Isolitiignoti1958

I Soliti Ignoti (Big Deal on Madonna Street) – ITA 1958

Directed by: Mario Monicelli.

Starring: Vittorio Gassman; Marcello Mastroianni; Renato Salvatori; Claudia Cardinale; Carla Gravina; Memmo Carotenuto; Carlo Pisacane; Tiberio Murgia; Totò.

Are you worried that burglars could visit your apartment this summer? Well, don’t forget to let them something to eat…

Forget American gangsters and elegant gentleman cat burglars, this is not a Hollywood movie. You’re about to meet a gang made of professional criminals who know every Penal Code’s article, who are able to steal a woman’s heart but don’t forget they have a family and love their mama, who wear sporty clothes and have learnt the rules of criminal underground before learning how to walk, but above all  you are about to meet a band of men who has a “scientific” plan that’s going to make them rich… in a few words  a bunch of real small-time crooks. They are the protagonists of “Big Deal on Madonna Street” (I Soliti Ignoti – which means “the usual unknown” – it’s the original title) the film directed by Mario Monicelli and released in 1958.

Big Deal on Madonna Street

Big Deal on Madonna Street (Photo credit: Wikipedia)

The story, inspired by American and French noir movies, is set in Rome where Peppe Baiocchi (Vittorio Gassman)  called “er Pantera” (the Panter), a vain and not very succesful stuttering boxer who has a clean criminal record, agrees to go to jail for money as the substitute for Cosimo (Memmo Carotenuto), a clumsy car thief who can’t wait to get out to realize the robbery plot suggested by his  prison cell mate that will make him a rich man. Peppe er Pantera’s sojourn in prison is very short (the judge doesn’t believe the moving story he tells him) but very profitable: he leaves Cosimo there after extorting him all the information about the robbery. There’s an empty apartment just beside a pawnshop, and the only thing separating them is a very thin wall, an hole and the safe full of money and jewels will be there ready to be opened. It’s easy to put up a gang, Peppe only has to call the guys that signed him up when Cosimo needed a substitute and then ask the most experienced burglar to teach them how to break the safe open. But the apartment ain’t empty at all, two old ladies live there with their young maid. Now Peppe er Pantera must win the young woman’s heart, an hard work but not for Peppe, with his handsome presence he can’t fail, it’s scientific…

Cosimo and Peppe er Pantera in jail (Photo Credit: Wikipedia)

“Big Deal on Madonna Street” is a comedy, but in it there’s also drama (poor Cosimo, released thanks to an amnesty, has to pay his desire of revenge) and a moral (the crime, especially when is the product of betrayal, only pay a dish of pasta and chickpeas). Its setting are the unplesant ramshackle outskirts where each and everyone are thieves or lives more or less onestly (usually less, an idea hiding, alas, a sort of class prejudice). Peppe er Pantera and his buddies resemble to those outskirts and are a complete set of samples of people populating them: Capannelle (Carlo Pisacane), the old boy who wears “sporty” clothes and is always starving, inherited his “job” from his mother who used to take him with her in prison when he was a child; Michele called Ferribotte (Tiberio Murgia) is proud of his work in the “Plumbing” branch (the pipes theft that’s the copper theft’s ancestor)  but pretends to be an honest man to save the honour of Carmelina (Claudia Cardinale), the young sister he obliges to stay home secluded like the cliché of Sicilian man imposes; Mario (Renato Salvatori) is a young man who prefers to be a thief (a pram thief, car are a too difficult task for him) not to show a diploma proving he grew up in an orphanage, he tries his luck with his pal sister and deeply loves his mothers (they are three, orphanage attendants); Tiberio (Marcello Mastroianni) who could be an honest photographer, earns his living thanks to petty thefts and always has his son with him but only because his wife is in jail; Dante Cruciani (Totò), a burglary master highly respected by petty criminals but not by the children in the neighbourhood, gives lessons on how to crack a safe and rents the instruments needed but lives under the constant menace to go to jail. Even the only person who’s not a criminal, Nicoletta the old ladies’ maid, is not completely honest. She has three boyfriends because only one would compromise her (and accept with pleasure Peppe’s attentions), and pretends to be a Colonel’s daughter  not to tell what’s her job.

