerdì – ITA 1941 Diretto da: Vittorio De Sica. Con: Vittorio De Sica; Adriana Benetti; Anna Magnani.

La porta proibita – USA 1943 Diretto da: Robert Stevenson. Con: Joan Fontaine; Orson Welles; Maragaret O’ Brien; Agnes Moorhead; Elizabeth Taylor.

Cenerentola – USA 1950 Diretto da: Clyde Geronimi; Wilfred Jackson; Hamilton Luske.

New York, New York – USA 1977 Diretto da: Martin Scorsese. Con: Liza Minnelli; Robert De Niro; Lionel Stander.

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s