Suspicion 1941

Suspicion (Il Sospetto) – USA 1941

Directed by: Alfred Hitchcock.

Starring: Cary Grant; Joan Fontaine; Nigel Bruce; Dame May Whitty.

The sight of an eligible male was a rare treat in that part of the Country…

A plain young woman, destined to perpetual spinsterhood, meets by chance on a train one of the most charming eligible bachelors of the Country and decides not to miss the boat. He seems to fall in love, the only trouble is that she has no idea he’s also an incurable liar, a scoundrel and maybe even something more terrifying…

Suspicion )Photo credit: Wikipedia)

This is the premise of Suspicion, Alfred Hitchcock’s fourth american movie, made and released in 1941, a psychological thriller set in the pre-WWII England (at least the cliché pre-WWII England that could be reproduced in Hollywood) and not very faithfully based on Before the fact a 1932 novel written by Frances Iles (one of the several pen names used by the English crime writer Anthony Berkeley Cox). It’s the second and final collaboration with Rebecca’s star Joan Fontaine and the first with his favourite alter ego: Cary Grant.

SPOILER ALERT: if you’ve never watched this film before, here is your last chance to go and fetch a copy…otherwise you are going to read the rest of this article at your own risk.

The story is all about Lina (Joan Fontaine), a young and inexperienced woman coming from a very good family who, discovering one day that her overprotecting parents are preparing for her a quiet country life as a dignified spinster, decides to throw herself to Johnny Aysgarth (Cary Grant), a very charming and notorious womaniser she hardly knows. Against her family wishes Lina elopes to happily live a whirlwind romance, but once the honeymoon comes to an end she has to face reality: her beloved husband is nothing but a serial sponger who loves the easy life, luxury and horse racings, and thinks he could live on her income. Sadly, Johnny has to face reality too: Lina’s income ain’t what he expected so he has to work or at least try to work, or maybe pretend to work… At first, Lina seems to find Johnny’s attitude quite funny and believes he’s on his way to change for good, but when she meets Beaky, one of her husband’s oldest friends, she finds out that he has no intention to change. Then a series of events, included Beaky’s very mysterious death happened before he could dissolve a society made with Johnny (Beaky provided the money, Johnny the ideas), make her suspicious: maybe she married an assassin….

Suspicion left Hitchcock dissatisfied, disappointed and with some regret. What was the trouble?

Lina and Johnny (Photo credit: Wikipedia)

Surely not the leading lady. Joan Fontaine was absolutely perfect, even a bit too perfect to play the fragile and insecure girl who falls in love with a scoundrel and then is consumed with the doubt he could be a murderer. Lina after all was a sister, or at least a cousin, of young Mrs de Winter, the protagonist of Rebecca, the first movie she had made with Hitchcock in 1940, the one that had projected her into Hollywood stardom after many disappointing years when she was overshadowed by her sister Olivia de Havilland who had made a name for herself starring alongside Errol Flynn in Warner Brothers movies (not to mention, of course, Gone with the Wind). The idea to cast Joan Fontaine proved to be so good that in 1942 she became the only actor to ever win an Academy Award in a film directed by Hitchcock, winning as Best Leading Actress five years before her older sister could achieve the same goal in 1947 for To Each His Own (anyway someone said this was a compensation for the Oscar lost the previous year when she was nominated for Rebecca).

So, what was the trouble? Maybe the fact that the two protagonists didn’t get on well (years later Joan will say that Cary Grant simply didn’t understand that the protagonist was Lina)? Maybe the trouble was the set, too artificial and not very British, or the too glossy photography Hitchcock complained about years later in Truffaut’s interview? (by the way, many thanks to the French director for his long interview!) Well, all those things was probably a part of it, but the real trouble was… Cary Grant!

