RomaCittaAperta45

Roma, Città Aperta (Rome, Open City) – ITA 1945

Directed by: Roberto Rossellini.

Starring: Anna Magnani; Aldo Fabrizi; Marcello Pagliero; Maria Michi.

“Young people don’t need sermons, young people need examples of honesty, consistency and altruism” (Sandro Pertini*)

In a few days it will be once again the 25 April, which means that in Italy we will celebrate the Liberation Day. To remember it, there is no better film than “Rome, Open City”, directed in 1945 by Roberto Rossellini and shot in a devastated Rome. Maybe you’ve never seen it (and believe me you should), but  almost surely you’ve heard about it because it’s one of the most famous Italian films ever: it won the Grand Prix of the Festival at Cannes in 1946 attracting the international attention on Italian cinema and is now considered a sort of Neorealism manifesto (obviously a real critic could tell you more and better about this).

Rome, Open City

Rome, Open City (Photo credit: Wikipedia)

The film talks about the partisan resistance against the Nazi occupation of Rome, started after the Italian Armistice signed between the Kingdom of Italy and the Allies forces was made public on 8 September 1943 (turning Italy from Germany’s allied to an enemy) and lasted until its liberation on 4 June 1944. It shows the stories of a bunch of people differently involved in it, people who comes from different social classes and with a different political background that are involved in the underground movement for different reasons: someone for a sincere political commitment or aversion to fascism (in twenty years of fascist dictatorship political opposition had been violently repressed), someone because tired after years of war or simply obliged to do something by force of circumstance. In a poor area of Rome we meet Pina (Anna Magnani), a widow with a child, and her partner Francesco, two anti-fascists engaged in the underground movement who are going to have a child and soon will get married, then there are Don Pietro (Aldo Fabrizi), a catholic priest who helps partisans and deserters, engineer Giorgio Manfredi (Marcello Pagliero), a committed communist and one of the key members of the Resistance movement who’s wanted by the Nazis and by their Italian collaborators, Lauretta, Pina’s sister, who superficially thinks that there’s nothing wrong with having some fun with the occupiers and her best friend Marina (Maria Michi), a young showgirl who’s having an affair with Manfredi. Her addiction to drugs, provoked and used by a German spy, will lead her into betraying the man she loves.

“Rome, Open City” has been written and shot just after the liberation of Rome (a young Federico Fellini co-wrote it). In the meantime still survived the puppet State wanted by the Nazis and lead by Mussolini (by that time former Italian dictator) created to control the Northern Italy (The Italian Social Republic or Repubblica di Salò). It will collapse only after the death of Benito Mussolini and the Liberation of Milan on the 25 April 1945 (the day we celebrate with the Liberation Day).

The film was released in Italy in September 1945 receiving mediocre reception from Italian audiences and mixed reactions: communists didn’t like what they thought was an excessive emphasis on the catholic contribution to the underground movement, Catholics thought it was too violent.

Anyway, though fictitious, the stories told in the movie are inspired to real events and people.

Don Giuseppe Morosini (Photo credit: Wikipedia)

Don Pietro, the priest who hepls the partisans who, after is captured with Manfredi, will pay with his life his contribution to the resistance, is a mix of two different people: Don Pietro Pappagallo and Don Giuseppe Morosini. Don Pappagallo, who was the parish priest in the Papal Archbasilica of St. John Lateran in Rome, helped soldiers, partisans, allies, Jews and others wanted by the regime during the German occupation of Rome. Betrayed by a spy (an Italian) he was arrested and killed on 24 March 1944 with other 334 civilians at the Adreatine Caves (the mass exceution carried out in Rome by German occupation troops, lead by the SS officer Herbert Kappler, as a reprisal for a partisan attack conducted on the previous day in central Rome). Don Giuseppe Morosini was a regiment chaplain who joined the resistance after the 8 September 1943.He also was betrayed by an Italian informer and after being captured was killed by a firing squad. As it happens to Don Pietro in the movie, he was shot in the head by the officer (in the film a German, in real life an italian fascist) who was in charge of the execution: 10 out of 12 soldiers in the firing squad missed him on purpose.

