RoxieHart1942

Roxie Hart (Condannatemi se vi riesce!) – USA 1942

Directed by: William A. Wellman.

Starring: Ginger Rogers; Adolphe Menjou; George Montgomery; Nigel Bruce.

Good girls go to heaven, bad girls go everywhere…

Last week I told you about an educational film for Ladies (if you’ve missed it, you can find it HERE), this week I’m going to tell you about an (almost)misleading film for Bad Girls: Roxie Hart, a 1942 comedy directed by William A.Wellman and starring Ginger Rogers and Adolphe Menjou.

Roxie Hart – 1942 (Photo Credit: Wikipedia)

Here is the story: Ginger, in an unusual red hairstyle (well, you must trust me cause the film is in Black and White), is Roxie Hart a young wife who lives in Chicago planning a career in show business that one day (accidentally?) kills a man who promised her to make her a star. At first her husband covers up for her confessing the crime but it’s 1927, Chicago it’s the cradle of organized crime and Roxie, instructed by the newspaperman Jake Callahan (Lynne Overman) and then by the shady lawyer Billy Flynn (Adolphe Menjou), soon finds out that, after all, a little homicide wouldn’t wreck a smart girl’s complexion…

Does this sound familiar? Have you already heard about Roxie Hart and Billy Flynn? Well, I bet your answer is yes and you’re thinking to the musical or to the 2002 musical film Chicago , the one with Renée Zellweger, Richard Gere and Catherine Zeta-Jones. Well done! Roxie Hart tells in fact the same story being based on the same 1926 play called Chicago and written by the American journalist and playwright Maurine Dallas Watkins, who found inspiration in a couple of famous (but unrelated) murder cases she covered in 1924 for the Chicago tribune. The first one the “Belva Gaertner case”, inspiring the character of Velma Kelly (the one played in Chicago by Catherine Zeta-Jones) involved a three time divorced cabaret singer (Belva) known professionally as Belle Brown who, on 11 March 1924, allegedly shot and killed her lover, Walter Law who was found the following morning in her car with a bottle of gin and a gun beside him. In Belva’s appartment were found blood soaked clothes on the floor, she said she has no memory of what happened and was arrested. She never confessed the crime saying to Maurine Dallas Watkins: “No woman can love a man enough to kill him. They aren’t worth it…”. The world was full of other men. An all-men jury found her “not guilty”.

beulah-annan

Beulah Annan

The case providing the inspiration for our Roxie Hart was the “Beulah Annan case”. Beulah was a young woman from Kentucky who had moved to Chicago in 1920 with her second husband, a car mechanic called Al Annan. In Chicago she was a bookkeper in a laudry where she met Harry Kalstedt and began an affair. On 3 April 1924, in her bedroom, Beulah shot Kalstedt in the back. At first, admitting the murder, she said they were drinking and then had an argument trying and reach a gun (mysteriously) on the bed. She reached the gun first and shot “in self-defence” (on his back!) while he was leaving. At this point, after spending the following four hour drinking and listening to a tune called Hula Lou (listen to it HERE), she had called her husband telling him the man had tried to “make love” to her. Beulah changed her version many times, also announcing she was pregnant (but in the end there was no baby), with her husband always by her side an spending all his savings to get her the best lawyers. Beulah was found not guilty on 25 May 1924 and the day after the sentence she left her husband saying: “He’s too slow.” The press covered with enthusiasm the two stories: Belva was called “Cook County’s most stylish murderess”, Beulah was called the “prettiest woman ever charged with murder in Chicago”. (To learn more about this you can click the following link and read an article about the book “The Girls from Murder City” by Douglas Perry from chicagomag.com:  http://www.chicagomag.com/Chicago-Magazine/August-2010/The-Girls-of-Murder-City-by-Douglas-Perry/)

Differently from the first movie ever based on Maurine Dallas Watkins’ play (a 1927 silent movie titled Chicago an starring Phyllis Harver) and the following musicals, Roxie Hart puts aside the story of Belva/Velma (who appears only for a few seconds) to focus on Beulah/Roxie and the story is told in a series of flashbacks. It starts in 1942 in a Chicago bar where a reporter (George Montgomery) remembers the first murder he ever covered fifteen years earlier, when he also fell in love with the murderess.

