Holiday 1938

Holiday (Incantesimo) – USA 1938

Directed by: George Cukor.

Starring: Cary Grant; Katharine Hepburn; Doris Nolan; Lew Ayres; Edward Everett Horton; Jean Dixon.

It’s time to take a holiday (while we’re still young…)

What’s better than leaving all your everyday tasks behind to enjoy life, real life, while you’re still young? And what’s better than do it with the one you love? The only trouble is that maybe at some point you can discover that your beloved one has a different idea on what real life is!

Holiday – 1938 (Photo Credit: Wikipedia)

Holiday, the 1938 movie directed by George Cukor and starring Katharine Hepburn and Cary Grant (here at their third film together, there will be also a fourth), is all about this. The always cool and elegant Cary, for once, is a very unconventional guy (and you’ll understand immediately: his dress is shabby and his hair… is a mess!!!!), a self-made man called Johnny Case, who has just met the girl of his dream, Julia Seton (Doris Nolan), during a winter holiday in Lake Placid. Back to New York, after informing his dear (and also unconventional) friends Nick and Susan Potter (Edward Everett Horton and Jean Dixon in her last film) that he will marry that beautiful, wonderful girl, Johnny discovers that Julia is one of “those” Seton, one of the wealthiest family in Park Avenue. The Seton’s Mansion is a mausoleum, Julia’s brother Ned (Lew Ayres) is a drunkard, Julia’s sister Linda (Katharine Hepburn) is a bit nut (but very amicable) and Julia’s father (Henry Kolker) is terribly attached to formalities and money. Johnny wins everybody’s heart and during the New Year’s Eve Party, after the engagement has been announced, he reveals his project to retire from work to fully enjoy life while he’s young. Julia and her father are shocked, they both think that to make money and then make more money it’s the most wonderful thing in this world. On the other hand Linda, who thought from the beginning that this handsome unusual guy could solve all Setons troubles, find herself in love with him. Johnny thinks he could change for the love of Julia, but in the end understands they are too different, while Linda…

English: Publicity photograph of Katharine Hep...

Katharine Hepburn. (Photo credit: Wikipedia)

When it was first released in June 1938, critics liked Holiday, the second movie adaptation of Philip Barry‘s play (the first one, dated 1930, starred Ann Harding as Linda), more than audiences did. The cast won critics praise for a “first-class screen acting”, but the bad results at the box office only seemed to confirm Katharine Hepburn fame as “box office poison”. Only a month before in fact, she had ended in a list published in the Independent Film Journal that exposed famous and over paid actors and actresses that seemed almost unable to attract audiences to theatres (she was in good company with Garbo, Joan Crawford, Mae West, Fred Astaire, Marlene Dietrich….). But the blame for the lack of appeal on audiences shouldn’t be put exclusively on “poisonous” Kathe or on Cary Grant for once cast against type (his messy hair…).

In 1938 people were still facing the Great Depression so probably, despite a (vague) screwball comedy tone and despite Cary Grant and Katharine Hepburn acrobatic numbers (the coolest man ever had been, as Archibald Leach, a Vaudeville acrobat), they couldn’t be sympathetic to a rich girl (and to her fathe)r who only loved money, to a drunkard who wasn’t even funny, to the lunatic (if not, alas, really hysteric) Linda who despised her family riches and above all to a guy like Johnny, who was planning to get rid of his (good) job while the most were struggling to find one. Something we can easily understand even today, thanks(!!!) to the never ending (at least here) economic crisis.

Anyway, Holiday is a good movie and you should watch it at least once, but above all it perfectly matches my current feelings.

As you surely noticed recently I’ve been a bit absent, partly because of my non virtual life (everybody got one!!), partly because the infernal machine I’m using to write and post this has collapsed and has been resuscitated more than once during the last weeks. (Its fate is written and the funeral planned). Now I’m going to take a little virtual vacation, therefore the blog too will be on holiday for a while.

 and now, before the holiday begins, a few totally unrelated movies you could watch … unless you got something better to do (click on the titles to watch a clip or the trailer):

A breathtaking romance

Notorious – USA 1946 Directed by: Alfred Hitchcock. Starring: Ingrid Bergman; Cary Grant; Claude Rains.

a romantic challenge for ex-smokers

Now Voyager – USA 1942 Directed by: Irving Rapper. Starring: Bette Davies; Paul Henreid.