The prison located in via Tasso (Tasso street), where Don Pietro and engeneer Manfredi are taken after their arrest and were people is tortured in the film, was not fictitious. Where today people can visit the Historical Museum of the Liberation, during the German occupation there was a prison in which more than 2000 people, man and women, anti-fascists and Jews, were imprisoned and tortured. You can learn more here:

http://www.memorialmuseums.org/eng/staettens/view/701/Historical-Museum-of-the-L%20iberation-%E2%80%93-Via-Tasso#

Also Pina, the woman portrayed by Anna Magnani, was inspired to a real woman, a mother of 5 who was pregnant when, in March 1944 at the age of 37, a German officer shot her while she was protesting with other women after a mass arrest: her name was Teresa Gullace, her husband was among the men arrested and she was trying to see him when she was killed.

Partisans in Milan after the Liberation (Photo credit: Wikipedia)

Soon she became a symbol of the Resistance in Rome, but all around Italy many other women took part in the Resistance and, for the first time, in the Italian political life (you must know that Italian women could vote for the first time only after the end of the war when in 1946 took place the Constitutional Referendum that turned the Monarchy into a Republic). More than 70000 women gave their contribution to the Italian Resistance, 500 of them took command in military actions. Unfortunately it is hard to find some documentary in English that could tell you more about this subject, but if you speak a little Italian, or if you are simply interested in watching the faces of some of those women, you could watch a documentary called “Le donne nella Resistenza” (Women in the Resistance movement) made in 1965 by the Italian director Liliana Cavani and broadcasted by RAI, the Italian TV, the same year. You can find it here:

http://www.youtube.com/watch?v=pmsh9htn3mg

More than seventy years after those events, it is our duty to remember. In the last twenty years in Italy we had witnessed the attempt to enact a sort of right-winged revisionism trying to transform partisans  (all of them) into blind assassins and fascists (especially those who supported the Italian Social Republic) into their innocent victims. Especially in these sad, confused and discouraging (polically speaking) days we must remember that the Republic and the (relatively) free world in which we live is a gift that those who fought in the Resistance movement gave us.

*Sandro Pertini was the Seventh Presindent of the Italian Republic from 1978 to 1985. He was a socialist and during the fascist regime he was persecuted and interned. After Mussolini arrest he joined the Italian resistance movement. On  April,25  1945, in a radio message, he called to the general strike launching the insurrection that lead to the liberation of Milan. The quote is taken from the television message to Italians he made on December, 31 1978.

A few related films you could find interesting (titles are links, a click and you’ll watch a clip):

Attention! Bandits! – ITA 1951 Diretto da: Carlo Lizzani. Con: Gina Lollobrigida; Andrea Checchi.

General Della Rovere – ITA/FRA 1959 Diretto da: Roberto Rossellini. Con: Vittorio De Sica; Sandra Milo; Giovanna Ralli; Vittorio Caprioli; Hannes Messemer.

Everybody go home – ITA/FRA 1960 Diretto da: Luigi Comencini. Con: Alberto Sordi; Eduardo De Filippo; Serge Reggiani; Martin Balsam; Nino Castelnuovo.

The four days of NaplesITA 1962 Diretto da: Nanny Loy. Con: Raffaele Barbato; Regina Bianchi; Aldo Giuffré; Lea Massari.

I sette fratelli Cervi – ITA 1968 Diretto da: Gianni Puccini. Con: GianMaria Volonté; Don Backy; Riccardo Cucciolla; Carla Gravina; Serge Reggiani.

Massacre in Rome – ITA/FRA 1973 Diretto da: George P. Cosmatos. Con: Marcello Mastroianni; Richard Burton; Delia Boccardo; Renzo Montagnani; Peter Vaughan.

pellicola2

I giovani non hanno bisogno di sermoni, i giovani hanno bisogno di esempi di onestà, di coerenza e di altruismo.” (Sandro Pertini*)

Mancano pochi giorni al 25 Aprile e per ricordare la Festa della Liberazione non c’è forse film migliore di “Roma, Città Aperta”, diretto nel 1945 da Roberto Rossellini in una Roma ancora profondamente segnata dalla guerra. Forse non l’avrete mai visto (se è così fate immediatamente ammenda e correte a cercarne una copia), ma sicuramente ne avrete sentito parlare visto che è uno dei film italiani più noti di sempre: vinse la Palma d’oro al Festival di Cannes del 1946 suscitando l’attenzione internazionale sul cinema italiano ed è considerato oggi una sorta di manifesto del neorealismo (ma di questo potrebbe parlarvi meglio un vero critico cinematografico).

