to be or not to be 1942

To Be or Not to Be (Vogliamo vivere!) – USA 1942

Directed by: Ernst Lubitsch.

Starring: Carole Lombard; Jack Benny; Robert Stack; Felix Bressart.

 The fate of a Country in the hands of a ham…

Its it possible to make a movie poking fun at Nazis? The invasion of Poland , the outbreak of WWII and an underground movement can be funny? Well seeing that even today some commentator would certainly point his finger at it talking about a lack of good taste, imagine what happened in 1942 when, in the middle of WWII, was released through America To be or not to be the dark comedy directed by Ernst Lubitsch and starring Carole Lombard and Jack Benny as a couple of famous Polish theatre actors who, after the German invasion of their Country find themselves accidentally involved with the underground movement.

To be or not to be – (Photo credit: Wikipedia)

Here is the story: August 1939, on the eve of the outbreak of WWII, in Warsaw Maria and Joseph Tura (Lombard and Benny) are rehearsing with their company a satirical farce poking fun at the German Nazi regime, but censorship obliges them to give it up (this might offend Hitler…) and play instead Shakespeare’s Hamlet. Joseph is the Danish prince while Maria is Ophelia and uses Hamlet’s monologue to meet in her dressing room a young admirer, a military aviator, the Lieutenant Stanislav Sobinski (Robert Stack) who seats every night in the second row and leaves when Joseph starts with “To be or not to be…” (the egomaniac Joseph unaware of the truth takes it for a personal affront). But suddenly everything changes, Germany invades Poland and Stanislav flees to England where his squadron becomes part of the Polish Division of Royal Air Force taking part in raids over Germany. In England Professor Siletzky, pretending to be one of the leaders of the Polish resistance who’s about to go back to Poland to coordinate the underground movement, convinces the brigade’s guys that he will be their special postman, obtaining this way their friends and relatives names and addresses. Stanislav gives him a message for Maria, but the fact that the professor has no idea of who the famous actress is arises his suspicions, so he informs his superiors who decide to send him back to Poland. But Siletzky arrives first and, because of Stanislav’s strange message (To be or not to be…), immediately summons Maria to the Warsaw hotel where Nazis are stationed. Later, to leave, she will be forced to pretend to be interested in becoming a Gestapo spy (and in professor’s charm). But how to neutralize the double-dealer? The solution is to stage a special one-spectator-production using costumes and set made for the censored satire: the space behind the scenes becomes the Gestapo Headquarters and Joseph Tura the Nazi secret police chief, Col. Ehrhardt. That way he’ll try to recover the partisan’s list. But a ham entrusted with such a delicate mission is a hazard and, as expected, soon something goes wrong…

Carole Lombard (photo credit: Wikipedia)

The big trouble with To be or not to be was that, right in the middle of the war when extra doses of patriotism were required, the film not only mingled real events with farce but also displayed a series of very unlikely heroes. Joseph Tura is the ham par excellence: selfish, vain, egomaniac. And what’s more he’s a jealous husband whose jealousy risks to spoil a delicate mission. Maria Tura is also selfish and vain (the reason of many squabbles) but also flirtatious and her virtue is often questioned (though, of course, never proved lost). The young aviator, Stanislav, the natural candidate as a propaganda war hero, is just a simpleton who believes in every word written in magazines and sincerely thinks Maria will leave Joseph to marry him. Not to mention the rest of the company…

Though critics didn’t tear To be or not to be to shreds, many among them severely criticized the farcical manner in which Nazis were depicted. And in fact they were as stupid and vain as the actors themselves, but this wasn’t certainly meant as a compliment. Someone also argued that Lubitsch had made a “tasteless effort to find fun in the bombing of Warsaw” talking about his German origin (but forgetting he was Jewish…). The director, who had landed in Hollywood twenty years before, replied that he showed the tragedy in all seriousness, satirized the Nazis and their ridiculous ideology and portrayed the Poles as courageous people.

Those controversies never upset Carole Lombard, who was so eager to finally work with Lubitsch to ignore her husband Clark Gable‘s lack of enthusiasm over the project and grab the chance to play Maria Tura as soon as Miriam Hopkins decided to leave the production cause she didn’t get on well with Jack Benny, who was the only actor Lubitsch ever considered as Joseph Tura. On 16 January 1942, almost two months before the film release, Carole Lombard, who had just took part on a War Bond rally and was going back to Los Angeles, died aged 33 with her mother and other 20 people flying on a TWA airplane that crashed into Potosi Mountain. To be or not to be became the swan song of this actress who had started her career as a very young girl in silent movies and had become one of the major stars of screwball comedies.

