Rebecca1940

Rebecca (Rebecca-La Prima Moglie) – USA 1940

Directed by: Alfred Hitchcock.

Starring: Joan Fontaine; Laurence Olivier; Judith Anderson; George Sanders.

Do you like fairy tales?

I’ve many reasons to talk you about “Rebecca”: first of all it’s the first film Hitchcock made in the US after David O. Selznick took him there from Britain in 1939 but it’s also the first Hitchcock’s film I remember I’ve ever seen  when I was about 7 or 8 and the first Hitchcock’s I couldn’t help loving…

But better start from the beginning.

Rebecca (1940 film)

Rebecca (1940 film) (Photo credit: Wikipedia)

The English director, famous for his films full of suspense, had signed in 1939 a seven-year contract with the American producer (who was producing “Gone with the Wind”) and was supposed to direct a film about the Titanic’s tragedy. But that project never came to light and Selznick proposed instead to Hitchcock a new subject, “Rebecca”, based on 1938 Daphne du Maurier‘s novel with the same title.

The protagonist of this story is a young, shy and naïve (and apparently nameless) woman (Joan Fontaine) who meets one day in Monte Carlo, while working as a paid companion for a wealthy American lady, the rich British widower Maximilian (Max) de Winter (Laurence Olivier) who’s twenty years her senior. Though thought inconsolable for the loss of his beloved and very beautiful wife Rebecca, Max proposes to the young woman and, after a hasty marriage in Monte Carlo and a short honeymoon, he takes her to Manderley, his stunning country mansion in Cornwall. The new Mrs de Winter, who comes from a modest family (she’s alone; her father, who’s dead, was a misunderstood painter) immediately feels uncomfortable in her new life. But her troubles ain’t just a matter of social classes or shyness, the big house seems to be under a spell, as if Rebecca is still there: it’s Mrs Danvers (Judith Anderson), the unnerving and creepy governess of Manderly, who never misses a chance to keep her memory alive…

David O. Selznick

David O. Selznick (Photo credit: Wikipedia)

Hitchcock was surely eager to work at this subject, in fact he  had already tried to purchase the rights of Daphne Du Maurier’s novel while working at his penultimate British  movie “The Lady Vanishes” (finding them too expensive), but in the end seemed not completely satisfied with it.

Decades after the movie release, happened in 1940, he told to the French director François Truffaut in the famous interview that “Rebecca”, a film he considered completely British despite being made in Hollywood (not only the story was mainly set in Britain, but also the actors and the director were British), was not a “Hitchcock picture”. He said that this story belonged to the end of the nineteenth century and lacked of humour (in fact it reminds some way to Charlotte Brontë‘s “Jane Eyre”, only here there’s a terrible secret and not a crazy wife behind the close door), though he admitted that “Rebecca” gave him the occasion to enrich the pure suspense (that was his speciality) whit psychological elements, influencing his subsequent films.

Rebecca (1940)

The new Mrs de Winter arrives in Manderley (Photo credit: a75)

Probably the thing Hitchcock liked the least in his first American work, was the intruding attitude of David O. Selznick (he was famous for upsetting his directors sending memos and trying to modify their work) who imposed a faithful transposition of the novel cause his experience with Gone with the Wind convinced him that audiences would be very upset with any change made to a novel (anyway some changes were made in Rebecca, for instance Mrs Danvers is younger than she is in the book and is hinted a sort of  lesbian attraction to Rebecca to explain her attachment to the late Mrs de Winter. What’s more, also some Max’s actions I can’t mention – to avoid any spoiler – are different). Anyway, thanks to “Gone with the Wind”,  absorbing all Selznick’s attention, and his peculiar way of shooting that made the unedited film a sort of unintelligible puzzle, Hitchcock prevented any further intrusion.

Sir Laurence Olivier and Vivien Leigh on holid...

