Kapò1960

Kapò – ITA/FRA/YU 1960

Directed by: Gillo Pontecorvo

Starring: Susan Strasberg; Didi Perego; Emmanuelle Riva; Gianni Garko; Laurent Terzieff.

Remember not to forget.

January, 27 is the International Holocaust Remembrance Day.  As established with a UN resolution in 2005, the anniversary of the Auschwitz concentration camp’s liberation by the Soviet Red Army on its way to Berlin (1945) has become a  memorial day to celebrate the victims of Holocaust: Jews, Gipsies, homosexuals, disabled people, political prisoners and also common criminals, coming from the Third Reich and German-occupied territories, all killed in the widest and more brutal programme of systematic state-sponsored murder ever conceived.

Kapò

Kapò (Photo credit: Wikipedia)

Not to forget that this came about, I want to suggest you this week to watch Kapò a 1960 film directed by Gillo Pontecorvo.

Conceived by Pontecorvo and co-writer Franco Solinas after reading Primo Levi’s  Se questo è un uomo (If this is a man), the autobiographical book describing the author’s experience as a prisoner in Auschwitz, Kapò is the (fictitious) story of a young jewish French girl, the fourteen-year-old Edith, who, arrested with her parents in a Nazi round-up in Paris, is catapulted from her ordinary life to the brutality of a Nazi concetration camp in eastern Europe; in a crescendo of misery and horror she will be turned from victim into a collaborator, to end reaching the rank of Kapò.

In a Nazi concentration camp a Kapò was a prisoner (male or female) who supervised other prisoner’s work, his/her status granted a better treatment and extra-food. Every barrack or block in a camp had one, so that a fewer number of SS were needed to control them. Many Kapòs were “recruited” among common criminals and brutality against other prisoners was encouraged and zealously practised (not to lose privileges and to avoid to return among other prisoners who saw them like enemies). This way, turning a victim against other victims, Nazis could crush any residual resistance (moral or physical) and isolate prisoners one from the other. Nobody could know for certain if a fellow prisoner could become a brutal criminal too.

The movie, telling the (fictitious) story of Edith, talk about the systematic prisoners annihilation practised in Nazi concentration camps.

Auschwitz concentration camp, arrival of Hunga...

Auschwitz concentration camp, arrival of Hungarian Jews, Summer 1944 (Photo credit: Wikipedia)

First stage: loss of identity. Just arrived in a sorting camp, Edith and her parents are separated. Trying to find an impossible way to escape, the girl is helped by another prisoner and by a doctor (also a prisoner) and, to survive, accepts to take the place of a captive who has just died, a thief called Nicole. From now on she’ll use her name and ID number. Disguised as a non-jewish, the doctor explains, she will be treated in a better way.

Second stage: fear and loss of dignity. Edith/Nicole, after watching her parents marching to the gas chamber, is sent to a work camp. She seems unable to cope with her new (almost)life and often weeps. Then, she passes from solidarity with other prisoners to food stealing and she refuse to wash herself because she finds this activity simply pointless.

Third stage: survival instinct and detachment from other prisoners. When Edith/Nicole, because of her hands covered with sores, risks not to pass her first “selection” (a periodical “check-up” to decide who could be a slave again and who was ready to be gassed), she discovers her strong survival instinct. When the doctor asks her (in German) to show her hands, she opens instead her uniform showing her bosom. Passed the selection and back to her barrack she cries to her fellow prisoners “…I cheat you all, I cheat you all!”.

"Selection" of Jews from Hungary at ...

“Selection” of Jews from Hungary at Auschwitz-Birkenau in May/June 1944. To be sent to the left meant slave labor; to the right, the gas chamber. “The Auschwitz Album”, Yad Vashem. (Photo credit: Wikipedia)

Fourth stage: acceptance and adaptation. Removed her previous identity, Nicole accepts to be a prostitute for the SS guards to have extra-food. Then, when thanks to her common criminal status she receive the proposition to become a Kapò, she accepts. She becomes a cruel guardian and is always ready to brutalize or menace other prisoners. The only thing that counts is to survive, no matter who will pay for it.

Before the end of the film, anyway, Nicole seems to regain her soul (she is still just a girl, now she’s about 16). When a few Russian soldier are taken prisoners she falls in love with one of them, Sascha (Laurent Terzieff), and help him to organize a mass-escape, but infortunately, for Nicole/Edith it’s to late…

This last part of the  movie is the more controversial (Pontecorvo was against the idea of a love story between Nicole and Sascha and for that reason he had a bitter quarrel with Solinas and the film seriously risked not to be made), but you must consider that  this movie ain’t a documentary, like any other movie it suggests a point of view and can be a starting point to arouse your interest over the events told.