To be or not to be is one of those films you should watch and not just because it’s funny, or it’s a Lubitsch’s film, or again because in it there’s one of the best Carole Lombard’s performances. You should watch it because it remind us that sometimes to poke fun at things that scare us is an extremely effective way to face them. Satirize an enemy, take down to pieces a rotten ideology using humour can hurt more than anything else. Satire can be a lethal weapon.

A few free-associated movies you could also like (click on the title to watch a clip or the trailer):

Duck Soup – USA 1933 Directed by: Leo McCarey. Starring: Groucho, Harpo, Chico, Zeppo Marx; Margaret Dumont.

The Great Dictator – USA 1940 Directed by: Charles Chaplin. Starring: Charles Chaplin; Paulette Goddard; Jack Oakie-

Pimpernel Smith – UK 1941 Directed by: Leslie Howard. Starring: Leslie Howard; Francis L. Sullivan; Mary Morris.

The Producers – USA 1967 Directed by: Mel Brooks. Starring: Zero Mostel; Gene Wilder; Dick Shawn; Kenneth Mars; Lee Meredith.

The Blues Brothers – USA 1980 Directed by: John Landis. Starring: John Belushi; Dan Aykroyd; Carrie Fisher; Aretha Franklyn; James Brown; Ray Charles…

Inglorious Basterds – USA 2009 Directed by: Quentin Tarantino. Starring: Christoph Waltz; Brad Pitt; Melanie Laurent; Eli Roth; Michael Fassbender; Diane Krueger; Daniel Brühl.

pellicola2

Il destino di una nazione nelle mani di un trombone…

È possibile fare un film che prenda in giro i nazisti? L’invasione della Polonia, lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale e il movimento di resistenza polacco possono essere divertenti?

Ernst Lubitsch (Photo credit: Wikipedia)

Beh, tenendo conto che persino al giorno d’oggi più di un commentatore punterebbe il suo dito contro un film del genere accusandolo di scarso buon gusto, potete ben immaginare come più di una persona arricciò il naso quando nel 1942 arrivò nelle sale americane Vogliamo vivere! (To be or not to be il titolo originale) la commedia nera diretta da Ernst Lubitsch, con Carole Lombard e Jack Benny che interpretano una coppia di famosi attori teatrali Polacchi che dopo l’invasione Tedesca della del loro Paese finiscono col trovarsi coinvolti loro malgrado in un’azione del movimento di resistenza polacco.

Questa è la storia: Agosto 1939, alla vigilia dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale, a Varsavia Maria e Joseph Tura (Lombard e Benny) provano con la loro compagnia una nuova commedia che prende in giro la Germania Nazista, ma la censura li obbliga a lasciar perdere (potrebbe offendere Hitler…): in scena andrà l’Amleto di Shakespeare. Joshep è il principe Danese mentre Maria è Ofelia ed usa il monologo di Amleto per incontrare nel suo camerino un giovane ammiratore, un aviatore militare, il tenente Stanislav Sobinski (Robert Stack). Ogni sera lui lascia il suo posto in sala quando Joseph attacca con “Essere o non essere…” (cosa che l’ignaro megalomane Joseph considera un affronto alla sua grande bravura). Tutto cambia quando all’improvviso la Germania invade la Polonia e Stanislav ripara in Inghilterra dove il suo squadrone entra a far parte della Divisione Polacca della Royal Air Force che partecipa alle incursioni aeree sulla Germania. In Inghilterra il Professor Siletzky, creduto uno dei leader della resistenza polacca che sta per tornare in patria per coordinare le azioni contro gli invasori, riesce ad ottenere dai ragazzi della divisione, convinti di poterlo usare come “postino”, gli indirizzi dei loro cari. Stanislav vuole inviare un messaggio a Maria, ma rendendosi conto che il professore ignora chi sia la famosa attrice mette in guardia i superiori che decidono di paracadutarlo in Polonia per avvertire la resistenza del pericolo. Siletzky però arriva per primo e, insospettito dal messaggio di Stanislav (Essere o non essere…), convoca immediatamente nell’albergo fortezza dove stazionano i nazisti Maria Tura che riesce a uscire da lì solo grazie al suo fascino e lasciandogli credere che accetterà di fare la spia per lui. Ma come fare a neutralizzare il doppiogiochista? La soluzione è approfittare dei costumi da nazisti e delle scenografie della commedia mai rappresentata per mettere in scena una recita speciale per il professore: il retropalco viene trasformato nel quartier generale della Gestapo, mentre Joseph Tura si cala nel ruolo del capo della polizia segreta nazista, il Colonnello Ehrhrardt, sperando di farsi consegnare i nomi dei resistenti raccolti in Inghilterra. Ma affidare una missione così delicata a un attore dall’ego smisurato è un azzardo e ben presto qualcosa va sorto…

