Camille1936

Camille (Margherita Gauthier) – USA 1936

Directed by: George Cukor.

Starring: Greta Garbo; Robert Taylor; Lionel Barrymore; Henry Daniell; Laura Hope Crews.

Marguerite always looked well when she was near death…

In Milan it’s a tradition: the 7th of December, the day dedicated to the patron Saint Ambrose, marks the start of the Christmas shopping season  and more important, for classical music lovers (but also for those that are simply interested in showing their elegant outfits) the opening of the Opera season at La Scala (Teatro alla Scala).

This year to celebrate Giuseppe Verdi ‘s two hundredth “birthday”, La Scala will stage a new edition of one of the most popular works of the Italian composer, La Traviata (1853). If you are an opera fanatic but you haven’t the tickets, you have lots of opportunities to watch it on TV or even at the cinema (if you’re in Milan – who knows? – you can also go to the Galleria Vittorio Emanuele II to watch it for free on a big screen), you can discover how, going to the Teatro alla Scala internet site clicking on this link:

http://www.teatroallascala.org/en/season/opera-ballet/2013-2014/la-traviata_cnt_29291.html

Camille (1936 film)

Camille (1936 film) (Photo credit: Wikipedia)

Then, if you don’t like opera but you feel anyway in the mood for drama and romance you can watch one of the movies starring Greta Garbo that I prefer: Camille, directed in 1936 by George Cukor.

Just like La traviata (though the opera changes the protagonists’ names), Camille is based on the 1948 novel La Dame aux Camélias (The Lady of the Camellias) written by Alexandre Dumas, fils, that had a first stage adaptation, written by the same author, in 1852 that became popular in the English-speaking world as Camille.

It’s the story of Marguerite Gauthier (Greta Garbo), a young woman from a poor country family who, using her charm, has made a name for herself (though not the most respectable one) in the fashionable Paris society, a character inspired to Marie Duplessis a French courtesan who lived in Paris in 1840’s, was the mistress of many prominent and wealthy men (among then Dumas fils and Franz Liszt) and died for tuberculosis, aged 23, in 1847.

Marie Duplessis (Photo Credit: Wikipedia

Men are Marguerite career, she needs them to live the easy and comfortable life she’s now used to and to pay her bills, extravagances (like the camellias she uses as an ornament) and doctors (she suffers from tuberculosis). When she has some economic trouble her not disinterested  friend Prudence (Laura Hope Crews), who’s concerned about her solvency being her dressmaker, decides it’s time for her to meet someone who could pay for her debts and arranges a rendezvous in a theatre with the rich Baron de Varville (Henry Daniell), but Marguerite mistakes the young and handsome Armand Duvall (Robert Taylor) for the much more solving man. Discovering the truth Marguerite is disappointed but decides that money is more important than attraction and starts a relation with the Baron. When months later she meets again Armand, Marguerite can’t help falling in love with him and decides to give up her old life, the Baron and Paris to live in the countryside with her new (and maybe first) love. But life is hard when one tries to do the right thing and soon Armand’s father  comes to tell her that she has to leave the guy cause her past is a threat for him and his family…

Marguerite’s world is a fake world: she lives in a luxury she can’t afford and “loves” those men who can pay for it, she pretends to be healthy and laughs when she don’t feel like it, her supposed friends are ready to turn their back on her at the first occasion, and the joyful parties she throws in her Parisian apartment  are just the parody of the elegant dinners (this remind you to something?) thrown by the good society matrons, even though the guests are probably the same. And when she’s finally ready for something true, for true love, she has to give it up. A real tragedy.

Greta Garbo, "Camille", 1936

Greta Garbo as Marguerite Gauthier(Photo credit: thefoxling)

This film directed by the women’s director George Cukor was not the first film adaptation of La Dame aux Camélias, not in Hollywood nor in the rest of the world. By 1936 Marguerite Gauthier had already been played on the silver screen by many great actresses, from Sarah Bernhardt (in 1911, aged 67) to Francesca Bertini (1915 – HERE), from the original “vamp” Theda Bara (1917) to Alla Nazimova (in1921, in a Art Deco version starring Rudolph Valentino as Armand- HERE) among the others and many more will follow Greta Garbo, but her performance, that granted her an Academy Award nomination as Best Leading Actress (but, alas, not the Oscar), is really unforgettable. Probably is the best in her career, surely the one she preferred. Even though the other players  are all good actors (Laura hope Crews as Prudence is really priceless) and despite Robert Taylor’s charm (he almost lost the role because too handsome) in the end you’ll remember her above the others. Even if you don’t like Greta Garbo, you’ll like this film and I can assure you that you’ll understand the reason why in her heydays she was called “the divine”.

