iwasamalewarbride1949

I was a male war bride (Ero uno sposo di guerra) – USA 1949

Directed by: Howard Hawks.

Starring: Cary Grant; Ann Sheridan.

The process to turn a man into a woman is enormously complicated. Ask Captain Rochard!

In 1949, four years after the end of WWII, finally Hollywood could poke fun at the American Army and its complicated regulations, though always mixing comedy and a little bit of propaganda. That’s exactly what happens in “I was a male war bride”, the 1949 comedy directed by Howard Hawks and loosely based on “I was a male war bride” an autobiographical story written by Henri Rochard, the literary double of Roger H. Charlier, a Belgian  who served the Belgian Army, joined the resistance movements after the surrender or King Leopold III to the Axes in 1940, and after the end of the war, married a US. Army nurse met in a German hospital only to face problems, confusion, waiting and complications caused by the American immigration laws, till finally he succeeded in being classified as a “war bride” to be sent to America.

1949 - movie with Cary Grant in drag

I was a male war bride – poster (Photo credit: Movie-Fan)

In the screen adaptation, mostly set in the post-war Germany, Captain Henri Rochard is played by Cary Grant (that’s his third comedic collaboration with Hawks after “Bringing up Baby” and “His girl Friday”) and is turned into a French officer (it would be difficult to arrange an whole scene around the extraordinary qualities of the “Belgian kiss”!!! – watch HERE) on his last mission before leaving the French Army while the US Army nurse is turned into the WAC (Women’s Army Corps) lieutenant Catherine Gates played by Ann Sheridan. The first half of the movie is a classical screwball comedy, the typical “you are the last man on hearth…” situation, ending with the little surprising revelation that the always fighting Gates and Rochard like each other very much. In this part of the movie we can also easily find post-war propaganda explaining to the American audiences the role of  the Women’s army corps and the reason why the American Army should remain in Europe. Germans are in a sense “lost” (in the very first scene Captain Rochard have to ask directions to an American soldier, a German Taxi driver and an also German traffic police officer are of no use) and military and auxiliaries, mostly used as interpreter (the real guy in fact spoke seven languages and need no help) but also able to do a harder work (to ride a side-car for instance), are now trying to find works of art stolen by the Nazis in he occupied Countries or even to convince scientists and specialized technicians to leave Germany and work for one of the Allied (and victorious) Countries (in real life the most famous case  is Wernher Von Braun, the father of Nazi V2 missiles during WWII and the father of the Rocket Science , practically of the American Space program, after the war).

"Women's Place in War Weather Observer. W...

“Women’s Place in War Weather Observer. Women’s Army Corps” – NARA – 513703 (Photo credit: Wikipedia)

In the second half of the movie we can see the misadventures of our two sweethearts who desperately try to get  married and move together to USA (Captain Rochard has left the French Army while Lieutenant Gates is still serving with the WAC) and all the gags are about the Army and its absurd bureaucracy that oblige people to fill in a pile of different forms but has no idea that also its female members could get married, separate two newly weds on their wedding night and even when it finally decide that a man could be considered a war bride oblige poor Captain Rochard  to go on a pilgrimage from dormitory to dormitory just because there is not such a case in Army’s regulations.

You must wait almost till the end of  “I was a male war bride” to discover the reason why this film is famous: in it there’s the ugliest transvestite ever in cinema history (HERE). In fact, when two Navy sailors (that are even more stupid than any Army soldier) prevent Henri Rochard from embarking for United States just because he’s not a woman, he decide to turn himself into a woman. Cary Grant thought that he could be a pretty and graceful lady, but Howard Hawks convinced him that if Florence, his female alter ego, was a “outdoor type” the audiences could find it even funnier .

I must confess…this film ain’t so profound as I tried to depicted it, you know films are just like clouds and you can see what do you want in them (anyway what I told you ain’t pure fantasy), but if you are having some troubles (like me these days) and you desperately want to switch your head off for a while, well, “I was a male war bride” works beautifully (then Florence is really irresistible!!!!)