And when a film succeed in that, it means you ain’t lost your time watching it.

(the film is available on DVD and online, if you can speak Italian or read Spanish subtitles you can also try … http://www.youtube.com/watch?v=ab2lHQ84fx0).

A few related movies you can also watch (a click on the titleto watch a clip or the trailer):

The garden of the Finzi-Continis – ITA 1970 Directed by: Vittorio De Sica. Starring: Lino Capolicchio; Dominique Sanda; Helmut Berger; Fabio Testi; Romolo Valli.

Sophie’s Choice – USA 1982 Directed by: Alan J. Pakula. Starring: Meryl Streep; Kevin Kline; Peter MacNicol.

Music Box – USA 1989 Directed by: Costa-Gavras. Starring: Jessica Lange; Armin Mueller-Stahl; Frederic Forrest.

Schindler’s List – USA 1993 Directed by: Steven Spielberg. Starring: Liam Neeson; Ralph Fiennes; Ben Kingsley; Embeth Davidtz.

The Truce – USA 1997 Directed by: Francesco Rosi. Starring: John Turturro; Massimo Ghini; Rade Serbedzija; Claudio Bisio.

The reader – USA 2008 Directed by: Stephen Daldry. Starring: Kate Winslet; Ralph Fiennes; David Kross; Lena Olin. pellicola

Ricoratevi di non dimenticare.

Il 27 gennaio, è  il Giorno della Memoria. Come stabilito con una risoluzione dell’ONU del 2005, nell’anniversario della liberazione del Campo di Concentramento di Auschwitz da parte dell’Armata Rossa in marcia verso la conquista di Berlino (era il 1945) si celebra il ricordo delle vittime dell’Olocausto: Ebrei, Zingari, omosessuali, disabili fisici e mentali, prigionieri politici e anche criminali comuni provenienti dal Terzo Reich e dai territori occupati dalla Germania Nazista, tutti vittime di quello che è stato il più ampio ed efferato programma di sistematiche uccisioni di massa che mai sia stato concepito da uno Stato.

Susan Strasberg and Laurent Terzieff in Kapò (Potho Credit: Wikipedia)

Per non dimenticare che questo è stato, vi suggerisco questa settimana la visione di Kapò, il film del 1960 diretto da Gillo Pontecorvo.

Concepito dallo stesso Pontecorvo e dal co-sceneggiatore Franco Solinas dopo aver letto Se questo è un uomo, il libro autobiografico di Primo Levi nel quale lo scrittore descrive le sue esperienze di internato ad Auschwitz, Kapò è la storia (non reale) di una giovanissima ragazza ebrea francese, la quattordicenne Edith (Susan Strasberg), che catturata a Parigi assieme ai genitori nel corso di un rastrellamento nazista passa in poco tempo dalla normalità delle lezioni di piano alla brutalità di un campo di concentramento nell’Europa dell’est, in un crescendo di orrori e miseria che la porteranno a diventare da vittima a complice dei suoi aguzzini fino ad assumere l’incarico di Kapò.

A kapo leader at Salaspils concentration camp with a Lagerpolizist (camp police) armband. (Photo credit: Wikipedia).

Nei campi di concentramento nazisti un Kapò era un prigioniero o una prigioniera che supervisionava il lavoro di altri prigionieri, il suo status garantiva un migliore trattamento e delle razioni di cibo extra. Ogni baracca o blocco ne aveva uno, questo permetteva di gestire i campi utilizzando un numero inferiore di SS. Nella maggior parte dei casi, i Kapò venivano “reclutati” tra i criminali comuni e la brutalità nei confronti degli altri prigionieri era incoraggiata e praticata con zelo (anche per il timore di perdere i privilegi e tornare tra compagni di prigionia che ormai erano dei nemici). In questo modo, usando vittime contro vittime i nazisti piegavano nei prigionieri ogni residua resistenza (fisica e morale) isolandoli gli uni dagli altri. Nessuno poteva avere la certezza assoluta che prima o poi un compagno non si trasformasse in un aguzzino.

Il film, raccontando la storia (ripeto, non vera) di Edith, presenta in modo quasi esemplare l’annientamento sistematico degli esseri umani che veniva praticato nei campi.

