Sullivan's Travels 1941

Sullivan’s Travels (I Dimenticati) – USA 1941

Directed by: Preston Sturges.

Starring: Joel McCrea; Veronica Lake.

A picture of dignity … but with a little sex in it!

Is cinema art or just entertainment? It should send messages or be pure escapism?

Sullivan's Travels

Sullivan’s Travels (Photo credit: Wikipedia)

In 1941 Preston Sturges, American playwright, screenwriter and film director tried to answer these questions with Sullivan’s Travels, the satirical movie he wrote and directed, a story about films and filmakers. It’s the story of a young director of silly light-hearted comedies, John L. Sullivan (Joel Mc Crea), who wants to become a serious director making a movie talking about the poor and based on “O Brother were art thou?” . To be up to the mark Sullivan decide to experiment the poor’s life on himself and dressed like an hobo, but followed by a sumptuous caravan well equiped (there’s a doctor too, cause art is sacrifice, but the studio thinks there’s no reason to take any risk…) and a girl (Veronica Lake, cause there’s always a girl in the picture, don’t you go to the movies?), goes round the world. When Sullivan thinks he had seen and learnt enough, a real tramp robs him, almost kills him and pushes him on a train ending killed by a train himself. Waking up in a new town Sullivan has lost his memory, assault a station worker, is arrested and ends up in a labor camp. There he discovers, among poor people and jailbirds watching a cartoon in an improvised cinema, that a laugh is as much important as a moral lesson. Finally regained memory and freedom, Sullivan decide to put aside “O Brother Were Art Thou?” to direct a new comedy.

Cropped screenshot of Veronica Lake and Joel M...

Veronica Lake and Joel McCrea in Sullivan’s Travels. (Photo credit: Wikipedia)

Sturges meant Sullivan’s Travels as a reaction to the attitude to abandon the fun in favour of the “message” he thought was possessing his fellow comedy’s screenwriters. He depicts Sullivan as a man who’s dissatisfied with himself, who cannot resist the urge to prove to the whole world he’s a serious filmmaker, an artist. The young director behaves like a sort of mister know-all, who believes he could tell people who they really are and ignores his butler’s advice to leave poor alone and treat poverty as something “to be stayed away from, even for purposes of study”. What Sullivan really ignores (and what’s ignored by those “intellectuals” Sturges wanted to poke fun at) is the fact that there’s a difference between being poor for real and pretend to be poor for a while but knowing you can easily escape poverty (maybe restoring for a while in a very comfortable caravan) when you had had enough. Only a real tragedy could oblige him to come to his senses.

Sullivan’s Travels was written by Sturges with Joel McCrea, in his mind. This took (pleasantly) by surprise the actor he admired for his low profile and malleability and who knew too well that usually the scripts were written for Gary Cooper and only if he was not available turned to him (exactly what happened the previous year with Hitchcok’s spy movie Foreign Correspondent). Not equally easy was the collaboration with Veronica Lake. Though wanted by Sturges, she was not the first choice as “the girl” (who has no name). Barbara Stanwyck was considered, Frances Farmer tested and others suggested by Paramount, but in the end the director had Lake: a doubtful blessing. She proved to be so “difficult” (but also unprofessional, she wasn’t able to remember her lines) that later, when offered to be paired again with her in I Married a Witch McCrea declined saying “Life’s too short for two films with Veronica Lake”. Other troubles arrived when Sturges discovered that the rumors of a Lake’s pregnancy (denied by the actress in order to get the part) were in fact true. Lake was 6 months pregnant when the shooting began: the fisical demand of the role wore her out (though obviously she had a double for the most dangerous scenes), while a special attention to her wardrobe had to be given by costume desiner Edith Head (though in the scenes when she is dressed like a little tramp is impossible not to notice her baby bump) .

Beggars of Life (1928)

Louise Brooks and Richard Arlen in Beggars of Life (1928) (Photo credit: thefoxling)

Once released, some critic called Sullivan’s Travels the most brilliant of the year and some other a mistake, anyway, in many ways, is a film a bit out of time. Sullivan’s Travels in fact arrived a bit too late to describe the aftermath of Great Depression seeing that in fact WWII was going to end the economic crisis (the film was released in december 1941, the same month Pearl Harbor was attacked provocking the intervention of the USA in WWII) and to describe poverty and the poor themselves uses clichés already seen in 1920’s and 1930’s movies (for instance, hobos travelling on freight trains, or Veronica Lake disguised like a hobo who’s the copycat of Louise Brooks in William Wellman’s Beggars of life, a beautiful film dated 1928).