Dante Cruciani teaches how to crack a safe (Photo Credit: Wikipedia)

This movie was a huge success and not only in Italy (it also got an Oscar nomination as best foreign language film but didn’t win), produced two sequels (Audace colpo dei Soliti Ignoti –  Fiasco in Milan directed in1960 by Nanni Loy and I Soliti Ignoti Vent’anni dopo – twenty years later-  direct in 1985 by Amanzio Todini), was remade two times in the USA (as “Crackers” in 1984 and as “Welcome to Collinwood” in 2002) and was cited in many other movies. It’s considered an Italian Cinema’s masterpiece and mixing comedy, drama and massive doses of cynicism helped to define the “Commedia all’Italiana” (Comedy Italian Style) genre . “Big Deal on Madonna Street” also marked Claudia Cardinale Italian film début and Vittorio Gassman début in comedies. Thanks to Mario Monicelli’s intuition (he refused to fulfil the production desire to cast instead Alberto Sordi) the dramatic actor who has an international career (among the others, 1956 War and Peace ) also became one of the most appreciated comedians.

If you’ve never seen “Big Deal on Madonna Street”, you shouldn’t wait a minute more (it’s not so difficult it has been published in the Criterion Collection), I promise you won’t regret it. And remember… if you’re going on holiday, please, let something to eat for burglars.

A few more comedies from Italy you could love (click on the title to watch a clip or even more…):

The Band of Honest men (La Banda degli Onesti) – ITA 1956 Directed by: Camillo Mastrocinque. Starring: Totò; Peppino De Filippo; Giacomo Furia.

The Great War (La Grande Guerra) – ITA/FRA 1959 Directed by: Mario Monicelli. Starring: Vittorio Gassman; Alberto Sordi; Silvana Mangano.

The Traffic Policeman (Il Vigile) – ITA 1960 Directed by: Luigi Zampa. Starring: Alberto Sordi; Marisa Merlini; Vittorio De Sica; Sylva Koscina.

I Due Marescialli – ITA 1961 Directed by: Sergio Corbucci. Starring: Vittorio De Sica; Totò; Gianni Agus; Roland von Bartrop.

Divorce, Italian Style (Divorzio all’Italiana) – ITA 1961 Directed by: Pietro Germi. Starring: Marcello Mastroianni; Stefania Sandrelli; Daniela Rocca; Lando Buzzanca; Leopoldo Trieste.

The Easy Life (Il Sorpasso) – ITA  1962 Directed by: Dino Risi. Starring: Vittorio Gassman; Jean-Louis Trintignan; Catherine Spaak.

I mostri – ITA 1963 Directed by: Dino Risi. Starring: Vittorio Gassman; Ugo Tognazzi; Marisa Merlini; Michèle Mercier.

Gli Onorevoli – ITA 1963 Directed by: Sergio Corbucci. Starring: Totò; Franca Valeri; Gino Cervi; Peppino De Filippo.

We all loved each other so much (C’eravamo tanto amati) – ITA 1975 Directed by: Ettore Scola. Starring: Vittorio Gassman; Nino Manfredi; Stefano Satta Flores; Stefania Sandrelli; Aldo Fabrizi; Giovanna Ralli.

pellicola

Preoccupati all’idea che quest’estate i ladri possano visitare il vostro appartamento? Beh, non dimenticate di lasciargli qualcosa da mangiare…

Dimenticatevi dei gangster e degli eleganti ladri gentiluomini, questo non è un film di Hollywood. State per incontrare una banda di professionisti del crimine che conoscono a memoria il Codice Penale, sanno come sedurre una ragazza ma tengono famiglia e amano la mamma, vestono “sportivo” e  soprattutto hanno un piano “scientifico” che  li renderà tutti ricchissimi… un’autentica banda di ladri di polli insomma. Sono i protagonisti di “I Soliti Ignoti” il film diretto da Mario Monicelli  e uscito nelle sale nel 1958.