Sir Laurence Olivier and Vivien Leigh on holiday in Queensland. (Photo credit: State Library of Queensland, Australia)

Hitchcock also had a particular way to work whit his actors, to “enhance” their performances. This time he took advantage of Olivier dislike to Joan Fontaine (caused by the fact that she stole the role of the young Mrs de Winter from his beloved Vivien Leigh. You can watch HERE her audition and judge yourself if she was completely unfit for it or not), but it seems he went even further telling her that everybody on the set disliked her. The result? Joan Fontaine had no problems to fill the shoes of the very shy girl intimidated by almost everybody.

If you want to know more about “Rebecca” you could obviously listen to Hicthcock and Truffaut discussing it with a click on the following link (if you don’t speak French, don’t worry for the introduction, Hitchcock speaks English): https://soundcloud.com/filmdetail/les-debuts-americains-rebecca

Rebecca (1940)

The young Mrs de Winter intimidated by Mrs Danvers (Photo credit: a75)

“Rebecca”  is a romance, a psychological thriller but also, as Truffaut, many critics and Hitchcock himself noticed, a sort of a dark fairytale. In it we find a damsel in distress, the young and poor girl with no name who loves drawing and is too shy and clumsy even to rule her own house, and a very fascinating Prince charming, Max de Winter, who comes to save the poor girl from her destiny but who’s also hiding a terrible secret. But there’s also an evil witch, Mrs Danvers a perfect and creepy villain and a haunted house, isolated from the rest of the world, that seems to be inhabited by the spirit of Rebecca, the perfect and beautiful first Prince Charming’s wife. Not so strange that a little girl (who was very, very shy and loved drawing) could be fascinated by such a story, isn’t it?

In fact this story grabbed the attention of many, many people. “Rebecca” was a huge success in 1940, on February 1941 won the Academy Award as Best Picture and today is ready to fascinate also those who are going to watch it for the first time.

A few troubled couples you could also like (click on the title to watch a clip or a trailer):

Suspicion – USA 1941 Directed by: Alfred Hitchcock. Starring: Joan Fontaine; Cary Grant; Nigel Bruce; Dame May Whitty.

Jane Eyre – USA 1943 Directed by: Robert Stevenson. Starring: Joan Fontaine; Orson Welles; Agnes Moorehead; Elizabeth Taylor.

Gaslight – USA 1944 Directed by: George Cukor. Starring: Ingrid Bergman; Charles Boyer; Joseph Cotten; Dame May Whitty.

The Enchanted Cottage – USA 1945 Directed by: John Cromwell. Starring: Dorothy McGuire; Robert Youg; Herbert Marshall; Mildred Natwick.

A Stolen Life USA 1946 Directed by: Curtis Bernardt. Starring: Bette Davis; Glen Ford; Dane Clark; Walter Brennan.

Secret Beyond the Door… – USA 1947 Directed by: Fritz Lang. Starring: Joan Bennett; Michael Redgrave.

Under Capricorn – USA 1949 Directed by: Alfred Hitchcock. Starring: Ingrid Bergman; Joseph Cotten; Micheal Wilding.

pellicola

Vi piacciono le favole?

Ho molte ragioni per parlarvi di “Rebecca”: innanzi tutto è il primo film che Alfred Hitchcock, importato nel 1939 dal Regno Unito dal produttore David O. Selznick, realizzò negli Stati Uniti, ma è anche il primo film di Hitchcock che ricordi di aver mai visto all’età di 7 o 8 anni e soprattutto è il primo film di Hitchcock che non ho potuto fare a meno di amare…

Ma è meglio cominciare dall’inizio.

A screenshot of Judith Anderson and Joan Fonta...

Is this a fairy tale?(Photo credit: Wikipedia)

Nel 1939 il regista Britannico, famoso per i suoi film pieni di suspense, aveva firmato col produttore americano (che stava producendo “Via col Vento”) un contratto di sette anni ed avrebbe dovuto girare un film sulla tragedia del Titanic. Ma quel progetto non vide mai la luce ed al suo posto Selznick propose ad Hitchcock un nuovo soggetto,“Rebecca” (che in Italia diventerà Rebecca – La Prima Moglie), tratto dal romanzo omonimo del 1938 della scrittrice inglese Daphne du Maurier.