Don Pietro (Aldo Fabrizi) e il piccolo Marcello (Photo credit: Wikipedia)

Il film racconta la resistenza all’occupazione nazista di Roma, iniziata in seguito all’Armistizio dell’8 Settembre 1943 (che trasformò gli italiani da alleati a nemici della Germania) e durata fino alla liberazione della città del 4 giugno 1944, attraverso le storie di alcuni personaggi esemplari, persone che come nella realtà erano di diversa estrazione sociale e politica coinvolte nella lotta clandestina per sincera convinzione o per ribellione ai soprusi della dittatura fascista, a causa della guerra o anche semplicemente perché spinti dalle circostanze. In un quartiere popolare incontriamo Pina (Anna Magnani), ex operaia vedova con un figlio, e il suo compagno Francesco, un tipografo, entrambi antifascisti impegnati nella resistenza che presto avranno un figlio e sono in procinto di sposarsi, c’è poi Don Pietro (Aldo Fabrizi), parroco che aiuta partigiani, perseguitati politici e militari in fuga, “l’ingegner Manfredi” (Marcello Pagliero), militante comunista e uomo chiave della lotta partigiana che è ricercato dai nazisti e da quegli italiani che con loro (volonterosamente) collaborano, Lauretta, la giovane e superficiale sorella di Pina che non crede ci sia niente di male a  divertirsi un po’ con gli occupanti, e la sua migliore amica Marina (Maria Michi), una giovane stellina del varietà, che è legata a Manfredi ma sarà spinta a tradirlo dalla sua dipendenza alle droghe sapientemente alimentata e sfruttata da una spia tedesca.

“Roma, Città Aperta”, scritto e girato subito dopo la liberazione di Roma (alla sceneggiatura ha collaborato anche un giovane Federico Fellini) mentre nell’Italia del Nord ancora sopravviveva lo stato fantoccio della Repubblica di Salò ed imperversava la guerra, è uscito nelle sale Italiane a conflitto finito nel settembre 1945. Fu accolto tiepidamente e sembrò all’inizio scontentare molti: troppa enfasi sul contributo cattolico alla resistenza per i comunisti, troppa violenza per i cattolici.

Graffito su un muro di una cella in via Tasso- Lettera di un prigioniero alla madre (Photo credit: Wikipedia).

Le storie raccontate nel film comunque, pur non essendo vere, sono ispirate a fatti e personaggi reali. Don Pietro, il prete che dopo esser stato catturato insieme al partigiano ingegner Manfredi pagherà con la vita il suo contributo alla lotta clandestina, è la sintesi di due religiosi: Don Pietro Pappagallo e Don Giuseppe Morosini. Don Pappagallo, vice parroco di San Giovanni in Laterano che durante l’occupazione partecipò attivamente alla resistenza, fu arrestato in seguito a una delazione e venne ucciso il 24 marzo 1944 insieme ad altri 334 civili alle Fosse Ardeatine (la rappresaglia tedesca per l’attentato di via Rasella, organizzata ed eseguita da Herbert Kappler, ufficiale delle SS e comandante della polizia tedesca a Roma). Don Giuseppe Morosini era invece un cappellano militare entrato nella resistenza dopo l’8 settembre. Anche lui fu denunciato da un delatore. Venne condannato a morte e, proprio come accade a Don Pietro nel film, fu ucciso con due colpi alla nuca dall’ufficiale (nella realtà un fascista italiano, nel film un tedesco) che comandava l’esecuzione: 10 componenti del plotone d’esecuzione (italiano) su 12 avevano sparato per aria.