Jack Benny and his daughter in 1940 (Photo credit: Wikipedia)

Il problema con Vogliamo Vivere! era il fatto che, giusto nel bel mezzo della guerra quando delle dosi extra di patriottismo erano considerate un dovere, non solo mischiava fatti veri e farsa, ma schierava pure una squadra di eroi decisamente improbabili. Joseph Tura è il trombone per eccellenza: egoista, vanitoso e pieno di sé. E inoltre è un marito geloso che con la sua gelosia mette a rischio una delicata missione. Maria Tura è altrettanto egoista e vanitosa (ragione per cui i due non fanno altro che beccarsi) e ama da morire farsi corteggiare, tant’è che la sua virtù è spesso messa in questione (ma lei , naturalmente, non la perde mai). Il giovane aviatore, Stanislav, il miglior candidato a un sano eroismo di propaganda, non è altro che un credulone che si beve qualsiasi cosa dicano le riviste e crede che sul serio Maria mollerà il marito per lui. Senza parlare del resto della compagnia…

Anche se Vogliamo Vivere! non fu fatto a pezzi dai critici, molti tra loro ne criticarono il modo farsesco in cui erano rappresentati i Nazisti, che infatti erano stupidi e vanitosi almeno quanto gli attori. Ma questo non era certo un complimento. Qualcuno addirittura ebbe da ridire sul fatto che Lubitsch avesse avuto il cattivo gusto di tentare di fare dello spirito sui bombardamenti su Varsavia, tirando in ballo le origini tedesche del regista (ma dimenticando il fatto che era ebreo…). Lubitsch, che era arrivato a Hollywood vent’anni prima, replicò dicendo che aveva mostrato la tragedia con grande rispetto, preso in giro i Nazisti e la loro ridicola ideologia e ritratto i polacchi come coraggiosi.

Le polemiche non coinvolsero Carole Lombard che, volendo da tempo lavorare con Lubitsch non aveva tenuto conto dello scarso entusiasmo del marito Clark Gable per il progetto e aveva colto al volo l’occasione di sostituire nel ruolo di Maria Tura Miriam Hopkins dopo che l’attrice aveva deciso di abbandonare la produzione non riuscendo ad andare d’accordo con Jack Benny, fin dal principio l’unico candidato ad interpretare il ruolo di Joseph Tura. Il 16 Gennaio del 1942, quasi due mesi prima dell’uscita nelle sale del film, Carole Lombard che stava partecipando a un tour per la raccolta di fondi, morì a 33 anni insieme alla madre e agli altri 20 passeggeri del volo TWA a bordo del quale stava tornando a Los Angeles e che si schiantò contro il Monte Potosi. Vogliamo Vivere! diventò così l’ultimo film dell’attrice che aveva iniziato la sua carriera Hollywoodiana ancora ragazzina all’epoca del muto e che negli anni era diventata una delle regine della commedia sofisticata.

Vogliamo Vivere! È uno di quei film che dovreste  vedere e non solo perché è divertente, perché è diretto da Lubitsch o perché è una delle migliori interpretazioni di Carole Lombard, ma anche perché ci ricorda che non prendere troppo sul serio quello che ci spaventa è un modo efficace per affrontarlo. Mettere in ridicolo un nemico, smontarne l’ideologia con una risata a volte può fargli maledettamente male. La satira è un’arma potente.

Alcuni film liberamente associati che potrebbero piacervi (cliccate sul titolo per vedere una scena o il trailer):

La guerra lampo dei Fratelli Marx – USA 1933 Diretto da: Leo McCarey. Con: Groucho, Harpo, Chico, Zeppo Marx; Margaret Dumont.

Il Grande Dittatore – USA 1940 Diretto da: Charles Chaplin. Con: Charles Chaplin; Paulette Goddard; Jack Oakie-

La Primula Smith – UK 1941 Diretto da: Leslie Howard. Con: Leslie Howard; Francis L. Sullivan; Mary Morris.

Per favore, non toccate le vecchiette – USA 1967 Diretto da: Mel Brooks. Con: Zero Mostel; Gene Wilder; Dick Shawn; Kenneth Mars; Lee Meredith.

The Blues Brothers – USA 1980 Diretto da: John Landis. Con: John Belushi; Dan Aykroyd; Carrie Fisher; Aretha Franklyn; James Brown; Ray Charles…

Bastardi senza gloria – USA 2009 Diretto da: Quentin Tarantino. Con: Christoph Waltz; Brad Pitt; Melanie Laurent; Eli Roth; Michael Fassbender; Diane Krueger; Daniel Brühl.

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

One response »

  1. Lubitsch made the memorable comment that he didn’t portray the Nazis as sadistic because “it no more takes sadism to run a death camp than to run a laundromat.”

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s