La protagonista di questa storia è una, timida, ingenua giovane donna a quanto pare priva di nome (Joan Fontaine) che un giorno a Monte Carlo, dove si trova con la facoltosa donna americana di cui è la dama di compagnia, incontra il ricco vedovo inglese Maximilian (Max) de Winter (Laurence Olivier) che è più vecchio di lei di una ventina d’anni. Nonostante tutti pensino sia inconsolabile per la perdita dell’amata e bellissima moglie Rebecca, Max propone alla giovane di sposarlo e, dopo un affrettato matrimonio e una rapida luna di miele, la porta con se a Manderley, la sua stupenda casa di campagna in Cornovaglia. La nuova Signora de Winter, che ha origini modeste (è ormai sola al mondo, suo padre era un pittore dal talento incompreso), fin da subito non si sente a suo agio nella sua nuova vita, ma i suoi problemi non sono dovuti esclusivamente alle differenze sociali o alla sua eccessiva timidezza, sulla casa sembra aleggiare un incantesimo, sembra quasi che Rebecca, la prima moglie di Max sia ancora lì: è la Signora Danvers (Judith Anderson), l’inquietante governante di Manderley, che non perde occasione per perpetuarne al memoria…

Rebecca (1940)

Laurence Olivier as Max de Winter in Rebecca. (Photo credit: a75)

Hitchcock aveva certamente voglia di lavorare a questo soggetto, infatti aveva già cercato di acquistare i diritti sul romanzo di Daphne Du Maurier mentre stava lavorando al suo penultimo film inglese “La Signora Scompare” (trovandoli però troppo cari), ma alla fine non parve completamente soddisfatto del film.

Decenni dopo l’uscita  nelle sale, avvenuta nel 1940, disse al regista francese François Truffaut nella famosa intervista che “Rebecca – La Prima Moglie”, film che considerava completamente Inglese nonostante fosse stato fatto ad Hollywood (non solo la storia era ambientata principalmente nel Regno Unito, ma anche attori e regista erano inglesi), non era un “film di Hitchcock”. Lo definì una storia del diciannovesimo secolo priva d’umorismo (infatti ricorda in qualche modo “Jane Eyre” di Charlotte Brontë, anche se qui dietro alla porta chiusa si nasconde un terribile segreto e non una moglie pazza), ma ammise che “Rebecca – La Prima Moglie” gli aveva permesso di arricchire la pura suspense (che era la sua specialità) con elementi psicologici, influenzando così anche i suoi film successivi.

Rebecca (1940)

Judith Anderson as Mrs Danvers(Photo credit: a75)

Probabilmente la cosa che Hitchcock amò di meno della sua prima esperienza americana, fu l’atteggiamento intrusivo di David O. Selznick  (che del resto era famoso per il  modo in cui torturava i registi sommergendoli di promemoria e cercando di modificare il loro lavoro) che impose una trasposizione fedele del romanzo visto che la sua esperienza con Via col Vento l’aveva convinto del fatto che gli spettatori non tollerassero nessuna modifica (comunque qualche cambiamento fu fatto. Ad esempio la Signora Danvers è più giovane che nel romanzo e per spiegare il suo attaccamento alla prima Signora de Winter si fa una velata allusione ad un’ attrazione lesnbica per Rebecca, inoltre anche le azioni di Max, di cui non vi parlo per non rovinarvi il piacere di scoprirlo da soli, sono un po’ diverse). Comunque, grazie a “Via col Vento”, che assorbiva gran parte dell’attenzione di Selznick, ed alla sua particolare tecnica registica che rendeva il film non ancora montato una sorta di puzzle incomprensibile per chiunque altro, Hitchcock riuscì ad evitare ulteriori intromissioni.

