WhatEveryWomanKnows1934

What every Woman Knows – USA 1934

Directed by: Gregory La Cava.

Starring: Helen Hayes; Brian Aherne; Madge Evans; Lucille Watson; Donald Crisp.

Guess who’s behind a “great man”…

The resistance of the Italian Parliament to the introduction of an article in the coming new electoral law to grant gender equality in electoral lists (but also the resistance of the European Parliament to a similar proposition also rejected this week) reminded me a delightful 1934 comedy directed by Gregory La Cava. It’s What Every Woman Knows, third film and first talkie (the previous two, made in 1917 and 1921 were silent – the lack of new ideas ain’t a recently spread disease) based on the stage play written by James Matthew Barrie ‘s in 1908, in a period when the so called suffragettes were still fighting for the right of women to vote, that talks about a woman who’s behind his husband political success.

Cropped screenshot of Helen Hayes from the fil...

Helen Hayes as MAggie Wylie in What Every Woman Knows (Photo credit: Wikipedia)

Set in Scotland and England at the beginning of the 20th century (though you could hardly understand it from costumes because producer Irving Thalberg chose to use modern dresses to comply with audience preferences), What Every Woman Knows is the story of Maggie Wylie (Helen Hayes) a plain woman believed to be made for perpetual spinsterhood whose destiny suddenly changes a night when, whit her father and her two brothers, she catches a guy breaking into their home. He ain’t a burglar, only John Shand (Brian Aherne), an ambitious and penniless university student who can’t buy books for his law studies and uses instead the books stored in their large (an mostly untouched) library. The Wylies men immediately smell the bargain: the guy could be the answers to Maggie’s troubles. They offer him 300 £ to complete his education (in five years), on condition that in the end he will marry Maggie, who’s six years his senior, if she will be still unmarried and if she will like to do so. Once the five years have passed John, thanks to Maggie’s help, has been able to run for Parliament and win but not to fall in love with her, so Maggie decides to set him free. But John Shand is a proud, loyal (and silly) man and can’t break his promise, so they got married anyway. Unfortunately, once in London, John falls in love with the pretty Lady Sybil Tenterden (Madge Evans), a young woman from a noble family who has fall in love with politics and the handsome politician at the same time. And Maggie seems hopeless against the young rival, but no one, not even John, knows how fundamental she is for her husband political success…

John, the man who never laughs cause he’s “serious”, is not a particularly special specimen of man: too arrogant and in love whit himself to understand that he’s not the only master of his fate, too blind to watch what Maggie does for his sake, too stupid to thank her (not to mention the lack of  originality in his falling in love with a young, pretty and noble Lady).

Brian Aherne, - 1938_ Photo by George Hurrell

Brian Aherne in 1938. Photo by George Hurrell (Photo credit: Movie-Fan)

On the other hand Maggie is a brilliant person and has immediately understand what sort of a man John is, his weaknesses but also his qualities. She knows how she can help him but also she knows that he mustn’t notice it. She’s the person behind his brilliant speeches, but let him believe they are just a fruit of his superior mind, she runs (almost unseen) his social relations to his advantage and she is also able arrange things to let him and Lady Sybil understand all by themselves that they ain’t made for each other (also avoiding John’s political ruin). Could she act in a different way? Maybe, but she really loves her silly husband (probably because of his silliness) and the society she lives in doesn’t allow her a different attitude.

Maggie is the perfect product of a society in which a woman once passed her puberty could only hope to find a husband not to be less than nothing among other people. And she feels the burden of her situation. All the time it seems that she feels as she should be forgiven for something. At first as a plain and unattractive woman who’s going to be a “burden” for her family, then like a sort of “illegitimate” wife, married to an apparently brilliant man who’s too attractive and to young for her. The most dreadful thing is that she needs a man to do what she wants to do, no matter how brilliant she can be, cause in a period when women were still struggling to obtain the right to vote, the only  place in politics, but also the only place in society, for a woman was a step behind her husband. Poor Maggie who lived in the early 1900…

Fortunately today things have changed, women can vote and the prompter ain’t their only possible career option in politics. Only sometimes something happens and it seems that time ain’t passed and there’s still someone who would be happier if things could be again as they were.

