PimpernelSmith1941

 Pimpernel Smith (La Primula Smith) – UK 1941

Directed by: Leslie Howard.

Starring: Leslie Howard; Francis L. Sullivan; Mary Morris.

 Dear Nazis, you’re doomed…

An archaeologist fights against the Nazis…no, he’s name is not Indiana Jones, he’s not an adventurous, cheeky American treasure hunter and he won’t be saved by supernatural forces (oops, sorry…). Our hero’s name is Horatio Smith, he’s a professor in Cambridge and thanks to his absent-minded appearance he will rescue Jews from Nazi’s hands.

The film I’m going to tell you about ain’t in fact a funny 1980’s adventure movie, but an anti-nazi thriller, released in 1941, in the middle of WWII: it’s Pimpernel Smith (also known in the USA as Mister V), a British propaganda film produced an directed by its protagonist, Leslie Howard.

"Pimpernel" Smith

“Pimpernel” Smith (Photo credit: Wikipedia)

The British actor, who had been for more than two decades, between mid 1910’s to early 1940’s, a theatre and movie star in Britain and America, is now remembered for a role he detested and didn’t want to play, the wimpish Ashley Wilkes in Gone with the wind, too coward to find the time, in an almost four-hour long movie, to tell Scarlett he doesn’t love her and too gentleman to take advantage of her (Selznick to persuade him allowed him to co-produce Intermezzo: A love story, his last Hollywood film that also marked the American début of the then young Swedish actress Ingrid Bergman). At the outbreak of WWI Howard had left a job as a bank clerk to enlist with the British Cavalry (he was born in London in a Jewish-Hungarian family in 1893). Back home and suffering from severe shell-shock, following a doctor suggestion, he had decided to leave the much-hated bank job to follow his passion for theatre starting this way a successful career. At the outbreak of WWII he had chosen to leave Hollywood and use his international fame to help with the Allied war effort starring (but also producing and directing) in a number of war propaganda films (and, probably also serving in his Majesty secret service).

Pimpernel Smith is one of those propaganda films. The protagonist, as I already told you, is Horatio Smith (Leslie Howard) archaeologist and well respected professor in Cambridge, in love with the sculptured (for real) Aphrodite Kallipygos (don’t pay any attention to him, he’s not its discoverer…), at war with women made of flesh and blood  and apparently very absent-minded. But this is just a disguise, because Professor Smith is secretly (and apparently unofficially) working to rescue Jews from Nazi concentration camps…

SPOILE ALERT: if you’ve never seen this picture, go and fetch a copy now (you can also try on YouTube…), otherwise you’re going to read the rest of this article at your own risk…

Leslie Howard (actor)

Leslie Howard (actor) (Photo credit: Wikipedia)

The movie, set in Cambridge and Berlin (cause the professor seems a bit clumsy but is very bold and clever) in 1939 just before the outbreak of WWII, is a modernisation, with an heavy anti-nazi touch, of the classic The Scarlet Pimpernel, the adventure novel written by Baroness Orczy in 1905 and set during the French Revolution whose most famous film version was the 1934 picture starring Leslie Howard himself. In the original story the hero is an English aristocrat who leads a double life: silly and effete in front of the world, he’s in fact an elusive adventurer who’s risking his life (variously disguised) to spare to a number of French aristocrats a deadly rendez-vous with Madame Guillottine.

Professor Smith, like the original Pimpernel, likes to use a little humour to mock his enemies: to be able to go freely to and fro Germany (supported by the Nazi Propaganda Ministry), he organises a group of British students (unaware, at the beginning, of his mission) to help him in excavations to find the evidence of the Aryan origins of German civilisation (simply diabolical!). Smith, has to face General von Graun, the only Nazi who seems clever enough to catch him (even though he tries to assign the German citizenship to Shakespeare and can’t understand British humour). With the exception of him, Nazis are silly inefficient and incompetent, especially those working at the Propaganda Ministry with Joseph Goebbels, so you can be sure that in the end Professor Smith will defeat them and will also find a woman brave enough to deserve his love (romance always goes with propaganda, it’s a golden rule).

The most important moment in this movie arrives almost at the end when, just before the invasion of Poland, Smith, unmasked by the Gestapo General, makes a speech that seems thought to raise the English (but also American) audience’s spirits. “You will never rule the world…” he says to the General but talking to the entire Nazi Germany “ because you are doomed. (…)Tonight you will take the first step along a dark road from which there is no turning back.(…) you will find no horizon… and see no dawn… until at last you are lost and destroyed. You are doomed…”. (you can watch it HERE)

A piece of pure propaganda, sounding today as a sort of premonition.