Rebecca (1940)

The young Mrs de Winter ready for the ball (Photo credit: a75)

Il regista inglese aveva anche un modo tutto suo di interagire con i suoi attori per aiutarli ad entrare meglio nella parte. Questa volta per “aiutare” Joan Fontaine sfruttò l’antipatia che Laurence Olivier provava per lei (nata dal fatto che lei era stara preferita alla sua amata Vivien Leigh per interpretare il ruolo della giovane Signora de Winter. Se volete, potete guardare QUI il suo provino e giudicare da voi se era o meno adatta alla parte), e pare si spinse persino oltre suggerendo all’attrice il fatto che sul set tutti la detestassero. Il risultato? Joan Fontaine non ebbe alcun problema a calarsi nel ruolo della ragazza impacciata ed intimidita praticamente da chiunque.

Se volete sapere qualcosa di più sul film potete ovviamente ascoltare la conversazione tra Hitchcock a Truffaut cliccando sul link che segue (l’introduzione è in francese, Truffaut parla in francese Hitchcock in inglese):

https://soundcloud.com/filmdetail/les-debuts-americains-rebecca

“Rebecca – La Prima Moglie”  è un film romantico, un thriller psicologico ma anche, come hanno fatto notare Truffaut, diversi critici e lo stesso Hitchcock, una specie di favola nera. In esso troviamo una damigella in difficoltà, la giovane povera senza un nome che ama disegnare ed è così timida ed imbranata da non riuscire nemmeno ad occuparsi della sua casa ed un molto affascinante Principe Azzurro, Max de Winter, che arriva a salvare la damigella dal suo destino ma che nasconde anche un terribile segreto. Ma c’erano anche una strega cattiva, la Signora Danvers una cattiva da manuale, ed  una casa stregata che sembra essere abitata dallo spirito di Rebecca, la perfetta e bellissima prima moglie del Principe Azzurro. Che ne dite? Non è per niente strano che una storia simile sia riuscita ad affascinare una bambina (molto, molto timida e quasi patologicamente amante del disegno).

Ma questa storia in effetti ha catturato l’attenzione di molte, moltissime persone. “Rebecca – La Prima Moglie” ebbe nel 1940 un grande successo di pubblico e critica, nel febbraio del 1941 vinse l’Oscar come Miglior Film e oggi è pronto per affascinare anche chi si appresta a vederlo per la prima volta.

Alcune coppie problematiche che potrebbero piacervi (cliccate sui titoli per vedere una scena o il trailer del film):

Il Sospetto – USA 1941 Diretto da: Alfred Hitchcock. Con: Joan Fontaine; Cary Grant; Nigel Bruce; Dame May Whitty.

La Porta Proibita – USA 1943 Diretto da: Robert Stevenson. Con: Joan Fontaine; Orson Welles; Agnes Moorehead; Elizabeth Taylor.

Angoscia – USA 1944 Diretto da: George Cukor. Con: Ingrid Bergman; Charles Boyer; Joseph Cotten; Dame May Whitty.

Il Villino Incantato – USA 1945 Diretto da: John Cromwell. Con: Dorothy McGuire; Robert Youg; Herbert Marshall; Mildred Natwick.

Il Volto e l’Anima USA 1946 Diretto da: Curtis Bernardt. Con: Bette Davis; Glen Ford; Dane Clark; Walter Brennan.

Dietro la Porta Chiusa – USA 1947 Diretto da: Fritz Lang. Con: Joan Bennett; Michael Redgrave.

Il Peccato di Lady Considine – USA 1949 Diretto da: Alfred Hitchcock. Con: Ingrid Bergman; Joseph Cotten; Micheal Wilding.

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

2 responses »

  1. KnockOut says:

    E’ una di quelle pellicole che non possono non essere viste, almeno una volta, nella vita.
    Come sempre esaustiva, sino alla maniacalità (senza offesa)

    • Ella V says:

      certo che non mi offendo, in effetti sono un po’ “precisina” , poi questo è uno di quei film che conosco praticamente a memoria…

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s