Prima fase: perdita dell’identità. Appena arrivata nel campo di smistamento Edith viene subito separata dai genitori. Cercando un’impossibile via di fuga viene soccorsa da un’altra detenuta e da un medico (anche lui è un prigioniero) e, pur di sopravvivere, accetta di utilizzare lo stratagemma di farsi passare per una detenuta comune appena morta, una ladra di nome Nicole di cui adotterà nome e numero di identificazione (nei campi questo rappresentava la nuova non-identità dei prigionieri). Come non-ebrea, le viene detto, godrà di un trattamento migliore.

Seconda fase: paura e perdita della dignità. Edith/Nicole dopo aver assistito impotente alla marcia dei genitori verso la camera a gas, viene trasferita in un campo di lavoro. Sembra incapace di adattarsi alla nuova vita e piange spesso, poi passa dalla solidarietà nei confronti delle compagne ai furti di cibo e alla fine rinuncia persino a lavarsi, le sembra che ormai non abbia più importanza.

Entrance to Auschwitz-Birkenau, 1945 (Photo credit: Wikipedia)

Terza fase: prevalere dell’istinto di sopravvivenza e scollamento dal gruppo. Quando rischia di non passare, a causa delle mani piagate, la prima selezione (una di quelle visite periodiche che stabilivano chi poteva ancora essere sfruttato come schiavo e chi invece, ormai troppo debilitato, fosse solo carne da camera a gas), Edith/Nicole scopre di possedere un forte istinto di sopravvivenza. Alla richiesta (gridata in tedesco come tutti gli ordini, non importava rivolti a chi ne tantomeno se fossero in grado di comprenderli) di mostrare le mani si apre invece la divisa mostrando il seno. Passa la visita e tornata nella sua baracca, quando si rende conto di essere salva (almeno per il momento) grida rivolta alle compagne “…vi ho fregate tutte, vi ho fregate!”.

Quarta fase: accettazione della realtà così com’è e adattamento. Sepolta la sua vera identità, Nicole accetta di prostituirsi con i suoi aguzzini per avere razioni di cibo extra e poi quando, in virtù del suo status di detenuta comune le viene offerto di diventare una kapò  accetta senza problemi di trasformarsi a sua volta  in un’aguzzina sempre pronta a maltrattare le sue compagne di detenzione. Conta solo sopravvivere, non importa come e a spese di chi.

Nel finale del film si assiste anche a un quasi risveglio della coscienza di Nicole (che va detto è ancora una ragazzina è alla fine della storia ha solo 16 anni). Quando al campo arrivano dei prigionieri russi, lei si innamora di Sascha (Laurent Terzieff) e con lui collabora all’organizzazione di un tentativo di fuga di massa, ma purtroppo per lei sarà troppo tardi…

Quest’ultima parte, il tentativo di riscattare la figura della giovane vittima-aguzzina è la più controversa del film (Pontecorvo non avrebbe voluto introdurre la storia d’amore tra i prigionieri e pare litigò per questo con Solinas mettendo a rischio la produzione), ma va ricordato che questo non è un documentario e non va guardato come se lo fosse, andrebbe considerato piuttosto un punto di partenza capace di accendere la curiosità e spingere lo spettatore ad approfondire la conoscenza di quegli eventi.

E se un film riesce in questo intento, guardarlo non è una perdita di tempo.

(Se non avete mai visto il film —  http://www.youtube.com/watch?v=ab2lHQ84fx0)

Alcuni film collegati che potreste vedere (un click sul titolo per vedere un clip o il trailer):

Il giardino dei Finzi-Contini – ITA 1970 Directed by: Vittorio De Sica. Starring: Lino Capolicchio; Dominique Sanda; Helmut Berger; Fabio Testi; Romolo Valli.

La scelta di Sophie – USA 1982 Directed by: Alan J. Pakula. Starring: Meryl Streep; Kevin Kline; Peter MacNicol.

Music Box – USA 1989 Directed by: Costa-Gavras. Starring: Jessica Lange; Armin Mueller-Stahl; Frederic Forrest.

Schindler’s List – USA 1993 Directed by: Steven Spielberg. Starring: Liam Neeson; Ralph Fiennes; Ben Kingsley; Embeth Davidtz.

La Tregua – USA 1997 Directed by: Francesco Rosi. Starring: John Turturro; Massimo Ghini; Rade Serbedzija; Claudio Bisio.

The reader-A voce alta – USA 2008 Directed by: Stephen Daldry. Starring: Kate Winslet; Ralph Fiennes; David Kross; Lena Olin.

Enhanced by Zemanta

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s