risoamaro1949

Riso Amaro (Bitter Rice) – ITA 1949

Directed by: Giuseppe De Santis.

Starring: Silvana Mangano; Doris Dowling; Vittorio Gassman; Raf Vallone.

I’m a Mondina, I’m the exploited worker…

A few decades ago that was the rice campaign’s season. Many women of all ages, for forty days between May and June, left their villages in the Po Valley to go working in the rice fields in the country around Vercelli, Novara and Pavia. Those women worked hard in flooded fields, the water up to their knees, they had to plant rice and uproot the weed, they had to wake up at dawn and work bended forward for hours and hours. They were called “mondine”. It was said that women were suitable for that work because of their delicate hands (and you can bet that their hand weren’t delicate any more after years of that treatment), but in fact they were just very convenient labour (just like those almost invisible migrants working in fields today), after all men were considered the real breadwinners.

Bitter Rice

Riso Amaro (Photo credit: Wikipedia)

Today many folk groups, the so called Cori delle Mondine (mondine’s choirs), revive the memory of those exploited workers singing protest songs inspired by their (sometimes even violent) protests and strikes made to improve working condition in the early 20th century (HERE you can watch a group signing “Son la mondina, son la sfruttata” – the sentence that opens this post – in the presence of the President of the Italian Republic, last year at the official May Day celebration in Rome. To listen the whole song click on the sentence above). Also important to remind us about those women was Giuseppe De Santis. This director and writer that took part in the Italian neorealism movement (he also co-wrote Luchino Visconti’s “Ossessione”, considered the first neorealist movie) had the idea to set among the Po Valley rice fields “Riso Amaro” (Bitter Rice), his most famous film, that  was in 1949 a huge success in Italy, in Europe and also in the United States.

The movie, shot on location in a real farm near Vercelli (that area is still a prime rice growing region), tells the story of two women that meet each other on the train that is taking the “mondine” to the farms. Francesca (Doris Dowling), a misterious woman with a past, stole a precious necklace with her partner Walter (Vittorio Gassman), a dangerous, violent, selfish, coward but also charming man, and now is trying to hide herself from the police among the “mondine”. The woman who immediately understand what ‘s happening is Silvana (Silvana Mangano) a young and vivacious girl who tries to escape from reality (she is poor and she has to work hard) reading the romantic stories in fotonovela’s magazines (stories made using photos combined with small dialogues bubbles; in Italian they are called “fotoromanzi”). Francesca, obviously, has not a regular contract, she is an “irregular” worker, but when Silvana steal the necklace she can’t leave the farm so, to be employed as a mondina, she convince other irregulars like her to work for free (harder and faster then anyone else), but this causes a revolt and she risks to be lynched. Fortunately an army sergeant, the charming Marco Galli (Raf Vallone), save her and soothe the riotous workers. Of course, it goes without saying that both Francesca and Silvana fall in love with him. But in the meanwhile Walter has found Francesca, and that will mean even more troubles…

Vittorio Gassman in Riso Amaro (Photo credit: Wikipedia)

It ain’t so difficult, even today 64 years later, to understand the message behind this film. De Santis, that was a member of the Italian Communist Party, was trying to tell us that we should understand what’s our real social condition, that work is essential because it can redeem us some way, that there’s nothing more important than solidarity among workers. To make his message clearer he used Silvana e Francesca, two working class girls that have nothing in common. The first one is poor but has always worked honestly, the second one was a chamber maid, used to live beside the rich in a luxury world, was the easy prey for a man and became a thief. But in the end the rice field and the hard work redeem Francesca. At her arrival, she don’t hesitate to be disloyal to the workers but when they fight so that all the irregulars could be employed, she understand the real value of solidarity. When the workers decide to work under an heavy rain (not to lose the day wage) she works with them, and in the end she is ready to unmask a plot to save their hard-won salaries (but I can’t tell you more about this).

