The Letter 1940

The Letter (Ombre Malesi) – USA 1940

Directed by: William Wyler.

Starring: Bette Davis; Herbert Marshall; James Stephenson; Gale Sondergaard.

Love hurts…

Bang… bang… bang, bang, bang, bang… William Wyler only allows us to understand that we are going to watch a story set in a rubber plantation somewhere in the Southeast Asia when suddenly a shoot happens, then a man stumbles out of a cottage followed by Bette Davis, cold and determined, shooting several times and continuing even when there ain’t no bullets left.

The Letter – 1940 (Photo Credit: Wikipedia)

This way, just like the 1927 W. Somerset Maugham‘s play on which it’s based, starts The Letter, the 1940 very dark melodrama directed by William Wyler and starring, as told, Bette Davis as Leslie Crosbie, the wife of a British rubber plantation manager in British Malaya. If you want to know why a sweet lady kills with brutal determination the man we’ll discover to be Geoff Hammond, a family friend, you have to watch the rest of the film, so…

SPOILER ALERT: if you’ve never seen this movie, go and fetch a copy immediately, because this article will spoil the surprise (for sure). Anyway, if you prefer to do so, you can read the rest of it at your own risk…

As you can easily imagine as the story goes on, though Leslie’s husband (Herbert Marshall), a police officer and the family lawyer Howard Joyce (James Stephenson) believe she shot the man in self-defence to avoid a rape, the woman has to be put in jail in Singapore to wait a trial for murder. But Leslie is protected by prejudices and racism. She is just an helpless woman, a respectable member of the European community in the colonies, while the man she killed, also a member of the European community, was secretly married to a local woman living in the Chinese quarter (Gale Sondergaard), a fact that in the racist colonial society is almost a crime itself and that seems to confirm the man’s perverted nature. The delicate woman crocheting in jail is innocent for sure, the pervert man only had what he deserved. And everybody seem to embrace this theory at least until the indigenous lawyer’s clerk tells him that Hammond’s wife has a letter written by Leslie proving that the woman  had a long lasting secret relation with the man she killed and that, consumed by jealousy, she summoned him to her cottage after learning about his secret marriage….

Cropped screenshot of Bette Davis from the tra...

Bette Davis as Leslie Crosbie in The Letter. (Photo credit: Wikipedia)

The play, originally a short story appeared in Maugham’s 1926 collection The Casuarina Tree, was based on a real scandal occurred in 1911 in Kuala Lumpur: the wife of the headmaster of a school shoot dead a male “friend”. There was no letter, this is a Maugham’s invention, but the stories end the same way with the murderer woman pardoned. Maugham also added the fact that Leslie in the end tells the truth to her husband and confesses him that she is still in love with the man she killed but will live with him only to atone for her crime. Obviously such an ending, though already used in the first 1929 movie version (starring Jeanne  Eagels and with Herbert Marshall as Hammond) couldn’t be acceptable in Hollywood in 1940. After the 1934 reinforcement of the Motion Picture Production Code, censorship required that every crime had to be punished. So in the end Leslie, though feeling something terrible is going to happen (after all she found a dagger on the  threshold…), wanders around the garden and almost voluntarily gives Hammond’s wife the opportunity to stab her to death. Censors were served.

Cropped screenshot of Gale Sondergaard from th...

Gale Sondergaard in The Letter. (Photo credit: Wikipedia)

The Letter was the second film Bette Davis made with William Wyler, the man she considered the best director in Hollywood, the one who had helped her achieve her full potential (thanks to Jezebel the film that granted her the second Oscar, in 1938) and the love of her life (though, to Davis great regret, he never was one of her four husbands). The film was praised by the critics (though on The New York Times the ending was called “weak”, blaming for this censorship requirements) and earned seven Academy Award nominations (Best Picture; Direction; Actress; Supporting Actor-James Stephenson; Editing; Original Music Score; B/W Cinematography) but no Oscars.

I warn you, the film is a bit slow and is soaked with racism. There are two different societies living side by side but absolutely separated: the white one and the indigenous one, whose members are depicted as devious, manipulative and vaguely amoral (the quite slimy clerk who pretends to lend Leslie a hand while is in fact blackmailing her and Hammond’s wife, who makes money on her husband death but in the end redeems herself thanks to an homicide the censorship imposed). But it couldn’t be different, not in the setting portrayed nor in the period when the film has been produced (just consider that the Motion Picture Production Code strongly censored interracial relationships). Anyway, this is one of those movies you should have watch at least once in you lifetime.

