Waterloo Bridge19311940

Waterloo Bridge (La Donna che non si deve amare) – USA 1931

Directed by: James Whale.

Starring: Mae Clarke; Kent Douglass; Doris Lloyd.

Waterloo Bridge (Il Ponte di Waterloo) – USA 1940

Directed by: Mervyn LeRoy.

Starring: Vivien Leigh; Robert Taylor; Virginia Field; Lucille Watson.

Myra was a very sociable girl, especially when she walked down Waterloo Bridge…

Sometimes a story told twice, by different people in different times, may change exactly as it  happened to the story told in “Waterloo Bridge”, the play the American playwright Robert E. Sherwood wrote in 1930, when Hollywood adapted it for the silver screen in 1931 and in 1940 (there’s also a third version of it called “Gaby” and released in 1956 but, sorry, I’ve never seen it so you’re not going to hear about it again, not here).

Waterloo Bridge – 1940 (Photo Credit: Wikipedia)

There are only nine years between the first and the second film, but because of the reinforcement in 1934 of the Motion Picture Production Code that made what was acceptable in 1931 almost indecent in 1940, there are a few but very significant difference between  them.  That Code (better known as the Hays Code), born to give a set of moral guidelines to motion picture industry in an attempt to avoid that local censorships could ban those movies considered licentious in the vast American province, though ready in 1930 was mostly ignored by Studios for years. Only in 1934 an amendment to it established the Prodution Code Administration and required all films released after July to obtain a certificate of approval to be released. No more infringements allowed, everybody had to follow the Code (or at list had to be much more creative to violate it).

But what was so scandalous in “Waterloo Bridge”?

The play, set in London during World War I and apparently based on an incident occurred in Sherwood’s life, ain’t particularly original reminding to the classic Alexandre Dumas’ “The Lady of the Camellias” (or Giuseppe Verdi’sLa Traviata”, if you prefer Opera), but in it there are a couple of things the Code recommended to handle with kid gloves: prostitution and marriage.

Cropped screenshot of Vivien Leigh from the tr...

Vivien Leigh as Myra in Waterloo Bridge – 1940 (Photo credit: Wikipedia)

Here is the story: during an air raid (Germany mounted over 50 bombing raids on the United Kingdom during WWI) Roy Cronin, an American guy enlisted in the Canadian Army, meets Myra an ex-chorus girl who earns her living working as a prostitute. The guy is very young and naïve and doesn’t understand the situation, he thinks Myra is a sort of a damsel in distress and immediately falls in love. Myra tries to send him away, but Roy comes back anyway the day after, declares  his love to Myra and invites her to visit his family in the country. This time Myra accepts. Also in love but feeling she’s at fault, Myra confesses everything to Roy’s mother and, at night, runs away and goes back to London. Roy fallows her and trying to find her he discovers the truth. He’s shocked, but when finally finds Myra asks her to marry him just the same. But unfortunately there won’t be a happy ending cause Myra will be killed in an air raid.

The 1931 version of “Waterloo Bridge”, directed by James Whale (who directed the same year Frankenstein with Boris Karloff) and starring Mae Clark (the girl who’s hit with a grapefruit by James Cagney in “Public Enemy”) as Myra and, curiously, a young Bette Davis in the very small role of Roy’s sister, was decidedly faithful to the play.

English: Publicity Photo of Mae Clarke, prior ...

Mae Clarke in 1933 (Photo credit: Wikipedia)

In the first scene we meet Myra at work in a theatre as a not very dedicated chorus girl, in the second one we discover she accepts expensive gifts from admirers (a fox “corpse” that will be during the entire film the mark of her sin), in the third we meet her outside a theatre but now she is a “streetwalker”. When she meets Roy it’s clear to us how she earns her living, only the naïve guy doesn’t understand it. Myra has not particular problems whit her “professional” life, she needed money and that’s it, any further justification is required. It’s only after the encounter with Roy that she feels in a sense dirty.

Everything is different in the 1940 film, the one directed by Mervyn LeRoy and starring Vivien Leigh in her first film after Gone with the Wind as Myra and Robert Taylor, who curiously had played Armand in Cukor’s “Camille” the Hollywood version of The Lady of the Camellias, as Roy (of all their films, both Leigh and Taylor said that this was their favourite).