Silvana is different, but to be poor ain’t enough to build her class consciousness. Silvana loves boogie-woogie and, like millions other Italian girls after the end of WWII, she reads fotonovelas (in particular the one called Grand Hotel, a real magazine blamed by the Catholic Church but also by the Communist Party because its stories were considered immoral), she dreams of an adventurous life, she dreams to be reach, to wear beautiful clothes and to live in beautiful houses. All these dreams keep her away from reality, she don’t understand that she is like other women, that she should fight with them for their  rights. She tries to live the easy life and that makes her an easy prey. Turned into the accomplice of a bunch of wicked men (she also became Walter lover), she can’t escape a tragic destiny.

Silvana Mangano and Raf Vallone (Photo credit: Wikipedia)

What’s really peculiar in “Riso Amaro” is the fact that though blaming fotonovelas’ flimsiness as much as their power to corrupt the mind of young women with the promise of an easier, unrealistic life, this film seems to use their same language. Francesca is a too refined woman, especially for a former chamber maid and thief, Silvana thanks to Silvana Mangano is a real pin-up girl but not unrealistic like an Hollywood star (after all her hair is a mess, her armpits are unshaven and her thighs are bold), Walter thanks to Vittorio Gassman’s body and voice is a perfect villain with a perfect villain’s laugh and Sergeant Galli is the tipical fotonovela’s hero, so honest, so loyal, so romantic and always showing his hairy chest like a real macho (no matter if he wears a uniform, his shirt is always open). That’s probably the reason why, despite the huge commercial success, the Italian critics didn’t like this film very much.

Anyway, whether you’re attracted by Mangano’s sexy body (this was her breakthrough role, as much as Sergeant Galli was Raf Vallone’s breakthrough role), or you love romantic stories, whether you like film noir or you’re interested in the workers’ movement story, I can assure you watching “Riso Amaro” you won’t waste your time. (and if you’ve never seen it you can try HERE. Sorry no subtitles!)

 A few related movies you could like (click on the titles to watch a clip or a trailer):

Osbsession – ITA 1943 Directed by: Luchino Visconti. Starring: Clara Calamai; Massimo Girotti.

The Postman Always Rings Twice USA 1946 Directed by: Tay Garnett. Starring: Lana Turner; John Garfield; Cecil Kellaway.

The Blue Dahlia – USA 1946 Directed by: George Marshall. Starring: Alan Ladd; Veronica Lake; Doris Dowling.

Rome 11 o’clock – ITA 1950 Directed by: Giuseppe De Santis. Starring: Raf Vallone; Lucia Bosè; Carla Del Poggio; Massimo Girotti.

Three girls from Rome – ITA 1952 Directed by: Luciano Emmer. Starring: Lucia Bosè; Cosetta Greco; Liliana Bonfatti; Renato Salvatori; Marcello Mastroianni.

 Bread and roses – UK 2000 Directed by: Ken Loach. Starring: Pilar Padilla; Adrien Brody; Elpidia Carrillo.

Made in Dagenham – UK 2010 Directed by: Nigel Cole. Starring: Sally Hawkins; Bob Hoskins; Geraldine James; Miranda Richardson.

pellicola2

Son la mondina, son la sfruttata…

Fino a qualche decennio fa questo era il periodo dell’anno in cui si svolgeva la monda del riso. Tante donne di tutte le età, per quaranta giorni tra maggio e giugno, arrivavano da tutta la Pianura Padana nelle varie cascine delle province di Vercelli, Novara e Pavia dove le attendeva un lavoro durissimo che si faceva nei campi allagati, stando a mollo con l’acqua fino alle ginocchia per trapiantare le piantine del riso e estirpare le erbe infestanti, sempre  piegate per ore e ore, dopo essersi alzate all’alba. Quelle erano le mondine.