Cary Grant in 1941 (photo credit: Wikipedia)

According to Hitchcock in fact the actor, that later became his favourite alter ego, was probably the main reason (along with Hollywood censorship) for the numerous changes made to the original story. In Frances Iles’ novel Johnny was an impenitent libertine (before and after the marriage), and above all was a real murderer and… Cary Grant could not be a murderer! Audiences didn’t want him to be a murderer and RKO, the Studio producing the film (Hitchcock had been happily lent by David O. Selznick, the man who brought him to Hollywood in 1939), didn’t want him to be a murderer too and in fact trying to cut every scene suggesting Johnny’s evil nature reduced the movie to a 55 minute length but then restored Hitchcock version because that way the film simply didn’t make sense. If you watch the movie you’ll understand why nobody wanted the coolest man ever turned into a murderer: the scene when, after catching Lina trying to persuade Beaky not to become his buisiness partner, Johnny scolds her in a menacing tone following her up the stairs is one of the most disturbing Cary Grant ever performed. Better not to turn Cary into a murderer, at least not in 1941. Unfortunately that way Hitchcock had to put aside the final scene he had imagined, made to perfectly match the famous “milk scene” with Johnny carrying upstairs in half-light a glass of glowing milk (Hitchcock asked to put a light bulb in it to draw our attention to the glass) to finally put it beside Lina’s bed while his wife fears it’s poisoned. The never-made scene (apparently closer to the novel’s mood) had to show Lina, perfectly knowing the milk is poisoned and yet ready to swallow it, asking Johnny to post a letter she wrote to her mother. The following morning when Lina is already dead, a cheerful Johnny post the letter not knowing that in it Lina revealed to her mother that he was her assassin.

Here you can find the Hitchcock- Truffaut long conversation:

https://the.hitchcock.zone/wiki/Alfred_Hitchcock_and_Fran%C3%A7ois_Truffaut_(Aug/1962)

Suspicion ain’t Hitchcock’s best film, surely all the faults Hitchcock saw in it are real (after all, I wouldn’t dare to contradict the master), and surely the ending is weak, and yet it’s a charming film. Maybe it’s because of Cary Grant, or maybe cause it reminds me to Rebecca (which is one of my favourite movies and the first Hitchcock’s film I’ve ever seen, but I already told you about that), but this is one of those movies I can’t ignore and watch again now and then. I suggest you to do the same.

A few free-associated movies you could also like (click on the title to watch a clip or the trailer):

Now, Voyager – USA 1942 Directed by: Irving Rapper. Starring: Bette Davis; Paul Henreid; Claude Rains.

Gaslight – USA 1944 Directed by: George Cukor. Starring: Ingrid Bergman; Charles Boyer; Joseph Cotten; Dame May Whitty; Angela Lansbury.

Notorious – USA 1946 Directed by: Alfred Hitchcock. Starring: Cary Grant; Ingrid Bergman; Claude Rains; Madame Konstantin.

Secret beyond the door – USA 1947 Directed by: Fritz Lang. Starring: Joan Bennett; Michael Redgrave; Anne Revere.

How to murder your wife – USA 1965 Directed by: Richard Quine. Starring: Jack Lemmon; Virna Lisi; Terry-Thomas; Claire Trevor.

A New Leaf – USA 1971 Directed by: Elaine May. Starring: Walter Matthau; Elaine May; Jack Weston.

pellicola2

La vista di un buon partito era un piacere piuttosto raro in quella parte del Paese…

Una giovane donna scialba, destinata a perpetuo zitellaggio, incontra per caso su un treno uno dei più ambiti scapoli del Paese e decide di non farselo scappare. Lui incredibilmente sembra innamorarsene, l’unico problema è che lei non ha idea del fatto che sia anche un inguaribile bugiardo, un imbroglione e, forse, persino qualcosa di molto più terribile…

Joan Fontaine in full colour (Photo credit: Wikipedia)

Queste sono le premesse di Il Sospetto (Suspicion), il quarto film americano di Alfred Hitchcock girato e distribuito nel 1941, un thriller psicologico ambientato in Inghilterra prima della seconda guerra mondiale (o almeno in quell’Inghilterra da cliché Hollywoodiano che poteva essere riprodotta sotto il sole della California) e tratto non molto fedelmente dal romanzo Before the Fact (tradotto in italiano in Il Sospetto, come il film) scritto da Frances Iles (uno dei tanti pseudonimi usati dallo scrittore di gialli inglese Anthony Berkeley Cox) e pubblicato nel 1932, che segna la seconda e ultima collaborazione del Maestro del brivido con la protagonista di Rebecca Joan Fontaine e la prima con il suo alter ego preferito: Cary Grant.

