Plein Soleil 1960

Plein Soleil (Purple Noon – Delitto in pieno sole) – FRA/ITA 1960

Directed by: René Clément.

Starring: Alain Delon; Maurice Ronet; Marie Laforêt.

The Class Struggle according to Mr Ripley

Take an idle rich, study his behaviour, habits and manners, get rid of him (no pity allowed) and finally take his place. A very peculiar kind of Class Struggle, isn’t it?

Plein Soleil – official US poster (Photo credit: Wikipedia)

Anyway, that’s more or less Tom Ripley’s way to cope with disparity between rich and poor as you will discover watching Plein Soleil (Purple Noon is the English title), the 1960 French thriller directed by René Clément and starring Alain Delon, who became thanks to this movie (and thanks to Luchino Visconti‘s Rocco and his borthers, also released in 1960) an international movie star.

As you can guess the French actor is Tom Ripley a penniless American guy send to Italy to persuade an old friend, the idle rich Philip Greenleaf (Maurice Ronet), to return to United States. Philip’s father promised him 5000 $, but the mission soon proved to be impossible. Tom remains anyway with the friend, interfering between him and his girlfriend Marge (Marie Laforêt), becoming a sort of personal assistant (often humiliated) and most of all desiring to fill his friend’s shoes…

SPOILER ALERT: I warn you, if you’ve never watched this film before, this is the right moment to go and fetch a copy, otherwise you’re going to read the rest of this article at your own risk…

If my description of the story slightly reminds you to something you’ve already read or watched before, well this is not a coincidence.

Plein Soleil is in fact loosely based on The Talented Mr Ripley, the1955 novel (the first of five novels about Tom Ripley) written by Patricia Highsmith that was adapted again for cinema in 1999 (and if you’re not very, very young probably remember it): the movie, apparently a more faithful adaptation having the same book title (I can’t judge this cause I’ve never read the book, sorry), was directed by Anthony Minghella and starred Matt Damon as Ripley, Jude Law as Greenleaf (but correctly called Dickie) and Gwyneth Paltrow as Marge (plus Philip Seymour Hoffman and Cate Blanchett in minor roles).

The Talented Mr. Ripley

The Talented Mr. Ripley (Photo credit: Wikipedia)

Anyway, Pein Soleil is completely different from The Talented Mr Ripley and, in my humble opinion, is also a better film.

Plein Soleil is more concise, we are spared the clichés about Italy and Italians (after all the movie is contemporary with the story and is a French-Italian production), as we are spared unrequired didactic explanations on why and how Ripley arrived in Italy or about his relationship with Greenleaf (Philip). As the movie starts, we meet Tom and Philip and immediately understand what’s going on: Philip Greenleaf is rich, Tom Ripley is poor. They both pretend to be friend: Greenleaf despises Ripley cause penniless and in need of his father’s money so he bullies him a bit. Ripley despises Greenleaf cause he has everything he wants. In Minghella’s version the relationship between Ripley and Dickie is (at least in Ripley’s mind) a sort of love affair, in Clément’s movie Ripley and Philip are playing cat and mouse: Greenleaf wants to see how far Ripley will go to make what he consider a little pocket money, while Ripley simply wants Greenleaf’s clothes, shoes, home, boat, girlfriend and life.

In both movies Ripley has a special talent for lies and impersonation. Anyway, Ripley/Damon seems to be at the mercy of circumstances: when Dickie (violently) rejects him, he kills him in a rage (but also in self-defence, appearing this way if not innocent at least less guilty) and then, distraught, remains for a long time beside his corpse before getting rid of it.

Alain Delon as Ripley (Photo Credit: Wikipedia)

On the other hand Ripley/Delon, threateningly charming as much as the French actor could be, knows too well what he wants: to fill Greenleaf’s shoes. He’s only waiting, disguised in a servile pose, for the right occasion, and possibly for a reason, to take action. During a yachting trip with Philip and Marge, the wealthy guy’s cruelty to him (and Marge too) prompts Ripley to action: he arranges things to cause an argument between the two lovers just to give Marge an excuse to go ashore, then once alone with Philip he kills him in cold blood, immediately get rid of his corpse and in the end, not at all distraught, eat something.