Silvana Mangano nella risaia (Phot credit: Wikipedia)

Si diceva che le donne fossero le più adatte per svolgere quel lavoro grazie alle loro manine delicate (che dopo anni di quel trattamento certo non rimanevano tali), ma in realtà erano la manodopera più a buon mercato (proprio come oggi lo sono gli extracomunitari che, invisibili, raccolgono la verdura che finisce sulle nostre tavole): con la scusa che il pane in tavola lo dovevano mettere gli uomini, quelle lavoratrici venivano pagate una miseria. Del loro sfruttamento probabilmente si sarebbe persa la memoria senza i gruppi folk, i cosiddetti Cori delle Mondine, che ancora  oggi intonano i canti di lotta ispirati alle lotte sindacali che sfociarono in veri e propri tumulti all’inizio del secolo scorso (cliccando QUI potete vedere un gruppo di “mondine” cantare “Son la mondina son la sfruttata” al Quirinale, di fronte al Presidente della Repubblica, in occasione delle celebrazioni del 1° maggio dello scorso anno, cliccando la frase con cui si apre il post potrete sentirne la versione integrale). Altrettanto fondamentale per perpetuarne il ricordo è stata anche l’idea di Giuseppe De Santis (che fece parte del movimento neorealista italiano e che fu tra gli sceneggiatori del film di Luchino Visconti “Ossessione”, considerato il primo tra i tanti film di quel movimento) di ambientare tra le risaie della Pianura Padana “Riso Amaro”, il suo film più noto, che nel 1949, all’epoca dell’uscita nelle sale cinematografiche, grazie ad un singolare miscuglio di neorealismo e noir, ebbe un enorme successo di pubblico in Italia, nel resto d’Europa e persino negli Stati Uniti.

Doris Dowling con la sorella Constance (Photo credit: Wikipedia)

Il film, girato in esterni in una vera cascina agricola del vercellese (ancora oggi terra di risaie), racconta la storia di due donne incontratesi per caso sul treno delle mondine. La misteriosa Francesca (Doris Dowling), una donna dal passato burrascoso, cerca di sfuggire alla polizia che ricerca per il furto di una preziosa collana lei e il suo compagno, il violento, egoista, vigliacco e sinistramente affascinante Walter (Vittorio Gassman) dal quale si è separata alla stazione.  Ad intuire quale sia il suo segreto è la giovane Silvana (Silvana Mangano), un’accanita lettrice di fotoromanzi che sogna una vita avventurosa con la quale riscattarsi dalla povertà che la costringe al faticoso lavoro in risaia. Mischiata alla altre donne, ma senza un regolare contratto di lavoro, Francesca, dopo che Silvana le ha sottratto la collana, non ha altra scelta che continuare a fingersi una mondina e quando i padroni della cascina cercano di cacciare le lavoratrici irregolari, convince le altre a lavorare come crumire (per più ore, più velocemente e senza paga nella speranza di essere assunte) scatenando una protesta delle regolari e rischiando il linciaggio. Si salva grazie al provvidenziale intervento del fascinoso sergente dell’esercito Marco Galli (Raf Vallone) di cui (sorpresa, sorpresa) subito si invaghiscono sia lei che Silvana. Sembra che le cose vadano un po’ meglio, ma poi alla risaia arriva anche Walter e tutto si complica ulteriormente…

Ancora oggi rivedendo questo film, non è difficile capire quale sia il suo significato. De Santis, militante comunista, cerca di spiegarci quanto sia importante prendere coscienza di se, della realtà in cui si è immersi quotidianamente, del valore del lavoro, della sua forza redentrice e dell’importanza della solidarietà tra lavoratori e lavoratrici. Per dirci tutto questo usa Silvana e Francesca, due proletarie che sono diversissime tra loro: la prima, poverissima, ha sempre lavorato onestamente, la seconda, che avendo lavorato come cameriera ha visto da vicino il lusso in cui vivono le classi più agiate, si è lasciata sedurre facilmente da un uomo e dall’idea della ricchezza facile diventando una ladra. Eppure ad un certo punto i destini di queste due donne sembrano invertirsi.

Una mondina nella campagna risicola nel Vercel...

