EasyLiving 1937

Easy Living (Un colpo di fortuna) – USA 1937

Directed by: Mitchell Leisen.

Starring: Jean Arthur; Edward Arnold; Ray Milland.

In Park Avenue it’s raining furs…

As Holly Golightly would say “There are certain shades of limelight that can wreck a girl’s complexion”, but nothing suggests that this should be a golden rule. Take for instance Mary Smith (it ain’t a fantasy name): first a very, very expensive fur coat literally rain down on her head, then when she tries give it back she knows the rich millionaire who threw it away and he offers her also a very stylish hat (just to match the fur), then someone mistakes her for his mistress, some other spread the word and bang!… that’s the beginning of her fortune!

Easy Living (Photo Credit: Wikipedia)

Obviously this is not a true story. This is the plot of Easy Living the 1937 screwball comedy directed by Mitchell Leisen, written by Preston Sturges and starring Jean Arthur, one of the queens of comedy who plays Mary Smith, Edward Arnold, as the stout rich millionaire J.B. Ball, and Ray Milland, as his son John Jr.

Easy Living is the typical 1930’s comedy poking fun at the rich living in Park Avenue, who are non only privileged but also a bit nuts in a sort of compensation paid to all those people in the audience who, in 1937, were still coping with the aftermath of the Great Depression.

The story starts in the big J.B. Ball’s mansion where the millionaire, who’s the third banker in New York, is having an argument with is son who, suddenly determined to make it on his own, announces he’s leaving home. The next fight is against his wife, a desperate housewife with servants, who consoles herself with shopping sprees. This time she had bought a 58000$ fur coat and the third banker in New York (who’s a bit stingy, like all those who really have money) doesn’t approve. So he burst into the little apartment she uses as a wardrobe trying to find it and return it. His wife grabs the fur and flee on the penthouse roof but he found her and in a few moments the fur is flying over Park Avenue to land on Mary Smith’s head. The rest of the story is know, but what’ s really strange in Easy Living is the fact that the more the story goes on, the more you have the impression that censorship should have missed something…

Publicity photo of Jean Arthur for Argentinean...

Jean Arthur in 1940 (Photo credit: Wikipedia)

As expected in a movie made after the 1934 enforcement of the Motion Picture Production Code, and probably as it happened in the original story written by the American author Vera Caspary on which the movie is based, the fur coat causes some troubles to Mary at the beginning. In fact, she lose her job at the Boy’s Constant Companion (a boy’s magazine where apparently only work ageing women, except for Mary and the male editor): a coat made with dead animal’s bodies is too expensive for a single woman who’s not an heiress, therefore it’s the evidence of her immoral behaviour (she must be a rich man’s mistress).

What seems to suggest a censor’s inattention are the events that from now on follow one another (while Sturges leaves nothing but the title of Caspary’s “little story of deceit and illusions”). It’s the fact that almost everyone thinks she is some sort of a lost girl that allows Mary to turn her life into a five-star one. Thinking she is J.B. Ball’s mistress Mr Louis Louis (Luis Alberni), the owner of a luxury Hotel who owes money to the banker, offers Mary a sumptuous accommodation, and for the same reason other people offer her expensive clothes, jewels and even cars… and in the end, instead of paying her good fortune giving up love and any hope for romance (a typical punishment for independent girls) she finds a fiancé (Ball’s son, though she doesn’t know it) but not before almost provoking a new Wall Street crash offering to her beloved one the opportunity to show his businessman’s qualities saving his father’s bank.

Maybe it’s because Mary doesn’t realize what’s happening (the fact that almost everybody thinks she’s having an affair with J.B. Ball), maybe it’s because Mitchell Leisen was so good in satisfying the most absurd Production Code’s requirements (in a love scene with Mary and John jr. both lying on a long couch, they had to be in opposite directions so that their heads could meet in the middle and there could be no physical contact outside of a kiss), but the happy ending arrives and Mary is not obliged to learn a moral lesson or to shed a tear.

And that’s a good reason to watch once again Easy Living, especially if you like screwball comedies full of witty lines ans a bit of nonsense.