If there is someone naïve in this movie showing the story of the two lovers as a long flashback, that someone is Myra and lots, lots of things must happen to justify (but not forgive) her sinful behaviour.

Cropped screenshot of Robert Taylor from the t...

Robert Taylor in Waterloo Bridge (Photo credit: Wikipedia)

This time Myra is a very respectable ballet dancer who works in a Company directed like a sort of finishing school by Mme Olga Kirova (she is Russian and that means the Ballet Company is a serious one, that’s for granted!). She meets Roy during an air raid, they fall in love and decide to marry, but Roy has to leave her before they could tie the knot and when Myra misses a performance “Mme” fires her and her friend Kitty who was trying to justify her. The two poor girls can’t find a new job, but something even more terrible happens: Myra, learning from a newspaper that Roy is dead, fells hill. In the meanwhile Kitty, who’s a girl of little virtue (she was a Chorus girl!!!!) choose the “easy way” to earn her and Myra living and becomes a streetwalker. It’s only at this point that Myra, discovering what her friend did for her and still desperate for her loss, decides to become a “streetwalker” too.  And guess what? Myra meets Roy, who’s not dead (!!!) but seems to be a bit thick now, at the Waterloo Station (where she usually works)… From now on, the story is quite similar to the play, except for some not very little changes in the final. This time Roy doesn’t forgive Myra or at least has no time to do it, because after she leaves his family’s country house they’ll never meet again. Myra will die before Roy could find her (so he won’t be temped to propose her once again) and not because of an air raid, but because feeling guilty she decides to commit suicide (that’s probably what every compassionate censor would suggest to such a kind of sinner).

As you can see the new censorship rules made things lot, lot more complicated, but in the end all the troubles they caused to that poor lovers made their story even more romantic and memorable for generations of film lovers.

Both films should be watched again . It’s up to you to chose which one you prefer.

 A few (more or less and even almost) lost girls you could also like (click on the titles to watch a clip or a trailer):

Diary of a lost Girl – GER 1929 Directed by: Georg Wilhelm Pabst. Starring: Louise Brooks; André Roanne; Fritz Rasp; Arnols Korff.

Anna Christie – USA 1930 Directed by: Clarence Brown. Starring: Greta Garbo; Charles Bickford; George F. Marion.

Camille – USA 1936 Directed by: George Cukor. Starring: Greta Garbo; Robert Taylor; Lionel Barrymore; Laura Hope Crews.

The Gold of Naples – ITA 1957 Directed by: Vittorio De Sica. Starring: Sivana Mangano; Sophia Loren; Totò; Vittorio De Sica; Tina Pica; Eduardo De Filippo.

Nights of Cabiria – ITA 1957 Directed by: Federico Fellini. Starring: Giulietta Masina; Amedeo Nazzari; Dorian Gray.

Pretty Woman – USA 1990 Directed by: Garry Marshall. Starring: Julia Roberts; Richard Gere; Laura San Giacomo; Hector Elizondo.

Moulin Rouge! – USA/AUS 2001 Directed by: Baz Luhrman. Starring: Ewan McGregor; Nicole Kidman; Jim Broadbent; John Leguizamo.

Mrs Henderson Presents – UK 2005 Directed by: Stephen Frears. Starring: Judy Dench; Bob Hoskins; Kelly Reilly.

pellicola

Myra era una ragazza molto socievole, specialmente quando passeggiava lungo il Ponte di Waterloo…

 A volte una storia raccontata due volte, da persone diverse in differenti periodi storici, può cambiare esattamente come accadde a quella raccontata in “Waterloo Bridge”, la pièce teatrale che lo scrittore americano Robert E. Sherwood scrisse nel 1930, quando Hollywood la adattò per il grande schermo nel 1931 e poi ancora nel 1940 (ne esiste anche una terza versione nel 1956 intitolata Gaby, ma purtroppo non l’ho mai vista, quindi non ne sentirete più parlare per questa volta).