(anyway the film, though not the best one made by La Cava, is funny, Helen Hayes and Brian Aherne are brilliant and, if you find a copy, is definitely worth watching. In the meanwhile you can click HERE to watch the scene when the pact between the Wylies and John Shand is signed)

A few free-associated movies you could also like (click on th etitles to watch a clip or the trailer):

Mr Smith goes to Washington – USA 1939 Directed by: Frank Capra. Starring: James Stewart; Jean Arthur; Claude Rains.

Rebecca – USA 1940 Directed by: Alfred Hitchcock. Starring: Joan Fontaine; Laurence Olivier; Judith Anderson; George Sanders.

Now Voyager – USA 1942 Directed by: Irving Rapper. Starring: Bette Davis; Paul Henried; Claude Rains; Gladys Cooper.

The Strange Love of Martha Ivers – USA 1946 Directed by: Lewis Milestone. Starring: Barbara Stanwick; Kirk Douglas; Van Heflin, Lizabeth Scott.

The Heiress – USA 1949 Directed by. William Wyler. Starring: Olivia De Havilland; Montgomery Cliff: Miriam Hopkins.

Banshun (Late Spring) – JAP 1949 Directed by: Yasusjiro Ozu. Starring: Setsuko Hara; Chishû Ryû; Yumeji Tsukioka.

pellicola

Indovinate un po’ chi c’è dietro a un “grande uomo”…

La resistenza del parlamento Italiano ad inserire nella nuova legge elettorale una norma che garantisca la pari rappresentanza di uomini e donne (ma anche quella del Parlamento Europeo che questa settimana ha respinto una proposta simile) mi ha fatto tornare alla mente un delizioso film del 1934 diretto da Gregory La Cava. Si tratta di What every woman knows, la terza trasposizione cinematografica e la prima versione sonora (le altre due erano del 1917 e del 1924, la poca originalità al cinema non è cosa recente) dell’ omonima commedia teatrale  scritta dall’autore di Peter Pan, James Matthew Barrie, nel 1908, quindi nel pieno delle battaglie per il voto alle donne delle cosiddette suffragette, che racconta di una donna che è la vera ragione dello straordinario successo politico di suo marito.

Madge Evans in 1935 (Photo credit: Wikipedia)

Ambientato in Scozia ed Inghilterra agli inizi del ventesimo secolo (anche se è assai difficile capirlo dai costumi, visto che il produttore Irving Thalberg aveva scelto di far vestire i personaggi con abiti moderni per venire incontro ai gusti del pubblico), What Every Woman Knows è la storia di Maggie Wylie (Helen Hayes), una donna scialba che tutti credono destinata a un perpetuo zitellaggio, il cui destino cambia improvvisamente una sera quando, insieme al padre e ai suoi due fratelli, sorprende un uomo mentre entra furtivamente nella loro casa.  Non si tratta però di un topo di appartamento ma di John Shand (Brian Aherne), uno studente universitario ambizioso quanto squattrinato che, non potendo permettersi i libri necessari a completare i suoi studi in legge, ha deciso di approfittare della loro ampia (e perlopiù intonsa) biblioteca casalinga. Gli uomini di casa Wylie fiutano subito l’affare che potrebbe risolvere i problemi di Maggie. Offrono al giovane 300 sterline per completare la sua istruzione, a patto che  terminati gli studi (avrà cinque anni di tempo) sposi Maggie, che è più vecchia di lui di sei anni, se non avrà nel frattempo trovato un altro marito e se ne avrà ancora voglia (Maggie si intende). Passati i cinque anni John, grazie al fondamentale aiuto di Maggie, è riuscito a farsi eleggere deputato al parlamento di Londra ma non ad innamorarsi di lei e così Maggie decide di liberarlo dal patto. Ma John che è un uomo orgoglioso e leale (e sciocco) decide di sposarla ugualmente. Peccato che una volta a Londra John si innamori della bella Lady Sybil Tenterden (Madge Evans), una giovane di nobile famiglia rimasta folgorata nello stesso istante dalla passione politica e dal prestante politico. Maggie sembra destinata a soccombere nel confronto con la giovane rivale, ma nessuno, e nemmeno John, sa quanto lei sia indispensabile al successo politico del marito…

Original British production at the Duke of York’s Theatre, 1908 (Photo Credit: Wikipedia)

John, l’uomo che non ha mai riso perché è “serio”, non è un esemplare poi tanto speciale di uomo: troppo arrogante e innamorato di se stesso per comprendere che non è il solo artefice del suo destino, troppo cieco per vedere quello che Maggie fa per lui e troppo stupido per ringraziarla (senza contare la scarsa originalità del suo innamoramento per la giovane, bella e ricca Lady).

