Path of Glory 1957

Path of Glory (Orizzonti di Gloria) – USA 1957

Directed by: Stanley Kubrik.

Starring: Kirk Douglas; Adolphe Menjou; George Macready; Ralph Meeker; Joe Turkel; Timothy Carey.

“There are few things more fundamentally encouraging and stimulating than seeing someone else die…”

Sarajevo – June, 28 1914: Archduke Franz Ferdinand of Austria, heir presumptive to the Austro-Hungarian throne, and his wife Sophie, Duchess of Hohenberg, are killed by the Yugoslav nationalist Gavrilo Princip, a Bosnian Serb part of a group of six assassins.

It’s the end of the Belle Epoque.

Path of Glory (Photo Credit: Wikipedia)

After a tense month, on July 28, the Austro-Hungarian Empire declares war to Serbia. In August, 7 countries are at war, more will follow and in a few weeks all the world’s economic Great Powers will be involved assembled in two opposing block: the Allies (France; British Empire; Russia; Serbia; Montenegro; Belgium; Italy – joining in 1915-; USA -1917- and others…) vs Central Powers (Austro-Hungarian Empire; Germany; Ottoman Empire; Bulgaria…). The war should be over in autumn, then in spring… it will go on till 1918 causing millions of deaths, the loss of a generation, and leaving many people wounded in their body and in their soul too. It will be remembered as the Great War, the First World War. Europe (even the winning Countries) will end weakened in its economic power and the USA will become the new World Power. The Central Powers defeat will cause the collapse of two Empires (Austro-Hungarian and Ottoman), a deep economic crisis, revolutions, chaos in the middle-east, the fascist dictatorship in Italy, the birth of Nazism in Germany and within 20 years a new deadliest war: War World II.

One hundred years after those events, I propose you to watch this week Path of Glory the 1957 war movie directed by Stanley Kubrik and starring Kirk Douglas (who also produced this film with Bryna Production).

Deutsch: Bildnis Franz Ferdinand, Erzherzog vo...

Franz Ferdinand of Austria with his wife Sophie and thier children Shopie and Maximilian in 1904 (Photo credit: Wikipedia)

Based on the book with the same title written by Humphrey Cobb, the film is set in France in 1916. The soldiers are stuck into trenches while every battle can only move the front line of a few hundred metres. Behind the front line, in a castle, Major General Georges Broulard (Adolphe Menjou) convinces Brigadier General Paul Mireau (George Macready) that it’s time to launch an assault (though it’s clear there’s little hope to succeed) to a well defended German position. Mirau goes to the battlefield and ignoring the opinion of Colonel Dax (Kirk Douglas), who advises him that there are only a few chances to win while heavy casualties are certain, commands the attack (safely remaining in the trenches). The battle ends in a defeat, many soldiers refused to leave the trenches. General Mirau, enraged, wants 100 soldiers, chosen at random, court-martialled for cowardice and almost surelly killed for that. General Broulard convinces him to reduce the number to three, one from each company that took part to the failed assault. Dax, once a lawyer, volunteers to defend the three, but it’s an impossible mission because their fate is already decided. To watch their buddy die will stimualte the other soldiers giving them the “courage” to go on in the battlefield.

English: Adolphe Menjou (left) & Kirk Douglas ...

Adolphe Menjou and  Kirk Douglas in Paths of Glory  (Photo credit: Wikipedia)

Trying to decide what WWI-related movie I could propose you, I chose this one not because I’m a big fan of Kubrik or Kirk Douglas (on the contrary, and I think I already told you this talking about Spartacus the second and last film they made together), but because I think this no frill film, adapted from a novel based on a true story, can help us to realize who absurd war is (and in particular how absurd WWI had been).

The situation depicted in Path of Glory, apart from the very tidy trench, was not unusual. The soldiers were used like impersonal dummies good to be sacrificed. Top ranking officers, always well protected behind the front line, demanded them to throw themselves against the enemy’s bullets with the menace to be killed by an “encouraging” friendly fire. Exemplary punishments, administered at random, were not infrequent (in every coalition) and, as the movie shows, officers sometimes refused to believe that in those conditions shell-shock could even exist. What’s more, the controversial release through Europe seems to confirm the veracity of what told in Path of Glory: in Germany it was shown in 1960, in France (though not officially censored) only in 1975.

As I told you many other times, a film is not a documentary but can arouse your curiosity, drive you to learn more, help you not to forget… because who ignore history is bound to repeat it.