A few more dangerous ladies you could also like(click on the title to watch a clip or a trailer):

The Maltese Falcon – USA 1941 Directed by: John Huston. Starring: Humphrey Bogart; Mary Astor; Sydney Greenstreet; Peter Lorre.

Double Indemnity – USA 1944 Directed by: Billy Wilder. Starring: Barbara Stanwyck; Fred MacMurray; Edward G. Robinson.

Leave her to Heaven – USA 1945 Directed by: John M. Stahl. Starring: Gene Tierney; Cornel Wilde; Jean Crain.

Scarlet Street – USA 1945 Directed by: Fritz Lang. Starring: Edward G. Robinson; Joan Bennett; Dan Duryea.

The Strange Love of Martha Ivers – USA 1946 Directed by: Lewis Milestone. Starring: Barbara Stanwyck; Van Heflin; Kirk Douglas; Lizabeth Scott.

The Postman Always Rings Twice – USA 1946 Directed by: Tay Garnett. Starring: Lana Turner; John Garfield; Cecill Kellaway.

pellicola

L’amore fa male…

Bang… bang… bang, bang, bang, bang… William Wyler ci dà giusto il tempo di guardarci un po’ intorno per renderci conto che stiamo per vedere una storia ambientata in una piantagione di gomma da qualche parte nel Sud Est Asiatico quando ecco il primo colpo e poi un uomo che si precipita fuori da una casa inseguito da Bette Davis, fredda e inesorabile, che spara, spara e spara ancora e non smette nemmeno quando i proiettili sono finiti.

Bette_!

Bette Davis and (Photo credit: SweeneyTodd48)

Così, proprio come la pièce teatrale di W. Somerset Maugham del 1927 da cui è tratto, incomincia Ombre Malesi (The Letter, il titolo originale), nerissimo melò del 1940 diretto da William Wyler che ha per protagonista appunto Bette Davis nel ruolo di Leslie Crosbie, moglie di un inglese che gestisce nella Malesia Britannica una piantagione di gomma. Per scoprire cosa ha indotto la dolce signora ad uccidere con tanta determinazione un uomo, che presto scopriremo essere Geoff Hammond, un amico di famiglia, non resta che guardare il resto del film e quindi…

ATTENZIONE SPOILER: se non avete mai visto questo film prima d’ora, correte a procurarvene una copia immediatamente perché la lettura di questo articolo potrebbe rovinarvene la visione. Oppure, se preferite, continuate la lettura ma a vostro rischio e pericolo…

James Stephenson as Howard Joyce in The Letter (Photo Credit: Wikipedia)

Come potete facilmente immaginare col proseguire della storia, nonostante il marito di Leslie (Herbert Marshall), un ufficiale di polizia e l’avvocato di famiglia Howard Joyce (James Stephenson), credano al fatto che lei si sia solo difesa da un tentativo di stupro, la donna finisce in prigione a Singapore in attesa che si svolga il processo per omicidio. Leslie però è ben protetta, la aiutano i pregiudizi e il razzismo. Lei fragile donna europea, è un rispettabilissimo membro della comunità, mentre l’uomo che ha ucciso, Hammond, anche se altrettanto europeo, era segretamente sposato ad una donna del posto che vive nel quartiere cinese (Gale Sondergaard), un fatto che nella assai razzista società coloniale è visto quasi come un crimine, una conferma della sua natura perversa. La delicata donnina che in prigione  lavora all’uncinetto è sicuramente innocente mentre l’abbietto pervertito ha solo avuto quello che si meritava. E tutti sembrano pensarla così, almeno fino a quando l’assistente indigeno dell’avvocato non lo avverte che la vedova di Hammond è in possesso di una lettera di Leslie che potrebbe provare che in realtà la donna e l’uomo che ha ucciso avevano da tempo una relazione e che Leslie, livida di gelosia dopo aver scoperto del matrimonio segreto, l’aveva invitato a raggiungerla nella sua casa…

William Somerset Maugham in 1934 (Photo Credit: Wikipedia)