ATTENZIONE SPOILER: se non avete mai visto questo film questa è la vostra ultima occasione per procurarvene una copia o visitare il sito RAI Cinema Channel.it dove per il momento lo potrete vedere – in italiano – gratis (cliccate QUI)… altrimenti continuate pure a leggere il resto dell’articolo a vostro rischio e pericolo.

La storia ruota tutta intorno a Lina (Joan Fontaine), giovane di buona famiglia senza esperienza che, scoprendo che i suoi genitori le stanno preparando una placida esistenza da zitella nella campagna inglese, decide di buttarsi tra le braccia di Johnny Aysgarth (Cary Grant), affascinante sciupafemmine appena conosciuto. Contro la volontà dei suoi fugge di casa e lo sposa, ma appena finita la luna di miele deve affrontare la realtà: il suo amato maritino è uno scroccone seriale che ama la bella vita, il lusso, le corse e pensa di poter vivere della sua rendita. Anche Johnny però deve affrontare la realtà e quando scopre che la rendita di Lina non è cospicua quanto sperava si vede costretto a lavorare o almeno a cercare di lavorare, o a fingere di lavorare… All’inizio Lina trova quasi divertente quello che ha scoperto e crede sinceramente che Johnny possa cambiare, ma quando conosce Beaky, uno dei più cari amici del marito, scopre che non cambierà mai. E una serie di eventi, compresa la misteriosa morte di Beaky prima che potesse sciogliere una società fondata con Johnny (l’amico ovviamente metteva i soldi Johnny le idee), fanno crescere in lei il sospetto di avere sposato un assassino…

Il Sospetto lasciò Hitchcock insoddisfatto, deluso e con qualche rimpianto. Ma qual era il problema?

Joan with Gary Cooper and the Oscar (Photo credit: Wikipedia)

Sicuramente non la protagonista. Joan Fontaine era semplicemente perfetta, persino un po’ troppo perfetta per il ruolo della giovane fragile e insicura che perde la testa per un imbroglione e poi si tormenta con l’idea che possa essere un assassino. Lina in fondo era la sorella, o almeno la cugina, della giovane Signora de Winter, la protagonista di Rebecca il primo film che aveva girato con Hitchcock e che nel 1940, un anno prima dell’uscita de Il Sospetto, aveva fatto di lei una star dopo anni si semi-anonimato trascorsi all’ombra dell’allora più famosa sorella Olivia De Havilland che nel frattempo si era costruita una solida carriera alla Warner Brothers al fianco di Errol Flynn (senza contare, ovviamente, Via col Vento). Scegliere Joan Fontaine per Il Sospetto era stata una mossa decisamente azzeccata. Nel 1942 infatti, unica tra gli e le interpreti dei film di Hitchcock e ben cinque anni prima della sorella maggiore Olivia, Joan vinse l’Oscar come Migliore Attrice Protagonista (anche se qualcuno lo considerò una specie di ricompensa per la mancata vittoria dell’anno prima quando era stata candidata per Rebecca).

Quindi, qual era il problema? Forse il fatto che sul set la Fontaine e Cary Grant non andassero molto d’accordo (anni dopo, lei fece notare che forse il buon Cary non aveva capito che la protagonista della storia era Lina)? Oppure le scene troppo artificiali e poco British e la fotografia un po’ troppo luminosa di cui Hitchcock ancora si lamentava con Truffaut? (e meno male che il regista francese spese tanto del suo tempo in quella lunga intervista…) In parte, ma il vero problema era un altro… Cary Grant!

