In this our life 1942

In This Our Life (In questa nostra vita) – USA 1943

Directed by: John Huston.

Starring: Bette Davis; Olivia De Havilland; George Brent; Dennis Morgan; Charles Coburn.

Never drop your guard when you live with a sister who always get what she wants…

If you are a soap operas’ fan you will surely like In This Our Life the 1942 melodrama directed by John Huston (his second movie after The Maltese Falcon) and starring Bette Davis and Olivia De Havilland.

In This Our Life

In This Our Life (Photo credit: Wikipedia)

The film is set in Virginia and, like in any respectable soap, there’s a big family whose members live together under the same roof. When the story begins the patriarch, Asa Timberlake, is facing the loss of his Tobacco Company to his brother in law and former partner William Fitzroy (Charles Coburn) while his wife Lavinia is perpetually ill. Everything seems to be all right with their children: the eldest daughter Roy (Olivia De Havilland), interior designer, is happily married with Peter Kingsmill (Dennis Morgan) a respected surgeon, while the younger daughter Stanley,  uncle William’s pet, is about to get married to Craig Fleming (George Brent), an incredibly rare idealist lawyer. But the night before her wedding Stanley surprises the whole family eloping with her sister’s husband…

SPOILER ALERT!!!!! If you don’t want to know what happens next, you better go and fetch a copy of this film immediately. Otherwise you’ll read the rest of this article at your own risk…

Cropped screenshot of Bette Davis from the tra...

Bette Davis in 1940 (Photo credit: Wikipedia)

The two sisters couldn’t be more different. Stanley is spoilt, irritating and not even a great beauty but she is so convinced that every man should simply surrender to her charm and do everything she wants that, in fact, most of the time things really go that way. She’s just like a child: when someone got something she likes, she must have it.

Roy is generous, has little confidence in her charm and lives in a fool’s paradise. She really believes in her marriage, thinking that if there is some problem it can be solved leaving her father’s house. Anyway, when she has to face reality she reacts and throws herself into her job.

All the men seem puppets. The father is a kind man but a looser too, incapable to assert himself; the uncle has a good nose for business but lacks in judgement when Stanley is around; Peter is quick to desert his wife but too proud to admit that he was wrong and Craig is an idealist but wouldn’t be able to face reality without a little help. And guess who will give him this little help, who’ll put him back to his feet and support his ideals? Roy, off course, who divorces Peter, who marries the bad sister but then is disappointed with reality and prefers leaving this cruel world, so the widow goes back home, decides that after all Craig (now that he’s her sister’s fiancé) ain’t bad at all, tries to revamp the passion, is infuriated when it doesn’t work, causes a  mortal car accident and put the blame on the innocent son of her family’s maid…

Olivia de Havilland, Motion Picture magazine, ...

Olivia de Havilland, Motion Picture magazine, December 1940 (Photo credit: The Bees Knees Daily)

The only thing missing is Roy plotting her insufferable sister homicide (a slow one using arsenic, a quick one, for instance an accidental fall from the staircase, a violent one using a big knife or an axe…) but as I told you, In This Our Life has all the qualities of a soap opera, though is in fact the adaptation of the novel with the same title written by Ellen Glasgow that won, nonetheless, the Pulitzer Prize for the Novel in 1942, only is not a very faithful adaptation.

Unfortunately the making of this movie was a troubled one.

After the Japanese attack on Pearl Harbour on December 7,1941 and the following entry of the United Stated into WWII, the director John Huston was assigned to the War Department (he will direct and produce propaganda documentaries) and had to leave the set replaced by Raoul Walsh. What’s more, Bette Davis, who was facing some personal problem and would have preferred to play the good sister, was so unhappy with the script, feeling she was too old to play Stanley (she was 34, but also was 8 years older than Olivia De Havilland), that she argued about almost every aspect of the production, from lights to make up.

Anyway, putting aside for a while those troubles and the soapish sisters’ rivalry, you’ll find something very interesting in  In This Our Life.

For once, a film set in the south of the United States (and made in 1940’s, a relevant point) ain’t reticent about racial discriminations. The African-American guy Parry Clay (Ernest Anderson), the son of Minerva the servant (Hattie McDaniel), is a positive character: he’s a young man who studies to become a lawyer and elevate his social status, working in the meantime to afford the expense of his education (and Roy and Craig are very glad to help him). But when Stanley accuses him of causing the mortal car accident she was responsible for, it’s quite clear that this poor guy, though innocent, has very little hope to be found innocent in a courtroom if a white lady will accuse him: every one watching the movie can understand that it’s the colour of his skin that makes him guilty (in fact in the prison you’ll exclusively find black guys). And believe it or not this was the reason why the wartime Office of Censorship initially disapproved it for foreign release, probably feeling that such a story (so close to reality) could compromise the image of the Land of Liberty.

