Enchanted cottage 1945

The Enchanted Cottage (Il villino incantato) – USA 1945

Directed by: John Cromwell.

Starring: Dorothy McGuire; Robert Young; Herbert Marshall; Mildred Natwick.

Do you believe in the power of love?

When “The Enchanted Cottage”, the movie directed by John Cromwell and based on a play written in 1921 by the British playwright Arthur Wing Pinero, was released in 1945, WWII was not over yet, but in the USA (as in the rest of the world) many ex-soldiers back home were trying to cope with psychical and physical injuries caused by the war. This film tells the story of one of those men whose body had been disfigured in war and whose soul is now saved by a lonely sweet woman marginalized because of her ugly features.

Cropped screenshot of Dorothy McGuire from the...

Dorothy McGuire (Photo credit: Wikipedia)

In a long flashback a blind musician, John Hillgrove (Herbert Marshall), who’s about to play his new composition called “The enchanted Cottage” tells the story that inspired it. The enchanted cottage is what remains of a great estate destroyed in the past by the fire that became a romantic hideaway for honeymooners, a tradition now lost. At the eve of WWII Laura Pennington (Dorothy McGuire), a young and lonely woman ostracized because of her unattractive appearance and bewitched by the charming story of the cottage, goes there to become the new housekeeper. Mrs Minnet (Mildred Natwick), the owner who lived in the cottage alone since her husband death in WWI, is now going to rent it to a couple that will marry soon. But in the meanwhile Japan attacks Pearl Harbour, the United States enter the war, and Oliver Bradford (Robert Young), the bridegroom to be, m leave before the marriage could be celebrated. Once back home, Oliver, who’s now injured and disfigured, goes to the cottage to hide himself from the rest of the world. Thanks to Laura, who’s almost resigned to live the rest of her life alone, Oliver find new reasons to go on and one day decide to ask her to marry him. Though she knows that it will be a marriage of convenience, Laura accept to marry Oliver. Anyway once married a change happens: there’s something different in Laura and Oliver, now they are beautiful to each other’s eyes… is this change real or is it the enchanted cottage effect?

“The Enchanted Cottage” ain’t easy to handle: it’s a romantic film, but it is also cruel.

Cropped screenshot of Robert Young from the tr...

Robert Young (Photo credit: Wikipedia)

Laura is fairly ugly, ok! and in fact poor Dorothy McGuire have to wear, as usual in 1940’s films (just watch “Now, Voyager”), a pair of caterpillars where every human being has eyebrows, her hair is always uncombed (and a bit dirty) and the light on her face is studied to add shadows that give the illusion of moustache on it, but she ain’t a monster. Nonetheless it seems that everyone encourages Laura to perceive herself as a sort of a freak, someone (to be precise the compassionate Mrs Minnett, who’s a bit cuckoo) tells her that she must accept that she’ll never be like the other girls and it’s better if she lives alone and secluded and in fact when she tries to mix up with other people at ball, in an almost unbearable (and really cruel) scene, it seems that every man finds her repulsive at first sight (thought men here are soldiers on leave, and the cliché is that they are attracted by every thing that could breathe). In a world where it seems that for a woman to be attractive is almost everything, an unattractive woman have no place. But though this film should be dedicated to the soldiers injured ad should give them some support, a thing that will be made better a year later in William Wyler’s film “The best years of our lives”,  there’s no pity for the disfigured officer too. Oliver, who apparently can’t use an arm and has some bad scars on his face, is desperate for his present situation, he has pity for himself, his girlfriend desert him and his family thinks he’s now a poor disabled man who need professional help. There is no make up, nor cosmetic surgery that could work a miracle for Laura or Oliver.

This is the sort of film that could touch you while you’re watching it, but that could really irritate you when you think about it later. The only possible solution it offers to its protagonists is to find someone else who’s also so desperate or “repulsive” to understand how one could feel lonesome when is alone and who could see (after a while) in the other’s eyes a sort of “inner beauty”. But it’s a pity that no one else could see that kind of beauty in them and our two lovers are forced into living in a claustrophobic world made for two…

We can only hope they’ll never quarrel.

A few related movies you may love (titles are links, click them to watch a clip or the trailer):

Quality Street – USA 1937 Directed by: George Stevens. Starring: Katherine Hepburn; Farchot Tone.

Now, Voyager – USA 1942 Directed by: Irving Rapper. Starring: Bette Davis; Paul Henreid; Claude Rains.

Jane Eyre – USA 1943 Directed by: Robert Stevenson. Starring: Joan Fontaine; Orson Welles.

The best years of our lives – USA 1946 Directed by: William Wyler. Starring: Fredric March; Mirna Loy; Dana Andrews; Teresa Wright; Harold Russell.

Rocky – USA 1976 Directed by: John G. Avildsen. Starring: Silvester Stallone; Talia Shere.

Dogfight – USA 1991 Directed by: Nancy Savoca. Starring: Lili Tayor; River Phoenix.

Don Juan DeMarco – USA 1994 Directed by: Jeremy Leven, Starring: Johnny Deepp; Marlon Brando; Faye Dunaway.

pellicola

Credete nel potere dell’amore?

Quando “Il villino incantato”, il film diretto da John Cromwell e tratto da una commedia teatrale scritta nel 1921 dal commediografo inglese Arthur Wing Pinero, uscì nelle sale americane all’inizio del 1945, la Seconda Guerra Mondiale non era ancora terminata ma negli Stati Uniti (come nel resto del mondo) molti erano ormai i reduci che dovevano affrontare le conseguenze fisiche e morali della guerra. Questo film racconta la storia di uno di quei reduci sfigurato dalla guerra e salvato dall’amore di una donna emarginata dalla società a causa del suo aspetto.