All you have to do now, if you are not interested in opera, is to find a copy of Camille …but be sure to keep a tissues supply within reach.

A few related movies you could also like (Click on the title to watch a clip or the trailer):

Camille – USA 1921 Directed by: Ray C. Smallwood. Starring: Nazimova; Rudolph Valentino; Patsy Ruth Miller.

Parigi o cara – ITA 1962 Directed by: Vittorio Caprioli. Starring: Franca Valeri; Vittorio Caprioli; Fiorenzo fiorentini.

La Traviata – ITA 1983 Directed by: Franco Zeffirelli. Starring: Teresa Startas; Placido Domingo; Cornell MacNeil.

Pretty Woman USA 1990 Directed by: Garry Marshall. Starring: Julia Roberts; Richard Gere; Hector Elizondo; Laura San Giacomo, Ralph Bellamy.

Moulin Rouge! – USA/AUS 2001 Direted by: Baz Luhrmann. Starring: Nicole Kidman; Ewan McGregor; Jim Broadbent; John Leguizamo.

pellicola

Marguerite aveva sempre un bell’aspetto quando stava per morire…

A Milano è una tradizione: il 7 di Dicembre, festa del patrono Sant’ Ambrogio, segna l’inizio della stagione degli acquisti di Natale e soprattutto, per gli amanti della lirica (ma anche per chi più prosaicamente ama far sfoggio d’eleganza di fronte ai flash dei fotografi), la prima del Teatro alla Scala.

The Teatro alla Scala in Milan, by night

The Teatro alla Scala in Milan, by night (Photo credit: Wikipedia)

Quest’anno, nel duecentesimo anniversario della nascita d Giuseppe Verdi, ad inaugurare la stagione sarà un nuovo allestimento di una delle sue opere più popolari, La Traviata (1853). Se amate l’opera, ma non avete fatto i tempo a procurarvi i biglietti per assistere all’evento, potrete comunque seguire la prima scaligera in vari modi (sul megaschermo in Galleria a Milano, in vari cinema – anche in altre città – oppure comodamente a casa vostra su RAI5), basta consultare il sito del Teatro alla Scala cliccando questo link: http://www.teatroallascala.org/it/stagione/opera-balletto/2013-2014/la-traviata_cnt_29245.html

Se invece non vi piace l’opera ma avete comunque voglia di godervi un bel dramma romantico, potete  restare in tema guardando uno dei film interpretati da Greta Garbo che preferisco: Margherita Gauthier diretto nel 1936 da George Cukor.

Proprio come La Traviata (anche se nell’opera vengono cambiati i nomi dei protagonisti), Margherita Gauthier è ispirato al romanzo del 1948 La Dame aux Camélias (La Signora delle camelie) di Alexandre Dumas, figlio, che fu adattato per il teatro dallo stesso autore già nel 1852 diventando popolare nel mondo anglosassone col titolo di Camille (che poi è anche il titolo originale del film).

Greta and Robert Taylor in "Camille"...

Greta Garbo and Robert Taylor in “Camille”, 1936 (Photo credit: thefoxling)

Questa è la storia di Marguerite Gauthier (Greta Garbo), una giovane donna di umili origini  che si è fatta un nome (anche se non il più rispettabile) nell’elegante società parigina usando il suo fascino, un personaggio ispirato a Marie Duplessis, cortigiana francese che nella Parigi degli anni ’40 dell’ottocento era stata l’amante di diversi uomini ricchi e famosi (tra cui anche lo stesso Dumas figlio e  Franz Liszt) prima di morire di tubercolosi a 23 anni nel 1947.

