Rear Window 1954

Rear Window (La Finestra sul cortile) – USA 1954

Directed by: Alfred Hitchcock.

Starring: James Stewart; Grace Kelly; Thelma Ritter; Raymond Burr.

The nosey parker, the blonde and the murderer…

Towns burning with hight temperatures, humidity, mosquitoes, computers fainting for heat exhaustion (obliging you to an internet diet…sorry), through windows, wide open day and night, noises, voices and smells invade your space while you are overexposed and always in sight …

This is more or less (apart from fainting computers…)  the setting of Rear Window, the 1954 thriller directed by the master of suspense Alfred Hitchcock and starring James Stewart and Grace Kelly, “the” Hitchcock blonde .

Rear Window (Photo Credit: Wikipedia)

The protagonist, the photojournalist L.B. “Jeff” Jeffereys (James Stewart), in normal circumstances an adventurous man, is trapped home with a broken leg. To kill time between a visit from the insurance nurse (the good character actress Thelma Ritter, Margot Channing’s friend and personal assistant in All About Eve) and a romantic raid launched by Lisa Freemont, socialite, fashion journalist and wannabe Mrs Jeffereys, too beautiful and perfect not to scare to death an intrepid man, “Jeff” got nothing better to do than spy form his window his neighbours till, one day, he thinks he has discovered that one of them have made something really terrible…

In a few words: Rear Window is the story of a voyeur, who can’t bear the idea to be in the shadow of a smart woman (who’s anyway and evidently a bit disturbed too, seeing that because of her age, social position and undoubted charm could aspire to something better…), but redeem himself in our eyes finding a way to turn his little vice into an honourable action made to defend his community .

SPOILER ALERT: if because of an incredible accident you’ve never seen this movie or you’ve never heard of it (for instance, if you’ve been abducted by aliens and the odd green creatures deleted your memory…), this is the right moment to go and fetch a copy to fill the gap, otherwise you’re going to read the rest of the article at your own risk…

1954 ... 'Rear Window'

Hitchcock with James Stewart and Grace Kelly on the set of Rear Window (Photo credit: x-ray delta one)

Naturally, the picture, loosely based on a 1942 Cornell Woolrich‘s short story titled “It had to be murder” (retitled Rear Windows after the movie release), is much more complicated than this and it is packed with all those elements turning a thriller into an Hitchock movie: a dashing blonde (inner fire behind a cold surface…); a single setting (Jeff’s apartment and the rear courtyard) to increase tension; a policeman who’s, if not incompetent, not precisely smart; a mega-McGuffin (the plot device, but we’ll talk about it later); a little bit of humour and a common person involved in a dangerous situation, even if for once we can’t call this person “innocent” (and in fact in the end Hitchcock finds a way to “punish” him). Anyway, thanks to Hitchcock, it’s easy to put ourselves in Jeff’s shoes, and ain’t just because the one who plays him is James Stewart, who was, like the injured photojournalist, a real war hero and had such a good guy reputation to make you forget any other thought about our likeable voyeur  slimy nature. The scene he watches from his window (the beautiful scenery built at the Paramount Studios) seems a collage made with many different screens showing at the same time many different movies and Jeff is one of us, he’s sitting in a chair to watch a movie. We all are spying other peoples lives.

But what excites his and our fantasy ain’t what we can watch, but something that could have been happened while Jeff, heat exhausted, fell asleep (so that we also couldn’t watch what happened). A morning, his attention is caught by the sudden change of scene in one of the apartments: there’s a character missing, the bedridden domineering wife of an unhappy salesman is mysteriously vanished into thin air. Has she left the apartment, or maybe did she died killed by his husband? How could he get rid of her body? In how many little pieces he had to cut it to take it outside?

Cropped screenshot of James Stewart from the t...

James Stewart in Rear Window (Photo credit: Wikipedia)

With all those questions around that supposed crime inspired, as Hitchcock told to Truffaut, to a couple of famous murders happened in England years before (the Dr Crippen Case – London,1910 – and the Patrick Mahon Case – the Crumbles, 1924 – two feminicides. In both cases the victimms’ bodies had been dismembered in a clumsy  attempt to wipe out all evidences), the master of suspense is simply staging his mega-McGuffin, a diversion to disguise his true goal: to talk about the complicated relation between Jeff and Lisa, the charming(?) middle-aged bachelor who loves adventure and is now wounded in a wheel chair and the beautiful socialite too good to be true who’s trying to take advantage of her prey’s momentary weakness.