And what about the identity theft? Well, once again Ripley /Damon seems at the mercy of events: someone mistake him for Dickie and so he goes on improvising between (mortal) hitches and strokes of luck. Ripley/Delon made plans (the more you see, the more you understand it), he’s a proficient forger (the scene when he forges Philip passport and learn how to make his sign could be used in a crime academy), nothing happens by chance. And in the end, he (lethally) overcome obstacles and get what he wanted. Everything: house, boat, clothes, money and girl.

SPOILER ALERT: once again, if you’ve never watch this movie, you better skip the last few lines…

Critics and audiences liked Plein Soleil. Patricia Highsmith highly appreciated Alain Delon performance (after all as I told you this movie made him a star) but disliked the ending. In fact in this movie, after a real coup de théâtre, Ripley is caught by police enraging Highsmith who called this “a terrible concession to so-called public morality”. In my opinion anyway (sorry if I sound a bit presumptuous contradicting Ripley’s “mother”, but I’ve never read her novel so I simply judge the film) this ending with Ripley on the beach so satisfied with his newly conquered place in the sun, sure to have “the best” at his disposal who ends (unaware till the end and far from our sight) captured by police is a great ending.

Anyway, whether you like the ending or not Plein Soleil is a film you shouldn’t miss (and about The Talented Mr Ripley, well, do as you wish…),

A few free-associated movies you could also like (click on the title to watch a clip or the trailer):

Spellbound – USA 1945 Directed by: Alfred Hitchcock. Starring: Ingrid Bergman; Gregory Peck; LeoG. Carroll.

Vertigo – USA 1958 Directed by: Alfred Hitchcock. Starring: James Stewart; Kim Novak; Barbara Bell Geddes.

Woman of Straw – UK 1964 Directed by: Basil Dearden. Starring: Gina Lollobrigida; Sean Connery; Ralph Richardson.

Trading Places – USA 1983 Directed by: John Landis. Starring: Dan Aykroyd; Eddy Murphy; Jamie Lee Curtis; Sam Bellamy; Don Ameche; Denholm Elliott.

Sommersby – USA 1993 Directed by: Jon Amiel. Starring: Richard Gere; Jodie Foster; Bill Pullman; James Earl Jones.

The Talented Mr Ripley – USA 1999 Directed by: Anthony Minghella. Starring: Matt Damon; Jude Law; Gwyneth Paltro; Philip Seymour Hoffman; Cate Blanchett.

Ripley’s game – ITA/UK/USA 2002 Directed by: Liliana Cavani. Starring: John Malkovich; Dougray Scott; Ray Winstone; Chiara Caselli.

pellicola2

La Lotta di Classe secondo Mr Ripley

Prendete un ricco viziato, studiatene il comportamento, le abitudini, le maniere, liberatevene (non è concessa alcuna pietà) e quindi sostituitevi a lui. Un genere molto particolare di Lotta di Classe, che ne dite?

Alain Delon nei primi anni ’60 (Photo credit: Wikipedia)

Questo comunque è più o meno il modo in cui Tom Ripley affronta le disparità sociali come scoprirete guardando Delitto in pieno sole (Plein Soleil il titolo originale), il thriller Francese del 1960 diretto da René Clément ed interpretato da Alain Delon, che grazie a questo film (ed a Rocco e i suoi fratelli di Luchino Visconti uscito nello stesso anno) attirò su di sé, a soli 25 anni, l’attenzione della critica (e del pubblico) internazionale.