Alfred Hitchcock (Photo credit: Wikipedia)

Infatti, sempre secondo quanto Hitchcock raccontò a Truffaut l’attore, poi diventatoil suo l’alter ego preferito, fu probabilmente (assieme alla censura di Hollywood) una delle principali cause dei molti cambiamenti apportati alla storia originale. Nel romanzo Johnny era un impenitente libertino (prima e dopo il matrimonio) ma soprattutto era realmente un assassino e… Cary Grant non poteva essere un assassino! Non lo volevail pubblico e non lo veleva la RKO che produceva il film (Hitchcock era stato “prestato” molto volentieri da David O. Selznick che l’aveva messo sotto contratto e portato in America nel 1939 ma col quale non andava d’accordo) e che nel tentativo di eliminare le scene in cui Cary Grant sembrava troppo cattivo aveva sforbiciato la pellicola riducendone la durata a 55 minuti salvo, per fortuna, cambiare idea perché così il film non aveva più alcun senso. Non è difficile però capire perché nessuno volesse vedere l’uomo più cool di tutti i tempi trasformato in un assassino. Basta vedere il film: la scena in cui Johnny, dopo aver sorpreso Lina che tenta di dissuadere Beaky dal mettersi in affari con lui, la rimprovera e la segue su per la scalinata con fare minaccioso è una delle più disturbanti mai interpretate da Cary Grant. Molto meglio non fare di Cary un assassino, almeno non nel 1941. Purtroppo però in questo modo Hitchcock dovette rinunciare al finale che aveva immaginato (che a quanto pare era molto più aderente alla storia originale) e che sarebbe stato la perfetta prosecuzione della famosa “scena del latte”, quella in cui Cary/Johnny sale nella penombra le scale con un vassoio su cui è posato un bicchiere di latte che brilla nel buio (perché Hitchcock ci aveva fatto mettere una luce dentro in modo da attrarre la nostra attenzione su quel particolare) che poi posa sul comodino di fianco al letto della moglie che crede sia avvelenato. Nel finale mai girato Lina, consapevole del fatto che il latte era realmente avvelenato e pronta comunque a trangugiarlo, avrebbe consegnato a Johnny una lettera indirizzata a sua madre. Il mattino seguente con Lina ormai morta, un Johnny piuttosto allegro avrebbe imbucato la lettera del tutto ignaro del fatto che l’accusava del delitto.

Qui potete sentire in inglese e francese la conversazione originale tra Hitchcock e Truffaut:

https://the.hitchcock.zone/wiki/Alfred_Hitchcock_and_Fran%C3%A7ois_Truffaut_(Aug/1962)

Il Sospetto non è il miglior film di Hitchcock, sicuramente ha tutti i difetti di cui si lamentava il maestro (del resto chi sono io per contraddirlo?), è vero che il finale è decisamente il suo punto debole, eppure è un film affascinante. Sarà perché c’è Cary Grant, oppure perché in qualche modo ricorda Rebecca (che è uno dei miei film preferiti oltre che il primo film di Hictchcock che abbia mai visto, ma di questo vi ho già parlato), ma questo è uno di quei film che non riesco ad ignorare e ogni tanto rivedo. Vi consiglio di fare lo stesso.

Alcuni film liberamente associati che potrebbero piacervi (cliccate sul titolo per vedere una scena o il trailer):

Perdutamente Tua – USA 1942 Diretto da: Irving Rapper. Con: Bette Davis; Paul Henreid; Claude Rains.

Angoscia – USA 1944 Diretto da: George Cukor. Con: Ingrid Bergman; Charles Boyer; Joseph Cotten; Dame May Whitty; Angela Lansbury.

Notorious, l’amante perduta – USA 1946 Diretto da: Alfred Hitchcock. Con: Cary Grant; Ingrid Bergman; Claude Rains; Madame Konstantin.

Dietro la porta chiusa – USA 1947 Diretto da: Fritz Lang. Con: Joan Bennett; Michael Redgrave; Anne Revere.

Come uccidere vostra moglie – USA 1965 Diretto da: Richard Quine. Con: Jack Lemmon; Virna Lisi; Terry-Thomas; Claire Trevor.

È ricca, la sposo e l’ammazzo – USA 1971 Diretto da: Elaine May. Con: Walter Matthau; Elaine May; Jack Weston.

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

2 responses »

  1. writeknit says:

    Love Hitch and Cary Grant tks for sharing and reminding me of this classic🙂

  2. Oh Cary Grant… such a charmer of a man! I think I never saw this Hitchcock movie and I’ve seen a handful of them. Thanks for sharing*

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s