A few more WWI-related movies you could also like (click on the titles to watch a clip or the trailer):

All Quiet on the Western Front – USA 1930 Directed by: Lewis Milestone. Starring: Lew Ayres; Louis Wollheim.

Mata Hari – USA 1931 Directed by: George Fitzmaurice. Starring: Greta Garbo; Ramon Novarro; Lionel Barrymore; Lewis Stone.

A Farewell to Arms – USA 1932 Directed by: Frank Borzage. Starring: Helen Hayes; Gary Cooper; Adolphe Menjou.

La Grande Illusion – FRA 1937 Directed by: Jean Renoir. Starring: Jean Gabin; Erich von Stroheim; Dita Parlo; Pierre Fresnay.

Waterloo Bridge – USA 1940 Directed by: Mervyn LeRoy. Starring: Vivien Leigh; Robert Taylor; Virginia Fields; Lucile Watson.

The Great War – ITA 1959 Directed by: Mario Monicelli. Starring: Vittorio Gassman; Alberto Sordi; Silvana Mangano.

Many Wars Ago – ITA 1970 . Directed by: Gianfranco Rosi. Starring: Gian Maria Volonté; Pier Paolo Cappoini; Alain Cuny; Daria Nicolodi.

Johnny Got His Gun – USA 1971 Directed by: Dalton Trumbo. Starring: Timothy Bottoms; Kathy Fields; Diane Varsi; Donald Sutherland; Jason Robards.

pellicola2

Ci sono poche cose incoraggianti e stimolanti tanto quanto vedere qualcun altro che muore…”

Sarajevo – Giugno 1914: l’arciduca Franz Ferdinand d’Asburgo-Este, erede al trono dell’Impero Austro- Ungarico, e sua moglie Shopie, duchessa di Hohenberg, vengono uccisi da Gavrilo Princip, indipendentista serbo e membro di un gruppo di fuoco di sei persone.

È la fine della Belle Epoque.

Soldiers of the 87th Regiment, 6th Division at...

Soldiers of the 87th Regiment, 6th Division at Côte 304 (Hill 304), northwest of Verdun, in 1916 (Photo credit: Wikipedia)

Dopo un mese di tensioni diplomatiche il 28 Luglio l’Impero Austro-Ungarico dichiara guerra alla Serbia. In Agosto sette paesi sono già coinvolti nel conflitto, altri seguiranno ed in poche settimane le maggiori potenze Mondiali si schiereranno in due blocchi contrapposti: Alleati (Francia; Impero Britannico; Russia; Serbia e Montenegro; Belgio; Italia -dal 1915-; USA -dal 1917- e altri…) contro Imperi Centrali (Impero Austro-Ungarico; Germania; Impero Ottomano; Bulgaria…). Si diceva che quella guerra sarebbe durata solo fino all’autunno, poi che sarebbe finita entro la primavera… Quella guerra che passerà alla storia come la Grande Guerra, la Prima Guerra Mondiale, durerà invece fino al 1918 causando la morte di milioni di persone, la perdita di una generazione, lasciando milioni di uomini provati nel corpo e nell’anima. L’Europa sarà indebolita e ridimensionata nello scenario mondiale, gli Stati Uniti diventeranno la prima potenza Mondiale. La disfatta degli Imperi Centrali porterà alla fine di due imperi (quello Austro-Ungarico e quello Ottomano), ad una feroce crisi economica, ad una rivoluzione, al caos mediorientale, alla dittatura fascista in Italia, alla nascita nel nazismo in Germania ed in un ventennio, ad una guerra ancora più funesta: la Seconda Guerra Mondiale.

A cent’anni da quegli eventi, ho deciso di proporvi questa settimana la visione di Orizzonti di Gloria, il film diretto del 1957 dall’allora giovane Stanley Kubrik ed interpretato da Kirk Douglas (che lo produsse con la sua Bryna Production).

Kubrick, standing behind looking into camera, during production of Paths of Glory, showing filming of trench scene with reverse tracking method. (Photo credit: Wikipedia)