In the end, ther’s something for music lovers. Easy Living, the song by Ralph Rainger and Leo Robin, a jazz standard recorded by many performers, has been written for that movie (you can hear it in the title sequence)

Here is Billy Holiday:http://www.youtube.com/watch?v=RX7TA3ezjHc ;

Ella Fitzgerald: http://www.youtube.com/watch?v=6vYIHpxuxp4 ;

Chet Baker: http://www.youtube.com/watch?v=0b6e3ne3Tfc.

Enjoy it!

A few related movies you could also like (click on the title to watch a clip or the trailer):

Grand Hotel – USA 1932 Directed by: Edmond Goulding. Starring: Greta Garbo; John Barrymore; Joan Crawford; Wallace Beery; Lionel Barrymore.

Sadie McKee – USA 1934 Directed by: Clarence Brown. Starring: Joan Crawford; Edward Arnold; Franchot Tone; Gene Raymond; Jean Dixon.

Fifth Avenue Girl – USA 1939 Directed by: Gregory La Cava. Starring: Ginger Rogers; Walter Connolly.

It Should Happen to You – USA 1954 Directed by: George Cukor. Starring: Judy Holiday; Jack Lemmon; Peter Lawford.

That Touch of Mink – USA 1962 Directed by: Delbert Mann. Starring: Cary Grant; Doris Day; Gig Young; Audrey Meadows.

pellicola2

A Park Avenue piovono pellicce …

Come direbbe Holly Golightly “Certe luci della ribalta rovinano la carnagione a una ragazza”, ma non è detto che questa debba essere la regola. Prendete ad esempio quello che è successo a Mary Smith (il nome non è di fantasia): prima le piove in testa dal cielo una pelliccia che vale una fortuna, cercando di restituirla conosce il milionario ricco che l’aveva lanciata dal terrazzo del suo palazzo e le offre (tanto per far pendant) anche un cappellino nuovo, qualcuno la scambia per la sua amante, qualcun altro fa girare la voce e bang!… quello è l’inizio della sua fortuna!

Publicity photo of Ray Milland for the CBS tel...

Ray Milland (Photo credit: Wikipedia)

Ovviamente questa non è una storia vera. È la trama di Un Colpo di Fortuna (Easy Living, il titolo originale) commedia sofisticata del 1937 diretta da Mitchell Leisen, sceneggiata da Preston Sturges e interpretata da Jean Arthur, una delle regine del genere che qui interpreta la protagonista Mary Smith, Edward Arnold, nel ruolo del corpulento e burbero milionario J.B. Ball, e Ray Milland, in quello di suo figlio John Jr.

Un Colpo di Fortuna è la tipica commedia anni ’30 che prende in giro i ricchi abitanti di Park Avenue, descritti come tanto privilegiati quanto folli in una sorta di compensazione in pellicola per tutti quelli che ancora sul finire degli anni ’30 pativano le conseguenze della Grande Depressione.

La storia inizia nella grande casa di J.B. Ball dove il milionario, che è il terzo banchiere di New York, sta discutendo con il figlio John in preda a un sussulto di indipendenza e deciso a lasciare casa per far fortuna da solo (forse non informato della crisi). Lo scontro successivo è con la moglie, casalinga disperata con numerosa servitù che trova consolazione nelle compere compulsive. Il terzo banchiere di New York (che come tutti i veri ricchi è un po’ tirchio) non approva l’acquisto di una pelliccia nuova alla modica cifra di 58000 dollari. Si introduce quindi nello spogliatoio della consorte (grande come un appartamento che potrebbe comodamente ospitare una famiglia numerosa) per sottrargliela. Lei fugge con la pietra dello scandalo, lui la insegue, la raggiunge sul tetto del palazzo e dopo pochi istanti la pelliccia plana su Park Avenue e atterrà sulla testa di Mary Smith… Il resto più o meno lo sapete già, ma la cosa singolare di questo film è che più la storia prosegue, più si farà strada in voi la convinzione che all’ufficio censura qualcuno si sia distratto…

Edward Arnold, American actor. Original captio...