La prigione di via Tasso, il luogo in cui Don Pietro e l’ingegnere Manfredi sono portati dopo l’arresto e dove avvengono le torture, è invece un luogo realmente esistito. In quello che oggi è il Museo Storico della Liberazione vennero imprigionati e torturati dalle SS oltre 2000 uomini e donne, antifascisti ed ebrei. Potete visitare (e vi consiglio di farlo) il sito internet del Museo  a questo indirizzo: http://www.viatasso.eu/

Partigiani Garibaldini in Piazza San Marco a Venezia (Photo credit: Wikipedia)

Il personaggio interpretato da Anna Magnani, la popolana Pina è ispirata ad una donna, madre di 5 figli ed incinta del sesto, uccisa da un ufficiale tedesco nel marzo del 1944 a 37 anni mentre, con altre donne, manifestava per il rilascio di alcuni prigionieri catturati durante un rastrellamento: il suo nome era Teresa Gullace  tra i prigionieri c’era il marito, lei cercava di parlargli quando venne uccisa.

Nei giorni della resistenza romana Teresa Gullace divenne un simbolo, ma sono molte le donne che in tutta Italia presero parte alla Resistenza partecipando per la prima volta attivamente alla vita politica del Paese (va ricordato che le donne italiane ottennero il diritto di voto solo a guerra finita e votarono per la prima volta al Referendum Istituzionale del 1946 che sancì la fine della Monarchia e la nascita della Repubblica Italiana). Si stima che furono circa 70000 le donne che parteciparono in un modo o nell’altro alla resistenza, 500 di loro ebbero compiti di comando in operazioni militari., Se siete interessati a saperne di più e se volete ascoltare delle testimonianze dirette di donne che furono protagoniste di quei giorni, vi consiglio di guardare il documentario di Liliana Cavani “Le donne nella Resistenza” realizzato e trasmesso nel 1965 all’interno del programma Rai “Prima Pagina”, basta un click su questo link:

http://www.youtube.com/watch?v=pmsh9htn3mg

Più di settant’anni dopo quegli eventi, è fondamentale continuare a ricordare, specie dopo vent’anni di tentativi di revisionismo da parte di una destra che vorrebbe fosse riconosciuta pari dignità a carnefici e vittime, quasi trasformando tutti i partigiani in biechi assassini e i fascisti (specie chi aderì alla Repubblica di Salò) in vittime innocenti della loro ferocia, e specie in questo momento particolarmente confuso triste e sconfortante della politica del nostro paese. Se viviamo in una repubblica e se godiamo di una relativa libertà è perché quelle persone si sono battute anche per noi.

Per finire, vi invito a visitare il sito internet dell’A.N.P.I.: http://www.anpi.it/

* La frase di Sandro Pertini è presa dal messaggio di fine anno del 1978.

Alcuni film collegati che potrebbero interessarvi (I titoli sono link, cliccateli per vedere una scena ):

Achtung! Banditi! – ITA 1951 Diretto da: Carlo Lizzani. Con: Gina Lollobrigida; Andrea Checchi.

Il Generale Della Rovere – ITA/FRA 1959 Diretto da: Roberto Rossellini. Con: Vittorio De Sica; Sandra Milo; Giovanna Ralli; Vittorio Caprioli; Hannes Messemer.

Tutti a casa – ITA/FRA 1960 Diretto da: Luigi Comencini. Con: Alberto Sordi; Eduardo De Filippo; Serge Reggiani; Martin Balsam; Nino Castelnuovo.

Le quattro giornate di NapoliITA 1962 Diretto da: Nanny Loy. Con: Raffaele Barbato; Regina Bianchi; Aldo Giuffré; Lea Massari.

I sette fratelli Cervi – ITA 1968 Diretto da: Gianni Puccini. Con: GianMaria Volonté; Don Backy; Riccardo Cucciolla; Carla Gravina; Serge Reggiani.

Rappresaglia – ITA/FRA 1973 Diretto da: George P. Cosmatos. Con: Marcello Mastroianni; Richard Burton; Delia Boccardo; Renzo Montagnani; Peter Vaughan.

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

3 responses »

  1. KnockOut says:

    Sandro Pertini sta a Giorgio Napolitano come Gianmaria Volonté sta ad Alvaro Vitali

  2. […] My weekend movie: Roma, Città Aperta (1945) (knittednotes.wordpress.com) […]

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s