orodinapoli1954

L’Oro di Napoli (The Gold of Naples) – ITA 1954

Directed by: Vittorio De Sica.

Starring: Totò; Vittorio De Sica; Eduardo De Filippo; Silvana Mangano; Sophia Loren; Giacomo Furia; Paolo Stoppa; Tina Pica.

Neapolitan people are the gold of Naples…

Forty years have passed since, on 13 November 1974, Vittorio De Sica died. To remember this great Italian director and actor his week Ill talk you about L’Oro di Napoli (The Gold of Naples), a six-episodes tribute to Naples released in Italy in 1954, shown at the Cannes Film Festival the following year and finally arrived in the USA only in 1957 reduced to a four episodes film.

L’Oro di Napoli (Photo credit: Wikipedia)

L’Oro di Napoli, whose screenplay was written by Cesare Zavatini, is based on the 1947 short stories book with the same title written by the Neapolitan journalist and screenwriter Giuseppe Marotta and, though probably (especially abroad) is not one of the most famous De Sica’s movies, stars some of the most famous 1950’s Italian actors: the Neapolitan comedian Totò, Sophia Loren, Vittorio De Sica himself (he worked as an actor in more than 150 films), Silvana Mangano and the great Neapolitan playwright, actor director and poet Eduardo De Filippo.

The first episode Il Guappo (The Racketeer) stars Totò in a quite unusual dramatic role (some American critic compared him to Charlie Chaplin’s Tramp). Totò is Don Saverio Petrillo, a Pazzariello (once in Naples, a sort of a clown wearing a strange costume and working with a band to advertise products and shops round the town) oppressed by an old school mate, Don Carmine Savarone a racketeer feared in the whole neighbourhood, who once lost his wife had decided to settle into Saverio home becoming the master and reducing the whole Petrillo family to his servants. Saverio, fed up with ten years of arrogance and humiliations, finally plucks up the courage to throw him out and discovers he never lost his family affection (watch a scene HERE)…

Sophia Loren and Giacomo Furia /Photo credit: Wikipedia)

The second episode Pizze a credito (Pizza on Credit) is all around an unfaithful wife and a lost ring. With her husband Rosario (Giacomo Furia) Sofia sells fried pizzas in a alley (eat today, pay after 8 days is their motto…), one day her precious engagement ring disappears and, not to reveal she forgets it in her lover’s workshop, she lets her husband believe it has slip into the pizza dough, so Rosario starts a search to have the ring back (watch a scene HERE)…

This one is probably the most famous episode because the protagonist is a twenty-year-old Sophia Loren for the first time directed by De Sica (who later directed her in 7 more film and worked with her as an actor in many, many more other). Though this was not her first film or her first leading role, Sofia the “pizzaiola” ( more or less the pizza maker) has been Loren’s breakthrough role.

The third episode Il Funeralino (The Child’s Funeral), showing the funeral of a child with a white hearse followed by his mother and a bunch of children going through the Naples alleys and then in the main street, it’s the only episode starring a non professional actress, Teresa Vita a model De Sica picked up in a fashion show in Naples and who made only a few more films. This is one of the two episodes cut in the American version. This was also cut in Italy when the film was first released, but it is now possible to watch it in the version currently shown on the Italian TVs or in the Italian DVD.

The fourth episode I Giocatori (The Gamblers) tells about a Neapolitan aristocrat interdicted from using his family properties and money because of his excessive passion for gambling. He unsuccessfully tries to sponge his servants and ends up playing cards with a child, Gennarino the son of the doorman who’s forced into putting aside his child games and friends to please his father (watch a clip HERE). The star of this episode is Vittorio De Sica himself, who was a notorious gambler (one of the reasons why he played in so many commercial movies) and had to take up this almost autobiographical role playing in one of his films twelve years after Un Garibaldino al Convento when a famous Naples lawyer called Alfredo Jelardi rejected his offer to play the role.

Silvana Mangano as Teresa

Silvana Mangano as Teresa

The fifth episode Teresa, the saddest one in the whole movie, stars Silvana Mangano as a prostitute who agrees to marry an unknown man to leave the brothel she lives in (brothels in Italy were called “Case Chiuse” – Closed houses and became illegal in 1958). She believes (or pretends to believe) he fell in love after spotting her in a street of Naples but, soon after the marriage had taken place, she discovers that her husband wants to tell everybody where she comes from and how she used to live because he meant their marriage as a sort of punishment: a young girl who was in love with him committed suicide because he didn’t love her. At first Teresa rebels and leaves her new house, but in the end, seeing that she has no alternatives, she has no choice but retrace her steps (HERE is a clip).