Waterloo Bridge (1931 film)

Waterloo Bridge (1931 film) (Photo credit: Wikipedia)

Anche se erano passati solo nove anni tra l’uscita del primo e quella del secondo film, a causa dell’inasprimento nel 1934 del Codice di Produzione Cinematografica che aveva reso quello che era accettabile nel 1931 quasi indecente nel 1940, ci sono alcune significative differenze tra i due. Il Codice (meglio noto come Codice Hays), che aveva lo scopo di regolamentare la censura cinematografica stabilendo cosa fosse o meno lecito mostrare sul grande schermo nel tentativo di superare le varie censure locali che bloccavano la distribuzione delle pellicole considerate licenziose nella vasta provincia americana, era entrato in vigore già dal 1930, ma gli Studios l’avevano ampiamente ignorato. Nel 1934 invece con la creazione della Production Code Admistration si stabilì che ogni film dovesse ottenere un certificato di approvazione per poter uscire nelle sale. Non si poteva più sgarrare (o almeno bisognava essere molto più astuti per riuscirci).

Ma cosa c’era di tanto scandaloso in “Waterloo Bridge”?

La commedia teatrale ambientata a Londra durante la Prima Guerra Mondiale, nonostante pare sia ispirata ad un episodio della vita di Sherwood, non è particolarmente originale e ricorda un po’  “La signora delle Camelie” di Dumas (o  “La Traviata” di Verdi se preferite l’opera), ma parla di  almeno un paio di cose che il Codice raccomandava di trattare con i guanti bianchi: la prostituzione e il matrimonio.

Robert E Sherwood in early 1950’s (Photo Credit: Wikipedia)

Questa è la storia: durante un allarme aereo (ci furono più di cinquanta raid aerei sull’Inghilterra ad opera della Germania durante la Prima guerra mondiale) un giovane in procinto di partire per il fronte, l’americano Roy Cronin arruolato nell’esercito canadese, incontra sul Ponte di Waterloo Myra, un’ex ballerina di varietà Americana che sbarca il lunario prostituendosi con i militari. Il ragazzo è molto giovane e ingenuo e non capisce la situazione, scambia Myra per una brava ragazza in difficoltà e subito si innamora. Lei vorrebbe stare al gioco, ma sentendosi in colpa cerca di allontanarlo. Roy torna, si dichiara e quando le propone di andare fuori Londra per conoscere la sua famiglia  Myra accetta. Ormai innamorata, non sopportando di ingannarlo, confessa tutto alla madre di Roy e fugge tornando a Londra. Roy la segue e cercandola scopre finalmente come si guadagni da vivere. È  sconvolto, ma quando finalmente la trova le propone comunque di sposarlo. Non c’è però un lieto fine perchè Myra morirà a causa di un bombardamento.

La versione del 1931 di Waterloo Bridge (in italiano “La donna che non si deve amare”), diretta da James Whale (che diresse quello stesso anno anche Frankenstein con Boris Karloff) e con Mae Clarke (la ragazza a cui James Cagney spiaccica un pompelmo in faccia in Nemico Pubblico) nel ruolo di Myra e la curiosa partecipazione della non ancora diva Bette Davis nel piccolo ruolo della sorella di Roy, è piuttosto fedele alla piece teatrale.

Cropped screenshot of Vivien Leigh from the tr...

Vivien Leigh in Waterloo Bridge (Photo credit: Wikipedia)

Nella prima scena incontriamo Myra in un Teatro dove lavora svogliatamente come ballerina di fila in un varietà, nella seconda scena scopriamo che accetta regali costosi dagli ammiratori (il “cadavere” di volpe che sarà nel corso dell’intero film il simbolo del suo peccato), nella terza la ritroviamo fuori da un teatro alle prese con la sua nuova professione di “passeggiatrice”. Quando incontra Roy per noi è chiaro come si procuri di che vivere, solo quel povero ingenuo non lo capisce. Myra non si fa particolari problemi a causa della sua “professione”, aveva bisogno di soldi tutto qui, nessuna altra giustificazione è richiesta. È solo dopo l’incontro con Roy che ha iniziato a sentirsi “sporca”.

Tutto cambia invece nella versione del 1940 (in italiano “Il Ponte di Waterloo”), quella diretta da Mervyn LeRoy e con Vivien Leigh, al primo film dopo Via col Vento, nel ruolo di Myra  e Robert Taylor, che già era stato Armand in Margherita Guatier  la versione cinematografica di La signora delle Camelie diretta da Cukor, nel ruolo di Roy (sia la Leigh che taylor dicevano che tra i loro film questo era quello che preferivano).

