Invasion of the Body Snatchers (L’invasione degli Ultracorpi) – USA 1956

Directed by: Don Siegel

Starring: Kevin McCarthy; Dana Wynter.

Don’t sleep, keep calm… run!!

SPOILER ALERT: If you’ve never seen this film, you read this article at your own risk…

Can you imagine something more terrifying than an emotionless and passionless world? Is there anything creepiest than a too normal “normality”? What could be more frightening than discover that all the people you trust are part of a giant conspiracy?

Invasion of the Body Snatchers

“Invasion of the Body Snatchers” poster (Photo credit: Wikipedia)

That’s exactly what happens to the people living in Santa Mara, California, in “Invasion of the body Snatchers” the sci-fi horror B-movie directed by Don Siegel in 1956. Back in town after a few days absence, Dr Miles Bennell would happily spend is time with Betty Driscoll, his ex fiancé now a  fresh divorcée, but he must change his plans because it seems that a strange kind of epidemic paranoia is affecting his patients. They affirm that people around them (relatives and friends) are not the usual people. They look alike themselves, they remember their lives, but they ain’t themselves. They have no emotions, non soul. Dr Bennell, at first, thinks that’s all in his patients mind, but, when he finds some strange giant pods able to produce exact soulless copies of Santa Mara’s people while they are asleep,  he must change his mind and starts, with Betty, a desperate struggle against these mysterious “pod people”. Will they be transformed in pod people too? Will they be able to let town and warn the nation about the pod people’s menace?

I’m not a huge sci-fi fan but science fiction it’s not the only reason to watch such a film today. You know, it seems that in 1950s this genre was made to put subplots on it, or at least to find this subplots has become a popular sport today…

English: Dana Wynter & Kevin McCarthy in Invas...

Dana Wynter and Kevin McCarthy in Invasion of the Body Snatchers – (Photo credit: Wikipedia)

In my humble opinion (very, very humble indeed) in “Invasion of the body snatchers” you could clearly read  a sort of allegory of the Production Code that, more than twenty year after its adoption, was still conditioning the movie industry. If you pay attention to the story you could notice how the pod people are similar to film censors: Miles and Betty (she is divorced and in fifties  that meant she was “experienced”) only want to spend some time together to rekindle the flame of passion, but guess what happens when finally Miles hold Betty in his arm to passionately kiss her? Heck! She stare at him with cold eyes: she’s turned into a pod monster! That’s better than any censor’s cut!

English: Screenshot from the trailer of Invasi...

Screenshot from Invasion of the Body Snatchers (1956). (Photo credit: Wikipedia)

Anyway, despite my enthusiasm for this interpretation, like many other sci-fi films made in the same period, “Invasion  of the Body Snatchers” has always been linked to the cold war: for someone it’s a clear metaphor for black listing and anti-communist paranoia during the McCarthyism era; for others is the exact opposite, a clear allegory for the loss of autonomy in Communist Regimes. And guess what? Authors (Jack Finney who wrote the novel “The body snatcher” in 1954 and Daniel Mainwaring, the screenwriter), director and actors said that this film had no subplots (that also usually happened with 1950s sci-fi films). It was just a science fiction movie, a thriller made to entertain, nothing more (but Siegel said, years later, that in fact there was some political sub-text…). Nonetheless, probably the production felt that some sort of political allusion, maybe some subtle criticism to the American society, could be spotted in a movie showing people whose personality and souls are in danger if they “sleep” and in which every figure representing authority (in particular policemen) turns out to be the main actors on the pod people conspiracy (started in a very mysterious way we can’t know). In fact a prologue and a new ending were added to the original version to “protect” the film (according to Siegel who disliked the final version) and to re-establish in its story some respect for a reliable authority. So the original story is now a sort of a long flashback, the story Dr Bennell tells to FBI agents to make them aware of the dangerous “pod people” and a few moments before the film ends he succeed in his effort suggesting a possible happy ending for humanity.

This film ain’t a masterpiece, but if a low-budget film shot in black and white in less than a month could inspire other movies and a few remakes (you’ll miss the original one after seeing the sugary happy ending of the 2007 film with Nicole Kidman and Daniel Craig) and raise attention around the freedom of expression there must be something in it. It’s up to you to find out what.

A few related movies I hope you enjoy (the title is a link to watch a trailer or a clip):

The thing from another world – USA 1951 Directed by: Christian Nyby; Howard Hawks. Starring: Margaret Sheridan; Kenneth Tobey.

The blob – USA 1958 Directed by: Irvin S. Yeaworth Jr. Starring: Steve McQueen; Aneta Corsaut.

Village of the damned – UK 1960 Directed by: Wolf Rilla. Starring: George Sanders.

The Stepford Wives – USA 1975 Directed by: Bryan Forbes. Starring: Katharine Ross; Paula Prentis.

They live – USA 1988 Directed by:John Carpenter. Starring:Roddy Piper; Meg Foster.

The Invasion – USA 2007 Directed by: Oliver Hirshbiegel. Starring: Nicole Kidman; Daniel Craig.

Non dormire, stai calmo… corri!!

ATTENZIONE: Se non avete mai visto questo film il contenuto dell’articolo che segue potrebbe rivelarvene la trama…

Cosa c’è di più terrificante di un mondo senza emozioni e passione? Esiste qualcosa capace di farvi venire i brividi più di una normalità troppo “normale”? Cosa potrebbe esserci di più spaventoso dello scoprire che tutte le persone di cui vi fidate fanno parte di una gigantesca cospirazione?

Screenshot of Kevin McCarthy from the trailer ...