In This Our Life disappointed everyone in the end. Ellen Glasgow disapproved what had been done to her novel, critics and audiences didn’t like it. Even Bette Davis was critical with it and later called it “mediocre”, obviously blaming the script and Huston direction for that. Anyway despite her troublesome attitude during the filming she surely succeed at least in one thing: to make of Stanley one of the most detestable characters ever. Believe me, you’ll be exceedingly satisfied when you’ll discover how the movie ends…

There are more family troubles for Bette and Olivia  (click on the title to watch a clip or a trailer):

The Bad Sister – USA 1931 Directed by: Hobart Henley. Starring: Conrad Nagel; Sidney Fox; Bette Davis; Humphrey Bogart.

A Stolen Life – USA 1946 Directed by: Curtis Bernhartdt. Starring: Bette Davis; Glenn Ford; Dane Clark; Walter Brennan.

The Dark Mirror – USA 1946 Directed by: Robert Siodmak. Starring: Olivia De Havilland; Lew Ayres; Thomas Mitchell.

What Ever Happened to Baby Jane? – USA 1962 Directed by: Robert Aldrich. Starring: Bette Davis; Joan Crawford; Victor Buono.

Dead Ringer – USA 1964 Directed by: Paul Henreid. Starring: Bette Davis; Karl Malden; Peter Lawford.

Hush…Hush, sweet Charlotte USA 1964 Directed by: Robert Aldrich. Starring: Bette Davis; Olivia De Havilland; Joseph Cotten; Mary Astor; Agnes Moorehead.

pellicola

Mai abbassare la guardia se c’è di mezzo una sorella abituata ad ottenere tutto quello che vuole…

Se siete fan delle soap opera non potrà non piacervi In Questa Nostra Vita il melodramma del 1942  diretto da John Huston (alla sua seconda regia dopo Il MIstero del Falco) che ha come protagoniste Bette Davis e Olivia De Havilland.

George Brent (Photo Source: Wikipedia)

Il film è ambientato in Virginia e come in ogni soap che si rispetti al centro della storia c’è una grande famiglia riunita sotto lo stesso tetto. Quando tutto ha inizio il patriarca Asa Timberlake sta cercando di riprendersi dalla perdita della sua Compagnia di Tabacco finita nelle mani del cognato  ed ex socio William Fitzroy (Charles Coburn) mentre sua moglie Lavinia è perpetuamente malata. Le cose sembrano invece andare bene per le loro figlie: la maggiore, Joan (Olivia De Havilland), decoratrice d’interni, è felicemente sposata con Piero (Dennis Morgan), un brillante chirurgo, e la più giovane Carla (Bette Davis), la cocca di zio William, sta invece per sposarsi con Giorgio (George Brent), raro esemplare di avvocato idealista. Ma la notte prima del matrimonio Carla sorprende l’intera famiglia scappando di casa con il marito della sorella…

ATTENZIONE SPOILER!!!!! se non volete sapere quello che accadrà in seguito, vi conviene correre a cercare una copia del film, altrimenti potete proseguire la lettura a vostro rischio e pericolo…

Le due sorelle non potrebbero essere più diverse. Carla (che nella versione originale ha un nome maschile, Stanley) è viziata, irritante e nemmeno particolarmente bella ma è comunque  talmente convinta del fatto che ogni uomo debba semplicemente cadere ai suoi piedi tramortito dal suo fascino, da fare in modo che alla fine le cose vadano davvero così. É come una bambina: se qualcuno ha qualcosa che le piace, lei glielo porta via.

Cropped screenshot of Dennis Morgan from the t...

Dennis Morgan (Photo credit: Wikipedia)

Joan (anche lei nella versione originale ha un nome da uomo, Roy) è generosa, non ha nessuna fiducia nel suo fascino e vive con due belle fette di salame cucite sugli occhi. Crede fermamente nel suo matrimonio, convinta che qualche incomprensione possa essere risolta semplicemente abbandonando finalmente la casa paterna. Però quando è costretta a guardare in faccia la realtà non si abbatte e si butta a capofitto nel lavoro.

Tutti gli uomini sembrano dei bambocci. Il padre, onesto e di buon cuore, è comunque un perdente incapace di farsi valere; lo zio, scaltro uomo d’affari,  si fa però prendere per il naso da quella nipote che ama un po’ troppo morbosamente; Piero (Peter nella versione originale) è lesto nel mollare la moglie quanto troppo orgoglioso per ammettere di aver sbagliato e Giorgio (Craig nella versione inglese) è un idealista che si mette dalla parte dei più deboli ma ha bisogno di aiuto per affrontare la realtà. E indovinate un po’ chi lo aiuterà a risollevarsi dal trauma dell’abbandono, lo rimetterà in sesto e lo sosterrà nelle sue battaglie? Ma naturalmente Joan che ormai ha divorziato da Peter, che a sua volta sposa la sorella cattiva, si pente e decide di abbandonare questo mondo crudele, permettendo alla vedova torna in famiglia e così lei incomincia a pensare che in fondo Giorgio (ora che sta con la sorella) non è poi male, gli da la caccia, si infuria quando il suo fascino non funziona più, provoca un incidente mortale con la sua auto e dà la colpa al figlio della sua cameriera …