Anyway, Sturges combining comedy (and lot of slapstick) with a bit of realism (especially in the scenes showing shelters or the brutal labor camp that caused the denial of the permission for export the film overseas during wartime) made a film meant to poke fun at the artificial nature of Hollywood industry and above all at message-dealers that delivers us a message: people see enough truth at home, cinema should be made to entertain.

So, in the end, what cinema should be? Art or pure entertainment? Is up to you to decide, anyway Sullivan’s Travels is one of those films you should see at least once in your life.

A few related movies you could also like (Click on the title to watch a clip or the trailer):

Beggars of Life – USA 1928 Directed by: William A. Wellman. Starring: Louise Brooks; Richard Arlen; Wallace Beery.

Modern Times – USA 1936 Directed by: Charles Chaplin. Starring: Charels Chaplin; Paulette Goddard.

My Man Godfrey – USA 1936 Directed by: Gregory La Cava. Starring: William Powell; Carole Lombard; Gail Patrick; Eugene Pallette.

The Postman Always Rings Twice – USA 1946 Directed by: tay Garnett. Starring: Lana Turner; John Garfield; Cecil Kellaway.

The Bicycle Thief (Ladri di Biciclette) – ITA 1948 Directed by: Vittorio De Sica. Starring:LAmberto Maggiorani; Enzo Staiola.

O Brother, Where Art Thou? – USA 2000 Directed by: Joel and Ethan Cohen. Starring: George Clooney; John Turturro; Tim Blake Nelson; John Goodman; Holly Hunter.

pellicola2

Un film serio… ma con un po’ di sesso!

Il cinema è arte o puro intrattenimento? Dovrebbe lanciare messaggi o offrire vie di fuga dalla realtà?

Cropped screenshot of Veronica Lake and Joel M...

Veronica Lake and Joel McCrea from Sullivan’s Travels. (Photo credit: Wikipedia)

Nel 1941 Preston Sturges, commediografo, sceneggiatore e regista americano cercò di dare una risposta a questi dilemmi con I Dimenticati (Sullivan’s Travels il titolo originale), film satirico da lui diretto e sceneggiato che parla del cinema e di chi lo fa. È la storia di un giovane regista di commedie sciocche, John L. Sullivan (Joel McCrea) che vuole dare una svolta alla sua carriera dirigendo un film impegnato tratto dal libro “Fratello dove sei?”. Per essere all’altezza del compito decide di andare per il mondo vestito come un mendicante vivendo alla giornata ma seguito da un caravan pieno di ogni ben di dio (medico incluso, che si dovrà pur soffrire per l’arte ma non si sa mai…e lo studio per cui lavora non vuole rischiare) e accompagnato da una ragazza (Veronica Lake, che la ragazza c’entra sempre, non siete mai stati al cinema?). Quando finalmente crede di aver imparato tutto quello che c’è da sapere sulla povertà viene derubato da un vero mendicante, perde la memoria, viene creduto morto e arrestato per una lite finisce in un campo di lavoro. Solo allora, in un cinema improvvisato in una chiesa, tra i dimenticati, scopre che far ridere è importante quanto impartire lezioni morali. Quando finalmente recupera la memoria e la libertà decide di rinunciare a “Fratello dove sei?” e di girare una nuova commedia.

The plane crash

Joel McCrea, a sobstitute for Gary Cooper in Foreign Correspondent (Photo credit: Wikipedia)

Per Sturges I Dimenticati fu una sorta di reazione alla tendenza che secondo lui sembrava stesse possedendo i suoi colleghi sceneggiatori di commedie: abbandonare il puro divertimento in favore del “messaggio”. Descrive infatti Sullivan come un uomo insoddisfatto, con una fretta del diavolo di provare al mondo intero che lui in realtà è un serio cineasta, un vero artista. Il giovane regista si comporta come uno spocchioso signor so-tutto-io che pensa di poter spiegare agli altri chi sono in realtà, ignorando anche il consiglio del suo maggiordomo (perché il ragazzo è ricco e ha una villa con piscina grande quanto un castello) di lasciare in pace i poveri, che la povertà è una cosa da evitare con cura e da non avvicinare nemmeno per propositi di studio. Quello che Sullivan ignora (e con lui evidentemente tutti gli “intellettuali” che Sturges vuole prendere in giro) è il fatto che una cosa è essere poveri sul serio, un’altra far finta di esser poveri per un po’ ma sapendo che c’è a portata di mano una comoda via di fuga (e un attrezzatissimo caravan in cui rifocillarsi…) quando se ne ha abbastanza. E ovviamente solo un vero dramma può farlo rinsavire.

