“… and don’t call me sugar!”

Scarlett O’ Hara

From: Gone with the wind – 1939

So now we know that the new electoral law (the same law the parliament is discussing and that, thanks to variable minimum threshold for party representation and additional seats for the majority coalition, will make so difficult to give a name to the winner unless holding a degree in mathematics) won’t grant gender equality when the closed lists will be compiled. A large number of women MPs from all the parties asked for fifty-fifty chances to be elected, but the proposition has been rejected because: it’s against the Constitution (?!?!?!??); this is not the right way to grant women equality; what’s really important is to elect someone who’s really competent no matter the gender (for instance the phenomenal Senator Antonio Razzi who said more than once that North Corea is a nice and peaceful Country, just like Swiss…); this thing about gender equality is just an excuse to damage Prime Minister Renzi and overthrow the great pact for a new electoral law made with MrB; anyway in our party this already exists (so said Mr Renzi himself); if you try to have too much you’ll end up with nothing (Mr Ignazio La Russa, former Minister of Defence in last MrB’s cabinet, now Fratelli D”Italia (right)party’s member and a real macho)…

Well, the battle to reach the equality for women is far from being won but… after the words told about those women who are still victims of abuses and violence in the days before and after the International Women’s Day (coincided with a feminicides’ spree), after reading once again that the abortion law in Italy is threatened because of the high number of doctors who are conscientious objector treating women like mere foetus-carrier (and wicked ones. if you are adventurous you can try to read THIS using a translator), I think that a Parliament made of women and man in equal number would show to the entire Country (included men who hate women and women accomplice with men who hate women – for instance someone like that lady my granny told me about who, after have been beaten for most of her life by her husband, suggested aggressively to his son to beat his wife) that women ain’t a strange subspecies, that we are part of this society, skilled and able to cope with many different situations just like men are…

even if a fifty-fifty Parliament wouldn’t be a faithful representation of the Italian society: in fact in Italy we are the 52% of the population.

…e non chiamarmi cocca!”

Rossella O’ Hara

Da: Via col vento – 1939

E così ora sappiamo che la nuova legge elettorale (quella che per capire chi ha vinto le elezioni tra soglie di sbarramento variabili e premi di maggioranza bisogna avere minimo minimo una laurea in matematica o in statistica) non garantirà la parità di genere nella compilazione delle liste (che rimarranno bloccate) perché: sarebbe anticostituzionale (?!?!?!); tanto non è così che si garantisce la parità alle donne; l’importante è che gli eletti siano competenti non quale sia il loro sesso (ad esempio Scilipoti; Razzi…); questa trovata della parità di genere era solo un trappolone per Renzi per rovinare l’accordo con l’altissimo (MrB si intende); tanto nel nostro partito c’è già (parola di premier); chi troppo vuole nulla stringe (il camerata maschio Ignazio La Russa)…

Ora, sicuramente è vero che tanto, ma davvero tanto, c’è ancora da fare perché la parità uomo-donna nel nostro paese non sia solo uno slogan, però… però dopo aver sentito parlare di donne vittime di abusi e violenze varie in occasione dell’8 marzo (Giornata Internazionale della Donna che quest’anno ha coinciso con un inquietante picco di cosiddetti femminicidi), dopo aver letto ancora una volta del modo indecente in cui viene (non)applicata la legge 194 che dovrebbe garantire alle donne italiane di abortire in una struttura pubblica con un’adeguata assistenza (leggete QUESTO articolo) e non di essere trattate come mere (e malvage) portatrici di embrione, un parlamento in cui uomini e donne siano rappresentati in egual misura potrebbe mostrare al paese tutto (uomini che odiano le donne e donne che aiutano gli uomini a odiare le donne compresi – mia nonna mi raccontava ad esempio di una vicina che dopo averle prese per anni dal marito incitava il figlio a picchiare la moglie) che noi donne non siamo una sottospecie umana, che siamo parte attiva della società e che abbiamo le stesse capacità dei signori uomini…

anche se un parlamento diviso a metà in effetti non sarebbe lo specchio fedele della nostra società: le donne in Italia infatti sono circa il 52% della popolazione.

Related articles/Articoli correlati :

Italicum, via libera a soglie di sbarramento. No alle preferenze. Renzi serra i ranghi prima del rush finale (repubblica.it)

Foto: Legge elettorale, deputate in bianco per parità di genere (repubblica.it)

Il giorno più lungo delle parlamentari (sconfitte) (corriere.it)

Le donne erano un pretesto (ilgiornale.it)

Roma,”Io, abbandonata in bagno ad abortire” (repubblica.it)

Enhanced by Zemanta

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s