Mario Monicelli e Totò sul set (Photo Credit: Wikipedia)

La storia, ispirata al noir Americano e Francese, è ambientata a Roma dove Peppe Baiocchi detto “er Pantera” (Vittorio Gassman), pugile che tartaglia, sbruffone e suonato ma ancora incensurato, accetta di andare in galera dietro compenso per sostituirsi a Cosimo (Memmo Carotenuto), imbranatissimo ladro d’auto che non vede l’ora di uscire per fare un colpo che potrebbe renderlo finalmente ricco e che gli è stato suggerito da un compagno di cella. La permanenza in carcere der Pantera è breve (il giudice non si è bevuto la storia strappalacrime di pentimento) ma assai redditizia: lascia Cosimo dove l’ha trovato dopo avergli però carpito le informazioni sul colpo. C’è un appartamento sfitto che ha un sottilissimo muro in comune con un banco dei pegni, basterà fare un buco e i milioni del banco saranno a portata di mano. La banda è presto fatta, basta raccontare tutto agli stessi uomini che l’avevano ingaggiato per sostituire Cosimo in galera e farsi istruire da un esperto scassinatore. Ma l’appartamento non è sfitto, ci abitano due vecchiette con la loro giovane donna di servizio. Ora al Pantera toccherà persino di conquistarla, ma per lui sarà un gioco da ragazzi, col suo fisico non può fallire, è scientifico…

Mario e Carmelina (Photo Credit: Wikipedia)

“I soliti Ignoti” è una commedia in cui non mancano episodi drammatici (al povero Cosimo, finalmente uscito di galera grazie a un’amnistia, porta decisamente male il desiderio di vendetta) e una morale (il crimine, frutto di un tradimento, paga giusto un piatto di pasta e ceci) ambientata in una periferia brutta e sgangherata, dove (per un assunto un po’ classista) tutti sono ladri o comunque, per sopravvivere, si arrabattano in modi più o meno onesti (di solito meno). Il Pantera e i suoi compari, anche loro sgangherati, sono un campionario completo di quella varia umanità: Capannelle (Carlo Pisacane), il vecchio che veste “sportivo” affetto da fame atavica, ha ereditato il “mestiere” dalla madre che lo teneva con sé in prigione; Michele detto Ferribotte (Tiberio Murgia) va fiero della sua carriera nel ramo “tubi di piombo” (il furto di tubature progenitore dell’attuale furto di rame) ma si finge onesto lavoratore per non disonorare la sorella Carmelina (Claudia Cardinale) che tiene segregata in casa da buon siciliano da manuale dei luoghi comuni; Mario (Renato Salvatori) è un giovane che piuttosto che mostrare il diploma dell’orfanotrofio preferisce rubare (carrozzine perché con le macchine è troppo difficile), ci prova con la sorella del “collega” ed  è uno zuccherino con le sue tre mamme (inservienti all’orfanotrofio); Tiberio (Marcello Mastroianni), che pure è fotografo, campa grazie a piccoli furti e non si stacca mai dal suo bambino di pochi mesi ma solo perché la moglie è in prigione; Dante Cruciani (Totò), maestro di scasso rispettato dai piccoli criminali ma non dai bambini del quartiere, impartisce lezioni su come si forza una cassaforte e fornisce gli attrezzi necessari ma vive sotto il costante controllo della polizia. Persino la sola persona estranea al mondo del crimine, la servetta Nicoletta (Carla Gravina), non è del tutto onesta. Ha tre fidanzati perché ne avesse uno solo si comprometterebbe (e accetta volentieri anche la corte del Pantera) e si finge la figlia di un colonnello perché si vergogna del suo lavoro.