Eduardo (Photo credit: Wikipedia)

The fnal episode, Il Professore (The Professor), stars Eduardo De Filippo. Here he’s Don Ersilio Miccio, a “pearls of wisdom dealer”. One day a delegation from his alley asks him how could be punished Duke Alfonso Maria di Sant’Agata dei Fornari, a conceited rich man who disturbs his poor neighbours going to and fro the alley with his big expensive car. Don Ersilio suggests a peculiar medicine they should administer twice a day: a “pernacchio” ending in O, not to be confused with a vulgar “pernacchia” ending in A (a raspberry). Because they may seem similar but a “pernacchio” is a work of art only a few man can perform and tells the recipient “You’re the lousiest of the lousiest, of the lousiest, of the lousiest of men!” (“Tu si’ ‘a schifezza d’ ‘a schifezza, d’ ‘a schifezza, d’ ‘a schifezza ‘e l’uommene!”, you’re the worst man  ever seen on heart). Great! Eduardo had been one of the greatest Twentieth Century’s Italian playwrights (he wrote, among many,many  others, Filumena Marturano the play on which is based De Sica’s Marriage Italian Style starring Sophia Loren and Marcello Mastroianni) but also a great theatre and cinema actor and a theatre and cinema director and a poet. A genius. Anyway the US audience could not appreciate his performance in L’Oro di Napoli, cause this is the second episode missing in the American version. Apparently the “pernacchio” was considered a thing that could confuse the American audiences even though Eduardo explains the question excellently. Is it possible that a story about poor people finding an ingenious way to rebel against a rich bully was too subversive for the USA? Who knows, after all it seems that even the sugary It’s a Wonderful Life annoyed the FBI cause the banker Potter, depicted as a too greedy man, was considered a typical example of communist propaganda… Unfortunately it seems that today this episode is still missing from the American DVD, anyway you can watch at least Don Ersilio’s lecture on pernacchio art (with english subtitles) clicking the following link: http://www.youtube.com/watch?v=ydsc0q-FMEo

In each and every episode the protagonists of L’Oro di Napoli have to face the harsh reality trying not to be overwhelmed by it and probably the real protagonist of the entire movie is the so called “arte di arrangiarsi”, the art of survival. For that reason even the stories apparently frivolous are in fact quite melancholic: Sofia’s husband has no choice but pretend to believe the ring ended in a pizza sold to a client who never bought it not to be considered in his neighbourhood a poor cuckold and the well respected Don Ersilio is just a poor devil who plays the violin in a restaurant.

L’Oro di Napoli cannot be called neorealist, De Sica was about to put aside that phase of his career, but it’s not even a comedy, surely it’s not the most famous or the best De Sica’s film, anyway I think you should watch it at least once (if you can).

A few related movies you could also like (click on the title to watch a cli or the trailer):

Maddalena… Zero in Condotta (Maddalena, Zero for Conduct) – ITA 1940 Directed by: Vittorio De Sica. Starring: Vittorio De Sica; Carla Del Poggio; Vera Bergman; Roberto Villa.

Non ti pago! – ITA 1942 Directed by: Carlo Ludovico Bragaglia. Starring: Eduardo De Filippo; Peppino De Filippo; Titina D Filippo; Paolo Stoppa.

Riso Amaro (Bitter Rice) – ITA 1949 Directed by: Giuseppe De Sanctis. Starring: Silvana Mangano; Vittorio Gassman; Raf Vallone; Doris Dowling.

Napoli Milionaria (Side Street Story) – ITA 1950 Directed by: Eduardo De Filippo. Starring: Eduardo De Filippo; Titina De Filippo; Totò; Leda Gloria; Delia Scala.

Filumana Marturano – ITA 1951 Directed by: Eduardo De Filippo. Starring: Eduardo De Filippo; Titina De Filippo; Tina Pca; Aldo Giuffré.

La Banda degli Onesti (The Band of Onest Men) – ITA 1956 Directed by: Camillo Mastrocinque. Starring: Totò; Peppino DeFilippo; Giacomo Furia.

La Ciociara (Two Women) – ITA 1960 Directed by: Vittorio De Sica. Starring: Sophia Loren; Jean Paul Belmondo; Raf Vallone; Eleonora Brown.

Matrimonio all’Italiana (Marriage Italian Style) – ITA 1964 Directed by: Vittorio De Sica. Starring: Sophia Loren; Marcelo Mastroianni; Aldo Puglisi; Tecla Scarano.

pellicola2

 I Napoletani sono l’oro di Napoli…

Sono trascorsi quarant’anni, era il 13 Novembre 1974, dalla morte di Vittorio De Sica. Per ricordarlo questa settimana vi invito a rivedere L’Oro di Napoli, tributo in sei episodi alla città di Napoli uscito nelle sale italiane nel 1954, presentato al Festival di Cannes l’anno successivo ed arrivato sugli schermi Americani, mutilato di due episodi, solo nel 1957.

