Wuthering Heights1939

Wuthering Heights (La Voce nella Tempesta) – USA 1939

Directed by: William Wyler.

Starring: Laurence Olivier; Merle Oberon; David Niven; Geraldine Fitzgerald; Flora Robson; Donald Crisp.

Which one do you prefer, the book or the movie?

I don’t remember exactly when I first saw the 1939 version of Wuthering Heights, the one directed by William Wyler and starring Laurence Olivier and Merle Oberon. What I remember for sure is that before I actually see it I’d already heard about it from my sister (who’s just a couple of years my senior) when I was about four, and I’m quite sure about this because is more or less the same time when she told me the whole truth about Little Child Jesus and the Christmas gifts (a major tragedy in my childhood paired with the very cruel departure of Bambi’s mother).

Wuthering Heights (1939 film)

Wuthering Heights (1939 film) (Photo credit: Wikipedia)

For some reason she had the occasion to see Wuthering Heights and fell in love with it, a passion that arouse my curiosity about the movie but also, for a sort of free-association, an hostile attitude towards it (how could you blame me now you know about Little Child Jesus…) and I must confess, and you won’t be surprise, that in the end, when I saw the film for the first time (I could be 7 or 8), it didn’t impress me much. Obviously I knew nothing about the fact that the film was based on a classic of 19th century English literature, Emily Brontë‘s Wuthering Heights, and I had no idea of who in the hell Laurence Olivier was (or better yes, I knew he was the same guy playing in Rebecca, my favourite film at that time), but above all I couldn’t know that, about a decade after, in my mind Heathcliff would have been the portrait of Laurence Olivier, even if the more I read the novel the more I noticed how different it was from that film my sister used to love so much…

Well, I suppose now is the right time for a short summary of the film… Wuthering Heights is a story of love and hate happened in the remote moorland farmhouse called Wuthering Heights (surprise, surprise) and now told by the old governess to a traveller called Lockwood in a night filled with wind, snow and ghosts. The protagonists of this story are the intimidating landlord Mr Heathcliff (Laurence Olivier) and Cathy (Merle Oberon), a young woman who’s now just a ghost rambling in the moors calling her beloved one to follow her. Many years before Heathcliff was just a nameless, poor and starving child and Cathy’s father, Mr Earnshaw (Cecil Kellaway) once Wuhtering Heights’ owner, “adopted” him making his son Hindley jealous. The legitimate heir had his revenge after his father death turning the guy into a servant. Heathcliff, though silently hating Hindley, accepted the situation not to leave Cathy, the girl he adored. But Cathy, though sharing his sentiments, wanted a better life, better than the one he could offer her and accepted to be courted by her colourless but well-mannered (and rich) neighbour Mr Edgar Linton (David Niven). Jealousy and misunderstandings led Heathcliff to leave Wuthering Heights looking for an opportunity to show Cathy she could be proud of him, but once back, rich and dressed like a gentleman, he discovered that her beloved one had married his insipid rival. After wringing Wuthering Heights from his old persecutor’s hands, Heathcliff, had courted, seduced and married Isabella Linton (Geraldine Fitzgerald), his rival’s sister, only to punish Cathy, but this led the woman to madness and death…

Merle Oberon star of 'Wuthering Heights' 1939

Merle Oberon as Cathy in ‘Wuthering Heights’ 1939 (Photo credit: Movie-Fan)