The stories screened in the courtyard facing Jeff’s window, at least the vast majority of this collection of (almost)silent pictures, got in fact something to do with the two mismatched lovers. They seems prequels, development and sequels of Jeff and Lisa’s story: the young and sexy dancer always surrounded by suitors (like Lisa, at least if we believe in Jeff’s opinion); the newlyweds love enthusiasts (who will be soon love exhausted); the old couple who had replaced children with a dog; the solitary spinster Miss lonelyheart, an omen of what could happen to an unmarried girl (but Lisa is too much everything to end this way) and above all the unhappy married couple ending (literally) into pieces.

Grace Kelly poses in an evening gown designed ...

Grace Kelly poses in an evening gown designed by Edith Head. (Photo credit: Wikipedia)

Jeff has too many time to brood over all those things he watches and that’s probably the reason why he resists very little graciously to each and every matrimonial assault of Lisa who’s even too explicit in throwing herself to him (especially because it’s 1954). To catch her prey the super-girl has no choice, she has to support him and comply with his little manias: she helps him with the investigation becoming his legs andproving herself audacious, and in the end the strategic move to win Jeff’s heart and admiration is breaking and entering into the murderer’s apartment to find the crime evidences (and risk her life) becoming this way herself someone to spy on.

If Rear Window at the time of its first release received good reviews – with the exception of the London Observer critic Miss Lejeune who called it “orrible” because there was in it a man watching all the time from his window, the only review Hitchcock mentioned in the interview with Truffaut – today this beautiful film made, as Hitchcock himself revealed, in a period when he was particularly full of energy, is probably the most cited among his works, re-told, referenced and spoofed many, many times. (And if you are eager to know what Hitchcock had to say about this movie to Truffaut you can listen to it with a click on the following link:

https://soundcloud.com/franceinter/hitchcock-truffaut-un-point-de)

Probably it is also the best synthesis of the entire master of suspense’s works, but for  sure Rear Window is another of those movies you should watch at least once in your life (if aliens have no objections).

A few free-associated movies you could also like (click on the title to watch a clip or the trailer):

Dead End – USA 1937 Directed by: William Wyler. Starring: Joel McCrea; Silvya Sydney; Wendy Barrie; Humphrey Bogart; the “Dead End Kids”.

Blow-up – ITA/UK/USA 1966 Directed by. Michelangelo Antonioni. Starring: David Hemmings; Vanessa Redgrave.

Body Double – USA 1984 Directed by: Brian De Palma. Starring: Craig Wasson; Melanie Griffith; Gregg Henry.

Women on the verge of a nervous breakdown (Mujeres al borde de un ataque de nervios) – ESP 1988 Directed by: Pedro Almodovar. Starring: Carmen Maura; Antonio Banderas; Rossy De Palma; Maria Barranco; Julieta Serrano.

Manhattan Murder Mystery – USA 1993 Directed by: Woody Allen. Starring: Woody Allen; Dane Keaton; Alan Alda; Angelica Huston.

American Beauty – USA 1999 Directed by: Sam Mendes. Starring: Kevin Spacey; Annette Bening; Thora Birch; Wes Bentley; Mena Suvari.

What Lies Beneath – USA 2000 Directed by: Robert Zemeckis. Starring: Michelle Pfeiffer; Harrison Ford.

pellicola2

Il ficcanaso, la bionda e l’assassino…

Città roventi per le alte temperature, l’umidità, le zanzare, i computer che “svengono” per il caldo (lasciandovi, così senza preavviso, disconnessi per una settimana…), le finestre spalancate giorno e notte, i rumori, le voci e gli odori che invadono il vostro mondo e voi sempre più esposti agli sguardi degli altri…

Cropped screenshot from the trailer for the fi...

Trying to catch an injured prey (Photo credit: Wikipedia)

Quello che vi ho descritto (computer imbizzarriti a parte) è più o meno lo scenario in cui si svolge La finestra sul cortile (Rear Window), il film del 1954 diretto dal maestro del brivido Alfred Hitchcock ed interpretato da James Stewart e da Grace Kelly, la bionda hitchcockiana per eccellenza.