A few related movies you may also like(click the title and you’ll watch a clip or a trailer):

Hold back the Dawn – USA 1941 Directed by: Mitchell Leisen. Starring: Charles Boyer; Olivia De Havilland; Paulette Goddard.

Some like it hot USA 1959 Directed by: Billy Wilder. Starring: Jack Lemmon; Toni Cutris; Marylin Monroe.

Private Benjamin – USA 1980 Directed by: Howard Zieff. Starring: Goldie Hawn; Eileen Brennan; Armand Assante.

Tootsie – USA 1982 Directed by: Sydney Pollack. Starring: Dustin Hoffman; Jessica Lange; Teri Garr.

Radio Days – USA 1987 Directed by: Woody Allen. Starring: Mia Farrow; Diane Wiest; Julie Kavner.

Ed Wood – USA 1994 Directed by: Tim Burton. Starring: Johnny Depp; Martin Landau; Sarah Jessica Parker; Bill Murray.

pellicola2

Il processo per trasformare un uomo in una donna è enormemente complicato. Chiedete pure al Capitano Rochard!

Howard Hawks

Howard Hawks (Photo credit: Wikipedia)

Nel 1949, quattro anni dopo la fine della Seconda Guerra mondiale, finalmente Hollywood si poteva permettere di prendere in giro l’esercito e i suoi complicati regolamenti, senza però dimenticare di unire alla commedia un po’ di patriottica propaganda. Questo è esattamente quello che succede in “Ero uno sposo di guerra”, la commedia diretta da Howard Hawks nel 1949 e liberamente ispirata a “I was a male war bride”, un racconto autobiografico scritto da Henri Rochard, pseudonimo di Roger H. Charlier, un Belga che aveva servito nell’esercito del suo paese ed era entrato nella resistenza quando Re Leopoldo III si era arreso alla Germania nel 1940 e che dopo aver sposato un’infermiera dell’esercito americano, incontrata in un ospedale Tedesco a guerra finita. era stato costretto ad affrontare una serie di problemi, la confusione, l’attesa e le complicazioni causate dalle leggi Americane sull’immigrazione fino a quando era riuscito a farsi classificare come “sposa di Guerra” ed entrare finalmente negli Stati Uniti.

Nella film, ambientato quasi per intero nella Germania post bellica, il Capitano Henri Rochard è interpretato da Cary Grant (già protagonista di altre due commedie di successo dirette da Hawks, “Susanna” e “La Signora del Venerdì”) e si trasforma in un ufficiale dell’esercito Francese (sarebbe stato difficile costruire un’intera scena intorno alle miracolose virtù del “bacio alla Belga”!!! – guardate QUI) impegnato nella sua ultima missione prima del congedo, mentre l’infermiera dell’esercito Americano diventa il tenente del corpo ausiliarie (la WAC – Women’s Army Corps) Catherine Gates, interpretata da Ann Sheridan. La prima parte di “Ero una sposa di guerra” è una classica commedia sofisticata del genere “sei l’ultimo uomo sulla terra…” che si chiude con la poco sorprendente rivelazione che in realtà i litigiosissimi Gates e Rochard si piacciono moltissimo. È in questa parte del film che si possono riconoscere i principali elementi della propaganda post-bellica che sembra tesa soprattutto a spiegare al pubblico americano i motivi che rendono necessaria la permanenza di almeno una parte dell’esercito sul suolo europeo e a mostrare il fondamentale supporto delle ausiliarie. I tedeschi sono rappresentati come un popolo smarrito (nella primissima scena l’unico modo per trovare una strada è chiedere l’informazione ad un soldato Americano, un vigile urbano ed un tassista tedeschi non sono in grado di farlo da soli) e il compito dei militari e delle ausiliarie, che per lo più fungono da interpreti (nella realtà Charlier parlava ben sette lingue e non ne avrebbe avuto certo bisogno) ma che non si tirano indietro nemmeno di fronte alla guida di un sidecar,  è ora quello di recuperare i tesori e le opere d’arte trafugate dai nazisti oppure convincere qualche scienziato o abile tecnico a trasferirsi in un paese Alleato per prestare la sua preziosa opera (uno dei casi del genere più famosi è quello di Wernher Von Braun, padre prima dei missili V2 tedeschi e poi del programma spaziale americano).