But Leslie Howard didn’t live long enough to watch this premonition come true.

Goebbels, German Federal Archive photo

Goebbels, German Federal Archive photo (Photo credit: Wikipedia)

When Hitler killed himself in his bunker in Berlin on April 30, 1945, scared of the Red Army imminent invasion but also of ending like his fellow dictator Benito Mussolini, Howard was already dead as he was  the year before, missing the news about the Invasion of Normandie (whose 70th anniversary has been celebrated on June, 6) that was going to lead to the liberation of France.

In fact Leslie Howard died on june, 1st 1943, aged 50. He was flying from Lisbon to Bristol on KLM Royal Dutch Airlines/BOAC Flight 777, a civil flight. The plane was shot down by Luftwaffe‘s aircrafts over the Bay of Biscay. 17 people died. Many hypothesis have been made along the years about this attack: an error, the fact that Germans believed that Churchill was on that flight (apparently Howard’s manager, who was there with the actor, looked like the British Prime Minister) or even a plan conceived to kill Leslie Howard himself (who, according to some speculations, in the previous days was engaged in a secret mission to dissuade Franco from joining the Axis powers) and organized by, nonetheless, Joseph Goebbels. The Minister of Public Enlightenment and Propaganda in Nazi Germany, who knew too well how important cinema could be to influence the public opinion, considered Leslie Howard the most dangerous British propagandist and was probably enraged after being ridiculed in Pimpernel Smith (he was the only real Nazi leader mentioned with his name) along with the Nazis working at the propaganda ministry, all unable to face a bunch of students full of hormones, a clumsy professor and a handful of Jews.

Pimpernel Smith ain’t a masterpiece, Leslie Howard as a director was not a master of suspense like Hitchcock, but even if packed with propaganda (after all there was a war going on) this ain’t a bad film too, and after all knowing that probably succeeded in enraging Goebbles makes it, even today, definitely worth watching.

A few free-associated movies you could also like (click on the title to watch a clip or the trailer):

The Scarlet Pimpernel – UK 1934 Directed by: Harold Young. Starring: Leslie Howard; Merle Oberon; Raymond Massey.

Night Train to Munich – UK 1940 Directed by: Carol Reed. Starring: Rex Harrison; Margaret Lockwood; Paul Henreid.

The Mortal Storm USA 1940 Directed by: Frank Borzage. Starring: James Stewart; Margaret Sullavan; Frank Morgan; Robert Young.

Foreign Correspondent – USA 1940 Directed by: Alfred Hitchcock. Starring: Joel McCrea; Herbert Marshall; Laraine Day; George Sanders.

Mrs Miniver – USA 1942 Directed by: William Wyler. Starring: Greer Garson; Walter Pidgeon; Teresa Wright; Dame May Whitty).

To Be or Not To Be – USA 1942 Directed by: Ernst Lubitsch. Starring: Carole Lombard; Jack Benny; Robert Stack; Felix Bressart.

Raiders of the Lost Ark – USA 1981 Directed by: Steven Spielberg. Starring: Harrison Ford; Karen Allen.

pellicola2

Cari Nazisti, siete condannati a fallire…

Un archeologo si scontra con i nazisti… no, il suo nome non è Indiana Jones, non è un avventuroso e sfacciato cercatore di tesori americano e non sarà salvato dal provvidenziale intervento di forze soprannaturali (oops, scusate…). Il nome del nostro eroe è Horatio Smith ed è un dignitoso, ma sbadato professore di Cambridge che anche grazie alla sua aria stralunata riuscirà a salvare alcuni ebrei beffando la Gestapo.

Cropped screenshot of Leslie Howard from the t...

Leslie Howard è Ashley Wilkes in Via col Vento, il film che non avrebbe voluto interpretare (Photo credit: Wikipedia)

Quello di cui sto per parlarvi infatti non è uno scanzonato film d’avventura degli anni ’80, ma un thriller anti-nazista uscito nel 1941 nel bel mezzo della Seconda Guerra Mondiale. Si tratta di La primula Smith (Pimpernel Smith il titolo originale, Mister V quello per il mercato americano), film inglese di propaganda prodotto, diretto ed interpretato da Leslie Howard.