Giuseppe Marotta (Photo credit: Wikipedia)

Il film, sceneggiato da Cesare Zavatini e tratto da una raccolta di racconti del 1947 scritti dal giornalista e sceneggiatore Giuseppe Marotta, forse non è (soprattutto all’estero) il più famoso film di De Sica regista ma ha tra i suoi protagonisti alcuni degli attori italiani più popolari degli anni ’50: Totò, Sophia Loren, lo stesso Vittorio De Sica, Silvana Mangano ed Eduardo De Filippo.

Il primo episodio Il Guappo ha per protagonista Totò, per una volta in un ruolo drammatico (negli Stati Uniti qualcuno lo paragonò al Vagabondo di Charlie Chaplin). Totò è Don Saverio Petrillo, di professione Pazzariello, un uomo tiranneggiato da un vecchio compagno di scuola, Don Carmine Savarone il guappo del rione Sanità, che dopo essere diventato vedovo ha deciso di trasferirsi a casa sua diventandone il padrone e facendo dell’intera famiglia Petrillo i suoi servi. Saverio, ormai stanco, dopo dieci anni di umiliazioni trova finalmente il coraggio di cacciare di casa“l’amico” e scopre di non aver perso l’affetto della sua famiglia (QUI potete vederne una parte)…

Il secondo episodio Pizze a Credito ruota tutto intorno ad una moglie infedele ed a un anello scomparso. Col marito Rosario (il caratterista Giacomo Furia) Sofia vende pizze fritte in un vicolo (il motto della ditta è mangiate ora e pagate tra otto giorni); un giorno il suo prezioso anello di fidanzamento scompare e per non rivelare di esserselo dimenticato nella bottega dell’amante, Sofia fa credere al marito che sia finito nell’impasto delle pizze. E Rosario parte alla ricerca dell’anello perduto …

Questo è sicuramente l’episodio più noto (se anche non avete mai visto il film per intero, qualche fotogramma di questo episodio l’avrete visto certamente altrimenti cliccate QUI) perché protagonista è l’allora ventenne Sofia Loren per la prima volta diretta da De Sica (che la dirigerà in altri 7 film e col quale reciterà in molte altre pellicole). Anche se questo non era il suo primo film né il suo primo ruolo da protagonista, quello di Sofia “la pizzaiola” fu il personaggio che lanciò definitivamente la carriera della Loren.

Vittorio De Sica e Cesare Zavattini (Photo Credit: Wikipedia)

Il terzo episodio Il Funeralino, mostra il corteo funebre per un bambino con il carro bianco trainato dai cavalli che passa per i vicoli e poi, come chiede la madre, sul corso principale. È l’unico episodio in cui la protagonista non è un nome noto del cinema italiano. Teresa Vita era stata infatti scoperta da De Sica ad una sfilata di moda tenutasi in un hotel di Napoli e partecipò solo a pochi altri film. Questo è uno dei due episodi tagliati nell’edizione americana. Fu tagliato anche in quella distribuita nelle sale italiane, ma oggi si può vedere nelle copie che passano in TV o nei DVD italiani.

Il quarto episodio I Giocatori racconta di un nobile napoletano fatto interdire dalla moglie perché malato di gioco d’azzardo che cerca di scroccare senza successo alla servitù qualche piccola somma da scommettere e si riduce a giocare a scopa (e a perdere il più delle volte) col piccolo Gennarino, il figlio del portiere costretto a rinunciare ai giochi con i suoi coetanei per compiacere il padre (una scena la potete vedere QUI). Il protagonista dell’episodio è lo stesso Vittorio De Sica, noto giocare incallito (proprio la passione per il gioco fu una delle ragioni che lo spinsero a recitare in un numero incredibile di film commerciali) che si ritrovò ad interpretare un ruolo quasi autobiografico e a tornare a recitare in uno dei suoi film dodici anni dopo Un Garibaldino al Convento, a causa della rinuncia del noto avvocato Napoletano Alfredo Jelardi al quale aveva offerto la parte.

Il quinto episodio, Teresa il più triste dell’intero film, ha per protagonista Silvana Mangano che interpreta il ruolo di una prostituta che accetta di sposare uno sconosciuto pur di lasciare la “casa chiusa” in cui vive (le “case chiuse” saranno chiuse con l’introduzione della legge Merlin nel 1958) credendo (o meglio cercando di convincersi) che lui si sia innamorato vedendola per strada. Solo dopo le nozze scopre che in realtà il neo sposo ha intenzione di rendere noto a tutti il suo passato perché col matrimonio vuole espiare la colpa di non avere ricambiato una ragazzina innamorata di lui che respinta si è suicidata. Teresa prima si ribella e lascia la sua nuova casa, poi, vedendosi senza alternative, torna sui suoi passi (ecco QUI una parte dell’episodio).