Sturges scrisse I Dimenticati con Joel McCrea in testa, cogliendo (piacevolmente) di sorpresa quell’attore che ammirava per il suo stile dimesso e per la sua malleabilità e che sapeva fin troppo bene che di solito i copioni venivano scritti per Gary Cooper e solo se lui non era disponibile venivano poi passati a lui (proprio quello che era successo l’anno prima con Il Prigioniero di Amsterdam, il film di spionaggio diretto da Alfred Hitchcock). Non altrettanto semplice fu la collaborazione con Veronica Lake. Anche se voluta dal regista, la Lake non era stata la prima scelta per il ruolo della ragazza (che non ha nome) per l’ostilità della Paramount che aveva preso in considerazione Barbara Stanwyck, testato Frances Farmer e suggerito vari altri nomi. Alla fine però Sturges ottenne la Lake: una dubbia fortuna. Lei confermò la sua fama di attrice “difficile” (ma anche poco professionale, pare non riuscisse prorpio a memorizzare le battute) al punto che più tardi, quando gli fu proprosto di recitare ancora al suo fianco in Ho Sposato una Strega, Joel McCrea declinò l’offerta dicendo “La vita è troppo breve per due film con Veronica Lake”. I veri grattacapi però arrivarono quando Sturges scoprì che le voci su una gravidanza dell’attrice (che lei aveva negato per ottenere la parte) erano vere. La Lake era infatti incinta di sei mesi quando iniziarono le riprese e il ruolo molto “dinamico” che richiedeva un notevole sforzio fisico la stancò molto (anche se ovviamente per le scene più pericolose aveva una controfigura), fu inoltre necessaria un’attenzione speciale al suo guardaroba da parte della costumista Edith Head (anche se nelle scene in cui la Lake è vestita da giovane vagabondo è impossibile non notare il pancione da gravidanza avanzata).

Preston Sturges

Preston Sturges (Photo credit: Wikipedia)

Una volta uscito nelle sale I Dimenticati divise la critica, qualcuno lo definì il film più brillante dell’anno, qualcun altro un’errore. Comunque, per diverse ragioni, si potrebbe definirlo un film fuori dal tempo, arrivato un po’ troppo tardi per descrivere le conseguenze della Grande Depressione che andavano esaurendosi “grazie” alla Seconda Guerra Mondiale (va ricordato che il film uscì nel dicembre 1941, lo stesso mese in cui ci fu l’attacco di Pearl Harbour che provocò l’intervento degli Stati Uniti nel conflitto) e infarcito di cliché sulla povertà e sui poveri già abbondantemente sfruttati dai film degli anni ’20 e ’30 (and esempio i vagabondi che si spostano di città in città sui treni merci, oppure Veronica Lake che travestita da vagabondo è l’esatta copia di Louise Brooks in Beggars of Life, bellissimo film del 1928 diretto da William A. Wellman).

Combinando commedia (senza risparmiare le “torte in faccia”) a un pizzico di realismo (specialmente quando mostra i rifugi per senzatetto o la brutalità del campo di lavoro, un particolare che indusse la censura a impedire la distribuzione all’estero in periodo di guerra) Sturges realizzò un film pensato per prendere in giro l’artificosità di Hollywood, ma soprattutto gli intellettuali ansiosi di lanciare messaggi, ma che finisce col dare comunque un messaggio: la gente vede abbastanza realtà per strada o tra le pareti di casa, quando va al cinema vuole solo divertirsi.

E allora, cosa dovrebbe essere il cinema? Arte o puro intrattenimento? A voi l’ardua sentenza, in ogni caso, comunque la pensiate, I Dimenticati è uno di quei film che dovreste vedere almeno una volta nella vita.

Alcuni film collegati che potrebbero piacervi (cliccate sui titoli per vedere una scena o il trailer):

Beggars of Life – USA 1928 Diretto da: William A. Wellman. Con: Louise Brooks; Richard Arlen; Wallace Beery.

Tempi Moderni – USA 1936 Diretto da: Charles Chaplin. Con: Charels Chaplin; Paulette Goddard.

L’impareggiabile Godfrey – USA 1936 Diretto da: Gregory La Cava. Con: William Powell; Carole Lombard; Gail Patrick; Eugene Pallette.

Il postino suona sempre due volte – USA 1946 Diretto da: tay Garnett. Con: Lana Turner; John Garfield; Cecil Kellaway.

Ladri di biciclette – ITA 1948 Directed by: Vittorio De Sica. Starring:LAmberto Maggiorani; Enzo Staiola.

Fratello, dove sei? – USA 2000 Directed by: Joel and Ethan Cohen. Starring: George Clooney; John Turturro; Tim Blake Nelson; John Goodman; Holly Hunter.

Enhanced by Zemanta

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s