Jezebel 1938

Jezebel (La Figlia del Vento) – USA 1938

Directed by: William Wyler.

Starring: Bette Davis; Henry Fonda; George Brent; Fay Bainter; Donald Crisp; Margaret Lindsay.

Girls beware! Never wear the wrong dress…

It was enormously complicated to be a Southern Belle in the old times, to be a good-looking member of the right family didn’t mean everything. A young girl had to be flirtatious enough to attract a man, but also modest enough to persuade him to make his proposal, she had to held brilliant conversations, but never give the impression she was too brilliant or intelligent (otherwise the man could decide to run away fast), she had to cultivate good manners and know how to behave in any occasion… in a few words, she had to live in a hell made of social conventions always risking  to do something wrong and get into troubles.

Jezebel -1938(Photo credit: Wikipedia)

Then, for those who were spoiled and stubborn like Julie Marsden, the protagonist of “Jezebel”, the black and white movie directed in 1938 by William Wyler and starring Bette Davis, it was just a matter of time: a day or another something bad was going to happen. And the trouble with Julie was that she made two mistakes, two big mistakes: she overestimated her charm and she wore the wrong dress at the most important ball of the season.

Now someone could think that “Jezebel”, the film also known as “the black and white Gone with the Wind” despite the fact that it has been released a year before the film based on the famous  Margaret Mitchell novel, is the story of a young rebel, a girl who successfully defies conventions. But even though often depicted that way, you shouldn’t believe it. In fact “Jezebel” is just the opposite: it’s the story of a girl who thinks that, thanks to her name and a man she believes under her charm, she can defies conventions but is forced into succumbing to the good society rules. In a few words a sort of educational movie made for very stubborn girl, that demonstrates how their stubbornness is in fact pure stupidity.

SPOILER ALERT: if you’ve never seen this film (is it possible?) you read the rest of this article at your own risk…

Bette Davis in “Jezebel” (1938)

Julie dressed in red(Photo credit: kndynt2099)

In fact, when we first meet Julie (Bette Davis), she is a very independent girl who lives in an elegant mansion in New Orleans with her aunt Belle (Fay Bainter), also own a plantation and slaves (because we are in 1952, nine years before the outbreak of the American civil war), has a fiancé and is admired by the other girls that consider her “modern”, but soon we are induced into thinking that all her liveliness, all her modernity is just a superficial mask for her big stupidity. Julie seems really brave when defying every rule she enters in a bank, a thing a woman couldn’t do, but the reason to interrupt an important meeting attended by her fiancé Preston Dillard (Henry Fonda) is silly: to prove that he loves her he has to accompany her while she shop for a dress for the most important ball of the year. Obviously he refuses, and while a friend (nonetheless a doctor) suggests him to cure and correct her stubborn behaviour beating her with a stick, after all when she’ll recover with a little gift she will be happy again (Preston decline the invitation, but unfortunately the audiences can ear this), Julie behave in the silliest way replacing the white evening gown an unmarried (virginal) woman should wear with the vulgar red dress made for a prostitute. From now on Julie is in serious troubles: Preston escort her to the ball, but then breaks their engagement and moves to the North, while friends (admirers included) desert her. Nothing is more important than honour! Not even a good old yellow fever epidemic will be enough to solve poor Julie’s troubles. Preston comes back to New Olrleans, just for the Bank’s sake, but when Julie thinks she finally has the occasion to atone for her filthy sins (!!!) and throw herself at his feet (literally) she has to learn that in just one year he brilliantly recover from the ball shock and also find the time to get married with another girl, a Northerner (Old time chivalry…). Obviously Julie’s emotional reaction provoke  even more troubles, and her dear relatives and friends will put some more blame on her, but thanks heaven a nice yellow fever epidemic offers many, many occasion for a girl who desperately needs to pay for her indecent behaviour and when finally Preston falls ill (you must agree that it serves him right) she can make the ultimate sacrifice to rehabilitate her honour: she will follow her beloved one to the quarantine island (inhabited by people suffering from leprosy) where all the sick people are confined, with the approval of Preston’s wife, the Northern girl, a real smart woman.

Cropped screenshot of Henry Fonda and Bette Da...

Henry Fonda and Bette Davis in Jezebel. (Photo credit: Wikipedia)

Don’t let me discourage you from watching this movie, it must be clear that this is just my point of view. “Jezebel” is one of those films you should have seen at least one time in your life (it’s a great film believe me). This is the movie that gave  Bette Davis her second and really deserved Oscar (she won the first one in 1935 for “Dangerous”, the story of a jinxed theatre actress who got something in common with Julie, but she thought she didn’t deserve it and believed it was belated recognition for 1934 “Of Human Bondage). Though there are many similitudes between this movie and “Gone with the Wind” (if you love that film you will noticed them) and despite the fact that Davis herself said years later that she missed the role of Scarlett O’Hara because of this film, “Jezebel” ain’t a plagiarism of it. In fact it is based on a 1933 play written by Owen Davis that was a Broadway flop, but probably without the huge success of Margaret Mitchell’s novel Warner wouldn’t produced it.