Come avrete capito Alain Delon è Tom Ripley, uno squattrinato ragazzo Americano inviato in Italia per convincere un vecchio amico, il ricco e ozioso Philip Greenleaf (Maurice Ronet), a tornare negli Stati Uniti. Il padre di Philip gli ha promesso 5000 $, ma la missione si è ben presto rivelata impossibile. Tom comunque è rimasto a vivere con l’amico, intromettendosi nella sua relazione con Marge (Marie Laforêt), diventando una specie di tuttofare (spesso umiliato) e sopratutto desiderando di prendere un giorno il posto dell’amico…

ATTENZIONE SPOILER: vi avverto, se non avete mai visto questo film, questo è il momento giusto per procurarvene una copia, altrimenti continuate pure la lettura dell’articolo ma a vostro rischio e pericolo…

Se quello che vi ho detto fino a qui vi ricorda vagamente qualcosa che avete già visto o letto, beh non è una semplice sensazione.

The Talented Mr. Ripley (film)

The Talented Mr. Ripley  (Photo credit: Wikipedia)

Delitto in pieno sole è infatti liberamente tratto da Il Talento di Mr Ripley, romanzo del 1955 (il primo di una serie di cinque romanzi dedicati a Ripley) di Patricia Highsmith che nel 1999 (e a meno che non siate giovanissimi, probabilmente ve ne ricorderete) fu portato nuovamente sul grande schermo col suo titolo originale e una sceneggiatura apparentemente più fedele al romanzo (questo non lo posso giudicare perché non l’ho letto, mi spiace) dal regista inglese Anthony Minghella con Matt Damon nel ruolo di Ripley, Jude Law in quello di Greenleaf (che come nel libro però si chiama Dickie) e Gwyneth Paltrow in quello di Marge (oltre a Philip Seymour Hoffman e Cate Blanchett in ruoli minori).

Delitto in pieno sole ed Il talento di Mr Ripley sono però due film diversissimi e se posso permettermi un giudizio personale, il primo è un film migliore.

Delitto in pieno sole è più asciutto, la trasposizione meno didascalica, ci vengono risparmiate le cartoline dall’Italia (del resto il film, girato negli anni in cui è ambientato, è una produzione Franco-italiana), le spiegazioni sul perché e il percome Ripley sia arrivato in Italia e su come si sia sviluppato il rapporto tra lui e Greenleaf (Philip). Quando inizia il film trovandoci di fronte a Ripley e Greeleaf capiamo immediatamente quello che sta succedendo: Philip Greenleaf è ricco, Tom Ripley è povero. Entrambi fingono di essere grandi amici: Greenleaf disprezza Ripley perchè è povero e ha bisogno dei soldi di suo padre e approfitta della situazione per comportarsi un po’ da bullo. Ripley disprezza Greenleaf perchè, ha tutto quello che lui desidera. Se nel film di Minghella quella tra Ripley e Dickie è (almeno per Rypley) una storia d’amore, in quello di Clément Ripley e Philip giocano al gatto e il topo. Greenleaf vuole vedere fino dove si spingerà Ripley pur di guadagnare quelli che per lui sono pochi spiccioli. Ripley invece vuole gli abiti di Greenleaf, le sue scarpe, la sua casa, la sua barca a vela, la sua ragazza, la sua vita.

In entrambi i film Ripley è un ragazzo con un talento speciale per la simulazione e l’inganno. Ripley/Damon però sembra in balia delle circostanze: quando Dickie lo respinge (in malo modo, violentemente), lui lo uccide in preda alla rabbia (ma anche per autodifesa, cosa che agli occhi dello spettatore ne alleggerisce le responsabilità), e poi, sconvolto, veglia il cadavere prima di sbarazzarsene.