Marguerite usa gli uomini e si lascia usare da loro, ne ha bisogno per vivere tra gli agi a cui si è  abituata, per pagare i conti, le sue stravaganze (come le camelie di cui si adorna) e i dottori (è malata di tubercolosi). Quando si trova in ristrettezze economiche la sua non proprio disinteressata amica Prudence (Laura Hope Crews), che essendo la sua sarta ha a cuore la sua solvibilità, decide che è ora di presentarle il ricco Barone di Varville (Henry Daniell), e organizza un appuntamento a teatro tra i due, ma Marguerite scambia il giovane e bello Armand Duvall (Robert Taylor) per il Barone. Nonostante il disappunto nello scoprire la verità Marguerite decide che i soldi sono più importanti dell’attrazione fisica e inizia una relazione con il Barone. Quando però alcuni mesi dopo rincontra Armand non può fare a meno di innamorarsene e decide di abbandonare la sua vecchia vita, il Barone e Parigi per ritirarsi in campagna col suo nuovo (e forse primo) amore. Ma la vita è difficile quando si cerca di fare la cosa giusta e presto arriva anche il padre di Armand (Lionel Barrymore) a ricordarle che con il suo passato lei potrebbe essere la rovina per il giovane e la sua famiglia…

Marguerite vive in un mondo fasullo: è immersa in un lusso che non può permettersi e “ama” chi glielo può procurare, finge una salute che non ha, ride anche quando non ne ha voglia, è circondata da falsi amici pronti a spolparla viva appena si trova in difficoltà, e dà allegri ricevimenti nella sua casa parigina che sono solo la parodia delle cene eleganti (vi ricorda qualcosa?) della buona società parigina anche se i signori che vi partecipano sono probabilmente gli stessi. E quando finalmente è pronta per qualcosa di reale, per il vero amore, è costretta a rinunciarci. Una vera tragedia.

Alla Nazimova and Rudolph Valentino in Camille.

Alla Nazimova and Rudolph Valentino in Camille – 1921. (Photo credit: Wikipedia)

Questo film diretto da George Cukor il regista delle donne per eccellenza, non era il primo adattamento di La Signora delle camelie per il grande schermo, né ad Hollywood né nel resto del mondo. Prima del 1936 Margherita Gauthier era già stata interpretata da tante grandi attrici, da Sarah Bernhardt (nel 1911 a 67 anni) a Francesca Bertini (1915 – QUI), dalla prima vamp Theda Bara (1917) ad Alla Nazimova (nel 1921 in una versione Art Déco del dramma in coppia con Rodolfo Valentino QUI) e molte altre, come altre attrici seguiranno Greta Garbo, ma la sua interpretazione, che le valse anche una nomination all’Oscar come Migliore attrice protagonista (ma purtroppo non il premio) è davvero indimenticabile. Probabilmente la migliore della sua carriera, sicuramente quella che lei stessa preferiva. Nonostante la bravura degli altri attori (impagabile Laura Hope Crews nei panni di Prudence) e l’indiscutibile fascino di Robert Taylor (che aveva persino rischiato di essere scartato perché troppo bello) si finisce col ricordare soprattutto lei. Persino se non vi piace Greta Garbo non potrete fare a meno di amare questo film e vi assicuro che capirete la ragione per cui all’epoca del suo grande successo era soprannominata “la divina”.

Ora, se proprio non vi interessa l’opera, non vi resta che cercare una copia di Margherita Gauthier ma non dimenticate di far prima scorta di fazzolettini.

Alcuni film colleati che potrebbero piacervi (cliccate sui titoli per vedere una scena o il trailer):

Camille – USA 1921 Diretto da: Ray C. Smallwood. Con: Nazimova; Rudolph Valentino; Patsy Ruth Miller.

Parigi o cara – ITA 1962 Diretto da: Vittorio Caprioli. Con: Franca Valeri; Vittorio Caprioli; Fiorenzo fiorentini.

La Traviata – ITA 1983 Diretto da: Franco Zeffirelli. Con: Teresa Startas; Placido Domingo; Cornell MacNeil.

Pretty Woman USA 1990 Diretto da: Garry Marshall. Con: Julia Roberts; Richard Gere; Hector Elizondo; Laura San Giacomo, Ralph Bellamy.

Moulin Rouge! – USA/AUS 2001 Diretto da: Baz Luhrmann. Con: Nicole Kidman; Ewan McGregor; Jim Broadbent; John Leguizamo.

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s