L’attore passato alla storia del cinema per un personaggio che proprio non avrebbe voluto interpretare, il rammollito Ashley Wilkes di Via col Vento, troppo vigliacco per trovare il tempo, in quasi quattro ore di film, di dire a Rossella che non la ama e troppo signore per approfittare della situazione (Selznick lo convinse permettendogli di co-produrre Intermezzo, il suo ultimo film americano che segnò anche il debutto hollywoodiano della giovane Ingrid Bergman), per oltre due decenni, dalla seconda metà degli anni 10 del 900 fino alla prima metà degli anni ’40, era stato protagonista della scena teatrale e cinematografica inglese ed americana. Allo scoppio della Prima Guerra Mondiale Leslie Howard (nato nel 1893 a Londra da genitori di origine ebraica-Ungherese) aveva lasciato un impiego in banca per correre ad arruolarsi nella Cavalleria Britannica. Tornato a casa e sofferente per quello che oggi viene definito disturbo post-traumatico da stress, ben consigliato da un medico, aveva abbandonato definitivamente l’odiata banca per fare della sua passione giovanile per la recitazione un mestiere, iniziando così una carriera di successo. Allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, ormai affermatissimo, si era infine lasciato alle spalle Hollywood per mettere la sua fama al servizio della causa alleata: programmi radio, documentari e film di propaganda (e chissà forse anche un incarico nei servizi segreti di sua Maestà).

La Primula Smith è appunto uno di quei film di propaganda. Il protagonista, come detto, è l’archeologo Horatio Smith (Leslie Howard appunto), rispettabile professore di Cambridge, innamorato della scultorea (nel vero senso della parola) Afrodite Callipigia (ma non dategli retta, non l’ha scoperta lui), in lotta con tutto il resto dell’universo femminile e apparentemente sempre con la testa tra le nuvole. Solo apparentemente però perché in realtà il Professor Smith è impegnato in una segretissima (e non ufficiale) operazione per salvare il maggior numero di ebrei possibile dall’internamento nei campi di concentramento…

ATTENZIONE SPOILER: se non avete mai visto questo film correte a vederlo immediatamente (se non avete problemi con l’inglese vi consiglio un giro su YouTube…), altrimenti leggete il resto dell’articolo a vostro rischio e pericolo…

The Scarlet Pimpernel (1934 film)

The Scarlet Pimpernel (1934 film) (Photo credit: Wikipedia)

Il film, ambientato tra Cambridge e Berlino (ché il professore sembra imbranato e un po’ fuori di testa ma è assai audace) nel 1939 alla vigilia dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale, è un adattamento in chiave moderna e anti-nazista di La Primula Rossa, il romanzo d’avventura scritto dalla Baronessa Orczy nel 1905 e ambientato invece all’epoca della Rivoluzione Francese, che aveva avuto la sua trasposizione cinematografica più riuscita nel 1934 con protagonista proprio Leslie Howard. In quel caso l’eroe era un nobile Inglese all’apparenza fatuo e superficiale che si rivelava in realtà un formidabile e inafferrabile avventuriero, mago dei travestimenti, impegnato in un’audace operazione per evitare ai nobili Francesi il mortale incontro con Madama Ghigliottina.

Il Professor Smith, come il protagonista dell storia originale, non manca di un certo senso dell’umorismo nel farsi beffe dei suoi nemici: per potere scorrazzare in lungo e in largo nella Germania Nazista, con tanto di benestare dell’onnipresente Ministero della Propaganda, organizza con i suoi studenti (inizialmente ignari delle sue vera attività) una spedizione di scavi alla ricerca delle prove delle origini ariane della civiltà germanica (diabolico!). Smith, tallonato dal generale von Graum, che sembra l’unico nazista con un po’ di sale in zucca (ma fino a un certo punto perché tenta di affibbiare  a Shakespeare la cittadinanza tedesca e non capisce lo humour inglese) in mezzo a un mare di incapaci (più o meno tutti i dipendenti del ministero della propaganda agli ordini di Joseph Goebbels) riuscirà, manco a dirlo, a battere in casa i nazisti e finirà col trovare una donna in carne ed ossa degna del suo amore (che si sa, un po’ di romanticismo va sempre a braccetto con dosi massicce di propaganda, è una regola d’oro).