Kevin McCarthy in Invasion of the Body Snatchers. (Photo credit: Wikipedia)

Questo è esattamente quello che succede agli abitanti si Santa Mara,  paese californiano vicino a Los Angeles, in “L’invasione degli Ultracorpi” B-movie horror-fantascientifico diretto nel 1956 da Don Siegel. Rientrato in città dopo un breve viaggio il Dottor Miles Bennell (Kevin McCarthy), vorrebbe concentrarsi nel corteggiamento di Betty Driscoll (Dana Wynter), sua ex fidanzata ritornata in paese dopo il divorzio, ma viene distratto dalla scoperta che un’epidemia di paranioa sembra aver contagiato molti dei suoi pazienti. Questi affermano che le persone che li circondano (parenti o amici) non sono più le stesse persone di sempre: hanno il solito aspetto, gli stessi ricordi (anche quelli più intimi), ma non sono più loro. Sembrano come svuotati di ogni emozione. Bennell all’inizio crede che sia tutto nelle loro menti, ma poi scopre degli strani baccelloni capaci di produrre delle repliche esatte degli abitanti della cittadina mentre loro dormono. Insieme a Betty inizia così una disperata lotta contro questo misterioso “Popolo dei baccelli”. Riuscirà a non essere trasformato in uno di loro, a salvare Betty e a lasciare il paese per evitare che i baccelloni infestino l’intera nazione?

Non sono una fanatica della fantascienza, ma la fantascienza non è certo l’unica ragione per rivedere oggi un film come questo. Sapete, pare che negli anni ’50 questo genere servisse a celare una miriade di sotto-temi, o almeno scovare questi sotto-temi è diventato una specie di sport popolare ai giorni nostri…

Secondo la mia modesta (modestissima) opinione  in “L’invasione degli Ultracorpi” si può leggere una critica al sistema di censura che  da oltre vent’anni imbrigliava le produzioni cinematografiche. Seguendo con attenzione la storia si può (chiaramente) notare che il crudele e glaciale popolo dei baccelloni assomiglia a una commissione di censura: Miles e Betty (che essendo divorziata era per l’epoca una donna con “esperienza”) vorrebbero solo passare un po’ di tempo da soli per ravvivare la fiamma della passione e cosa succede quando finalmente il nostro eroe stringe l’intrepida compagna d’avventura tra le sue braccia cercando conforto in un bacio appassionato? Orrore! Lei lo guarda con occhi di ghiaccio: è posseduta da un baccellone. Meglio delle forbici di un censore!

Screenshot of Dana Wynter from the trailer for...

Dana Wynter in Invasion of the Body Snatchers. (Photo credit: Wikipedia)

Nonostante il mio entusiasmo per questa interpretazione, come molti altri film di fantascienza dello stesso periodo, “Linvasione degli Ultracorpi” è in realtà sempre stato associato alla guerra fredda: per alcuni era una efficace ed evidente metafora della barbarie delle liste nere e della paranoia anticomunista dell’era del Maccartismo; per altri era l’esatto opposto, un’allegoria  degli spersonalizzanti e oppressivi regimi comunisti. E indovinate un po’? Autori (Jack Finney autore del romanzo del 1954 e Daniel Mainwaring della sceneggiatura), regista e interpreti affermarono quasi all’unisono che nel film non c’era nessuna sotto-trama politica (anche questo è accaduto per quasi tutti i film di questo genere girati negli anni ’50). Era solo un film di fantascienza, un thriller fatto per intrattenere, niente di più (anche se anni dopo Siegel ammise che forse un sotto-testo politico c’era…). Probabilmente però la produzione pensò che fosse troppo facile notare delle allusioni politiche, e anche una velata critica alla società americana, in un film in cui se ci si “addormenta” si rischia di venire privati della propria personalità ed in cui ogni persona che rappresenti una qualche autorità (i poliziotti in particolare) si rivela parte attiva del complotto per sostituire gli esseri umani con una nuova specie di misteriosissime creature facilmente controllabili prive di anima e passioni. Infatti un prologo ed un nuovo finale vennero aggiunti per “proteggere” il film (sempre secondo Siegel che non era d’accordo sulle modifiche) e per ristabilire al suo interno il rispetto per una qualche forma di autorità. In questa nuova versione il protagonista racconta la sua storia (che poi sarebbe tutto il film originale che diventa così un lungo flash back) a degli agenti  FBI che solo poco prima che la parola fine compaia sullo schermo gli credono lasciando aperta la possibilità di un lieto fine per l’umanità.

Questo film non è un capolavoro, ma se un film a basso costo e girato in bianco e nero in meno di un mese ha ispirato diversi film e alcuni remake (il finale  ultra zuccheroso di quello del 2007 con Nicole Kidman e Daniel Craig fa rimpiangere gli anni ’50) e provocato riflessioni sulla libertà d’espressione, ci sarà un motivo? Tocca a voi scoprire quale.

Alcuni film collegati che spero vi piacciano (il titolo è un link, con un click vedete una clip o il trailer):

La cosa da un altro mondo – USA 1951 Diretto da: Christian Nyby; Howard Hawks. Con: Margaret Sheridan; Kenneth Tobey.

Blob-Fluido mortale – USA 1958 Diretto da: Irvin S. Yeaworth Jr. Con: Steve McQueen; Aneta Corsaut.

Il villaggio dei dannati – GB 1960 Diretto da: Wolf Rilla. Con: George Sanders.

La fabbrica delle mogli – USA 1975 Diretto da: Bryan Forbes. Con: Katharine Ross; Paula Prentis.

Essi vivono– USA 1988 Diretto da: John Carpenter. Con:Roddy Piper; Meg Foster.

Invasion – USA 2007 Diretto da: Oliver Hirshbiegel. Con: Nicole Kidman; Daniel Craig.

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s