The movie ends more or less here, ignoring the second part of the novel and Cathy’s, Heathcliff’s and Hindley’s children, something easy to understand though it surprised me when I first read the book. When the movie was shot, producer Samuel Goldwyn (who surely didn’t share David O. Selznick obsession for faithful adaptations) was interested in making a romantic movie that could make Merle Oberon shine. In that period in fact Oberon was (cinematographically speaking) a brighter star than Laurence Olivier, a prestigious English actor who was just arrived in Hollywood (to make this film) and was not so powerful to impose in the leading role, as he wished, his lover (and then wife) Vivien Leigh (who rejected the offer to play Isabella instead, but had after all her occasion in Hollywood being cast as Scarlet O’Hara in Gone with the Wind and winning for that role her first Oscar). Goldwyn knew too well that probably many people among those who was going to see Wuthering Heights only knew the title of Brontë‘s novel, and in fact the characters in this film are not so mad and disturbing like their “cousins” in the book and sentiments are less extreme. He also imposed to William Wyler, the well respected director who taught Laurence Olivier how he should act in films (accordingly to Olivier himself, despite their many misunderstandings on the set), the final scene showing the two ghost lovers walking hands in hands in the moorland, an addition that made Brontë‘s story much more sugary than intended.

Certainly today I know something I ignored as a child: the film and the novel are just distant relatives. But now that I saw the movie once again (and won my old hostility toward it) I feel like reading the book once more (and in fact it’s beside me, finally freed from dust). Maybe in a few day I will be able to tell which one I prefer.

Movie or book? It’s up to you to choose. Here are a few more films based on books you could also like (click on the title to watch a clip or the trailer):

Gone with the Wind – USA 1939 Directed by: Victor Fleming. Starring: Vivien Leigh; Clark Gable; Olivia De Havilland; Leslie Howard; Hattie McDaniel; Thomas Mitchell.

Pride and Prejudice – USA 1940 Directed by: Robert Z. Leonard. Starring: Greer Garson; Laurence Olivier; Maurine O’ Sullivan; Mary Boland.

Jane Eyre – USA 1943 Directed by: Robet Stevenson. Starring: Joan Fontaine; Orson Welles; Agnes Moorehead.

The Heiress – USA 1949 Directed by: William Wyler. Starring: Olivia De Havilland; Montgomery Cliff; Miriam Hopkins.

Breakfast at Tiffany’s – USA 1961 Directed by: Blake Edwards. Starring: Audrey Hepburn; George Peppard; Patricia Neal.

Murder on the Orient Express – UK 1974 Directed by: Sidney Lumet. Starring: Albert Finney; Lauren Bacall; Ingrid Bergman; Sean Connery; Vanessa Redgrave; Anthony Perkins; Wendy Hiller; Michael York; John Gielgud; Martin Balsam…

A Room with a View – UK 1985 Directed by: James Ivory. Starring: Helena Bonham Carter; Julian Sands; Daniel Day-Lewis; Denholm Elliott; Maggie Smith; Judi Dench.

Atonement – UK 2007 Directed by: Joe Wright. Starring: Keira Nightley; James McAvoy; Saoirse Ronan; Romola Garai; Vanessa Redgrave.

…and a song:

Wuthering Heights – single by Kate Bush (1978)

pellicola2

Preferite il libro o il film?

Non ricordo esattamente quando ho visto per la prima volta La Voce nella Tempesta, la versione cinematografica di Cime Tempestose diretta da William Wyler con Laurence Olivier e Merle Oberon. Quello che però ricordo con ragionevole certezza è il fatto che prima di vederlo ne avevo già sentito parlare con entusiasmo da mia sorella (che ha solo un paio d’anni più di me) quando avevo più o meno quattro anni, fatto di cui sono sicura perché accadde all’incirca nello stesso periodo in cui lei mi raccontò la vera storia di Gesù Bambino e dei regali di Natale (una delle maggiori tragedie della mia infanzia insieme alla crudelissima scomparsa della mamma di Bambi).