Il momento più importante del film arriva poco prima del finale quando, alla vigilia dell’invasione della Polonia, il professore ormai smascherato dal generale della Gestapo che gli ha dato la caccia fa un discorso che sembra fatto apposta per risollevare il morale degli spettatori inglesi ed americani. “Non governerete mai il mondo…” dice al generale rivolgendosi però alla Germania nazista tutta “perché siete condannati a fallire. (…) Stanotte fate il primo passo lungo una strada buia da cui non c’è possibilità di ritorno (…) non troverete un orizzonte e non vedrete l’alba fino a quando alla fine non sarete sconfitti e distrutti. Siete condannati a fallire…”. (lo potete vedere QUI)

Winston Churchill in Downing Street giving his...

Winston Churchill in Downing Street giving his famous ‘V’ sign. (Photo credit: Wikipedia)

Un momento di pura propaganda, che oggi suona come una premonizione.

Leslie Howard però non vide mai l’avverarsi di quella premonizione.

Quando Hitler si suicidò come un vigliacco nel suo bunker di Berlino il 30 aprile del 1945, spaventato dal destino che era toccato in Italia al suo ispiratore e collega dittatore fascista Benito Mussolini e dall’imminente arrivo in città dell’ Armata Rossa, l’attore inglese non c’era più. Non c’era nemmeno l’anno prima quando gli alleati erano sbarcati sulle coste della Normandia per iniziare l’operazione che avrebbe portato alla liberazione della Francia e di cui in questi giorni si è celebrato il 70° anniversario.

Leslie Howard, era infatti morto il 1° Giugno 1943, a 50 anni, insieme agli altri 17 passeggeri del volo 777 della BOAC in volo da Lisbona a Bristol, intercettato ed abbattuto sul golfo di Biscaglia dagli aerei della Luftwaffe.

Negli anni si sono moltiplicate le ipotesi sulle ragioni dell’abbattimento di quel volo civile: tragico errore, la convinzione dei tedeschi che su quel volo viaggiasse anche Winston Churchill (pare che il manager di Howard, che viaggiava con lui, somigliasse al Primo Ministro Inglese), oppure un piano per sbarazzarsi proprio dell’attore inglese (che, secondo alcune fonti, sarebbe stato segretamente impegnato nei giorni precendenti in una segretissima missione per dissuadere il dittatore Franco dall’idea di unirsi alle forze dell’Asse) e architettato da Joseph Goebbels in persona. Il Ministro della propaganda Nazista, che ben conosceva il potere del cinema nel plasmare le menti e gli orientamenti politici, considerava Leslie Howard uno dei più pericolosi agenti della propaganda anti-nazista Britannica. Di certo non poteva aver apprezzato il modo in cui in La Primula Smith l’attore e regista si era preso gioco di lui (unico capo nazista nominato con nome e cognome) e dell’attività del suo ministero presidiato da un gruppo di incapaci che si fanno prendere in giro da dei ragazzi in preda agli ormoni, da un professore dall’aria stralunata e da un pungo di ebrei.

La Primula Smith non sarà un capolavoro, Leslie Howard regista non era un maestro del brivido alla Hitchcock e si vede, ma il film pure infarcito di propaganda (del resto era in corso una guerra) è comunque un buon film e sapere che all’epoca era riuscito a fare incazzare Goebbels è una ragione più che sufficiente per rivederlo.

Alcuni film liberamente associati che potrebbero piacervi (cliccate sul titolo per vedere una scena o il trailer):

La Primula Rossa – UK 1934 Diretto da: Harold Young. Con: Leslie Howard; Merle Oberon; Raymond Massey.

Night Train to Munich – UK 1940 Diretto da: Carol Reed. Con: Rex Harrison; Margaret Lockwood; Paul Henreid.

Bufera Mortale USA 1940 Diretto da: Frank Borzage. Con: James Stewart; Margaret Sullavan; Frank Morgan; Robert Young.

Il Prigioniero di Amsterdam (Corrispondente 17) – USA 1940 Diretto da: Alfred Hitchcock. Con: Joel McCrea; Herbert Marshall; Laraine Day; George Sanders.

La Signora Miniver – USA 1942 Diretto da: William Wyler. Con: Greer Garson; Walter Pidgeon; Teresa Wright; Dame May Whitty).

Vogliamo Vivere! – USA 1942 Diretto da: Ernst Lubitsch. Con: Carole Lombard; Jack Benny; Robert Stack; Felix Bressart.

I Predatori dell’Arca Perduta – USA 1981 Diretto da: Steven Spielberg. Con: Harrison Ford; Karen Allen.

 

Enhanced by Zemanta

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

2 responses »

  1. Lindsey says:

    Ooh, I need to see this! I love Leslie Howard.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s