Se c’è qualcuno che è ingenuo in questo film in cui la storia dei due innamorati è raccontata in un lungo flashback, quel qualcuno è Myra (che in italiano diventa Mara) e tante, tante cose devono accadere per poter giustificare la sua condotta peccaminosa.

Cropped screenshot of Virginia Field from the ...

Virginia Field as Kitty (Photo credit: Wikipedia)

Questa volta lei è una molto rispettabile ballerina classica che lavora in una Compagnia di Balletto diretta come fosse un collegio per signorine di buona famiglia da Mme Olga Kirova (è russa, quindi la compagnia è seria, è garantito!). Myra incontra Roy durante un raid aereo, i due si innamorano e decidono di sposarsi, ma prima di riuscirci lui deve partire e siccome Myra non si è presentata ad una rappresentazione viene licenziata da “Mme” insieme all’amica Kitty che cercava di giustificarla. Le poverine non riescono a trovare un altro lavoro, ma accade qualcosa di più terribile: Myra legge su un giornale che Roy è morto e per il dolore si ammala. A quel punto Kitty, che è una ragazza di scarsa virtù (era stata una ballerina di varietà!!!!), sceglie la “via facile” per guadagnare il pane per lei e Myra e diventa una “passeggiatrice”. È solo a questo punto che Myra, scoprendo quello che ha fatto Kitty per lei e ancora disperata per la sua perdita, decide di seguire l’esempio dell’amica.

E indovinate un po’? Myra per caso, proprio mentre è al lavoro alla Stazione di Waterloo, incontra Roy, che non è morto ma in compenso è diventato molto tonto… Da qui in poi, la storia segue piuttosto fedelmente quella del copione teatrale, con la non piccola eccezione del finale. Questa volta Roy non perdona Myra o almeno non ha il tempo per farlo, perché dopo la fuga di lei dalla casa di campagna i due innamorati non si vedranno più. Myra morirà prima che Roy riesca a trovarla (almeno lui non sarà nemmeno tentato di perdonarla e non le farà inopportune proposte di matrimonio) e non per colpa di un raid aero, ma perché sentendosi colpevole deciderà di suicidarsi (soluzione prediletta da ogni censore per porre fine all’esistenza di una simile peccatrice).

Come potete vedere le nuove regole sulla censura cinematografica resero le cose molto più complicate per la povera Myra, ma bisogna riconoscere che forse proprio la censura ponendo tanti ostacoli sulla strada di questi poveri innamorati ha reso la loro storia più romanticamente drammatica e li ha impressi nella memoria di generazioni di spettatori.

Vale la pena di rivedere entrambi i film, a voi scegliere quale sia il vostro preferito.

Alcune ragazze (più o meno ma anche quasi) perdute che potrebbero persino piacervi (cliccate i titoli per vedere una scena o il trailer del film):

Diario di una donna perduta – GER 1929 Diretto da: Georg Wilhelm Pabst. Starring: Louise Brooks; André Roanne; Fritz Rasp; Arnols Korff.

Anna Christie – USA 1930 Diretto da: Clarence Brown. Con: Greta Garbo; Charles Bickford; George F. Marion.

Margherita Gauthier – USA 1936 Diretto da: George Cukor. Con: Greta Garbo; Robert Taylor; Lionel Barrymore; Laura Hope Crews.

L’Oro di Napoli – ITA 1957 Diretto da: Vittorio De Sica. Con: Sivana Mangano; Sophia Loren; Totò; Vittorio De Sica; Tina Pica; Eduardo De Filippo.

Le Notti di Cabiria – ITA 1957 Diretto da: Federico Fellini. Con: Giulietta Masina; Amedeo Nazzari; Dorian Gray.

Pretty Woman – USA 1990 Diretto da: Garry Marshall. Con: Julia Roberts; Richard Gere; Laura San Giacomo; Hector Elizondo.

Moulin Rouge! – USA/AUS 2001 Diretto da: Baz Luhrman. Con: Ewan McGregor; Nicole Kidman; Jim Broadbent; John Leguizamo.

Lady Henderson Presenta – GB 2005 Diretto da: Stephen Frears. Con: Judy Dench; Bob Hoskins; Kelly Reilly.

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s