a special tour round the Eternal City

Roman Holiday – USA 1953 Directed by: William Wyler. Starring: Audrey Hepburn; Gregory Peck.

a couple of brand new girls with a little bit of “sugar”

Some Like it Hot – USA 1959 Directed by: Billy Wilder. Starring: Jack Lemmon; Tony Curtis; Marilyn Monroe.

an hilarious ménage a trois

Design for living – USA 1933 Directed by: Ernst Lubitsch. Starring: Miriam Hopkins; Gary Cooper; Fredric March; Edward Everet Horton.

a naughty lion tamer

I’m no Angel – USA 1933 Directed by: Wesley Ruggles. Starring: Mae West; Cary Grant.

a double faced gentleman

Dr Jekyll and Mr Hyde – USA 1931 Directed by: Rouben Mamoulian. Starring: Fredric March; Miriam Hopkins.

a very elegant fellow who never drinks…wine

Dracula – USA 1931 Directed by: Tod Browning. Starring: Bela Lugosi; Dwight Frye; Helen Chandler.

…and something that crawls, creeps and will eat you alive!

The Blob – USA 1958 Directed by: Irvin S. Yeaworth Jr. Starring: Steve McQueen; Aneta Corsaut.

Have a good digital detoxing holiday!

I’ll be back in September, hope to find you here.

pellicola2

È ora di prendersi una vacanza (finché siamo ancora giovani…)

Potete immaginare qualcosa che sia meglio del riuscire a lasciarvi alle spalle le tediose incombenze di tutti i giorni per godervi la vita, nel vero senso del termine, mentre siete ancora giovani? E non sarebbe fantastico farlo con la persona che amate? Potrebbe però esserci un piccolissimo problema: potreste scoprire che il/la vostro/a beneamato/a ha un’idea diversa dalla vostra riguardo al significato dell’espressione “godersi la vita”!

English: RKO publicity still from Suspicion (1941)

Cary Grant (Photo credit: Wikipedia)

Incantesimo (Holiday il titolo originale), il film del 1938 diretto da George Cukor ed interpretato da Katharine Hepburn e Cary Grant (al terzo dei quattro film girati insieme)  parla proprio di questo. Il sempre inappuntabilmente elegante Cary. una volta tanto, interpreta un tipo davvero poco convenzionale (e lo si capisce immediatamente: il suo vestito è un po’ malandato e il suo ciuffo… beh, quello è addirittura tutto spettinato!!!!!), tal Johnny Case, un uomo che si è fatto da solo e che ora, durante una vacanza invernale a Lake Placid (siamo nel periodo Natalizio anche se non sembra), ha finalmente incontrato la ragazza dei suoi sogni, Julia Seton (Doris Nolan). Tornato a New York, dopo aver informato i suoi cari (ed altrettanto poco convenzionali) amici Nick e Susan Potter (Edward Everett Horton e Jean Dixon al suo ultimo film) delle sue imminenti nozze, Johnny scopre che Julia è una di “quei” Seton, una delle famiglie più ricche ed influenti di Park Avenue. La casa dei Seton è un mausoleo, il fratello di Julia, Ned (Lew Ayres) è una spugna, la sorella di Julia, Linda (Katharine Hepburn) è un po’ picchiatella (ma davvero amichevole) e il padre di Julia (Henry Kolker) è terribilmente attaccato alle formalità e al denaro. Johnny riesce a conquistare tutti e nel corso del party di Capodanno durante il quale viene annunciato il fidanzamento, rivela il suo progetto di ritirarsi dagli affari per godersi la vita finché è giovane. Julia e il padre sono sconcertati, per entrambi far soldi e poi ancora più soldi è la cosa più bella del mondo. Linda invece, che fin dall’inizio ha visto in quel bel ragazzo anticonformista la soluzione ai problemi dell’intera famiglia, capisce di essersene innamorata. Johnny all’inizio pensa di poter cambiare per amore di Julia fino a quando capisce che loro sue sono troppo diversi, mentre Linda invece…

Edward Everett Horton  (Photo Credit: Wikipedia)