Il protagonista, il fotoreporter L.B. “Jeff” Jeffereys (James Stewart), un uomo avezzo all’avventura, è intrappolato in casa con una gamba rotta. Tra una visita dell’infermiera dell’assicurazione (la brava Thelma Ritter già fidata assistente e amica di Margo Channing in Eva contro Eva) e un’incursione della bionda Lisa Freemont, salottiera giornalista di moda ed aspirante signora Jeffereys tanto bella e perfetta (ed infatti è Grace Kelly) da spaventare un intrepido uomo d’azione, “Jeff” non trova niente di meglio da fare che passare il tempo “spiando” dalla sua finestra tutti i movimenti dei vicini di casa fino quando un giorno crede di aver scoperto che uno di loro ha fatto qualcosa di davvero terribile…

In poche parole: La finestra sul cortile è la storia di un guardone, che mal sopporta di avere intorno una donna tanto in gamba da rischiare di metterlo in ombra (ma anche lei chiaramente è un po’ disturbata visto che per età, posizione sociale ed indubbia avvenenza potrebbe trovare di meglio…), ma che si riscatta agli occhi di noi spettatori trasformando il suo vizietto in un’opera di pubblica utilità.

ATTENZIONE SPOILER: se per un incredibile caso del destino non avete mai visto questo film e nemmeno ne avete sentito parlare (che so, siete stati vittime di un rapimento alieno e le simpatiche creature verdi vi hanno cancellato la memoria…), questo è il momento per procurarvene una copia e colmare la lacuna, altrimenti continuate a leggere il resto dell’articolo a vostro rischio e pericolo…

Grace Kelly

Grace Kelly (Photo credit: thefoxling)

Ovviamente il film, liberamente ispirato a un racconto di Cornell Woolrich del 1942 intitolato “It had to be murder” (reintitolato Rear Window, dopo l’uscita del film), è molto più complicato di così, ed altrettanto ovviamente è pieno zeppo di tutti quegli elementi che fanno di un thriller qualsiasi un autentico film di Hitchcock: una bionda strepitosa (fuoco che arde dietro a una superficie gelida…), l’azione svolta in un luogo ristretto  (l’appartamento di Jeff e il cortile su cui si affacciano le sue finestre) per accrescere la tensione, un poliziotto che si rivela se non proprio incompetente almeno non troppo sveglio, un mega-McGuffin (di cui parleremo dopo), uno spruzzo di humour e una persona comune coinvolta in una storia troppo complicata che però per una volta non è del tutto innocente (e infatti alla fine in qualche modo il buon Jeff verrà punito). Anche così però Hitchcock riesce a fare in modo che provare una certa simpatia per il simpatico guardone sia facile, e non solo perché ad interpretarlo è James Stewart, che in comune col fotoreporter infortunato aveva un passato da eroe di guerra e che con la sua aria da bravo ragazzo faceva passare in secondo piano ogni retropensiero sulla natura un poco viscida del suo personaggio. La scena che lui osserva (la magnifica scenografia del cortile costruita negli studi della Paramount) è quasi un collage di tanti piccoli schermi sui quali vengono proiettati diversi film: Jeff è uno di noi, anche lui seduto su una poltrona a guardare un film. Stiamo tutti “spiando” le vite di altre persone, non possiamo sentirci moralmente superiori.

Ad eccitare la sua e la nostra fantasia però non è tanto quello che effettivamente vediamo, quanto quello che potrebbe essere accaduto su uno di quegli “schermi” mentre Jeff sfinito dal caldo si è fatalmente addormentato (impedendo quindi anche a noi di vedere). In uno degli appartamenti, su uno degli schermi, c’è ad un certo punto un improvviso cambio di scenario, manca uno dei protagonisti: una donna invalida che fino al giorno prima dal suo letto comandava a bacchetta il marito sembra svanita nel nulla. Sarà partita, oppure sarà morta, magari uccisa dal marito? Come avrà fatto l’uomo a sbarazzarsi del cadavere? In quanti piccoli pezzi l’avrà ridotta per poterla fare uscire di casa inosservato?

Con questi interrogativi che ruotano intorno a un possibile omicidio ispirato, come confidò lo stesso Hitchcock a Truffaut, ad un paio di efferati delitti avvenuti in Inghilterra molti anni prima (i casi del Dottor Crippen – Londra, 1910 – e di Patrick Mahon – the Crumbles,1924 – due fattacci di sangue, due femminicidi finiti con lo smembramento dei cadaveri nel maldestro tentativo di far sparire ogni prova) il maestro del brivido sta semplicemente mettendo in scena il suo McGuffin, quell’artificio narrativo fatto apposta per sviare la nostra attenzione da quello che è il vero fulcro della storia: il rapporto tra Jeff e la bionda Lisa, il fascinoso(?) scapolone di mezz’età votato all’avventura ferito nel compimento del dovere e la giovane regina dei salotti troppo bella per essere vera che cerca di approfittare della momentanea debolezza della sua preda.