Bette Davis, George Brent

Bette Davis, George Brent (Photo credit: Movie-Fan)

La sola cosa che manca nella trama di questo film è Joan che progetta l’omicidio dell’insopportabile sorella (uno lento con l’arsenico, o uno veloce con una bella caduta dalle scale, oppure uno violento a colpi di coltello o magari d’ascia…), ma come vi avevo detto, In Questa Nostra Vita ha tutte le qualità di una soap, e questo nonostante sia la trasposizione cinematografica del libro In This Our Life di Ellen Glasgow che nel 1942 vinse nientemeno che il Premio Pulizer per la narrativa. Ma c’è da scommettere che la pellicola non sia fedele al romanzo.

Purtroppo la lavorazione del film fu particolarmente travagliata.

Dopo l’attacco Giapponese a Pearl Harbour del 7 Dicembre 1941 e la successiva entrata in guerra degli Stati Uniti il regista John Huston, assegnato al Dipartimento della Guerra (per il quale realizzerà documentari di propaganda bellica), fu costretto a lasciare le riprese e venne sostituito da Raoul Walsh .  Ma soprattutto, Bette Davis, che stava affrontando una serie di problemi personali e che avrebbe voluto interpretare la sorella buona, detestando la sceneggiatura e ritenendosi troppo vecchia per il ruolo della giovane Carla (aveva 34 anni ma ben 8 anni in più di Olivia De Havilland), ebbe da ridire su ogni aspetto della produzione, dalle luci al trucco.

Comunque mettendo un attimo da parte tutti questi problemi e la rivalità da soap tra le due sorelle, si può trovare qualcosa molto interessante in In Questa Nostra Vita.

Cropped screenshot of Olivia de Havilland from...

Olivia de Havilland In This Our Life (Photo credit: Wikipedia)

Una volta tanto, un film ambientato nel sud degli Stati Uniti (e girato negli anni ’40 del secolo scorso, particolare non trascurabile) non è reticente riguardo al tema delle discriminazioni raziali. L’afro-americano Parry Clay (Ernest Anderson), il figlio di Minerva (Hattie McDaniel) la cameriera di casa Timberlake, è un personagio positivo, un giovane che studia per diventare avvocato e farsi una posizione nella società  mentre contemporaneamente lavora per poterselo permettere (impresa in cui viene sostenuto da Joan e Giorgio). Ma quando Carla lo accusa di aver provocato il mortale incidente stradale di cui lei è colpevole, è chiaro il fatto che il povero ragazzo, pur innocente, non ha nessuna speranza di uscire da uomo libero dall’aula del tribunale se una donna bianca testimonierà contro di lui: ogni spettatore può capire così che è il colore della sua pelle a renderlo colpevole (infatti la prigione sembra popolata solo da neri). E credeteci oppure no, per questa ragione  l’Ufficio Censura (organismo creato in tempo di guerra) ne disapprovò inizialmente la distribuzione estera: probabilmente una storia del genere (così vicina alla realtà) rischiava di compromettere l’immagine del Paese della Libertà.

In Questa Nostra Vita alla fine scontentò un po’ tutti. Ellen Glasgow detestò quello che era stato fatto al suo romanzo, pubblico e critica non lo amarono. Persino Bette Davis fu dura verso questo film che in seguito definì “mediocre”, ovviamente dando la colpa al regista e alla sceneggiatura. Sicuramente lei, nonostante il suo atteggiamento non proprio collaborativo durante la lavorazione, era riuscita molto bene almeno in una cosa: fare di Carla un personaggio davvero, davvero detestabile. Credetemi, sarete terribilmente soddisfatti quando scoprirete come va a finire il film…

Altri problemi in famiglia per Bette ed Olivia  (cliccate sui titolo per vedere una scena o il trailer):

The Bad Sister – USA 1931 Diretto da: Hobart Henley. Con: Conrad Nagel; Sidney Fox; Bette Davis; Humphrey Bogart.

Il Volto e l’Anima – USA 1946 Diretto da: Curtis Bernhartdt. Con: Bette Davis; Glenn Ford; Dane Clark; Walter Brennan.

Lo Specchio Scuro – USA 1946 Diretto da: Robert Siodmak. Con: Olivia De Havilland; Lew Ayres; Thomas Mitchell.

Che fine ha fatto Baby Jane? – USA 1962 Diretto da: Robert Aldrich. Con: Bette Davis; Joan Crawford; Victor Buono.

Chi giace nella mia bara? – USA 1964 Diretto da: Paul Henreid. Con: Bette Davis; Karl Malden; Peter Lawford.

Piano…Piano, Dolce Carlotta USA 1964 Diretto da: Robert Aldrich. Con: Bette Davis; Olivia De Havilland; Joseph Cotten; Mary Astor; Agnes Moorehead.

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s