Ferribotte e Capannelle nel sequel “Audace Colpo dei Soliti Ignoti” del 1960 (Photo Credit: Wikipedia)

Questo film fu un successo non solo Italiano ma anche internazionale (ottenne la nomination all’Oscar come miglior film straniero ma non vinse), ha avuto due sequel (Audace colpo dei Soliti Ignoti diretto da Nanny Loy e I Soliti Ignoti vent’anni dopo del 1985 diretto da Amanzio Todini), ha ispirato negli anni almeno due remake americani (Crackers del 1984 e Welcome to Collinwood del 2002) ed è stato citato in molti altri film. È considerato uno dei capolavori del cinema italiano, e con il suo mix di comicità e dramma conditi da massicce dosi di cinismo contribuì a definire il genere della Commedia all’Italiana. “I Soliti Ignoti” segna inoltre il debutto di Claudia Cardinale nel cinema Italiano e quello di Vittorio Gassman, fino ad allora attore drammatico impiegato spesso dal cinema nei ruoli da cattivo (vedi Riso Amaro) e già noto alla platea internazionale (aveva recitato tra gli altri in Guerra e Pace nel 1956), come attore di commedie grazie all’intuizione di Monicelli che riuscì ad imporlo nel ruolo di Peppe er Pantera contro la volontà della produzione che avrebbe preferito al suo posto Alberto Sordi.

Se non avete mai visto “I soliti Ignoti”, dovete assolutamente rimediare al più presto (non sarà difficile perché ogni tanto passa in TV), vi prometto che non ve ne pentirete. E mi raccomando… se siete in partenza per le vacanze, ricordate di lasciare qualcosa da mangiare per i ladri.

 Altre commedie italiane che potrebbero piacervi (cliccate sui titoli per vedere una scena):

La Banda degli Onesti – ITA 1956 Directed by: Camillo Mastrocinque. Starring: Totò; Peppino De Filippo; Giacomo Furia.

La Grande Guerra – ITA/FRA 1959 Directed by: Mario Monicelli. Starring: Vittorio Gassman; Alberto Sordi; Silvana Mangano.

Il Vigile – ITA 1960 Directed by: Luigi Zampa. Starring: Alberto Sordi; Marisa Merlini; Vittorio De Sica; Sylva Koscina.

I Due Marescialli – ITA 1961 Directed by: Sergio Corbucci. Starring: Vittorio De Sica; Totò; Gianni Agus; Roland von Bartrop.

Divorzio all’Italiana – ITA 1961 Directed by: Pietro Germi. Starring: Marcello Mastroianni; Stefania Sandrelli; Daniela Rocca; Lando Buzzanca; Leopoldo Trieste.

Il Sorpasso – ITA  1962 Directed by: Dino Risi. Starring: Vittorio Gassman; Jean-Louis Trintignan; Catherine Spaak.

I Mostri – ITA 1963 Directed by: Dino Risi. Starring: Vittorio Gassman; Ugo Tognazzi; Marisa Merlini; Michèle Mercier.

Gli Onorevoli – ITA 1963 Directed by: Sergio Corbucci. Starring: Totò; Franca Valeri; Gino Cervi; Peppino De Filippo.

C’eravamo tanto amati – ITA 1975 Directed by: Ettore Scola. Starring: Vittorio Gassman; Nino Manfredi; Stefano Satta Flores; Stefania Sandrelli; Aldo Fabrizi; Giovanna Ralli.

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

2 responses »

  1. Emanuele says:

    Penso sia uno dei film che ho visto più volte, superato solo da The Blues Brothers e Frankenstein Junior, credo. Grazie alla presenza di Totò, sulle tv locali campane passa tipo una volta al mese, ogni volta che lo incrocio non riesco a cambiare canale. Mi pare che sia anche la prima commedia italiana in cui muore tragicamente uno dei personaggi.

    • Ella V says:

      Il fatto che sia la prima commedia italiana con morte tragica l’ho letto anch’io e posso solo fidarmi delle fonti, visto che non sono una superesperta. I blues Brothers e Frankenstein Junior sono anche tra i miei film preferiti.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s