Eduardo e Totò nel 1956 (Photo credit: Wikipedia)

L’ultimo episodio, Il Professore, ha per protagonista Eduardo. . Qui interpreta il ruolo di Don Ersilio Miccio, un uomo che campa vendendo perle di saggezza al vicinato. Un giorno una delegazione degli abitanti del vicolo gli chiede come punire lo spocchioso Duca Alfonso Maria di Sant’Agata dei Fornari che disturba tutti con la sua macchinona con autista. Don Ersilio suggerisce una “medicina” da somministrare due volte al dì: un pernacchio, che non va però confuso con una volgare pernacchia. Perché il pernacchio è un arte conosciuta da pochi e lancia un messaggio a chi lo riceve che significa “Tu si’ ‘a schifezza d’ ‘a schifezza, da’ ‘a schifezza, da’ ‘a schifezza ‘e l’uommene!”. Geniale!

Eduardo oltre ad essere stato uno dei più importanti autori teatrali italiani del Novecento (sua anche Filumena Marturano da cui De Sica trasse nel 1964 il suo Matrimonio all’Italiana con la Loren e Mastroianni) era anche un grandissimo attore teatrale e cinematografico, ma anche regista teatrale e cinematografico e pure poeta (un genio). Il pubblico americano però non ebbe modo di apprezzare la sua interpretazione in L’Oro di Napoli. Che ci crediate o meno infatti è questo il secondo episodio tagliato dalla versione americana. Troppo oscuro il significato di un pernacchio per il pubblico americano (eppure Eduardo lo spiega benissimo) o forse troppo sovversivo mostrare a quel publico un gruppo di poveri diavoli che con uno sberleffo si ribellano a un ricco prepotente? Chissà. Del resto pare che persino lo smielato La vita è meravigliosa avesse attirato l’attenzione dell’FBI perchè il personaggio del banchiere Mr Potter era troppo avaro e meschino, un tipico esempio di propaganda comunista anticapitalista… Purtroppo ancora oggi circolano copie in DVD per il mercato americano prive di questo episodio (se anche voi non l’avete ancora visto potete vedere la sovversiva lezione di “pernacchio” a questo link: http://www.youtube.com/watch?v=ydsc0q-FMEo ).

In ogni storia di L’Oro di Napoli i protagonisti cercano di fare del loro meglio per riuscire ad adattarsi alla realtà che li circonda senza soccombere (si direbbe che qui la vera protagonista è la famosa arte di arrangiarsi) e così persino gli episodi più leggeri sono velati di malinconia: il pizzaiolo è costretto a fingere di credere che l’anello sia finito in una pizza mai venduta solo per amore della pace in famiglia (e per non fare la figura del “cornuto” di fronte a tutto il vicolo) e il tanto rispettato don Ersilio in fondo è un poveraccio che tira a campare e che fa il “posteggiatore” nei ristoranti.

L’Oro di Napoli non è un film neorealista, De Sica stava per archiviare quella fase della sua carriera ma non è nemmeno una vera commedia e sicuramente non è il film più famoso o più riuscito di De Sica, io comunque vi consiglio di vederlo almeno una volta.

 Alcuni film correlati che potrebbero piacervi(cliccate sul titolo per vedere una scena o il trailer):

Maddalena… Zero in Condotta – ITA 1940 Diretto da: Vittorio De Sica. Con: Vittorio De Sica; Carla Del Poggio; Vera Bergman; Roberto Villa.

Non ti pago! – ITA 1942 Diretto da: Carlo Ludovico Bragaglia. Con: Eduardo De Filippo; Peppino De Filippo; Titina D Filippo; Paolo Stoppa.

Riso Amaro – ITA 1949 Diretto da: Giuseppe De Sanctis. Con: Silvana Mangano; Vittorio Gassman; Raf Vallone; Doris Dowling.

Napoli Milionaria – ITA 1950 Diretto da: Eduardo De Filippo. Con: Eduardo De Filippo; Titina De Filippo; Totò; Leda Gloria; Delia Scala.

Filumana Marturano – ITA 1951 Diretto da: Eduardo De Filippo. Con: Eduardo De Filippo; Titina De Filippo; Tina Pca; Aldo Giuffré.

La Banda degli Onesti – ITA 1956 Diretto da: Camillo Mastrocinque. Con: Totò; Peppino DeFilippo; Giacomo Furia.

La Ciociara – ITA 1960 Diretto da: Vittorio De Sica. Con: Sophia Loren; Jean Paul Belmondo; Raf Vallone; Eleonora Brown.

Matrimonio all’Italiana – ITA 1964 Diretto da: Vittorio De Sica. Con: Sophia Loren; Marcelo Mastroianni; Aldo Puglisi; Tecla Scarano.

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s