Clara Bow in 1927 (Photo credit: Wikipedia)

The role of Roxie wasn’t meant to Ginger Rogers, but when she knew Alice Fay the one chosen by Fox (the studio producing the film,) had to give up cause pregnant, she decided to take advantage of her new signed contract with RKO allowing her to appear in any film she wanted and to work with other studios, to took up the role. Her unusual hairstyle (red, short and curly) is surely meant to remind us Clara Bow (mentioned in this movie),. The hottest “Jazz baby in film”, the prototype of a flapper, the original “IT girl” was in fact a sensation in 1927, enjoying a howling success (and about to become a victim of that success) while in theatres were shown among the others IT and the first Oscar winning film Wings, this last silent picture directed by Roxie Hart’s director William A. Wellman.

Roxie is a flapper, has no scruples, calls her lawyer (a nice guy who should have performed in vaudeville) “daddy”, throws press conferences like a debutante could throw a party, when is about to lose the press favour plays the sweet mother to be and finally plays the shy wife in court never forgetting to show her legs to the all-men jury. For all those reasons Ginger as Roxie is cheeky, naughty, sexy and a little overacting. The film is not a musical, anyway Ginger Rogers, who was in 1927 a 16-year-old Vaudeville performer thanks to a Charleston contest won the previous year, has here a couple of remarkable dancing numbers: a Charleston scene involving all the journalists during a press conference, and a tap dance on a metal case in the prison with no accompaniment, only the tap shoes’ and hand claps’ sounds. This is a scene Ginger Rogers suggested and was very proud of. If you like her as a dancer, well, this make the film worth watching.

Obviously i’s not the only reason to watch Roxie Hart, which is a satire on the American judiciary system but also on the way the press used to cannibalize crimes and criminals to make money (there are things that never change!). It’s also a satire that couldn’t please the censorship fearing this film could represent “an attack on American Institution and way of life”. Almost surely the censorship should be blamed for the greatest fault of Roxie Hart: its terrible, sugary, moralistic ending (my lips are sealed you must watch it yourself and judge it).

Anyway, though it’s not Ginger Rogers or William A. Wellman best movie, I’m pretty sure that Roxie Hart is a film you could like.

A few related movies you could also like (click on the title to watch a clip or the trailer):

It – USA 1927 Directed by: Clarence G. Badger. Starring:Clara Bow; Antonio Moreno; William Austin.

Die Büchse der Pandora (Pandora’s box) – GER 1929 Directed by: G.W. Pabst. Starring: Louise Brooks; Fritz Kortner; Alice Roberts; Francis Lederer; Carl Goetz; Gustav Diessl.

I’m no Angel – USA 1933 Directed by: Wesley Ruggles- Starimg: Mae West; Cary Grant; Edward Arnold; Gregory Ratoff.

The Story of Temple Drake – USA 1933 Directed by: Stephen Roberts. Starring: Miriam Hopkins; Jack La Rue.

His Girl Friday – USA 1940 Directed by: Howard Hawks. Starring: Cary Grant; Rosalind Russell; Ralph Bellamy.

The Fortune Cookie – USA 1966 Directed by: Billy Wilder. Starring: Jack Lemmon; Walter Matthau; Ron Rich; Judi West.

Chicago – USA 2002 Directed by: Rob Marshall. Starring: Renée Zellweger; Catherine Zeta.Jones; Richard Gere; John C. Reilly; Queen Latifah; Lucy Liu.

pellicola2

Le brave ragazze vanno in paradiso, le cattive ragazze vanno dappertutto…

La scorsa settimana vi ho parlato di un film educativo per Signore (se ve lo siete perso, potete trovarlo QUI), questa settimana vi parlerò di un film (quasi)diseducativo per cattive ragazze. Si tratta di Condannatemi se vi riesce! (il titolo originale è Roxie Hart) una commedia del 1942 diretta da William A. Wellman ed interpretata da Ginger Rogers ed Adolphe Menjou.

Ginger Rogers as Roxie (Photo credit: Wikipedia)

Questa, in estrema sintesi, è la storia: Ginger, con un’inusuale acconciatura corta ed i capelli rossi (insomma, dovete credermi sulla parola, il film è in bianco e nero), è Roxie Hart una giovane moglie che vive a Chicago pianificando una carriera nel mondo dello spettacolo ed un bel giorno uccide (accidentalmente?) un uomo che le aveva promesso di fare di lei una star. All’inizio suo marito confessa il crimine ma è il 1927, Chicago è la culla del crimine organizzato e Roxie, istruita dal reporter Jake Callahan (Lynne Overman) e poi dall’avvocato senza scrupoli Billy Flynn (Adolphe Menjou), ci mette poco a capire che in fondo un piccolo omicidio non è una cosa che possa rovinare l’incarnato a una ragazza in carriera…