Ann Sheridan http://www.magazine-covers.net/t2...

Ann Sheridan – Photoplay magazine cover.June 1942 (Photo credit: Wikipedia)

La seconda parte del film, quella in cui vengono raccontate le peripezie dei due innamorati per riuscire a sposarsi e a trasferirsi insieme negli Stati Uniti (il Capitano Rochard  si era ormai congedato dall’esercito francese, mentre il tenente Gates era ancora in servizio) è quella in cui tutte le gag sembrano prendere di mira l’esercito che obbliga a riempire moduli su moduli per ogni richiesta ma che non sembra aver previsto l’eventualità che anche il personale femminile si possa sposare, che separa i due piccioncini proprio la notte di nozze e che persino dopo aver riconosciuto  al Capitano Rochard lo status di “sposa” lo costringe a un pellegrinaggio senza fine da un dormitorio all’altro perché un caso come il suo non è contemplato dai regolamenti.

Si deve quasi arrivare alla fine del film per vedere quello per cui ancora oggi “Ero una sposa di guerra” è ricordato: il più brutto travestito della storia del cinema (QUI). Infatti quando due marinai (che a quanto pare sono più ottusi persino dei membri dell’esercito) non fanno imbarcare Rochard sulla nave che lo dovrebbe  portare in America perché non è una donna, lui non può fare altro che trasformarsi in una donna. Cary Grant avrebbe voluto offrirci una sua versione femminile un po’ più carina ed aggraziata, ma, giustamente, Howard Hawks lo convinse del fatto che se Florence, il suo alter ego, fosse stata una “ragazza acqua e sapone” avrebbe scatenato molte più risate.

Lo confesso… in realtà questo è un film meno (molto meno) profondo di come io ho cercato di rappresentarlo, i film del resto sono come le nuvole e con un po’ di sforzo ci si può leggere quello che si vuole (e comunque le mie considerazioni sono basate sulla realtà), ma se come me avete qualche problema e il disperato bisogno di spegnere la testa per un po’ (capita a tutti ogni tanto) “Ero uno sposo di guerra” fa egregiamente il suo dovere (e poi, anche se si fa attendere, Florence è davvero irresistibile!!)

Alcuni film collegati che potrebbero piacervi (cliccando i titoli potrete vedere il trailer o una scena del film):

La porta d’oro – USA 1941 Diretto da: Mitchell Leisen. Starring: Charles Boyer; Olivia De Havilland; Paulette Goddard.

A qualcuno piace caldo USA 1959 Diretto da: Billy Wilder. Con: Jack Lemmon; Toni Cutris; Marylin Monroe.

Soldato Giulia agli ordini – USA 1980 Diretto da: Howard Zieff. Con: Goldie Hawn; Eileen Brennan; Armand Assante.

Tootsie – USA 1982 Diretto da: Sydney Pollack. Con: Dustin Hoffman; Jessica Lange; Teri Garr.

Radio Days – USA 1987 Diretto da: Woody Allen. Con: Mia Farrow; Diane Wiest; Julie Kavner.

Ed Wood – USA 1994 Diretto da: Tim Burton. Con: Johnny Depp; Martin Landau; Sarah Jessica Parker; Bill Murray.

About Ella V

I love old movies, rock music, books, art... I'm intrested in politics. I adore cats. I knit...

3 responses »

  1. Oddio, che brutto Cary Grant vestito da donna!!!!! XD ahahahah

  2. Catherine says:

    Another wonderful film! Such a good romantic comedy that is a delight to watch over and over again!

  3. SaffronSkye says:

    Anything with Cary Grant is a YES!!!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s