English: Studio publicity photo of Alfred Hitc...

English: Studio publicity photo of Alfred Hitchcock. (Photo credit: Wikipedia)

Quasi tutte le storie proiettate sugli “schermi” che circondano Jeff hanno infatti qualcosa a che fare con loro due, sono prequel, svolgimento e possibili sequel del film di cui loro sono i protagonisti: la giovane ballerina sexy circondata (come Lisa a sentir Jeff) di “pretendenti”; la coppia di sposini in luna di miele (che presto esuariranno il miele per sfinimento); la vecchia coppia senza figli attaccatissima al cane; la zitella della porta accanto, Miss cuore solitario, che sembra il presagio di quello che potrebbe accadere a Lisa se non si sposasse (ma una come lei ha troppo di tutto per fare una fine tanto malinconica!) e soprattutto la coppia infelice che alla fine finisce (letteralmente) in pezzi.

Jeff, forse riflettendo su quello che lo circonda, resiste senza troppa grazia ad ogni tentativo della super-ragazza di trascinarlo all’altare mentre lei gli si offre sfacciatamente (fin troppo, in fondo siamo nel 1954). Per conquistarlo a Lisa non resta altro da fare che assecondare le sue manie, partecipare alle sue attività investigative, diventare le sue gambe e farsi sempre più audace nel tentativo di smascherare l’assassino. E alla fine la mossa strategica che (forse) le fa guadagnare l’ammirazione di Jeff è l’introdursi nell’appartamento di fronte per trovare le prove dell’omicidio (ma rischiando di fare a sua volta la fine della signora scomparsa) diventando finalmente a sua volta un soggetto da spiare.

Se quando uscì per la prima volta nelle sale cinematografiche La finestra sul cortile fu in generale ben accolto da critica e pubblico – se si esclude però la critica del London Observer, Miss Lejeune (l’unica che Hitchcock ricordi nell’intervista con Truffaut) che lo definì un film “orribile” perché un tizio guardava costantemente dalla finestra – nel tempo è diventato il più “citato” tra i film del regista Inglese, rifatto, rivisitato e anche preso in giro.

Forse La finestra sul cortile è la migliore sintesi dell’opera di Hitchcock ed infatti fu realizzato, come rivelò il regista, in un periodo per lui particolarmente felice e creativo (a proposito, se siete interessati a sapere quello che aveva da dire su questo film il maestro del brivido in persona, potete ascoltare l’audio dell’intervista col regista francese cliccando su questo link: https://soundcloud.com/franceinter/hitchcock-truffaut-un-point-de).

Sicuramente è uno di quei film che proprio non potete fare a meno di vedere almeno una volta nella vita (interferenze aliene permettendo).

Alcuni film liberamente associati che potrebbero piacervi (cliccate sul titolo per vedere una scena o il trailer):

Strada Sbarrata – USA 1937 Diretto da: William Wyler. Con: Joel McCrea; Silvya Sydney; Wendy Barrie; Humphrey Bogart; the “Dead End Kids”.

Blow-up – ITA/UK/USA 1966 Diretto da. Michelangelo Antonioni. Con: David Hemmings; Vanessa Redgrave.

Omicidio a Luci Rosse – USA 1984 Diretto da: Brian De Palma. Con: Craig Wasson; Melanie Griffith; Gregg Henry.

Donne sull’orlo di una crisi di nervi – ESP 1988 Diretto da: Pedro Almodovar. Con: Carmen Maura; Antonio Banderas; Rossy De Palma; Maria Barranco; Julieta Serrano.

Misterioso Omicidio a Manhattan – USA 1993 Diretto da: Woody Allen. Con: Woody Allen; Dane Keaton; Alan Alda; Angelica Huston.

American Beauty – USA 1999 Diretto da: Sam Mendes. Con: Kevin Spacey; Annette Bening; Thora Birch; Wes Bentley; Mena Suvari.

Le Verità Nascoste – USA 2000 Diretto da: Robert Zemeckis. Con: Michelle Pfeiffer; Harrison Ford.

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

3 responses »

  1. blankenmom says:

    I still have yet to see this movie, but I’ve seen most of his others. Thanks for the reminder!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s