Maggie invece è una persona capace e brillante che ha capito immediatamente le debolezze del marito ma anche le sue qualità positive. Lei sa come aiutarlo, ma sa anche che lui non deve capire che lei lo aiuta. È lei che gli suggerisce le frasi ad effetto che rendono più interessanti i suoi discorsi anche se gli lascia credere che le abbia pensate lui lì per lì, lei che gestisce con abilità le sue pubbliche relazioni all’interno del partito ed è sempre lei che nel momento più disperato riesce persino a combinare le cose per fare in modo che i due giovani amanti capiscano da soli non essere fatti l’uno per l’altro (e che John non si rovini la carriera). Potrebbe fare diversamente? Forse, ma lei ama sinceramente il suo sciocco marito (forse proprio perché è uno sciocco) e la società in cui vive non le offre la possibilità di agire in un altro modo.

Maggie è in fondo il prodotto perfetto di quella società in cui le donne passata la pubertà contavano qualcosa solo in quanto mogli e sente tutto il peso della sua situazione. Sente costantemente di aver qualcosa di cui farsi perdonare, prima come donna scialba incapace di attrarre le attenzioni maschili e quindi destinata a diventare un “peso” per la sua famiglia d’origine, poi come moglie quasi abusiva di un uomo apparentemente brillante, ma soprattutto attraente e più giovane di lei. La cosa terribile è che come donna non potrebbe fare valere le sue capacità senza il tramite di un uomo, non importa quanto sia brillante o abile. In una società che ancora non garantiva alle donne nemmeno il diritto di voto, non c’era nessuno spazio, specie nell’ambito politico, per loro se non alle spalle del marito. Povera Maggie che viveva agli inizi del ‘900…

Per fortuna oggi le cose sono cambiate, le donne votano e quella del suggeritore non è più la sola carriera politica possibile. Peccato che ogni tanto accada qualcosa che fa sorgere il dubbio che in giro ci sia qualcuno che sarebbe più che felice se le cose tornassero ad essere così.

(comunque il film, anche se sicuramente non è il migliore di La Cava, è divertente ed Helen Hayes, che era fondamentalmente un’attrice teatrale, e Brian Aherne sono bravi. Se ne trovate una copia guardarlo non sarà tempo sprecato, intanto se volete farvi un’idea potete cliccare QUI per vedere  la scena in cui John entra furtivamente in casa Wylie e accetta di diventare il promesso sposo di Maggie).

Alcuni film liberamente associati che potrebbero piacervi(clicccate sul titolo per vedere una scena o il trailer):

Mr Smith va a Washington – USA 1939 Directed by: Frank Capra. Starring: James Stewart; Jean Arthur; Claude Rains.

Rebecca-La prima moglie – USA 1940 Directed by: Alfred Hitchcock. Starring: Joan Fontaine; Laurence Olivier; Judith Anderson; George Sanders.

Perdutamente tua – USA 1942 Directed by: Irving Rapper. Starring: Bette Davis; Paul Henried; Claude Rains; Gladys Cooper.

Lo strano amore di Martha Ivers – USA 1946 Directed by: Lewis Milestone. Starring: Barbara Stanwick; Kirk Douglas; Van Heflin, Lizabeth Scott.

L’ereditiera – USA 1949 Directed by. William Wyler. Starring: Olivia De Havilland; Montgomery Cliff: Miriam Hopkins.

Banshun (Tarda Primavera) – JAP 1949 Directed by: Yasusjiro Ozu. Starring: Setsuko Hara; Chishû Ryû; Yumeji Tsukioka.

Enhanced by Zemanta

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s