La pièce teatrale di Maugham, in origine un racconto apparso nel 1926 nella raccolta The Casuarina Tree, era ispirata ad un vero scandalo accaduto nel 1911 a Kuala Lumpur: la moglie del preside di una scuola aveva ucciso a colpi di pistola un “amico”. Non c’era nessuna lettera, quella è un’invenzione di Maugham, ma le storie finivano comunque allo stesso modo: l’assassina veniva perdonata. Un’altra invenzione di Maugham è il fatto che la donna nel finale raccontando la verità al marito gli confessi anche di essere ancora innamorata dell’uomo che ha ucciso oltre al proposito di vivere con lui il resto della vita solo per espiare la sua colpa.

Ovviamente un simile finale, che era stato usato anche nella prima versione cinematografica del 1929 (che aveva come protagonista Jeanne Eagels e in cui Herbert Marshall interpretava il ruolo di Hammond), non era più accettabile nella Hollywood del 1940. Dopo l’inasprimento del Codice Hays del 1934, le maglie della censura si erano ristrette e ogni delitto andava debitamente punito. Così nel finale del film Leslie, dopo la sua confessione al marito, pur presagendo che qualcosa di terribile sta per accadere (dopo tutto ha trovato sulla soglia di casa un pugnale…), va in giardino e quasi si offre alla vendetta della moglie di Hammond che la pugnala per la felicità dei censori.

Cropped screenshot of Herbert Marshall from th...

Herbert Marshall in The Letter. (Photo credit: Wikipedia)

Ombre Malesi era la seconda collaborazione artistica tra Bette Davis e William Wyler, l’uomo che l’attrice considerava il più grande regista di Hollywood, quello che l’aveva aiutata a raggiungere il massimo del suo potenziale (con La Figlia del Vento nel 1938, il film col quale aveva vinto il suo secondo Oscar), e il grande amore della sua vita (anche se, con grande rimpianto della Davis, non fu uno dei suoi quattro mariti).  Il film piacque alla critica (anche se sul New york Times si disse che la censura aveva reso “debole” il finale esigendo la punizione della colpevole Leslie),  e conquistò ben 7 nomination all’Oscar (miglior film; regia; attrice; attore non protagonista -James Stephenson; colonna sonora originale; montaggio; fotografia in bianco e nero) ma non portò a casa nessuna statuetta.

Vi avverto, il ritmo è lento e il film è intriso di razzismo. La società dei bianchi è rigorosamente separata dalla comunità locale i cui rappresentanti sono dipinti come subdoli, manipolatori e vagamente amorali (l’assistente un po’ viscido finge di dare una mano mentre partecipa a un ricatto e la moglie del defunto monetizza la morte del marito ma alla fine si riscatta grazie a un delitto imposto dalla censura). Sarebbe difficile però aspettarsi qualcosa di diverso visto il momento storico che il film fotografa e quello in cui è stato prodotto (basti ricordare che le unioni interraziali erano fortemente censurate dal Codice Hays). Nonostante tutto comunque, questo è uno di quei film che dovreste aver visto almeno una volta nella vita.

Altre signore pericolose che potrebbero persino piacervi (cliccate sul titolo per vedre una scena o il trailer):

Il Mistero del Falco – USA 1941 Diretto da: John Huston. Con: Humphrey Bogart; Mary Astor; Sydney Greenstreet; Peter Lorre.

La Fiamma del Peccato – USA 1944 Diretto da : Billy Wilder. Con: Barbara Stanwyck; Fred MacMurray; Edward G. Robinson.

Femmina Folle – USA 1945 Diretto da: John M. Stahl. Con: Gene Tierney; Cornel Wilde; Jean Crain.

La Strada Scarlatta – USA 1945 Diretto da: Fritz Lang. Con: Edward G. Robinson; Joan Bennett; Dan Duryea.

Lo Strano Amore di Martha Ivers – USA 1946 Diretto da: Lewis Milestone. Con: Barbara Stanwyck; Van Heflin; Kirk Douglas; Lizabeth Scott.

Il Postino Suona Sempre Due Volte – USA 1946 Diretto da: Tay Garnett. Con: Lana Turner; John Garfield; Cecill Kellaway.

Enhanced by Zemanta

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s