In un lungo flashback un musicista cieco, John Hillgrove (Herbert Marshall), che sta per eseguire la sua nuova composizione intitolata “Il villino incantato”, racconta la storia che l’ha ispirata. Il villino incantato non è altro che quel che resta di una grande proprietà distrutta dalle fiamme, che è diventato nel tempo il rifugio ideale di tante coppie in luna di miele, un’usanza che però si è ormai perduta. Alla vigilia della Seconda guerra mondiale Laura Pennington (Dorothy McGuire), una giovane donna sola ed isolata a causa del suo poco gradevole aspetto e da sempre affascinata dalla storia del villino, va a lavorarci come cameriera. La Signora Minnett (Mildred Natwick), la proprietaria che ha vissuto sola fin dalla morte del marito durante la Prima Guerra Mondiale, ha deciso di affittare il villino ad una coppia che presto si sposerà. Ma i Giapponesi attaccano Pearl Harbor, gli Stati Uniti entrano in guerra e così Oliver Bradford (Robert Young), il promesso sposo, parte prima che il matrimonio possa esser celebrato. Tornato dalla guerra sfigurato, Oliver va al villino per nascondersi al mondo, convinto che ormai la sua vita sia finita. Grazie all’aiuto di Laura, che sembra ormai rassegnata ad un futuro solitario, ritrova in qualche modo la gioia di vivere e un giorno le chiede di sposarlo. Laura sa che si tratta di un matrimono di convenienza, ma accetta. Eppure qualcosa cambia una volta sposati: Laura e Oliver si vedono diversi, ora sono belli… Sarà vero o sarà merito del villino incantato?

“Il villino incantato” è un film che va maneggiato con attenzione: è romantico, ma in una maniera crudele.

Foreign Correspondent trailer 18 Marshall crop

Herbert Marshall (Photo credit: Wikipedia)

Laura è bruttina, OK! E infatti la povera Dorothy McGuire deve portare, come d’ordinanza in ogni film degli anni ’40 che si rispetti (riguardatevi “Perdutamente tua” e ditemi se non ho ragione), un bel paio di gattepelose là dove ogni essere umano ha le sopracciglia, i suoi capelli sono sempre spettinati (e pure un po’ sporchi) e le luci sul suo volto sono disposte in modo da dare l’illusione che tra il naso e la bocca ci sia qualcosa di simile a un paio di baffi, ma la poverina non è un mostro. Eppure Laura viene incoraggiata a sentirsi tale, le si dice in maniera esplicita (lo fa la compassionevole signora Minnett che pure è un po’ fuori di testa) che lei non è come le altre e che deve accettare di vivere sola e lontana da occhi indiscreti, e infatti quando Laura cerca di mischiarsi agli altri ad un ballo, in una quasi insopportabile (e davvero crudele) scena, sembra che un solo sguardo sia più che sufficiente ad allontanare (schifato) qualsiasi uomo (anche se il locale è pieno di soldati in licenza che come da cliché dovrebbero essere attratti da qualsiasi cosa respiri). In un mondo dove sembra che per una donna la cosa più importante sia un aspetto attraente, non c’è spazio per una donna bruttina. Ma anche se questo film dovrebbe essere dedicato ai reduci e dovrebbe dar loro una speranza, cosa che l’anno seguente farà molto meglio William Wyler in “I migliori anni della nostra vita”, non c’è molta pietà nemmeno per l’ufficiale sfigurato. Oliver, che  apparentemente non può più muovere un braccio e ha alcune brutte cicatrici sulla faccia, è disperato per la sua situazione, si auto compiange, la fidanzata lo ha abbandonato e la famiglia lo considera ormai un povero invalido da mettere sotto tutela. Non c’è trucco, né chirurgia estetica che possa compiere un miracolo né per Laura, né per Oliver.

Questo è il genere di film che ti commuove mentre lo guardi e che ti irrita quando poi ci ripensi. La sola soluzione  che offre ai suoi protagonisti è trovare qualcuno di altrettanto disperato o repellente che sia in grado di comprendere quanto sia solitaria la solitudine e che dopo un congruo periodo di adattamento riesca a vedere nell’altro la “bellezza interiore”. Peccato che quel tipo di “bellezza” non possa essere vista anche da altri e che alla fine i due innamorati si debbano accontentare di vivere in un mondo claustrofobico dove sembra esserci spazio solo per due…

Noi possiamo solo sperare che Laura e Oliver non litighino mai.

Alcuni film collegati che potreste amare (cliccando I titoli potrete vedere una scena o il trailer):

Dolce inganno – USA 1937 Diretto da: George Stevens. Con: Katherine Hepburn; Farchot Tone.

Perdutamente tua – USA 1942 Diretto da: Irving Rapper. Con: Bette Davis; Paul Henreid; Claude Rains.

La porta proibita – USA 1943 Diretto da: Robert Stevenson. Con: Joan Fontaine; Orson Welles.

I migliori anni della nostra vita – USA 1946 Diretto da: william Wyler. Con: Fredric March; Mirna Loy; Dana Andrews; Teresa Wright; Harold Russell.

Rocky – USA 1976 Diretto da: John G. Avildsen. Con: Silvester Stallone; Talia Shere.

Dogfight: una storia d’amore – USA 1991 Diretto da: Nancy Savoca. Con: Lili Tayor; River Phoenix.

Don Juan DeMarco maestro d’amore – USA 1994 Diretto da: Jeremy Leven, Con: Johnny Depp; Marlon Brando; Faye Dunaway.

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

One response »

  1. Gloria says:

    Excellent recap and comnents. I enjoy your work!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s