You can listen here Bette Davis talking about “Jezebel” at “The Merv Griffin Show” in 1972: http://www.youtube.com/watch?v=gZMUXYPPMbw&list=PLBCB67C319B9F10FA

If you’ve never seen “Jezebel” you should do it now, but remember Julie Marsden ain’t Scarlett O’Hara.

A few (more or less) related movies you could also like (click the titles to watch a clip or the trailer):

Dangerous – USA 1935 Directed by: Alfred E. Green. Starring: Bette Davis; Farchot Tone; Margaret Lindsay.

A Day at the Races USA 1937 Directed by: Sam Wood. Starring: Groucho Marx; Chico Marx; Harpo Marx; Maurine O’Sullivan; Margaret Dumont.

Gone with the Wind USA 1939 Directed by: Victor Fleming. Starring: Vivien Leigh; Clark Gable; Leslie Howard; Olivia De Havilland.

Little Women – USA 1949 Directed by: Mervyn LeRoy. Starring: June Allison; Janet Leigh; Elizabeth Taylor; Peter Lawford; Rossano Brazzi; Mary Astor.

Hush… hush, Sweet Charlotte – USA 1964 Directed by: Robert Aldrich. Starring: Bette Davis; Olivia De Havilland; Joseph Cotten; Agnes Moorehead; Mary Astor.

Cold Mountain USA 2003 Directed by: Anthony Minghella. Starring: Nicole Kidman; Renée Zellweger; Jude Law.

The painted veil – USA 2006 Directed by: John Curran. Starring: Naomi Watts; Edward Norton.

pellicola2

Attente ragazze! Mai indossare il vestito sbagliato…

Cropped screenshot of Fay Bainter and Bette Da...

Fay Bainter and Bette Davis in Jezebel. (Photo credit: Wikipedia)

Nel secolo scorso era incredibilmente complicato essere un’autentica Bellezza Sudista, l’aspetto e la posizione sociale non erano tutto. Una ragazza doveva essere frivola quanto bastava ad attrarre l’attenzione di un uomo, ma sufficientemente modesta da spingerlo a fare una proposta di matrimonio, doveva avere una conversazione brillante, ma senza far sorgere il sospetto che fosse vagamente intelligente (che poi il suddetto uomo si spaventava e se la dava a gambe levate), doveva avere buone maniere e sapersi comportare nel modo giusto in ogni occasione… insomma, doveva vivere in un inferno di convenzioni sociali rischiando di continuo di fare qualcosa di sbagliato e ritrovarsi in un mare di guai. Inoltre, per quelle ragazze che erano viziate e testarde quanto Julie Marsden, la protagonista di “La figlia del vento”, il film in bianco e nero diretto da William Wyler nel 1938 che vede protagonista Bette Davis, era solo questione di tempo: qualche guaio sarebbe sicuramente capitato. E il problema è che Julie di errori ne ha commessi due, ed enormi: sopravvalutare il suo charme e, soprattutto, indossare il vestito sbagliato ad un ballo importante.

Si potrebbe quasi pensare a questo punto che “La figlia del vento”, il film che è passato alla storia come il “Via col Vento in bianco e nero” pur essendo arrivato nelle sale cinematografiche un anno prima del film tratto dal romanzo di Margaret Mitchell, sia la storia di una ribelle, capace di sfidare le convenzioni. Ma anche se spesso viene presentato in questo modo, non lasciatevi ingannare. Perché “La figlia del vento” è proprio il contrario: è la storia di una ragazza che crede di potere sfidare le convenzioni, protetta dal buon nome della sua famiglia e da un uomo che è convinta di poter dominare, ma che finisce col soccombere alle regole della buona società e col perdere tutto. Insomma una sorta di film educativo per ragazze testarde, che oltretutto derubrica la loro testardaggine e pura stupidità.

ATTENZIONE SPOILER: se non avete mai visto questo film, leggete il resto dell’articolo a vostro rischio e pericolo…

Davis, Bette - as Jezebel.. 1938

Julie properly dressed in white (Photo credit: Movie-Fan)