Edward Arnold(Photo credit: Wikipedia)

Come ci si aspetterebbe da un film uscito dopo l’inasprimento del Codice Hays del 1934, e come probabilmente accadeva nella storia originale scritta dall’autrice americana Vera Caspary a cui il film è ispirato, la pelliccia da principio mette nei guai la povera Mary, che perde il lavoro al Boy’s Constant Companion (una rivista per ragazzi la cui redazione sembra composta solo da donne over 60, direttore maschio escluso): un cappotto di animali morti(non per suicidio) è un capo troppo caro per una ragazza nubile che non sia un’ereditiera ed è quindi la prova di una sua condotta immorale (del fatto cioè che abbia un’amante ricco che la mantiene).

Quello che però fa pensare ad una distrazione dei censori è quello che succede a mano a mano che gli eventi si susseguono (mentre Sturges spolpa fino all’osso il racconto della Caspary, una piccola storia di inganni e illusioni, lasciandone poco più del titolo).

Preston Sturges

Preston Sturges (Photo credit: Wikipedia)

A permettere a Mary di dare una svolta extra-lusso alla sua vita, e tutto senza dover mai pagar pegno, è proprio il fatto che tutti la credano una ragazza dalla dubbia virtù. Prima si trasferisce (quasi gratis) in un hotel di lusso, invitata da Mr Louis Louis (Luis Alberni), il proprietario indebitato con J.B. Ball che spera di poter usare in qualche modo quella che crede essere l’amante del banchiere per risollevare i suoi affari; poi, quando i pettegolezzi sul suo conto iniziano a circolare, le piovono addosso dal cielo, più o meno per le stesse ragioni, abiti firmati, gioielli, e pure macchine… e infine invece di scontare tanta fortuna rinunciando all’amore (tipica punizione per le ragazze audaci in tempi di censura bacchettona), si trova persino un fidanzato, che poi è il figlio di Ball (ma lei lo scopre solo dopo), ma non prima di aver quasi provocato un nuovo crollo di Wall Street e di aver dato la possibilità al suo amato di provare il suo valore salvando la banca del padre.

Sarà grazie al fatto che in fondo Mary non si rende conto di cosa le stia realmente capitando (del fatto cioè che tutti la credono l’amante di J.B. Ball), sarà grazie all’abilità (non sempre riconosciuta) del regista Mitchell Leisen di accontentare le più assurde richieste del codice Hays (quando in una scena d’amore Mary e John, soli nella stanza di lei si sdraiano sullo stesso divano lo fanno in opposte direzioni in modo che l’unico contatto fisico possibile sia tra le loro teste e niente più di un bacio possa accadere), ma il lieto fine arriva e senza che Mary sia costretta ad imparare una qualche importante lezione morale versando fiumi di lacrime.

E questa è senz’altro una buona ragione per rivedere Un Colpo di Fortuna, una delle più divertenti commedie del periodo, che piacerà sicuramente a chi ama i dialoghi brillanti conditi da un pizzico di nonsense.

Per finire, una curiosità per gli amanti della musica. Easy Living, canzone di Ralph Rainger e Leo Robin, uno standard jazz interpretato da moltissimi cantanti, è stata scritta per questo film (la potete sentire nei titoli di testa).

A questo link potete ascoltarla cantata da Billy Holiday: http://www.youtube.com/watch?v=RX7TA3ezjHc 

Ella Fitzgerald: http://www.youtube.com/watch?v=6vYIHpxuxp4

Chet Baker: http://www.youtube.com/watch?v=0b6e3ne3Tfc

Buon ascolto!

Alcuni film collegati che potrebbero piacervi (cliccate sui titoli per vedere una scena o il trailer):

Grand Hotel – USA 1932 Diretto da: Edmond Goulding. Con: Greta Garbo; John Barrymore; Joan Crawford; Wallace Beery; Lionel Barrymore.

Sadie McKee – USA 1934 Diretto da: Clarence Brown. Con: Joan Crawford; Edward Arnold; Franchot Tone; Gene Raymond; Jean Dixon.

La Ragazza della Quinta Strada – USA 1939 Diretto da: Gregory La Cava. Con: Ginger Rogers; Walter Connolly.

La Ragazza del Secolo – USA 1954 Diretto da: George Cukor. Con: Judy Holiday; Jack Lemmon; Peter Lawford.

Il Visone sulla Pelle – USA 1962 Diretto da: Delbert Mann. Con: Cary Grant; Doris Day; Gig Young; Audrey Meadows.

Enhanced by Zemanta

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s