Laurence Olivier, June 17, 1939

Laurence Olivier, June 17, 1939 (Photo credit: Wikipedia)

Per qualche ragione misteriosa lei aveva visto La Voce nella Tempesta e se ne era letteralmente innamorata con una passione che per qualche tempo ha stimolato la mia curiosità ma anche, per associazione mentale, una certa avversione (come darmi torto sapendo della storia di Gesù Bambino…) e devo confessare, e voi certamente non ne sarete sorpresi, che quando finalmente ho visto il film per la prima volta (avevo forse 7 o 8 anni) non ne sono rimasta granché impressionata. Ovviamente non sapevo che La Voce nella Tempesta altro non fosse che l’adattamento di uno dei più famosi romanzi inglesi del XIX secolo, Cime Tempestose di Emily Brontë, di cui a otto anni francamente non avevo ancora sentito parlare, e non avevo nemmeno la più pallida idea di chi fosse Laurence Olivier (o meglio si, sapevo che era lo stesso attore che c’era anche nel mio film preferito di allora, Rebecca), ma soprattutto non sapevo che un paio di lustri più tardi leggendo quel libro Heathcliff nella mia testa avrebbe avuto le fattezze di Laurence Olivier, anche se più mi avventuravo nella lettura più mi rendevo conto di quanto il libro fosse diverso da quel film che aveva affascinato tanto mia sorella da piccola…

A questo punto, per chi non avesse mai visto il film o letto il libro immagino che un breve riassunto sia indispensabile… La Voce nella Tempesta è una storia di amore e odio consumatasi nella tenuta di Cime Tempestose e narrata da una vecchia governante a un viaggiatore di nome Lockwood in una notte di tempesta e fantasmi. Protagonisti della storia sono il minaccioso padrone della tenuta, Heathcliff (Laurence Olivier), e Cathy (Merle Oberon), una giovane di cui ormai è rimasto in vita solo il fantasma che si aggira nottetempo nella brughiera in cerca del perduto amore. Tanti anni prima Heathcliff era stato un bambino senza nome, abbandonato ed affamato e il padre di Cathy, l’allora padrone della tenuta Mr Earnshaw, l’aveva “adottato” scatenando la gelosia del figlio maggiore Hindley che alla sua morte aveva ridotto il ragazzo allo stato di sguattero e stalliere. Heathcliff, pur covando un violento odio, aveva accettato l’umiliazione per restare al fianco di Cathy di cui era innamorato. Ma la giovane, che pur ricambiando i suoi sentimenti desiderava una vita migliore di quella che lui avrebbe potuto offrirle, aveva accettato la corte dello sbiadito e beneducato (e ricco) vicino Mr Edgar Linton (David Niven). La gelosia e le incomprensioni avevano spinto Heathcliff a fuggire in cerca di fortuna per cercare di rendersi degno di Cathy, ma una volta tornato ricco e in abiti da gentiluomo aveva trovato la sua amata ormai sposata all’insipido rivale. Per punire Cathy quindi Heathcliff, dopo aver strappato la tenuta di Cime Tempestose a quello che un tempo era il suo persecutore, aveva corteggiato, sedotto e infine sposato Isabella Linton (Geraldine Fitzgerald), la sorella del rivale, ma questo gesto aveva portato alla follia la sua amata che, sconvolta, si era lasciata morire…

David Niven

David Niven (Photo credit: twm1340)

Il film termina più o meno qui, ignorando del tutto la seconda parte del romanzo, quella che ha per protagonisti i figli di Cathy, Heathcliff e Hindley, una discrepanza che quando lessi per la prima volta il romanzo mi sorprese, ma che è piuttosto comprensibile. All’epoca in cui il film venne girato, il produttore Samuel Goldwyn (che sicuramente non condivideva l’idea di David O. Selznick che i film dovessero essere quanto più aderenti possibile al romanzo da cui erano tratti per non deludere il pubblico) era interessato soprattutto a mettere in scena una storia romantica capace di far brillare Merle Oberon, che all’epoca era (cinematograficamente parlando) una stella più luminosa del suo collega Laurence Olivier, attore Inglese appena sbarcato a Hollywood proprio per girare quel film, che infatti, nonostante una solida fama da grande interprete teatrale in patria, fallì il tentativo di imporre nella parte della protagonista, l’allora amante (e futura moglie) Vivien Leigh (che declinò l’offerta di interpretare invece Isabella ma a cui comunque le cose non andarono troppo male a Hollywood visto che nel frattempo venne scritturata per interpretare Rossella O’Hara e poi, a differenza dell’amato, vinse per quel ruolo anche il suo primo Oscar).