Infatti, quando incontriamo per la prima volta Julie (Bette Davis), lei è molto indipendente, vive in una bella casa di New Orleans con sua zia Belle (Fay Bainter) ed è anche proprietaria di una piantagione con relativi schiavi (siamo infatti nel 1852, nove anni prima dello scoppio della Guerra di Secessione Americana), ha un fidanzato ed è ammirata dalle altre ragazze che la considerano “moderna”, ma quasi subito siamo indotti a pensare che tutta questa vivacità e modernità sia solo una maschera superficiale per la sua profonda stupidità. Contro ogni regola Julie compie quello sarebbe un bell’atto di coraggio entrando in una banca, cosa a quanto pare preclusa ad una donna, ma le ragioni per cui interrompe un’importante riunione a cui sta partecipando Preston Dillard (Henry Fonda), il suo fidanzato, sono sciocche: se lui la ama la deve accompagnare dalla sarta per la prova dell’abito per un ballo. Quando lui ovviamente rifiuta, mentre un amico (nientemeno che un dottore) lo incita a somministrare qualche sana bastonata alla poverina, così tanto per correggerne il carattere che poi quando le guariscono le ferite con un bel regalino le passa pure il malumore (fortunatamente non accetta il consiglio, ma purtroppo il suggerimento resta nelle orecchie degli spettatori),  lei non trova niente di meglio da fare che rinunciare al suo bell’abito da ballo bianco da (verginale) ragazza non ancora sposata per sostituirlo con uno volgare e rosso destinato nientemeno che a una prostituta. Da qui in avanti i guai inseguono Julie: riescie a farsi accompagnare al ballo dal fidanzato, ma lui la lascia subito dopo per trasferirsi al Nord e i suoi amici (ammiratori compresi) praticamente la isolano. L’onore prima di tutto! Nemmeno una bella epidemia di febbre gialla basta a risolvere i guai della poverina, perché anche se Preston torna a New Orleans, ma solo per occuparsi degli affari, quando lei pensa di poter finalmente espiare il suo terribile peccato mettendosi (letteralmente) in ginocchio,  le tocca scoprire che lui in un solo anno (e senza degnarsi di farle sapere niente) si è ripreso dallo shock del ballo e si è persino sposato con una ragazza del nord (la cavalleria di una volta…). Ovviamente la reazione emotiva della sciagurata procura altri guai che le attirano ulteriore biasimo da parte di amici e parenti. Ma grazie al cielo una bella epidemia offre mille occasioni per pagare per le proprie colpe e quando finalmente Preston si ammala (un po’ gli sta anche bene, ne converrete) lei può compiere quel sommo sacrificio che la riabiliterà agli occhi del mondo: seguirà l’amato sull’isola (popolata da malati di lebbra) su cui sono confinati in quarantena i malati, con tanto di approvazione della moglie, lei si, la ragazza del nord, una vera donna in gamba.

Davis, Bette -

Ready for troubles (Photo credit: Movie-Fan)

Non fatevi scoraggiare dal mio racconto, è chiaro che questo è solo il mio modo di vedere questo film. “La figlia del vento” è uno di quei film che dovreste aver visto almeno una volta (e ve lo assicuro è un gran bel film). È il film che ha fatto vincere a Bette Davis il suo secondo, e questa volta meritatissimo Oscar (il primo lo aveva vinto nel 1935 grazie a “Dangerous– Paura d’amare”,  la storia di un’attrice di teatro che si crede perseguitata da una maledizione e che somiglia in qualche modo a Julie, ma la Davis riteneva di non meritarlo e che le fosse stato assegnato come risarcimento per la mancata vittoria dell’anno prima quando era stata candidata per “Schiavo d’amore”). Nonostante le similitudini con Via col Vento (se amate quel film non potrete fare a meno di notarne a bizzeffe) e anche se la stessa Bette Davis anni dopo affermò che fu proprio il recitare in questo film a precluderle ogni chance di interpretare l’ambitissimo ruolo di Rossella O’Hara, “La figlia del vento” non è affatto un plagio di quella storia. È tratto invece da una commedia teatrale del 1933 di Owen Davis che ebbe solo 30 rappresentazioni a Broadway, ma probabilmente è vero che la Warner non avrebbe mai prodotto questo film, se nel 1936 il libro di Margaret Mitchell non avesse avuto il clamoroso successo editoriale che ha avuto.

Qui potrete sentire Bette Davis parlare di “La figlia del vento” al “Merv Griffin Show” nel 1972: http://www.youtube.com/watch?v=gZMUXYPPMbw&list=PLBCB67C319B9F10FA

Se non avete mai visto “La figlia del vento” è l’ora di farlo, ma ricordate che Julie Marsden è solo una lontanissima parente di Rossella O’Hara.

 Alcuni film (più o meno) collegati che potrebbero piacervi (un click sul titolo e vedrete una scena o il trailer):

Paura d’amare (Dangerous)– USA 1935 Diretto da: Alfred E. Green. Con: Bette Davis; Farchot Tone; Margaret Lindsay.

Un giorno alle corse USA 1937 Diretto da: Sam Wood. Con: Groucho Marx; Chico Marx; Harpo Marx; Maurine O’Sullivan; Margaret Dumont.

Via col Vento USA 1939 Diretto da: Victor Fleming. Con: Vivien Leigh; Clark Gable; Leslie Howard; Olivia De Havilland.

Piccole Donne – USA 1949 Diretto da: Mervyn LeRoy. Con: June Allison; Janet Leigh; Elizabeth Taylor; Peter Lawford; Rossano Brazzi; Mary Astor.

Piano…Piano, dolce Carlotta – USA 1964 Diretto da: Robert Aldrich. Con: Bette Davis; Olivia De Havilland; Joseph Cotten; Agnes Moorehead; Mary Astor.

Ritorno a Cold Mountain USA 2003 Directed by: Anthony Minghella. Starring: Nicole Kidman; Renée Zellweger; Jude Law.

Il velo dipinto – USA 2006 Directed by: John Curran. Starring: Naomi Watts; Edward Norton.

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s