Nel giugno del 1938, all’uscita del film nelle sale, la critica amò Incantesimo, secondo adattamento cinematografico di una commedia di Philip Barry (il primo film era del 1930 e nel ruolo di Linda c’era Ann Harding), molto più di quanto non fece il pubblico. Nonostante le lodi tributate al cast per la “recitazione di prima classe”, lo scarso risultato al botteghino sembrò confermare la fama di “box office poison” di Katharine Hepburn che appena un mese prima era finita in una lista di attori famosissimi e strapagati ma poco capaci di attirare spettatori nelle sale pubblicata sull’ Independent Film Journal (era in buona compagnia, c’erano anche la Garbo, Joan Crawford, Mae West, Fred Astaire, Marlene Dietrich….). Ma lo scarso appeal del film sul pubblico probabilmente non dipese unicamente dalla “velenosa” Kathe o da un Cary Grant lontano dal suo solito cliché (quel ciuffo spettinato….).

Lew Ayres (Photo Credit: Wikipedia)

Probabilmente, nonostante un vago tono da commedia sofisticata e le acrobazie di Cary Grant e Katharine Hepburn (l’uomo più cool di tutti i tempi, quando ancora si chiamava Archibald Leach, aveva iniziato la carriera come acrobata del vaudeville), il pubblico che da quasi un decennio era alle prese con i nefasti effetti della Grande Depressione non riuscì a provare simpatia per una bella ragazza e per il suo vecchio padre che pensavano solo al denaro e a come accumularne sempre di più, per un ubriacone che non era nemmeno divertente, per la lunatica (se non ahilei proprio isterica) Linda che tanto disprezzava le ricchezze di famiglia e soprattutto per un tipo come Johnny, che in un momento in cui un lavoro per molti era ancora un miraggio pensava di buttare il suo alle ortiche. Considerazioni che tra l’altro si potrebbero tranquillamente fare anche ora vista la situazione economica che stiamo vivendo.

In ogni caso Incantesimo, che è decisamente un bel film che dovreste vedere, mi è tornato alla mente perché è perfettamente in tono con la mia voglia di staccare un po’.

Come avrete sicuramente notato sono stata un po’ assente di recente, in parte per via della mia vita non virtuale (ne abbiamo tutti una!!), in parte per via della macchina infernale che sto usando per scrivere e postare quello che state leggendo che è collassata ed è stata pietosamente resuscitata più di una volta nelle ultime settimane (il suo destino è scritto e il funerale è già programmato). Ora mi prendo una vacanza virtuale quindi anche il blog sarà chiuso per ferie per qualche settimana.

ma prima, alcuni film che non c’entrano assolutamente niente ma che potreste guardarvi durante le vacanze… sempre che non abbiate niente di meglio da fare (se cliccate i titoli potete vedere una scena o il trailer):

Una storia d’amore da togliere il fiato:

Notorious, l’amante perduta – USA 1946 Diretto da: Alfred Hitchcock. Con: Ingrid Bergman; Cary Grant; Claude Rains.

Una romantica sfida per fumatori pentiti

Perdutamente tua – USA 1942 Diretto da: Irving Rapper. Con: Bette Davies; Paul Henreid.

Un tour molto speciale nella Città Eterna

Vacanze Romane – USA 1953 Diretto da: William Wyler. Con: Audrey Hepburn; Gregory Peck.

Una coppia di ragazze nuove di pacca e un po’ di “zucchero”

A qualcuno piace caldo – USA 1959 Diretto da: Billy Wilder. Con: Jack Lemmon; Tony Curtis; Marilyn Monroe.

Un irresistibile ménage a trois

Partita a Quattro – USA 1933 Diretto da: Ernst Lubitsch. Con: Miriam Hopkins; Gary Cooper; Fredric March; Edward Everet Horton.

Una maliziosa domatrice di leoni

Non sono un Angelo – USA 1933 Diretto da: Wesley Ruggles. Con: Mae West; Cary Grant.

Un gentiluomo del doppio volto

Il Dottor Jekyll – USA 1931 Diretto da: Rouben Mamoulian. Con: Fredric March; Miriam Hopkins.

Un elegnatone che non beve mai… vino

Dracula – USA 1931 Diretto da: Tod Browning. Con: Bela Lugosi; Dwight Frye; Helen Chandler.

…e qualcosa che striscia, si insinua e vi mangerà vivi!

Blob-Fluido Mortale – USA 1958 Diretto da: Irvin S. Yeaworth Jr. Con: Steve McQueen; Aneta Corsaut.

Buone vacanze digital-disintossicanti!

Io torno a Settembre, spero di ritrovarvi qui.

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s