Vi suona familiare? Avete già sentito i nomi di Roxie Hart e Billy Flynn? Scommetto che la risposta è si e che state pensando al musical ed al film del 2002 Chicago, quello con Renée Zellweger, Richard Gere and Catherine Zeta-Jones. Bravi! Condannatemi se vi riesce! racconta infatti la stessa storia e come il musical (e il film del 2002) è tratto dalla commedia teatrale Chicago di Maurine Dallas Watkins, commediografa e giornalista che si ispirò a un paio di casi che seguì nel 1924 per il Chicago Tribune. Il primo, il caso di Belva Gaertner, quello che ha ispirato il personaggio di Velma Kelly (interpretato da Catherine Zeta-Jones nel film del 2002), riguardava una cantante di cabaret (Belva. A proposito, il nome è vero) che si faceva chiamare Belle Brown, era stata sposata già tre volte ed era sospettata di avere ucciso l’11 marzo 1924 il suo amante Walter Law, il cui cadavere era stato rinvenuto la mattina seguente nella sua macchina (di Belva) con accanto una bottiglia di gin e una pistola. Sul pavimento dell’appartamento di Belva la polizia aveva trovato i suoi vestiti impregnati di sangue, ma lei aveva detto di non ricordare nulla di quello che era successo la sera prima. Non confessò mai e disse a Maurine Dallas Watkins: “Nessuna donna può amare un uomo al punto da ucciderlo. Non valgono tanto…”. Il mondo era pieno di altri uomini. Una giuria di soli uomini la assolse: non colpevole fu il verdetto.

Chicago – il film muto del 1927 (Photo credit: Wikipedia)

Il caso che servì da ispirazione per la nostra Roxie Hart fu quello di Beulah Annan. Beulah era una giovane donna del Kentucky che nel 1920 si era trasferita a Chicago con il secondo marito, il meccanico Al Annan. A Chicago lavorava come contabile in una lavanderia dove aveva conosciuto Harry Kalstedt col quale aveva iniziato una relazione. Il 3 Aprile del 1924, nella sua camera da letto, Beulah aveva ucciso Kalsted sparandogli nella schiena. All’inizio ammettendo l’omicidio, aveva detto che loro due stavano bevendo e poi avevano iniziato a litigare contendendosi una pistola che (misteriosamente) si trovava sul letto. Lei l’aveva afferrata per prima ed aveva sparato per “autodifesa” (nella schiena di lui!) mentre Kalsted stava andandosene. A quel punto, dopo aver passato le quattro ore seguenti bevendo ed ascoltando un brano intitolato Hula Lou (potete ascoltarla cliccando QUI), Beulah aveva chiamato suo marito e gli aveva detto che l’uomo aveva cercato di “fare l’amore” con lei. Beulah cambiò la versione dei fatti molte volte, e temendo la condanna dichiarò anche di essere incinta (ma non nacque mai nessun bambino) mentre suo marito le rimaneva vicino e spendeva tutti i suoi risparmi per pagarle gli avvocati. Il 23 maggio del 1924 fu dichiarata non colpevole. Il giorno dopo la sentenza mollò il marito e dichiarò: “È troppo lento”. Per la stampa che seguiva con entusiasmo i due casi Belva era “la più elegante assassina della Cook County”, Beulah invece era “la donna più bella mai accusata di omicidio a Chicago”. (Se volete sapere qualcosa di più cliccando il seguente link potete leggere un articolo sul libro “The Girls from Murder City” di Douglas Perry dal sito chicagomag.com:  http://www.chicagomag.com/Chicago-Magazine/August-2010/The-Girls-of-Murder-City-by-Douglas-Perry/)

Diversamente dal primo film mai trato dalla commedia di Maurine Dallas Watkins (un film muto del 1927 intitolato Chicago con protagonista Phyllis Harver) e dai musical, Condannatemi se vi riesce! Mette da parte la storia di Belva/Velma (che fa solo una fugacissima apparizione) per concentrarsi su Beulah/Roxie e la storia, raccontata in una serie di flashback, ha inizio nella Chicago del 1942 dove un reporter (George Montgomery) racconta del suo primo caso di omicidio che ha seguito quindici anni prima quando si è anche innamorato dell’assassina.