Goldwyn forse era ben consapevole del fatto che il film sarebbe stato visto anche da un sacco di gente che del libro a malapena conosceva il titolo, ed infatti i personaggi sono meno folli di quanto non lo siano nel romanzo e le passioni sono meno estreme. Il produttore arrivò persino ad imporre a William Wyler, pregiatissimo regista che insegnò a Laurence Olivier come si dovesse recitare in un film (secondo quanto raccontò più tardi l’attore stesso, che però all’epoca non sembrava apprezzare troppo lo stile del regista), il finale con i fantasmi felici dei due amanti che si allontanano mano nella mano nella brughiera, un’aggiunta che rende la storia decisamente molto più zuccherosa di quanto l’avesse mai intesa la sua autrice.

Certamente ora so quello che non sapevo da bambina: film e romanzo sono solo dei lontani parenti. Però dopo aver rivisto il film (ed avere superato la mia antica ostilità nei suoi confronti) mi è venuta voglia di rileggere il romanzo che ho ritrovato un po’ impolverato nella mia libreria. Magari tra qualche giorno saprò anche dirvi quale preferisco.

Film o libro? A voi la scelta. Ecco alcuni altri film tratti da romanzi che potrebbero piacervi (cliccate sul titolo per vedere una scena o il trailer):

Via col Vento – USA 1939 Diretto da: Victor Fleming. Con: Vivien Leigh; Clark Gable; Olivia De Havilland; Leslie Howard; Hattie McDaniel; Thomas Mitchell.

Orgoglio e Pregiudizio – USA 1940 Diretto da: Robert Z. Leonard. Con: Greer Garson; Laurence Olivier; Maurine O’ Sullivan; Mary Boland.

La Porta Priobita (Jane Eyre) – USA 1943 Diretto da: Robet Stevenson. Con: Joan Fontaine; Orson Welles; Agnes Moorehead.

L’Ereditiera – USA 1949 Diretto da: William Wyler. Con: Olivia De Havilland; Montgomery Cliff; Miriam Hopkins.

Colazione da Tiffany – USA 1961 Diretto da: Blake Edwards. Con: Audrey Hepburn; George Peppard; Patricia Neal.

Assassinio sull’Orient Express – UK 1974 Diretto da: Sidney Lumet. Con: Albert Finney; Lauren Bacall; Ingrid Bergman; Sean Connery; Vanessa Redgrave; Anthony Perkins; Wendy Hiller; Michael York; John Gielgud; Martin Balsam…

Camera con Vista – UK 1985 Diretto da: James Ivory. Con: Helena Bonham Carter; Julian Sands; Daniel Day-Lewis; Denholm Elliott; Maggie Smith; Judi Dench.

Espiazione – UK 2007 Diretto da: Joe Wright. Con: Keira Nightley; James McAvoy; Saoirse Ronan; Romola Garai; Vanessa Redgrave.

…e una canzone:

Wuthering Heights – singolo di Kate Bush (1978)

Enhanced by Zemanta

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

2 responses »

  1. Preferisco il libro, in assoluto🙂 Il film non gli rende merito adeguatamente. Non parliamo poi della fiction Rai del 2004 che ebbi la sfortuna di vedere prima di leggere il romanzo e di vedere “La voce nella tempesta”… O.o Orrore!

    • Ella V says:

      oddio la fiction Rai!!! io mollai appena spuntò Hindley ritratto come una specie di cattivone da fotoromanzo, perciò sospendo il giudizio… però ricordo pure una Rebecca in cui era implicata la Melato che gridava vendetta (cercare di rifare Hitchcock, che idea!)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s