Tratto dall’omonimo romanzo di Humphrey Cobb, il film è ambientato in Francia nel 1916. I soldati vivono ormai da tempo in una situazione di stallo, bloccati nelle trincee mentre ogni nuova battaglia riesce a spostare la linea del fronte in una direzione o nell’altra solo di poche centinaia di metri. Nelle retrovie, in un castello, su sollecitazione del Generale Broulard (Adolphe Menjou), e con la prospettiva di un avanzamento di carriera, il Generale Mireau (George Macready) decide che è giunto il momento di lanciare l’attacco (che fin da subito appare come disperato) ad una strategica postazione tedesca. Mirau si reca sal fronte ed ignorando l’opinione del Colonnello Dax (Kirk Douglas) che lo avverte delle risicatissime possibilità di vittoria e della certezza di ingenti perdite, pretende che l’attacco venga lanciato. L’esito della battaglia è un disastro, molti soldati rifiutano di lasciare le trincee e il Generale, furioso, chiede al comando che la loro “codardia” venga punita con la decimazione: un soldato ogni dieci delle varie compagnie scelto a caso dovrebbe essere fucilato. Broulard gli concede che solo tre soldati, uno per ogni compagnia che ha preso parte all’assalto, vengano processati dalla corte marziale. Dax, avvocato nella sua vita precedente, ottiene di potersi occupare della difesa dei suoi uomini, ma è una missione impossibile, perché il loro destino è già segnato. Niente come vedere morire dei commilitoni potrà infondere negli altri soldati il “coraggio” necessario per continuare a combattere.

George Macready as General Mireau (Photo credit: Wikipedia)

Cercando di decidere quale film sulla Prima Guerra Mondiale proporvi, ho scelto questo non perché sia una grande fan di Kubrik o di Kirk Douglas (devo avervelo già detto parlandovi di Spartacus, il secondo ed ultimo film che i due girarono insieme), ma perché credo che questo film, girato senza troppi fronzoli e tratto da un romanzo ma ispirato ad una storia vera, permetta di rendersi conto di quanto mortalmente assurda possa essere la guerra (ed in particolare di quanto lo fu la Prima Guerra Mondiale).

La situazione in cui si trovano i soldati in Orizzonti di Gloria, a parte la trincea francamente un po’ troppo linda, non era affatto insolita. Trattati come inerte carne da cannone, i soldati venivano costretti da ufficiali sempre ben protetti nelle retrovie a gettarsi incontro ai proiettili sparati dal nemico con la minaccia di venire colpiti alle spalle da un “incoraggiante” fuoco amico. Le punizioni esemplari impartite a caso non erano infrequenti (e questo in ogni esercito e coalizione) e proprio come si vede nel film c’era persino il rifiuto di credere che in simili condizioni i militari potessero soffrire di quello che oggi chiameremmo disturbo post-traumatico. E la veridicità di quanto raccontato è confermata dal fatto che l’uscita del film fu osteggiata in alcuni paesi: in Germania uscì nel 1960, in Francia (sebbene non ufficialmente censurato) solo nel 1975.

Come vi ho detto altre volte, i film non sono documentari ma possono stimolare la curiosità a saperne di più e aiutare a non dimenticare… anche perché chi dimentica la storia spesso è condannato a ripeterla.

Altri film collegati alla Grande Guerra che potrebbero interessarvi (cliccate sui titoli per vedere una scena , il trailer o qualcosa di più):

Niente di Nuovo sul Fronte Occidentale – USA 1930 Diretto da: Lewis Milestone. Con: Lew Ayres; Louis Wollheim.

Mata Hari – USA 1931 Diretto da: George Fitzmaurice. Con: Greta Garbo; Ramon Novarro; Lionel Barrymore; Lewis Stone.

Addio alle Armi – USA 1932 Diretto da: Frank Borzage. Con: Helen Hayes; Gary Cooper; Adolphe Menjou.

La Grande Illusione – FRA 1937 Diretto da: Jean Renoir. Con: Jean Gabin; Erich von Stroheim; Dita Parlo; Pierre Fresnay.

Il Ponte di Waterloo – USA 1940 Diretto da: Mervyn LeRoy. Con: Vivien Leigh; Robert Taylor; Virginia Fields; Lucile Watson.

La Grande Guerra – ITA 1959 Diretto da: Mario Monicelli. Con: Vittorio Gassman; Alberto Sordi; Silvana Mangano.

Uomini Contro – ITA 1970 . Diretto da: Gianfranco Rosi. Con: Gian Maria Volonté; Pier Paolo Cappoini; Alain Cuny; Daria Nicolodi.

E Johnny Prese il Fucile – USA 1971 Diretto da: Dalton Trumbo. Con: Timothy Bottoms; Kathy Fields; Diane Varsi; Donald Sutherland; Jason Robards.

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

3 responses »

  1. Kubrick’s first masterpiece…many more were to follow. ML

  2. It’s an excellent film. I’d also recommend Joyeuse Noel, about the legendary informal Christmas truce on the front.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s