Una mondina nella campagna risicola nel Vercellese – Italia. (Photo credit: Wikipedia)

Grazie al duro lavoro in risaia Francesca si redime a poco a poco. Se all’inizio non esitava a comportarsi slealmente verso le altre lavoratrici (il crumiraggio), quando quelle si mobilitano minacciando uno sciopero per far mettere in regola le “irregolari”, capisce il valore della solidarietà e quando le mondine decidono di lavorare anche sotto la pioggia battente (ogni giornata di lavoro persa veniva scalata dalla paga) non esita ad unirsi a loro, così come non si tirerà indietro quando si tratterà di cercare di fermare un complotto criminale che potrebbe lasciarle senza paga dopo tanta fatica (ma non posso dirvi di più).

Tutt’altro discorso invece va fatto per Silvana: nascere poveri non basta a costruirsi una coscienza di classe. Silvana ama ballare il boogie-woogie, come milioni di altre ragazze dell’epoca legge i fotoromanzi (non uno a caso ma quel Grand Hotel che era visto come la peste sia dalla Chiesa Cattolica che dal PCI, che lo consideravano per diverse ragioni immorale) e sogna una vita avventurosa, sogna di essere ricca, sogna i bei vestiti e le case di lusso. Sono quei sogni ad impedirle di sentire la vicinanza con le altre donne nelle sue stesse condizioni, a toglierle la voglia di lottare in modo concreto per migliorare le sue condizioni, a spingerla a cercare facili vie di fuga e tutte queste cose la rendono facile preda e complice di uomini malvagi (come Walter di cui diventa l’amante) condannandola ad un destino tragico.

Raf Vallone (Photo credit: Wikipedia)

L’aspetto più singolare in “Riso Amaro” è il fatto che mentre biasima l’inconsistenza e il potere dei fotoromanzi di corrompere le menti delle giovani italiane, sembra rivolgersi al pubblico usando il loro stesso linguaggio: Francesca è una donna fin troppo raffinata, specie per un ex cameriera diventata una ladra, Silvana col corpo della Mangano è un’autentica pin-up ma più ruspante di una diva di Hollywood (sempre spettinata, con le ascelle non depilate e le cosce abbondanti), Walter grazie alla presenza e alla voce di Gassman è un cattivo da fumetto (con una risata da manuale) e il Sergente Galli sembra proprio uscito da un fotoromanzo, così onesto, leale, romantico e sempre con la camicia aperta sul petto villoso da vero macho latino (e cosa conta se è in divisa). Non sono perciò sorprendenti le molte critiche non proprio positive (specie da sinistra) che accompagnarono l’uscita del film in Italia.

Comunque sia, che siate attratti dal fisico esplosivo della Mangano (che come Raf Vallone fu lanciata da questo film), oppure siate appassionati spettatori di storie romantiche, sia che siate amanti dei noir, oppure siate interessati agli aspetti sociali del racconto, vi assicuro che rivedere “Riso Amaro” non sarà tempo perso (provate un po’ QUI).

 Alcuni film collegati che potrebbero piacervi (cliccate sui titoli per vedere una scena o il trailer):

Ossessione – ITA 1943 Diretto da: Luchino Visconti. Con: Clara Calamai; Massimo Girotti.

Il postino suona sempre due volte USA 1946 Directed by: Tay Garnett. Con: Lana Turner; John Garfield; Cecil Kellaway.

La Dalia Azzurra – USA 1946 Diretto da: George Marshall. Con: Alan Ladd; Veronica Lake; Doris Dowling.

Roma ore 11 – ITA 1950 Diretto da: Giuseppe De Santis. Con: Raf Vallone; Lucia Bosè; Carla Del Poggio; Massimo Girotti.

Le Ragazze di Piazza di Spagna – ITA 1952 Diretto da: Luciano Emmer. Con: Lucia Bosè; Cosetta Greco; Liliana Bonfatti; Renato Salvatori; Marcello Mastroianni.

Bread and roses – UK 2000 Diretto da: Ken Loach. Con: Pilar Padilla; Adrien Brody; Elpidia Carrillo.

We Want Sex– UK 2010 Diretto da: Nigel Cole. Con: Sally Hawkins; Bob Hoskins; Geraldine James; Miranda Richardson.

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

One response »

  1. Riso Amaro is a great movie – your post reminds me I need to watch it again. And thanks for the suggestions for other movies to watch.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s