Chicago – il poster del musical del 2002 (Photo credit: Wikipedia)

Il ruolo di Roxie non era pensato per Ginger Rogers, ma quando lei venne a sapere che Alice Faye, l’attrice scelta dalla Fox (che produceva il film) aveva dovuto rinunciare perché incinta, decise di sfruttare a suo vantaggio il nuovo contratto appena siglato con RKO, che le permetteva di scegliere i film da interpretare e di lavorare con altri studios, per ottenere la parte. La sua inconsueta acconciatura (capelli rossi, corti e ricci) era sicuramente un omaggio a Clara Bow (che è anche menzionata nel film). La più sexy “Jazz baby” del cinema, il prototipo di ogni flapper, la prima e autentica “It girl” viveva infatti nel 1927 uno straordinario successo (del quale stava però per diventare una vittima) mentre nei cinema tra gli altri venivano proiettati IT (Cosetta il titolo italiano) e il primo film premio Oscar Wings (Ali), quest’ultimo diretto dal regista di Condannatemi se vi riesce! William A. Wellman.

Roxie è una “flapper” (una maschietta si diceva all’epoca in Italia), non ha scrupoli, chiama il suo avvocato (un tizio che sarebbe stato benissimo in un teatro di avanspettacolo) “papi”, partecipa alle conferenze stampa come una debuttante parteciperebbe a dei balli, quando sta per perdere i favori della stampa si mette a recitare la parte della mammina in attesa e poi davanti alla corte interpreta quella della mogliettina timida e modesta ma senza mai dimenticare di mostrare le gambe alla giuria di soli uomini. Questo è il motivo per cui Ginger Rogers in questo film è sfacciata, sexy e pure un po’ sopra le righe. Il film non è un musical, ma Ginger Rogers, che nel 1927, a 16 anni, già si esibiva nei Vaudeville in giro per gli Stati Uniti dopo aver vinto l’anno prima un concorso di Charleston, ha comunque un paio di numeri danzanti di tutto rispetto: uno scatenato Charleston al quale partecipano tutti i giornalisti durante una conferenza stampa e poi uno strepitoso tip tap su una scala di metallo all’interno della prigione ballato col solo accompagnamento del suono delle scarpe e del battito delle mani. Questa era una scena suggerita da Ginger Rogers, che ne andava particolarizzante fiera. Se apprezzate soprattutto le sue doti di ballerina, questa scena, come si suol dire, da sola può valere il costo del biglietto.

Ovviamente no è la sola ragione per vedere Condannatemi se vi riesce!, che è una satira sul sistema giudiziario americano che non dimentica di farsi beffe del modo in cui la stampa usava cannibalizzare i crimini ed i criminali pur di far soldi (estendendo l’osservazione ai nuovi media si potrebbe dire che ci sono cose che non cambiano mai!). È anche un tipo di satira che non poteva certo piacere alla censura che considerava questo film “un attacco alle Istituzioni Americane e al nostro sistema di vita”. Quasi certamente è proprio la censura ad essere responsabile del più grave difetto del film: un finale bruttissimo, zuccheroso e moralistico (ma le mie labbra sono cucite, guardatevi il film e giudicate voi).

Comunque, anche se certamente non è il miglior film di Ginger Rogers e nemmeno di William A. Wellman, sono sicura che Condannatemi se vi riesce! è un film che potrebbe piacervi.

Alcuni film collegati che potrebbero piacervi (cliccate sul titolo per vedere una scena o il trailer):

Cosetta (It) – USA 1927 Diretto da: Clarence G. Badger. Con: Clara Bow; Antonio Moreno; William Austin.

Lulù-Il vaso di Pandora – GER 1929 Diretto da: G.W. Pabst. Con: Louise Brooks; Fritz Kortner; Alice Roberts; Francis Lederer; Carl Goetz; Gustav Diessl.

Non sono un angelo – USA 1933 Diretto da: Wesley Ruggles. Con: Mae West; Cary Grant; Edward Arnold; Gregory Ratoff.

Perdizione – USA 1933 Diretto da: Stephen Roberts. Con: Miriam Hopkins; Jack La Rue.

La signora del venerdì – USA 1940 Diretto da: Howard Hawks. Con: Cary Grant; Rosalind Russell; Ralph Bellamy.

Non per soldi… ma per denaro – USA 1966 Diretto da: Billy Wilder. Con: Jack Lemmon; Walter Matthau; Ron Rich; Judi West.

Chicago – USA 2002 Diretto da: Rob Marshall. Con: Renée Zellweger; Catherine Zeta.Jones; Richard Gere; John C. Reilly; Queen Latifah; Lucy Liu.

 

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

4 responses »

  1. thefallghost says:

    I really like this movie!In general,there’s something fascinating in old movies🙂 Nice choice!

    • Ella V says:

      Thank you, I also think this film is quite unusual for 1942, the story could have been perfect for a pre-code film.

  2. Reblogged this on Vector Charley and commented:
    Good weekend viewing.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s