I must admit that Mr Beppe Grillo, the pure, the web guru, the founder of the new 5 Stars Movement (the party who gained a quarter of popular vote in last general election), reacted positively to his no-Party defeat in local election. In a very thoughtful analysis of the vote published today in his HolyBlog he let us know that if his political predictions didn’t come true (for those who know nothing: he said that the left was going to disappear and next battle was going to be between his movement and MrB’s party. The facts: the Left won, MrB party did quite bad, while 5Stars, in just three months, halved their votes) it ain’t his fault. First this time there was a massive abstention from voting, then if there is someone to blame for that results, you must blame the worst Italians, all those people, civil servants but also pensioners, who prefer to maintain the status quo and protect their mean self-interest whit no regard for other people or for our Country. They prefer to vote old parties instead of following the trail of his wonderful and bright aura (I would suggest you to read more in the HolyBlog -Beppegrillo.it -, to know the list of those who are virtuous and those who are impious, but you should speak Italian…)

I must confess I’m a bit preoccupied, I’m afraid that this proximity to the old parties is corrupting the guru’s spirit, that is weakening him…. I thought that, at least, he would say, whit his usual wittiness (as shown during his famous F**k days), that all those who didn’t vote for his movement were just a bunch of assholes.

(*”Heart, Ungrateful Heart …”  from the song “Core ‘ngrato” written by A. Sisca and S. Cardillo for Caruso and recorded in 1911 – listen HERE)

“Core, core ‘ngrato…”*

Enrico Caruso

Dalla canzone Core ‘ngrato di A. Sisca e S. Cardillo incisa nel 1911

(ascoltatela QUI)

Bisogna dire che Beppe Grillo,il puro, il guru del web, il fondatore del Movimento 5 Stelle,  ha preso bene la sconfitta del suo non-partito alle elezioni locali di domenica e lunedì scorsi. In una pacata analisi del voto pubblicata oggi sul SacroBlog ci ha fatto sapere che se non si sono avverate le sue previsioni (per gli smemorati: il PD scomparirà e sarà una lotta tra Pentastellati e Berlusconiani. Per la cronaca: il PD ha vinto, il PDL è andato maluccio, i pentastellati hanno dimezzato, o peggio, in tre mesi i consensi e nessuno dei loro candidati sarà presente nei ballottaggi) la colpa non è certo del movimento né della sua linea politica. Intanto c’è stata una mega astensione, e poi comunque la colpa del pessimo risultato dei pentastellati è dell’Italia peggiore, quell’Italia fatta di funzionari ed impiegati pubblici, ma anche di pensionati che vogliono mantenere lo status quo, salvaguardare I loro piccoli intressi disinteressandosi del bene comune e quindi continuano a votare i vecchi partiti invece di seguire la sua scia luminosa (se volete saperne di più e sapere esattamente chi sono I virtuosi e chi gli empi andatevi a leggere il SacroBlog, io ho già dato…).

Confesso di essere un po’ preoccupata, credo che tutta questa prossimità ai vecchi partiti stia già corrompendo il guru, che ne stia fiaccando lo spirito… mi aspettavo che, come minimo, dicesse a chi non l’ha votato, con la sua usuale vivacità dialettica, che sono tutti una manica di stronzi.

2 responses »

  1. KnockOut says:

    “.. quell’Italia fatta di funzionari ed impiegati pubblici, ma anche di pensionati che vogliono mantenere lo status quo, salvaguardare I loro piccoli intressi disinteressandosi del bene comune e quindi continuano a votare i vecchi partiti ..”

    Mah, non metterei confini: molti altri ancora sono i collusi e i complici, troppi, in ogni settore. Senza dimenticare l’appoggio fondamentale del ” malaffare ” , insomma delle mafie.

    I pentastellati, con tutto il rispetto e le aspettative riposte, pagano per i segni non proprio entusiasmanti che hanno espresso e, naturalmente, per la granitica fermezza del potere congiunto.

    In altre parole più che core n’grato parlerei di iamm iamm n’copp iammi iammi ia, funiculì funiculà

    • Ella V says:

      Francamente a me Grillo e i pentastellati non sono mai piaciuti, non credo che i problemi del nostro Paese si possano risolvere con qualche vaffa e un mare di supponenza. Non mi piacciono i leader carismatici e non mi piace il fanatismo di chi ha una fede cieca in loro, non conta quanto fetenti siano quelli a cui si oppongono, col tempo di solito non si dimostrano molto migliori di chi hanno sostituito (se ci riescono) Semplicemente non ci si può autoproclamare salvatori della patria, e semplicemente non si può dire a chi non ci segue che è un fetente (tra l’altro Grillo ci mette dentro ben diciannove milioni di pensionati e tutti i lavoratori dipendenti non precari, roba da matti). Grillo si comporta come quei genitori che quando i loro pregiatissimi figli vanno male a scuola al posto di invitarli a rimboccarsi le maniche corrono dagli insegnanti per mettergli le mani addosso. Francamente un po’ di sana autocritica non gli farebbe male.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s