I think by now you should have noticed that I’ve knitted a double version of Farrah, my last woolly project of the season: there’s a Red Farrah made with a super fine red new wool – 2,5mm needles – and a Blue Farrah made with a blue medium weight new wool – 4,5mm needles – (the only one I bought this year expressly for a garment I previously designed). To be true, when I started this project there was the Blue version in my mind cause I wanted  a sporty something  to wear in springtime with my jeans. Red Farrah came out for pure accident: my mother gave me some red wool she bought some times ago and never used so, having some extra yarn for free, I had the occasion to test the pattern before buying the new wool. But I was so pleased with my test to decide it was no longer a test and I could wear it and also publish it.

As I told you, my projects start with a sketch, phase two is preparing the gauge that also help me in choosing which sort of stitch I’ll use (I know someone hate to do this, but is a passage that can’t be avoided), phase three is making a pattern similar to those I make for my tailored garments (I already told you that I’ve much more experience in tailoring). Then with this drafted pattern, the gauge swatch and the help of some math I make the knitting pattern. This method makes very easy to determine the correct shaping and fitting of my knitted clothes, to place correctly any motif I want to use and, what’s more, allows me to reply something easily even if I want to change the kind of yarn I’ll use or stitches or modify some particular of it (for instance sleeves length or neckline shape).

That’s the reason why it has been so easy for me to make these two cardigans with almost the same shape (Red Farrah is a bit shorter and has a smaller collar because I had a limited quantity of wool for it) using different yarns and stitches.

Soon I’ll publish a new page for Farrah and more photos…

Related articles from the blog: The last woolly project of the season; Two for one; Sabotage!; Red Farrah: the stitch’s chart; Blue Farrah: a stitch chart; Blue Farrah: another stitch’s chart.

Blue Farrah, Red Farrah and the needles

Credo che oramai abbiate notato che ho sferruzzato una doppia versione di Farrah: Red Farrah è fatta con pura lana vergine super fine – ferri 2,5mm – mentre Blue Farrah è realizzata con pura lana vergine merino di peso medio – ferri 4,5mm – (la sola lana che quest’anno abbia comprato espressamente per un nuovo modello). A dir la verità, quando ho iniziato questo progetto, avevo in mente proprio la versione Blue perché volevo qualcosa dalla linea sportiva da indossare in primavera con i miei jeans. Red Farrah è nata per caso: mia madre mi ha dato della lana che aveva comprato da un po’ di tempo e mai usato, quindi con questo filato extra e gratis ho avuto l’occasione di testare il nuovo modello prima di spendere dei soldi per la lana nuova. Alla fine il test mi è piaciuto tanto da smettere di essere un test e da farmi decidere non solo di indossarlo ma anche di pubblicarlo.

Come vi ho già detto, i miei progetti iniziano con uno schizzo, la fase due è la realizzazione del campione che mi permette di scegliere il tipo di punti che userò (ho notato che molti detestano questo passaggio, ma non si può proprio evitarlo), la fase tre consiste nella realizzazione di un cartamodello simile a quelli che realizzo quando devo confezionare il reso del mio abbigliamento (credo di aver già detto che ho più esperienza nel campo della sartoria). Quindi con questo cartamodello, il campione e con il decisivo aiuto di un po’ di matematica ricavo le istruzioni per il lavoro a maglia. Questo metodo è semplice e permette di determinare in maniera estremamente precisa forma e vestibilità del capo, di piazzare con esattezza ogni motivo decorativo ed offre inoltre la possibilità di replicarlo altrettanto facilmente anche quando si cambiano completamente il tipo di filato o il punto o si decide di modificare alcuni particolari del modello (lunghezza delle maniche o forma dello scollo ad esempio).

Questa è la ragione per cui ho potuto facilmente realizzare una doppia versione di Farrah con una linea quasi identica (la versione Red è un po’ più corta ed ha un colletto più piccolo perché avevo una quantità limitata di filato) ma utilizzando filati e punti differenti.

Presto pubblicherò una nuova pagina per Farrah e più immagini…

Articoli correlati dal blog: The last woolly project of the season; Two for one; Sabotage!; Red Farrah: the stitch’s chart; Blue Farrah: a stitch chart; Blue Farrah: another stitch’s chart.

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s