Patricia Highsmith

Patricia Highsmith (Photo credit: Wikipedia)

Ripley/Delon, affascinante ed inquietante tanto quanto l’attore francese, invece sa bene che quello che vuole è la vita di Philip, sta solo aspettando il momento giusto, la giusta ragione per passare all’azione e prendersela. Nell’attesa si nasconde dietro un atteggiamento mite e servile. Quando durante un viaggio in barca a vela con Philip e Marge, il ricco fannullone lo umilia oltre ogni limite (e poi fa lo stesso con la ragazza), Ripley decide di agire: fa in modo che Philip e Marge litighino per dare alla ragazza una ragione per sbarcare e una volta solo con l’amico lo uccide a sangue freddo, si disfa del cadavere, e poi, per niente sconvolto, mangia.

In quanto allo scambio di identità poi Ripley/Damon sembra ancora una volta in balia degli eventi: qualcuno lo scambia per l’amico e lui prosegue improvvisando tra contrattempi (mortali) e colpi di fortuna. Ripley/Delon invece ha un piano (e più ci addentriamo nella storia più la cosa diventa evidente), è un falsario provetto (la scena in cui falsifica il passaporto e impara a fare la firma dell’amico sono da accademia del crimine) e non lascia nulla al caso. E alla fine, superata la sua dose di contrattempi (mortali) ottiene quello che vuole. Tutto: casa, barca, vestiti, soldi e ragazza.

ATTENZIONE SPOILER: scusate per l’interruzione, ma se non avete ancora visto il film è meglio che saltiate le ultime righe….

Delitto in pieno sole piacque a pubblico e critica. Patricia Highsmith apprezzò molto l’interpretazione di Alain Delon (che del resto come vi ho già detto anche grazie a questo film divenne una star internazionale) ma si lamentò però del finale. Ripley infatti dopo un’autentico colpo di scena, quando ormai è sicuro di avercela fatta, viene catturato dalla polizia, una concessione eccessiva, secondo la scrittrice, alla morale comune che vuole sempre ogni delitto punito. A mio giudizio invece (e scusatemi per l’immodestia con la quale mi permetto di contraddire la “mamma” di Ripley, ma non avendo mai letto il suo romanzo giudico semplicemente un film), quel finale con Ripley sulla spiaggia, ormai sicuro di essersi conquistato un posto al sole e tutto preso ad assaporarsi la possibilità di avere solo il meglio, che credendo di dover rispondere ad una telefonata si getta ignaro tra le braccia della polizia (cosa che accadrà lontano dall’occhio indiscreto della macchina da presa) è una delle cose migliori del film.

In ogni caso, comunque la pensiate riguardo al finale, Delitto in pieno sole è un film che non dovreste perdervi (per Il talento di Mr Ripley invece fate come credete…).

 Alcuni film liberamente associati che potrebbero piacervi (cliccate sul titolo per vedere una scena o il trailer):

Io ti salverò – USA 1945 Diretto da: Alfred Hitchcock. Con: Ingrid Bergman; Gregory Peck; LeoG. Carroll.

La donna che visse due volte – USA 1958 Diretto da: Alfred Hitchcock. Con: James Stewart; Kim Novak; Barbara Bell Geddes.

La donna di paglia – UK 1964 Diretto da: Basil Dearden. Con: Gina Lollobrigida; Sean Connery; Ralph Richardson.

Una poltrona per due – USA 1983 Diretto da: John Landis. Con: Dan Aykroyd; Eddy Murphy; Jamie Lee Curtis; Sam Bellamy; Don Ameche; Denholm Elliott.

Sommersby – USA 1993 Diretto da: Jon Amiel. Con: Richard Gere; Jodie Foster; Bill Pullman; James Earl Jones.

Il talento di Mr Ripley – USA 1999 Diretto da: Anthony Minghella. Con: Matt Damon; Jude Law; Gwyneth Paltro; Philip Seymour Hoffman; Cate Blanchett.

Il gioco di Ripley – ITA/UK/USA 2002 Diretto da: Liliana Cavani. Con: John Malkovich; Dougray Scott; Ray Winstone; Chiara Caselli.

 

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

One response »

  1. Happy days! Available on Hulu Plus. Thanks for the recommendation.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s